Home Tags Posts tagged with "braccianti migranti"

braccianti migranti

by -
0 451

braccianti migranti a nardNardò. Grave episodio di violenza dall’acre sapore di intolleranza si è verificato il 7 marzo a Nardó. Un piccolo immobile oggetto del progetto di autorecupero da parte dell’associazione “Diritti a Sud”, al fine di garantire una più dignitosa dimora ai braccianti migranti senza casa, è stata vandalizzata da un soggetto probabilmente ignoto che si introduceva in una proprietà altrui con l’intento di murarne l’ingresso. “Diritti a Sud ha presentato formale esposto presso le autoritá competenti – informano i giovani del’associazione – e cosí faremo ogni qualvolta verremo a conoscenza di episodi di intolleranza e razzismo”.

manifesto per mohamedNardò. Una situazione umanitaria che definire precaria è un eufemismo e, di già, un morto. Ma nonostante tali premesse la tenda di Emergency al servizio dei braccianti che abitano le campagne di contrada Arene-Serrazze non è ancora a Nardò, e tutto lascia pensare che quest’anno non ci sarà, bloccata dai problemi burocratici collegati alla Regione.

Eppure ce ne sarebbe molto bisogno: dal rapporto dell’anno scorso emerge che – dal 2 giugno alla fine di agosto, periodo in cui la postazione mobile ha sostato tra il campo gestito dalla cooperativa “Rinascita” e la falegnameria abbandonata – si sono rivolte all’ambulatorio 211 persone (su circa 300 unità stimate, di cui il 96% uomini e il 4% donne) e sono state effettuate 627 visite di medicina generale (i volontari hanno stimato che il 12% dei ragazzi rivoltisi al centro era irregolare). Tra le patologie trattate, si legge nel rapporto, “disturbi di natura muscolo-scheletrica, odontoiatrica, esiti di traumatismi di diversa gravità, dermatosi di natura allergica da contatto, disturbi gastrici, cardiovascolari, otorinolaringoiatrici, delle basse vie respiratorie, genito-urinari”. Fino ai “deficit neurologico-psichiatrici come cefalee, ansia ed insonnia reattive alle condizioni di vita”.

La relazione pone l’accento anche su altri fattori: “Circa un terzo dei lavoratori che si sono rivolti al Minivan ha dichiarato di non avere un proprio materasso, quindi ha dormito in terra o sopra coperte di fortuna. Questo certamente ha aggravato le problematiche di natura muscolo scheletrica reattiva”. Poi un passaggio che non può non far pensare a ciò che è successo a Mohamed: “È molto difficile riuscire a far comprendere il rischio a lungo termine che alcune patologie (cardiopatie, ipertensione severa, asma bronchiale) potrebbero determinare complessivamente sulla loro salute futura, se non adeguatamente curate”

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...