Home Tags Posts tagged with "Casarano"

Casarano

Salve – “La sposa secca del muretto” è la raccolta di poesie di Daniela Liviello (nella foto) che viene presentata sabato 22 settembre a Salve. L’appuntamento con i versi della poetessa originaria di Taviano e residente a Racale è alle 19 (ingresso libero) è presso l’agriturismo Sante le muse (sulla strada provinciale per Morciano). La serata è organizzata insieme all’associazione L’Orto dei Tu’rat. Con l’autrice sarà presente Milena Magnani, direttrice della collana di poesia Rosada che ha pubblicato il volume per Kurumuny. La lettura dei versi sarà accompagnata dalla chitarra acustica del giovane Pietro Stefàno (di Casarano).

L’autrice La Liviello è apprezzata autrice di poesie ed i suoi scritti sono apparsi su varie riviste del settore. Per Manni Edizioni ha pubblicato le raccolte “E madonne sorridenti” e “Il rovescio delle foglie” mentre la sua ultima raccolta è Litanie dell’acqua (LietoColle edizioni). È presente anche nell’antologia “A Sud del Sud dei santi” (LietoColle) curata da Michelangelo Zizzi, che raccoglie le voci poetiche più rappresentative degli ultimi cento anni. «Daniela Liviello scrive come se camminasse per strade strette, uscisse in cerca d’aria, andasse per fiori la sera lasciando indietro le cose di un quotidiano banale, rituali senza sacralità, faccende e piccoli doveri», scrive di lei, nella prefazione del libro, Caterina Serra.

Casarano – Nomi che si svelano, rapporti che si chiariscono, tessere di un puzzle che trovano il loro posto. Questo è quanto ci si aspetta dalla “collaborazione” con la giustizia di Tommaso Montedoro, il boss della malavita locale che ha scelto la strada del pentitismo per provare  a far breccia tra le molte condanne già maturate e le altre che il suo futuro giudiziario potrebbe riservargli. Il “pentito” è stato già ascoltato in gran segreto dai magistrati della Direzione distrettuale antimafia e martedì 25  settembre sarà in videoconferenza (dal carcere romano di Rebibbia dov’è ora detenuto) nel corso del processo che mette alla sbarra, con il rito abbreviato, 13 imputati dell’operazione Diarchia, quella che nel maggio 2017 sgominò il sodalizio criminale capace di monopolizzare gli “affari sporchi ” a Casarano e dintorni. Tra gli imputati anche un “insospettabile” commerciante della città (il 42enne Marco Petracca), a conferma del legame tra la malavita e l’imprenditoria locale, sempre più spesso utilizzata per investire (e ripulire) il corposo giro di denaro proveniente dalla droga.

La lunga scia di sangue Sono dunque in molti, in città e non solo, a tremare per quello che Montedoro potrà dire davanti ai giudici. Di certo si attendono “ammissioni” decisive in merito all’esecuzione del 26 ottobre del 2016 che costò la vita all’ex sodale Augustino Potenza (al momento quest’omicidio non è stato imputato a nessuno), così come sull’agguato di contrada Campana del 28 novembre successivo quando, secondo l’accusa, furono i cugini Luca ed Antonio Andrea Del Genio a ridurre in fin di vita il 42enne Luigi Spennato su mandato espresso dello stesso Montedoro. Stessa sorte era stata prevista per Ivan Caraccio: a sventare un’esecuzione già programmata furono i 14 arresti dell’operazione “Diarchia”, accelerata proprio per salvare il 31enne casaranese ritenuto dal clan non più “affidabile” .

La “rete” e le condanne Un’organizzazione, quella retta da Montedoro fino a un certo punto insieme a Potenza, ben ramificata nel territorio, capace di controllare affari e investimenti di rilievo tra Casarano, Matino, Melissano, Parabita, Ruffano, Supersano e Taurisano, ma pure con puntate importanti a Lecce e Gallipoli (nel filone droga & discoteche). Il curriculum del neo-pentito è di assoluto rilievo: per l’esecuzione (a colpi di Kalashnikov) dei coniugi Fernando D’Aquino e Barbara Toma del 5 marzo 1998 Montedoro venne condannato per due volte (insieme a Potenza, pure lui assolto in Cassazione) salvo uscirne assolto per la ritenuta “inattendibilità” delle dichiarazioni del boss brindisino Di Emidio. Sempre lui è ritenuto uno degli esecutori dell’omicidio del macellaio di Matino Rosario De Salve dell’11 marzo dello stesso anno, per il quale, alla fine, è giunta una condanna a 30 anni. Altra condanna, a 14 anni, al termine dell’operazione antidroga “Tam tam”.

Casarano – Torna a Casarano l’attesa disinfestazione alare, vista la presenza di zanzare ed insetti in questa stagione particolarmente insidiosi. L’intervento, ad opera degli operatori della Tradeco, si svolgerà nella notte tra giovedì 20 e venerdì 21 settembre. Il consiglio degli operatori è sempre quello di chiudere porte e finestre della abitazioni e di ritirare i panni stesi già dalla tarda serata.

Raddoppia la raccolta del vetro Sempre venerdì sarà il giorno della raccolta della carta e del cartone: sarà, dunque, possibile conferire quei rifiuti che lo scorso venerdì non è riuscita a raccogliere per motivi tecnici. La stessa Tradeco srl fa, inoltre, sapere che la scorsa settimana è stato possibile raccogliere 32.500 kg di vetro contro i 16/17.000 delle raccolte precedenti. «Questo è un dato positivissimo, segno che qualcosa di buono si sta facendo da parte di tutti», fanno sapere dalla società con sede ad Altamura.

Taviano – Scippa una signora della sua borsa ma, poco dopo, viene arrestato dai carabinieri aiutati dalle indicazioni di chi aveva assistito alla scena. L’episodio è accaduto ieri sera a Taviano dove, nel centrale viale regina Margherita, il 53enne Sergio Cavalera, residente a Casarano, si è avvicinato ad una 60enne del posto strappandole la borsa a tracollo contenente 1.300 euro in denaro contante oltre ad altri documenti ed effetti personali. Immediato l’intervento dei militari della locale Stazione i quali, seguendo le indicazioni di alcuni testimoni, hanno potuto rintracciare lo scippatore poco dopo in via Cimarosa (nei pressi di Parco Ricchello) e recuperare la refurtiva, poi restituita alla legittima proprietaria. Il Cavalera, dopo le formalità di prassi in caserma, è stato condotto presso la casa circondariale di Lecce. Dovrà rispondere di furto con strappo. Le indagini dei carabinieri proseguono per verificare la sua eventuale responsabilità in altri scippi avvenuti nei mesi precedenti nei comuni limitrofi.

