Home Tags Posts tagged with "campionato eccellenza Puglia"

campionato eccellenza Puglia

by -
0 862

L’attaccante del Racale Pietro Nicolella autore di uno dei due gol racalini nella gara con il Locorotondo del 22 aprile (foto Tommaso De Lorenzis)

Racale. L’Asd Racale ha afferrato per i capelli la qualificazione ai play-off del torneo di Eccellenza, ai danni del Copertino. Al termine delle 30 giornate, le due squadre si sono classificate seste a pari punti e a promuovere Presicce e compagni è stato il computo della differenza reti negli scontri diretti.

Obiettivo minimo raggiunto, quindi, per i biancazzurri di mister Dario Levanto che in semifinale sfideranno il Cerignola (andata il 29 aprile a Racale, ritorno il 6 maggio in Capitanata). Tutto ciò, però, non sarebbe stato possibile se non ci fosse stato l’aiuto del Bisceglie, automaticamente promosso in Serie D per aver vinto, nei giorni scorsi, la Coppa Italia Dilettanti a Roma. Il trionfo della formazione della Bat (seconda, in campionato, dietro il Monopoli) ha, di fatto, “liberato” un posto nella griglia play-off, a cui, per regolamento, si qualificano le squadre classificate in seconda, terza, quarta e quinta posizione. Il Racale, beffando il Copertino, ha perciò occupato l’ultima casella disponibile, approfittando dell’inatteso “regalo” biscegliese.

I 90 minuti finali di campionato sono stati ricchi di colpi di scena. Prima dell’ultima giornata, Racale e Copertino erano separate da un solo punto a favore dei primi. Ininfluente, a conti fatti, si è rivelata la sconfitta interna del Racale con il Locorotondo (2-3), arrivata al 90° minuto, giacché il Copertino non è riuscito ad andare oltre l’1-1 sul campo dello stesso Cerignola, dopo essere stato in vantaggio fino all’86° minuto. Poi è arrivato l’urlo liberatorio dei 600 tifosi racalini presenti al “Basurto” che tanto avevano palpitato con l’orecchio attaccato alla radiolina.

Una vittoria per parte negli scontri diretti tra Racale e Cerignola nel campionato appena archiviato. Ma nella doppia sfida si ricomincia da zero e le statistiche non contano più. Sarà il campo, come sempre, a parlare.

Marco Montagna

by -
0 1014

Racale. Alla rappresentativa cittadina, che si sta discretamente comportando nel campionato di Eccellenza pugliese si affiancherà, da quest’anno, l’Asd Atletico Racale, neonata squadra di calcio che ha da poco fatto il suo esordio nel torneo di Terza categoria provinciale.

Pur se accompagnata da un crescente entusiasmo, l’avventura della nuova realtà sportiva non è però cominciata nel migliore dei modi, complice anche un po’ di sfortuna,  tanti infortuni eccellenti e qualche incidente di percorso. Mister Antonio Causo, vecchia gloria del calcio racalino ed alla guida dell’Atletico Racale dal pre-campionato sino alla trasferta di Acquarica, ha preferito cedere la mano per via di alcune incomprensioni con qualche calciatore.

L’uomo nuovo per la panchina degli azzurri sarà il giovane ed esordiente Danilo Culiersi. Ma il torneo è ancora ai primi fuochi e c’è tutto il tempo per rimediare alla falsa partenza. Il calore dei tifosi dell’Atletico Racale potrebbe essere l’arma in più della nuova compagine nata in estate, su impulso di un gruppo di amici che si ritrovava puntualmente a sfidarsi su un campo da calcio.

Da lì, l’idea di costruire qualcosa di più serio: «Sarà un anno di “collaudo” – spiega il presidente Lorenzo Alfarano – ma noi vogliamo disputare  un bel campionato, cercando di fare bella figura. Non posso esimermi dal ringraziare atleti e dirigenti che in questo progetto ci mettono anima e corpo, oltre ai 35 sponsor che ci supportano e l’Asd Racale che ci ha messo a disposizione parte del suo staff e sette giovani provenienti dalla formazione Juniores».

Questo l’organigramma della società: presidente Lorenzo Alfarano, vicepresidente (e capitano della squadra) Stefano Inguscio, segretario Daniele Santantonio, cassiere Donatello Lozupone, consiglieri Francesco Simeone, Marco Gianfreda, Maurizio Mercutello, Alessandro Manni e Giuseppe Marsano. Preparatori atletici Paolo e Claudio Fontò.

MM

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...