Casarano – Ha visto la sua condanna ridursi in Appello a tre anni e dieci mesi il 37enne di Casarano accusato di violenze nei confronti dei nonni conviventi. I maltrattamenti in famiglia sarebbero stati numerosi e particolarmente violenti, anche con pugni sul volto e tentativi di strangolamento, nei confronti dei due anziani al fine di farsi consegnare ogni giorno la somma di dieci euro per i suoi acquisti, quali benzina e sigarette. A sei anni era stato condannato il giovane in primo grado, pena ridotta ora nel giudizio di secondo grado. Quanto accaduto, in particolar modo dall’agosto del 2011 all’ottobre 2014, venne portato alla luce dalla denuncia della zia e della cugina del 37enne accortesi dei segni evidenti sul volto dell’anziano. In sede processuale, malgrado il tentativo dei due anziani coniugi di sminuire gli episodi incriminati, sono emersi numerosi elementi a sostegno dell’accusa tanto da portare alle due sentenze di condanna.

Casarano – Si allontana, senza giustificato motivo, dalla propria abitazione e così gli arresti domiciliari si trasformano in detenzione in carcere. A Casarano le manette sono scattate per il 26enne Francesco Coletta (foto) che lo scorso 12 agosto non è stato trovato in casa dai carabinieri nel corso di un controllo. In conseguenza di ciò la prima sezione penale del tribunale di Lecce ha emesso un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare per il reato di evasione. Nel 2014 il giovane era stato arrestato per aver rapinato (insieme ad un complice allora minorenne) il supermercato Conad di via Amalfi armato di un coltello da cucina.

Casarano – Sarà collegato in teleconferenza, dalla sua attuale residenza protetta, il boss della sacra corona unità Tommaso Montedoro che ha deciso di parlare nel processo che mette alla sbarra il clan di Casarano. Lo farà da aspirante “collaboratore di giustizia” dopo aver deciso di cambiare strategia difensiva affidandosi, tra l’altro, pure ad un nuovo legale, l’avvocato Sergio Luceri di Lecce. Montedoro dovrà difendersi dall’accusa di essere il mandante del tentato omicidio del 28 novembre 2016 del 42enne Luigi Spennato, ridotto in fin di vita davanti alla sua abitazione in contrada Campana a Casarano, così come di quello programmato (sempre a Casarano) per eliminare Ivan Caraccio.

L’operazione Diarchia e l’omicidio di Augustino Potenza Nel maggio 2017 fu l’operazione Diarchia a sgominare il clan che, intorno alla figura di Montedoro, era riuscito a monopolizzare la quasi totalità dell’attività criminale nella zona, soprattutto dopo il via libera ottenuto dall’eliminazione dell’altro boss, un tempo amico, Augustino Potenza. In un’altra inchiesta, Montedoro è pure accusato di essere il mandante dell’omicidio di Potenza, avvenuto il 24 ottobre del 2016 nel parcheggio dell’ipermercato cittadino. Gli imputati dell’operazione Diarchia sono 13, 12 dei quali hanno scelto la strada del rito abbreviato (solo il 37enne Andrea Cecere, di Nardò, ha scelto invece la strada del patteggiamento). Per tutti il processo è aggiornato al 25 settembre (quando è previsto pure l’ascolto di alcuni testimoni) mentre la requisitoria della Procura è in scaletta per il 9 ottobre e le discussioni con la sentenza per il 23 ottobre.

L’agguato per eliminare Luigi Spennato Di Casarano sono sei dei tredici imputati che, a vario titolo, dovranno rispondere di associazione mafiosa, detenzione di armi, droga, ricettazione, estorsioni e tentato omicidio. Quest’ultimo è quello del 28 novembre 2016, quando, secondo l’accusa, i cugini Luca (27) ed Antonio Andrea Del Genio (32) ridussero in fin di vita il 41enne Luigi Spennato davanti alla sua abitazione in contrada Campana. L’inchiesta mise alla luce i vari affari del sodalizio criminale, tra droga, estorsioni e spaccate ai danni di postazioni bancomat. Nel processo il Comune di Casarano (così come il ministero dell’Interno)  si è pure costituito parte civile (con l’avvocato Francesco Vergine) per difendere l’immagine della città.

Gli imputati Oltre a Montedoro, ritenuto il numero uno del clan, gli altri sotto processo, oltre gli stessi cugini Del Genio, sono Damiano Cosimo Autunno (52 anni di Matino, residente a Parabita), Ivan Caraccio (31enne di Casarano), Lucio Sarcinella (22enne di Casarano), Maurizio Provenzano (47enne di Lecce) di Marco Petracca (41enne di Casarano), Sabin Braho (34enne di Durazzo residente a Brindisi), Domiria Lucia Marsano (41, di Lecce), Salvatore Carmelo Crusafio (41, nato a Basilea e residente a Matino) e Giuseppe Corrado (45, di Supersano residente a Ruffano).

 

Casarano – Il futuro dell’ospedale Ferrari passa dai nuovi Dipartimenti. Ne è convinto il segretario cittadino del Partito democratico nel fare il punto della situazione all’avvio dei lavori per la realizzazione della quarta torre dell’ospedale. « La nuova strutturazione “dipartimentale”, a ben vedere, di fatto rappresenta anche una correzione di rotta rispetto al Piano di riordino ospedaliero, e la classificazione “antica” di ospedale di primo livello o di base,  lascia il posto alla migliore organizzazione e funzionalità delle reti dipartimentali», afferma Gabriele Caputo  In quest’ottica, dunque, “si è fatto un enorme passo in avanti verso l’idea ormai largamente condivisa dalla popolazione, che è meglio specializzarsi, avere meno reparti, ma efficienti”.

La nuova organizzazione Dello scorso 9 agosto è la delibera con la quale la Asl Lecce ha adottato la nuova Organizzazione dipartimentale  che, di fatto, nel distribuire le singole Unità operative nell’ impianto della rete dipartimentale provinciale, mette a disposizione di ogni singola struttura ospedaliera, anche quelle di base, le attrezzature, le competenze e le equipè di personale dell’intero dipartimento. «Tradotto in altri termini: la possibilità di cura sarà uguale in tutta la provincia, non dipendendo più le sorti del paziente dalla bravura del primario di turno,  o dalle disfunzioni dell’ospedale di “sotto casa”, ma dalla migliore organizzazione e dalla convergenza di tutte le risorse ed esperienze inserite nelle reti dipartimentali». L’attuale impostazione pone il “Ferrari” in rete dipartimentale con il “Fazzi” di Lecce  per la Neurologia, (con la definitiva previsione della seconda “stroke” in provincia), Chirurgia, Medicina, Urologia, Radiologia, Ortopedia, ma anche Cardiologia nell’ambito del Dipartimento cardiovascolare, Anestesia e Rianimazione.

Il Pd e la “diplomazia istituzionale” «Se questi sono i nuovi propositi, il “Ferrari”  potrà continuare a rappresentare per questa comunità  ed il suo hinterland  un importante punto di riferimento della sanità», continua Caputo. Lo stesso segretario del Pd ritiene, altresì, che Casarano abbia “perso soldi ma soprattutto tempo utile” intraprendendo la via dei ricorsi amministrativi contro il Piano regionale (da ultimo c’è la sentenza del Tar di Bari che conferma la sua classificazione di base), “sottraendo tempo a quella diplomazia istituzionale rivalutata solo a partita finita,  che ha portato solo in zona cesarini alla stesura della nota lettera di riconciliazione istituzionale del sindaco Stefano al Presidente della Regione Puglia”.

La strada dei ricorsi A tal proposito il sindaco Gianni Stefàno ha già preannunciato il ricorso al Consiglio di Stato contro tale ultima decisione del Tar, “in assenza di risposte certe da parte della Regione”. Chiaro il riferimento all’ipotesi di “collaborazione” con l’ospedale di Gallipoli avanzata dallo stesso presidente Emiliano anche all’inaugurazione dei lavori del quarto lotto (sono previste opere da 14 milioni di euro per l’intera struttura).

Daniele Gatto

Casarano – Sarà un piano sociale d’Ambito improntato sulla continuità con il passato ma anche con importanti novità, quello che la conferenza dei servizi sarà chiamata ad approvare a breve e rendere così operativo (l’Ambito di Gallipoli ha chiuso il cerchio il 30 agosto scorso). L’Ambito territoriale sociale di Casarano comprende, oltre al Comune capofila, anche Collepasso, Matino, Parabita, Ruffano, Supersano e Taurisano; dopo oltre nove mesi dedicati alla programmazione, alla concertazione e alla co-progettazione, è stato messo a punto un piano che mira a consolidare il welfare tradizionale e a costruire un welfare innovativo.

I numeri registrati sono importanti e rendono l’idea della mole di lavoro svolta dall’Ambito, che più volte in passato ha incassato il plauso da parte di enti terzi, come, ad esempio, il Tribunale di Lecce. Ammontano a 663 le domande per il Reddito di inclusione (Rei) presentate nel 2018 e 137 sono i tirocini attivati con il Reddito di dignità (Red) della Regione. In 130 hanno usufruito del Servizio di assistenza domiciliare (Sad) per anziani e in 50 di quello per disabili. L’assistenza domiciliare integrata (Adi) ha riguardato 40 anziani, 17 soggetti con disagio psichico e 12 disabili.

Nell’ambito della prevenzione dalle dipendenze sono stati somministrati 1400 questionari nelle scuole secondarie di primo e secondo grado. I tirocini per tossicodipendenti sono stati 40. L’assistenza educativa domiciliare (Ade) ha riguardato 33 nuclei familiari, mentre sono stati circa cento gli utenti che si sono rivolti al centro ascolto e 17 quelli seguiti dallo Sportello immigrati. Gli alunni che hanno potuto beneficiare dell’integrazione scolastica sono stati 65. Il servizio di telesoccorso ha riguardato 60 nuclei familiari e 17 cittadini hanno fruito del progetto di vita indipendente (Provi). A questi numeri si aggiungono i progetti regionali con inserimento sociolavorativo, il Centro antiviolenza, il servizio affido/adozione ed altri servizi erogati dall’Ambito ed efficacemente elencati nella Carta dei servizi.

Più protezione per le fasce deboli «L’obiettivo del piano triennale 2018-2020 – spiega la responsabile dell’Ufficio di Piano, Gigliola Todisco – è quello di consolidare quanto già costruito per un  potenziamento della coesione nella comunità e, nello stesso tempo ampliando gli interventi a sostegno delle fasce deboli. Proprio per questo, abbiamo inserito degli interventi che nel precedente piano non c’erano, come ad esempio il Pippi, servizio a sostegno dell’infanzia che mira ad evitare l’allontanamento dalle famiglie. Altra novità sono il servizio di ridistribuzione alimentare che si occupa di recuperare e distribuire prodotti vicini alla scadenza, la mensa sociale per la fornitura di un pasto giornaliero agli utenti segnalati, l’équipe multidisciplinare per l’attivazione del Rei e integrazione del Rei con il Red, l’assistenza domiciliare integrata per i pazienti affetti da Alzheimer».

Personale ridotto all’osso Grande rilievo alle famiglie, investendo sullo sportello ascolto, un servizio che è andato benissimo e che ha registrato un numero crescente di utenti. Come notevole importanza è stata riconosciuta al servizio di prevenzione alle dipendenze nelle scuole, servizio che ha funzionato molto bene in questi anni.  Tutto ciò, con un organico ridotto all’osso. Ad affiancare la responsabile dell’Ufficio, vi sono un amministrativo part-time e quattro operatrici del Servizio sociale professionale, tre a tempo pieno e una part-time. In ogni Comune dell’Ambito è attivo uno sportello con un assistente sociale, che è il trait d’union tra i servizi sociali comunali e l’Ambito.

Aumentano le domande a cui rispondere «Per contro il lavoro aumenta – commenta l’assessore Daniele Gatto – l’utenza del Red e del Rei nell’ultimo anno è aumentata, poiché è cresciuta la platea di utenti che vivono il disagio economico e che si interfacciano con noi, chiedendo risposte e celerità. Va detto, però, che noi facciamo solo da tramite. Il Caf manda i dati all’Inps che eroga i contributi, noi effettuiamo il controllo sulla documentazione e avviamo i progetti lavorativi». Circa tutto il resto “non va scordato – aggiunge Gatto – che quelli che eroga l’Ambito sono servizi essenziali, che devono essere utilizzati al meglio, perché vanno incontro alle esigenze delle fasce più deboli: minori, disabili, anziani. Avere un supporto fa sentire le istituzioni più vicine, con un’ampia varietà di servizi. Non è sempre facile arrivare a tutti, ma si cerca di fare il meglio affinché le persone avvertano che non sono sole. Da qui l’importanza di avere un centro di ascolto per chi, a volte, non ha alcun supporto familiare o economico».

Casarano – Dopo la meritata pausa estiva, riprende la stagione agonistica per gli atleti dell’Olimpica Salentina-Nuotatori Pugliesi, che agli ultimi Campionati nazionali di nuoto hanno rastrellato cinque medaglie, stabilendo un record nazionale.
I Campionati si sono svolti a Roma dal 7 al 13 agosto ed hanno visto trionfare gli atleti salentini, allenati da coach Gianni Zippo nella piscina dell’Euroitalia a Casarano e tornati a casa con ben tre ori, due argenti e un bronzo. Erika Gaetani (classe 2004, di Parabita) ha conquistato l’oro nei 200 e nei 100 dorso, dove peraltro ha fissato un nuovo record nazionale. Maria Letizia Piscopiello (2004 di Andrano) si è aggiudicata la medaglia di argento nei 200 misti e nei 200 rana e quella di bronzo nei 100 rana. Il terzo oro è giunto nella staffetta junior 4×100 misti, prima volta per la Puglia, con le solite Gaetani e Piscopiello in batteria con Elisa Mele (2002 di Galatina) e Chiara Tarantino (2003), quest’ultima allenata da Mauro Borgia nella piscina Outline di Lecce (piscina che insieme alla Olimpica Salentina di Casarano si schiera alle competizioni come “Nuotatori Pugliesi”).

L’allenatore Zippo «Tirando le somme – dice Zippo – posso ritenermi più che soddisfatto dei miei ragazzi; la stagione appena conclusa è stata fantastica: 8 ori italiani, 2 argenti, 2 bronzi, 3 record italiani, 6 medaglie internazionali, un Europeo juniores e molte finali assolute. Non potevo chiedere di più». Ora, però, è già tempo di pensare ad una nuova e impegnativa stagione agonistica.

L’asse con Milano Intanto, a conferma della bontà del lavoro svolto in piscina, da questa stagione gli atleti di punta della Nuotatori Pugliesi (Gaetani, Piscopiello, Mele, Tarantino, Andrea De Luca e altri ancora) nuoteranno con i colori della società lombarda Gestisport. L’accordo di collaborazione “tecnico-sportiva” tra le due società ha come scopo primario di consolidare e migliorare i risultati in campo tecnico e agonistico. «Si procederà innanzitutto – si legge in una nota della società – a instaurare una stretta e proficua collaborazione tra gli staff tecnici e a promuovere e sviluppare una forte coesione tra le nuotatrici e i nuotatori delle due società». La partnership coinvolgerà le aree medica, fisioterapica, riabilitativa e di preparazione atletica, “con il fine di instaurare le migliori condizioni per l’allenamento, la crescita e l’espressione agonistica degli atleti”. Lo staff tecnico di Gestisport, diretto dall’head coach Giovanni Paiano, insieme a Gianni Zippo e Mauro Borgia di Nuotatori Pugliesi hanno condiviso “una piena sintonia di intenti e una comune visione tecnica”, e hanno convenuto sul fatto che l’accordo siglato offra “notevoli opportunità di rafforzamento e crescita per entrambe le società”.

Casarano – Sfide di prestigio per le squadre di pallavolo di Casarano e Taviano chiamate a confrontarsi con i campioni del Modena volley. Dal 18 al 21 settembre la pluridecorata formazione di Superlega avrà, infatti, il suo quartier generale presso il palasport EuroItalia dove effettuerà gli allenamenti e giocherà due partite amichevoli contro la Pag Taviano di A2 e contro la Leo Shoes Casarano di B, rispettivamente mercoledì 19 e giovedì 20, sempre alle 18.30 con ingresso libero.

L’opportunità di ammirare da vicino una delle squadre più titolate d’Italia, allenata da Julio Velasco (attualmente ai Mondiali sulla panchina dell’Argentina), è data dal recente accordo tra la società modenese e l’azienda di Casarano  del presidente Antonio Filograna Sergio grazie al quale la Leo Shoes Srl è il nuovo sponsor del Modena Volley. Alla firma del contratto di sponsorizzazione avvenuta nei giorni scorsi a Casarano, presso gli uffici dell’azienda calzaturiera, erano presenti il presidente Filograna Sergio, il direttore generale del Modena volley Andrea Sartoretti e l’assistant coach Luca Cantagalli. Lo stesso Sartoretti è stato pure l’ospite d’onore alla recente presentazione congiunta, in piazza Garibaldi, della squadra del Casarano volley e del Casarano calcio, società accomunate dal sostegno e dalla passione del patron Filograna.

Parabita – Scuole pronte, anche a Parabita, per l’avvio del nuovo anno scolastico. Per gli alunni dell’Istituto comprensivo diretto da Antonia Perrone la campanella suonerà lunedì 17 settembre e venerdì 14 il Comune ha già programmato, dalle 14, la disinfestazione di tutte le scuole della città. La commissione straordinaria informa, inoltre, con una nota che sin dal primo giorno di lezioni sarà attivo il servizio scuolabus mentre la mensa sarà operativa dal giorno successivo, ovvero da martedì 18.

Il calendario dell’istituto comprensivo Per gli studenti dell’Istituto comprensivo sarà “ponte” già dal primo al quattro novembre, poi dal 7 al 9 dicembre. Dal 24 dicembre al 6 gennaio le vacanze di Natale; dal 18 al 23 aprile quelle di Pasqua, il 4 e 5 marzo per Carnevale. Festa anche il 24 e 25 aprile ed il 27 maggio per il Santo Patrono. Le lezioni termineranno il 12 giugno (il 29 per la scuola dell’infanzia).

Le date del “Giannelli” Lunedì 17 settembre prima campanella anche per la sede centrale dell’Istituto d’istruzione superiore “Giannelli” così come per le sedi di Gallipoli, Casarano ed Alezio. L’istituto diretto da Cosimo Preite avvierà, invece, le lezioni giovedì 12 settembre per  le classi terze del professionale di Gallipoli, settore Moda, manutenzione mezzi di trasporto e apparati, Impianti e servizi.

Casarano – Informazioni e istruzioni sul nuovo servizio di raccolta rifiuti a Casarano. L’Amministrazione comunale e la Tradeco srl, la società che svolge da poco il servizio, hanno previsto tre incontri formativi per illustrare agli utenti le modalità della nuova raccolta, caratterizzata principalmente dalla “differenziata spinta” con l’introduzione della frazione umida. Giovedì 13 settembre il primo appuntamento presso l’auditorium comunale alle 15 per le utente non domestiche (esercizi commerciali e studi), alle 18 per  quelle domestiche. Stessi orari e stesso sito auditorium anche per gli incontri già programmati per mercoledì 19 e giovedì 27 settembre.

Nuovo calendario per le attività commerciali Intanto la società con sede ad Altamura ha mutato il calendario di raccolta per le attività commerciali che, almeno sino a nuove disposizioni, dovranno conferire (sempre la mattina) il lunedì organico, indifferenziato e cartone; martedì indifferenziato; mercoledì organico, indifferenziato e cartone; giovedì plastica e metalli; venerdì carta e (sono la seconda e quarta settimana del mese) anche vetro; sabato organico, differenziata e cartone.

Aradeo Casarano – Ancora due casi di maltrattamenti tra le mura domestiche avvenuti ieri ad Aradeo e a Casarano. Un 41enne di Aradeo è stato colto in flagranza di reato dai carabinieri della locale caserma  ed arrestato. Giuseppe Piccinno, questo il nome del protagonista negativo del primo episodio di violenze domestiche, si è reso responsabile dapprima di una aggressione a suon di calci e pugni nei confronti dei familiari con cui conviveva. Al padre ha portato via con la forza i soldi che l’uomo teneva nella tasca dei pantaloni. Non contento di questo “pomeriggio violento”, nella notte scorsa Piccinno raggiungeva la casa di una familiare con l’intenzione di violentarla sessualmente. Non riusciva nel suo intento per il pronto intervento del compagno della donna, il quale non solo metteva in salvo la sua convivente, ma bloccava anche fino all’arrivo dei carabinieri l’energumeno, ora nel carcere di Lecce. Dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia, violazione di domicilio, tentata violenza sessuale, tentata estorsione e rapina continuata.

Di semplici (rispetto al precedente arresto) maltrattamenti in famiglia accusato invece Sebastian Marian Garofà, 32 anni di nazionalità rumena e residente a Casarano. I carabinieri sono stati chiamati in una abitazione di via Leonardo Da Vinci intorno alle 18 di ieri, dove si stava consumando una violenta lite tra l’uomo e la sua convivente, colpita con violenza al corpo ed al viso. All’arrivo dei militi, l’aggressore ha cercato di fuggire ma invano. I carabinieri lo hanno bloccato mentre la vittima ha ricevuto le cure del caso presso l’ospedale “Ferrari” di Casarano; la prognosi dei medici è stata di alcuni giorni. Il suo compagno è stato invece trasportato al carcere di Borgo San Nicola a Lecce.

Casarano – La chiesetta di Santa Maria della Croce oggetto di studio e approfondimento in Germania. All’annuale simposio organizzato dall’Istituto Haseloff nella città di Kiel, il 26 e 27 ottobre prossimi saranno lo studioso Francesco Danieli (di Galatone) e il presidente dell’associazione ArcheoCasarano, Alessandro De Marco, a relazionare sulla storia degli studi dell’antica chiesetta paleobizantina, oggetto, tra l’altro, del volume “Casaranello e il suo mosaico. Per aspera ad astra” (Edizioni Esperidi) ad opera dello stesso Danieli. Nei giorni scorsi, inoltre, anche il sito web della prestigiosa rivista specializzata National Geographic ha dedicato un servizio alla chiesetta ed allo studio di Danieli.  « Relazioneremo sulla storia degli studi relativa alla chiesa di Casaranello e di come, nel corso del tempo, si siano sviluppate delle teorie piuttosto fantasiose nell’interpretazione dell’edificio paleobizantino. In particolare ci soffermeremo su due aspetti: architettura e mosaici. In questi anni di ricerca – afferma De Marco – abbiamo verificato più volte, anche in tempi recenti, di come gli studiosi locali abbiano riempito pagine su pagine più per un proprio compiacimento personale che non per il fine della conoscenza dando vita così a teorie alquanto bislacche che hanno generato solo confusione».

Il progetto “Touch Casaranello” Negli ultimi anni la chiesetta è stata valorizzata dalle varie iniziative del progetto Touch Casaranello, portato avanti dall’associazione ArcheoCasarano. Lo scorso ottobre, la chiesetta aveva ospitato un convegno sul tema “Da Kiel a Casaranello, oggi come ieri. Viaggio alla scoperta di un monumento paleocristiano nel Salento” con l’intervento, tra gli altri, di Ulrich Kuder, docente presso l’università di Kiel e presidente dell’Associazione Arthur Haseloff e, per l’occasione, allo storico d’arte olandese Arthur Haseloff venne intitolata una strada nei pressi della stessa chiesetta.

“Necessari lavori sull’edificio” «Il problema principale nell’interpretazione dell’edificio sta nel fatto che gli unici dati archeologici a nostra disposizione provengono da un intervento di emergenza effettuato negli anni ’70 quando ormai il deposito archeologico era stato in gran parte compromesso. Ultimato questo lavoro di riordino degli studi – conclude De Marco – occorrerà occuparsi dell’edificio». L’obiettivo (“ormai necessario”) è quello di  avviare dei lavori in situ e prendere come modello il Mausoleo di Galla Placidia a Ravenna, “ non tanto per le similitudini decorative quanto per le pratiche di tutela e valorizzazione”.

 

Casarano – “Ruoli e stili delle donne nelle diverse culture ed epoche storiche” è il tema dell’incontro proposto dal distretto Fidapa di Casarano sabato 8 settembre, alle 19, nella chiesa di Santa Maria della Croce. Per l’occasione sarà il giornalista Rai Antonio Caprarica a presentare il suo ultimo libro “Royal Baby – vite magnifiche e viziate degli eredi al trono” nel quale il noto corrispondente da Londra evidenzia gli aspetti più significativi e curiosi degli eredi al trono, ricordando cosa significa nascere in una casa regnante, tra obblighi dinastici e aspettative di ogni genere. Con l’autore, originario di Lecce, dialogherà la giornalista Flavia Pankiewincz, dopo i saluti della presidente Fidapa Casarano Anna Maria Tunno e del sindaco Gianni Stefàno. L’evento è patrocinato dalla Provincia di Lecce e dal Comune di Casarano.

 

Casarano – Dopo un inizio stentato, prende quota a Casarano il nuovo servizio di raccolta differenziata. «Si ringraziano i cittadini per la civile collaborazione e per aver conferito i rifiuti in maniera ottimale sia per la raccolta dell’organico sia per quella della plastica e dei metalli», fanno sapere, infatti, da Palazzo di Città ricordando che domani, venerdì, sarà il giorno della raccolta della carta e del cartone (da ripiegare per ridurne il volume). Da stasera si possono dunque conferire, così come previsto dal nuovo calendario, riviste, giornali, riviste, libri, quaderni, carta da pacchi, cartoncini, sacchetti di carta, scatole di cartone per scarpe e alimenti, fustini di detersivi, fotocopie e fogli vari, imballaggi di cartone, tetrapak e cartoni per bevande in genere.

Il nuovo calendario Resta ancora da perfezionare, però, la “confidenza” dei casaranesi con il nuovo calendario visto che qualcuno (per fortuna in pochi) continua a conferire i rifiuti secondo le vecchie scadenze creando confusione e sporcizia. Per questo in alcuni quartieri gli operatori, almeno negli ultimi due giorni, hanno potuto ritirare i rifiuti in ritardo. Il servizio appaltato alla Tradeco srl di Altamura prevede il lunedì, mercoledì e sabato la frazione organica (negli appositi sacchetti o nelle buste biodegradabili), giovedì la raccolta della plastica e dei metalli (in buste separate), il venerdì della carta e, a settimane alterne, del vetro (nella seconda e quarta settimana del mese). Mercoledì e sabato verranno raccolti anche pannolini e pannoloni, purché conferiti distintamente rispetto all’organico. Tutto ciò che non potrà essere riciclato, ovvero l’indifferenziato, verrà raccolto soltanto il martedì.

Lecce -«Abbiamo bisogno di sangue per evitare che la carenza possa aggravarsi»: questo l’invito rivolto dal direttore del Servizio Immunotrasfusionale della ASL di Lecce. Nicola Di Renzo, a tutti i donatori della provincia, “abituali ma anche volontari che si apprestano a donare per la prima volta”. Con la stagione estiva ormai avviata verso la sua conclusione si, è infatti, accesa la spia della riduzione delle scorte di sangue ed emoderivati per tutti i gruppi sanguigni e, segnatamente, per i gruppi sanguigni “0 positivo” e “A positivo”. Una situazione di difficoltà che, in questo inizio di settembre, accomuna i servizi trasfusionali di gran parte della Regione e, per certi gruppi, l’intero territorio nazionale.

Dal direttore Di Renzo giunge un invito verso le associazioni dei donatori, “che in estate hanno compiuto uno sforzo encomiabile”, a rinnovare l’impegno alla donazione e a farsi portavoce della cultura della donazione tra la popolazione, in particolare tra i giovani. Oltre alle raccolte straordinarie programmate periodicamente in varie piazze della provincia, la Asl ricorda che è sempre possibile recarsi nei Centri trasfusionali degli ospedali di Lecce, Gallipoli, Casarano, Copertino e Galatina, dove si effettua la raccolta ordinaria dal lunedì al sabato, dalle 8,30 alle 12,30.

In generale, la Asl informa che possono donare tutte le persone dai 18 ai 65 anni in buona salute, che non soffrano o abbiano sofferto di gravi malattie ai vari organi ed apparati, e che pesino più di 50 kg. Gli aspiranti donatori saranno poi valutati dal medico trasfusionista che deve stabilirne l’idoneità sulla base dell’anamnesi, dell’esame emocromocitometrico pre-donazione e dei risultati della visita medica. La Asl ringrazia sin d’ora “tutti i donatori, perchè grazie alla loro generosità ogni sacca raccolta può trasformarsi nell’anello vitale di una grande catena di solidarietà”.

Casarano – Rifiuti: Casarano ci riprova. Dopo l’infelice esordio di lunedì scorso, con i sacchetti rimasti in strada perchè (quasi) tutti con l’indifferenziata, mercoledì 5 settembre sarà il secondo giorno di raccolta dell’umido. La speranza di tutti, Amministratori, operatori e cittadini, e che stavolta vada meglio e che le istruzioni ricevute (seppur in ritardo) possano aver fruttato. Sul profilo Facebook del Comune quest’oggi è comparso un ulteriore avviso per ricordare agli utenti che, secondo il nuovo calendario, il mercoledì (così come il lunedì ed il sabato) si procederà con la raccolta dei rifiuti organici che devono essere selezionati e risposti nell’apposito sacchetto di carta distribuito dall’azienda, “oppure in buste rigorosamente biodegaradabili”.

Cosa conferire con l’umido Per facilitare il compito ai cittadini, il post sul profilo dell’Ente fornisce un elenco dei rifiuti organici, che altro non sono che gli stessi conferibili nella compostiera, ovvero scarti di provenienza alimentare e vegetale ad alta umidità, scarti di cucina, di frutta e verdura, alimenti deteriorati, fondi di caffè e filtri di the, gusci d’uovo, piatti e bicchieri biodegradabili, noccioli, salviette di carta unte (scottex e fazzoletti di carta), piante recise e potature di piccole piante, pane, ceneri spente di caminetti, piccoli ossi e gusci di molluschi. L’Amministrazione comunale ricorda, inoltre, che chi possiede un giardino che rispetti le dimensioni stabilite dall’apposito regolamento può praticare il compostaggio domestico con uno sconto del 10% della tassa.

Il nuovo calendario concordato con la nuova ditta, la Tradeco srl di Altamura, prevede il giovedì la raccolta della plastica dei  metalli (in buste separate), il venerdì della carta e, a settimane alterne, del vetro. Mercoledì e sabato verranno raccolti anche pannolini e pannoloni, purché conferiti distintamente rispetto all’organico. Tutto ciò che non potrà essere riciclato, ovvero l’indifferenziato, verrà raccolto soltanto il martedì.

 

Taurisano – Le condanne diventano definite e cinque componenti della banda dedita al traffico di stupefacenti e alle estorsioni finiscono in carcere. Si tratta del 48enne Carmelo Mauro di Taurisano (5 anni e 10 mesi la pena residua) arrestato insieme a Stefano Ancora (43 anni), Daniele Manco (42 anni), Rosario Sabato (38 anni), tutti di Taurisano e Adamo Causo (48 anni) di Ugento. Quasi otto anni dovrà scontare il 41enne, sempre di Taurisano, Rocco Trecchi (nella foto), arrestato questa mattina dalla Polizia (era già ai domiciliari) e ritenuto affiliato alla Sacra corona unita.

Le indagini Tra il 2012 e il 2014, con l’operazione “Tam Tam”, la Squadra Mobile di Lecce in collaborazione con il Commissariato di Taurisano, riuscì a svelare l’esistenza di un’associazione ramificata con il coivolgimento di oltre 20 soggetti. Sotto scacco vi sarebbero stati numerosi lidi del Basso Salento costretti a pagare per avere “protezione” . Nel corso dei processi che si sono susseguiti, pur cadendo l’aggravate dell’associazione mafiosa,  venne confermata quella di traffico di droga (con l’assoluzione per Marco e Luigi Giannelli, di Parabita, per i quali la Procura aveva invocato 8 mesi). Una condanna a 14 anni e 8 mesi (confermata in Appello) giunse anche per Tommaso Montedoro (di Casarano), il quale è il principale implicato dell’operazione “Diarchia”, che lo scorso maggio portò all’arresto (insieme ad altri 13) del 41enne di Casarano (ritenuto al vertice del clan mafioso responsabile dell’esecuzione di Augustino Potenza e del tentato omicidio di Luigi Spennato).

L’operazione Tam Tam si sviluppò, con un gran numero di intercettazione telefoniche e ambitali,  tra Taurisano, Acquarica del Capo, Ugento, Matino e Casarano.

 

Casarano, raccolta rifiuti

Casarano – Sacchetti per strada e utenti disorientati. Da rivedere, a Casarano, l’avvio della  raccolta differenziata dei rifiuti. A causare confusione è il nuovo calendario per il conferimento,  diverso da quello finora praticato in città a causa del nuovo servizio entrato in vigore quest’oggi (dopo due rinvii). In molti, però, ancora non conoscono bene tale calendario: qualcuno non lo conosce affatto (per il ritardo nella distribuzione del materiale informativo che sarebbe dovuto avvenire porta a porta) e altri ancora pur conoscendolo non hanno dimestichezza con la “frazione organica”, la novità più importante del nuovo servizio affidato alla Tradeco srl di Altamura. Di fatto, la quasi totalità dei rifiuti (indifferenziati, come al solito) tirata fuori ieri sera è rimasta per strada. Qualche utente lamenta, tuttavia, il fatto che pur avendo conferito solo l’umido, il sacchetto sia rimasto comunque davanti casa. Il problema pare rappresentato dai sacchetti utilizzati anche se, secondo quanto comunicato in queste ore, pare possano essere utilizzati anche i comuni sacchetti per la spesa, purchè biodegradabili..

Sacchetti e materiale informativo in distribuzione Intanto anche stamattina è continuata a Palazzo di Città la distribuzione (avviata ieri, pur se domenica) del kit informativo e dei sacchetti per la raccolta dell’umido. La distribuzione continuerà anche nei prossimi giorni “fin quando necessario”, come scritto sulla pagina Facebook del Comune, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30, ed “eccezionalmente” anche oggi e domani (4 settembre) dalle 17 alle 20.

Martedì l’indifferenziato Circa l’emergenza venutasi a creare, il Comune conferma che “la raccolta di oggi (lunedì) prevedeva esclusivamente il materiale organico, motivo per cui molti sacchetti che contenevano l’indifferenziato non sono stati ritirati dagli operatori”. L’Amministrazione comunale “si raccomanda”, inoltre,  di seguire “minuziosamente” il nuovo calendario ricordando di portare fuori per martedì l’indifferenziato , compreso quello non ritirato oggi. In merito ai “sacchetti della discordia”, infine, da Palazzo di Città giunge la conferma che “la fornitura per la raccolta dell’organico sarà gratuita per tutta la durata del servizio svolto dall’azienda Tradeco srl”.

Il calendario La raccolta dell’organico tornerà mercoledì e sabato mentre giovedì sarà la volta di plastica e metalli ed il venerdì, a settimane alterne, della carta e, a settimane alterne, del vetro. Mercoledì e sabato verranno raccolti anche pannolini e pannoloni, purché conferiti distintamente rispetto all’organico. Obiettivo del nuovo servizio è quello di limitare il più possibile il (costoso) conferimento in discarica dell’indifferenziato riciclando quanto più è possibile fare.

Casarano – E’ andata in archivio la seconda edizione del concorso nazionale di poesia di “Il vino e le ebrezze: forme qualità e storie” a cura dell’associazione Arti – Laboratoriaperti” di Fernando Martinelli. Sul podio finale due poesie che hanno come autrici due donne di Parabita. Il primo posto assoluto è stato assegnato a “Mascìa” di Franca Capoti, docente; il terzo intitolato “In vino veritas” a Sonia Cataldo, operatrice culturale. Al secondo posto un concorrente della gara nazionale di poesia Mauro Barbetti di Osimo (Ancona). Al quarto posto Andrea Donaera di Gallipoli con “Senza il padre e il nonno”.

Questa la motivazione della scelta della vincitrice: “In una bella lingua intensa, intrisa di termini dialettali e tecnici, l’A. crea un rapido bozzetto con un personaggio, il nonno “camallo”, raccontato con toni epici, un piccolo preciso mondo (“panche di negramaro”, “conzi”, etc.), fatto di cose reali e irreali insieme. E poi tutto si completa in un finale in salire che pare un racconto di magia (“come macaria le stelle son cadute tutte insieme” ) e una bella chiusa lirica (“nelle vigne ebbre di luce”). Colpisce l’efficacia sapiente della sintesi poetica e la vocazione “figurativa”. La giuria era composta dal’autore e attore Renato Grilli, Mauro Marino, il dirigente scolastico Antonio Lupo, il direttore del giornale on line  piazzasalento.it Fernando D’Aprile, la consigliera comunale di Casarano Fabiola Casarano.

Dedico questo premio alla poesia – ha detto la professoressa Capoti al momento della premiazione – ai lettori, al pubblico e a questa terra”. Al film “La forma dell’acqua” di Benicio Del Toro ha raccontato di essersi ispirata Sonia Cataldo. Tra i segnalati, oltre a Donaera, Maria Grazia Mastrogiovanni di Casarano (“Perle di rubino”), Giovanni Bellisario di Casarano (“Brindo ai vecchi amici…”), Teresa Guadalupi di Brindisi (“Un bicchiere sul tavolo imbandito”). La serata ha visto intrecciarsi versi declamati e versi in musica con la partecipazione di Rachele Andrioli e Massimo Donno.

Si susseguono in Italia iniziative come queste, c’è questa voglia di fare poesia di giovani e meno giovani ed è una cosa molto bella – ha detto il conduttore e mattatore della serata Grilli – si riscopre tanta vitalità della lingua italiana con certi sentori di ordine dialettale che rientrano nella poesia”.  e riportano una conoscenza già perduta”. Martinelli ha dal canto suo ringraziato in particolare l’ex assessore Adamo Fracasso (dimessosi pochi giorni fa) “senza il quale molto probabilmente questa serata non ci sarebbe stata”. Il premio speciale per le scuole dell’Assessorato alla Cultura infatti non c’è stato.

Alla fine del recital di Grilli “Vino dono divino/Ebrezze poetiche dalla letteratura universale”, con poesie “sul vino e dal vino”, in versi e musica, la  consegna della posta in gioco: premi in bottiglie di vino per i primi tre classificati (50 litri al primo, 25 al secondo e 10 al terzo) mentre le prime cinque poesie saranno stampate su una confezione di vini pregiati a tiratura limitata. Tre le canyin che hanno sostenuto la manifestazione letteraria: Vinoli di Casarano, Torre Ospina di Racale e cantina Apollonio. Curiosità finale: il concorrente più anziano – 92 anni – è arrivato dal Veneto.

Casarano – Cambia la raccolta dei rifiuti a Casarano. Dopo due rinvii, questa volta l’Amministrazione comunale conferma la data di lunedì 3 settembre per l’avvio del nuovo calendario che, grazie all’affidamento ad una nuova ditta, prevede la “differenziata spinta” con il conferimento separato della frazione organica. Tale  fase di passaggio ha, però, provocato vari problemi tanto che la distribuzione a domicilio del nuovo calendario e del materiale informativo non è avvenuta nei tempi previsti. Per questo il Comune si è visto costretto a convocare i cittadini che non hanno ricevuto a domicilio il kit quest’oggi, di domenica. E in molti quest’oggi, malgrado la giornata festiva, si sono pure messi in fila davanti a palazzo di Città. Non per tutti ci sono stati, però, i nuovi sacchetti per l’umido anche se a tale scopo dovrebbero ben adattarsi i normali sacchetti biodegradabili della spesa. Non sono, tuttavia, mancate polemiche e proteste, anche sui social network.

L’avviso “Si informa che nella giornata del 2 settembre, dalle ore 8 alle 12 e dalle 17 alle 21, per chi non avesse ricevuto a domicilio il materiale, sarà operativa presso il comune la distribuzione dei sacchetti e del depliant informativo sulle nuove modalità di conferimento dei rifiuti che avranno decorrenza da lunedì 3 settembre.  Si invita alla diffusione del presente avviso”: questo l’avviso diffuso sul profili facebook “Città di Casarano” alle 11:23 di sabato primo settembre.

Il nuovo calendario Quel che è certo è che domani mattina gli operatori ecologici (ora dipendenti  la Tradeco srl di Altamura) non raccoglieranno più l’indifferenziato (come accadeva finora il lunedì) ma la frazione organica. Altra cosa sarà capire quanti cittadini saranno pronti per tale tipo di “differenziazione” dei rifiuti.  Il nuovo calendario, in vigore da lunedì 3 settembre, prevede la raccolta dell’indifferenziato (ovvero di tutto ciò che non può essere riciclato) soltanto il martedì mentre la frazione organica verrà raccolta il lunedì, mercoledì e sabato. Il giovedì sarà il giorno della plastica e dei metalli, il venerdì della carta e, a settimane alterne, del vetro (seconda e quarta settimana), mentre il sabato e il mercoledì si conferiscono i pannolini. La fascia oraria  indicata per poter esporre i rifiuti è quella dalle 21 alle 5.30. Con la nuova ditta cambia anche il numero per il ritiro a domicilio degli ingombranti (ora occorre chiamare il 347/4956653). L’ecocentro comunale di contrada Calò con accesso dalla strada extraurbana del Carro, è aperto tutti i giorni dal lunedì al sabato dalle 8 alle 12, il martedì e giovedì anche dalle 16 alle 18.

Le nuove modalità Nella stessa brochure sono indicati, a titolo di esempio, le varie tipologie di rifiuto al fine di permettere una corretta raccolta differenziata, soprattutto per ciò che riguarda la frazione organica, che è poi la vera novità del nuovo servizio: nell’apposito sacchetto andranno gli scarti di provenienza alimentare e vegetale “ad alta umidità”, ovvero scarti di cucina (frutta e verdura), alimenti deteriorati, fondi caffè e filtri di tè, gusci d’uovo, bucce di frutta e salviettine di carta unte.

La gara “ponte” La nuova azienda, la Tradeco srl di Altamura, si è aggiudicata la cosiddetta “gara ponte” sempre in attesa del completamento delle procedure per l’avvio del servizio dell’Ambito di raccolta ottimale numero 9 che, con Casarano, comprende anche Matino, Miggiano, Parabita, Ruffano, Montesano  Salentino e Specchia.

Casarano – Serata finale, domenica 2 settembre presso Palazzo De Judicibus a Casarano, per la seconda edizione del premio nazionale di poesia “Verso del vino”. La manifestazione viene proposta dall’associazione “Arti – Laboratoriaperti” di Fernando Martinelli. “Il vino e le ebrezze: forme, qualità e storia” è il tema prescelto per il quale ad ogni partecipante è stata data la possibilità di inviare (entro il 10 agosto scorso) anche due componimenti (in lingua italiana) purché non inviati già ad altri premi. Obiettivo della manifestazione, patrocinata da Regione, Provincia e Comune, quello di valorizzare la storia, la cultura e le attività produttive del territorio di Casarano nel campo vinicolo.

A Palazzo de Judicibus la serata finale Insieme alle premiazioni, la serata presso Palazzo De Judicibus propone il recital “Vino dono divino/Ebrezze poetiche dalla letteratura universale”, con poesie “sul vino e dal vino2, in versi e musica, di e con Renato Grilli (attore e autore), Rachele Andrioli (cantante e musicista), Massimo Donno (autore, cantante e musicista), Rocco Nigro (fisarmonicista e compositore). Seguirà una degustazione di vini e specialità gastronomiche di aziende salentine. Premi in bottiglie di vino per i primi tre classificati (50 litri al primo, 25 al secondo e 10 al terzo) mentre le prime cinque poesie saranno stampate su una confezione di vini pregiati a tiratura limitata. Il premio speciale “Assessorato alla cultura” è, inoltre, riservato agli studenti delle scuole superiori (in questo caso con premi in buoni acquisto di libri da 70, 50 e 25 euro).

Casarano – Entusiasmo alle stelle a Casarano per le squadre di calcio e di volley. Folla delle grandi occasioni e gran tifo, infatti, hanno accompagnato ieri sera la presentazione in piazza Garibaldi delle due formazioni ai nastri di partenza del campionato di Eccellenza (il calcio) e di serie B (la volley). I due sodalizi sono legati dal sostegno comune ricevuto dall’azienda calzaturiera Leo Shoes di Antonio Filograna Sergio. A scaldare i tifosi anche la presenza di testimonial eccellenti come l’ex campione brasiliano, da anni commentatore televisivo, Josè Altafini ed all’ex pallavolista di livello mondiale Andrea Sartoretti, oggi dirigente direttore sportivo della Pallavolo Modena, squadra di A1 che quest’anno avrà tra i suoi sponsor proprio Leo Shoes.

“Riprendiamoci il nostro posto” è stato il tema che ha legato, sul filo dei ricordi e della commozione, l’avvio della nuova stagione calcistica che punta decisamente in alto. A rammentare gli anni di gloria la presenza sul palco di ex campioni rossoazzurri come Fulvio Navone ed Andrea Carrozzo e, sul maxi schermo, quella del patron Antonio Filograna con il quale il Casarano arrivò più volte a sfiorare la serie B disputando decine di campionati di C.

Sempre ieri è stato presentato il nuovo calendario che prevede per il Casarano del presidente Giampiero Maci l’avvio interno contro il Fortis Altamura del 9 settembre. Contro il Gallipoli (il 4 novembre in trasferta, il 24 febbraio al Capozza) e l’Otranto (28 ottobre in casa, 17 febbraio fuori) gli unici due derby provinciali del torneo.

A sostenere le ambizioni della squadra di pallavolo del presidente Mauro Dongiovanni e del direttore sportivo Luigi Anastasia, anche lo “zar” Ivan Zaytsev, capitano della Nazionale di pallavolo italiana, con un video-messaggio.

Voce al Direttore

by -
Una buona fetta dell'impegnativa torta chiamata turismi (balneare, religioso, culturale, giovanile, ambientale, crocieristico...) è stata riservata l'altra sera a Gallipoli, durante un'assemblea plenaria, al...