Home Tags Posts tagged with "associazionismo"

associazionismo

by -
0 1955

SANNICOLA. L’associazione sportiva dilettantistica Cycling Sannicola ha “esportato” lo stile di vita salutare fin sulle Dolomiti lucane: armati di bici, caschetti protettivi e tute da ciclisti, i salentini hanno percorso in lungo e in largo il paesaggio appenninico della cui bellezza, le fotografie (dalla pagina facebook dell’associazione), rendono bene l’idea.

by -
0 1849

vendemmia - deposito uve.JPG - FOTO MARIA ANGELA VETRUCCIO

MELISSANO. Giorni di grande fermento, in tutti i sensi, per la cantina cooperativa Unione agricola di Melissano, alle prese con la raccolta e la lavorazione delle uve del 2013. Negli scorsi giorni, tra l’altro, lo stabilimento di via Palermo è stato visitato anche da un gruppo di non vedenti, per una degustazione organizzata dal Gal “Serre salentine”, comprendente turisti provenienti da Roma e da Novara, che hanno apprezzato il frutto del lavoro degli addetti della coop, con una degustazione di vino, olio e prodotti tipici.

La vendemmia, intanto, procede a gonfie vele. Sinora, sono stati raccolti 10.300 quintali di Negramaro, Primitivo, Malvasia, Montepulciano. «Il vino che ci attendiamo sarà di ottima qualità – afferma il presidente dell’Unione, Rocco Milone – frutto del clima favorevole e del lavoro mirato dei viticoltori, dei soci conferitori, del capo cantiniere Luigi Spennato e di tutto lo staff. Siamo ansiosi di assaggiare il novello che sarà pronto per S. Martino ma bisogna andare cauti: il vino dev’essere curato con pazienza e amore». (foto di Maria Angela Vetruccio)

band di babbo natale

il direttivo della Band

ALLISTE. In occasione dell’ultima riunione dei soci e simpatizzanti,  della “Band di Babbo Natale” svoltasi domenica 15 settembre, il presidente  Adamo (foto) e i suoi si sono detti soddisfatti dei risultati raggiunti (5700 euro a favore del reparto di Oncoematologia pediatrica del “Fazzi” di Lecce) e intenzionati a proseguire con una carica ancor maggiore. Sono stati così definiti, con un certo anticipo, i dettagli della sfilata solidale che ritorna per il terzo Natale consecutivo: gli ometti rossi animeranno Racale e Taviano il 22 dicembre, Ugento il 23, Alliste il 24. Ma la manifestazione nelle piazze è preparata da alcune tappe intermedie: a fine ottobre si aprono le iscrizioni per quanti interessati a far parte del gruppo di Babbi Natale che sfileranno; il 24 novembre inizia la raccolta fondi che passerà, anche quest’anno, dalla vendita dei biglietti della lotteria e dal megasalvadanaio presente nelle tre serate. L’appuntamento più prossimo è il 13 ottobre, con una gita  a Camigliatello Silano, in Calabria, per partecipare alla sagra del fungo e dedicarsi alla raccolta delle castagne. Info:  348/3985865.

nico per Gli amici di Nico - matino

MATINO. Le persone con autismo nella regione Puglia sono circa 24.000. Nico (foto) ha 18 anni e mezzo, è un ragazzo salentino ed è autistico. Sua madre, Antonietta Bove, ha creato a Matino la prima struttura socio educativa salentina specializzata in disabilità legate all’autismo, che conta, ogni giorno, circa 30 ospiti affiancati da tutors ed educatori, e vanta ben 570 soci. L’associazione  nasce con  l’intento di raggiungere importanti obiettivi in favore delle persone con disabilità e delle loro famiglie promuovendo un processo di sensibilizzazione dell’opinione pubblica. È in continuo fermento ed è gestita da un’equipe di psicologi, fisioterapisti, tecnici della riabilitazione neuropsichiatrica, psicomotricisti, educatori professionali, logopedisti ed operatori socio sanitari.

Di autismo non si guarisce, ma più precocemente si interviene, più si riesce ad arginare. “Amici di Nico” gestisce un servizio domiciliare, con operatori specializzati direttamente presso le famiglie con bambini piccoli, oltre al servizio diurno socio riabilitativo. In sede un ventaglio di attività e servizi utili: interventi cognitivo-comportamentali,  di supporto alle famiglie, gruppi di mutuo aiuto per fratria, psicomotricità, gestione del tempo libero attraverso percorsi terapeutico- musicali, danza, teatro, attività ricreative e ludiche specializzate e i weekend “respiro”.

tiro a segno - claudio stanca presid., giovanni cavalera, consig., antonio piccinno, consigliere, anna rita longo, segretaria tiro a segno lecce, francesco tommasi presid. tiro a segno lecce . alezio

ALEZIO. Sport e solidarietà si incontrano al Tiro a segno di Alezio. La locale sezione ha, infatti, organizzato, di recente, la “Gara popolare di beneficenza” che ha visto la partecipazione di tiratori (professionisti e non) arrivati da tutta la Puglia. L’intera somma ricavata sarà a breve destinata all’acquisto di un apparecchio elettromedicale, precisamente una pompa di infusione per la chemioterapia, che verrà donata al reparto di Oncologia pediatrica dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Grazie alla generosità dei partecipanti e di molte associazioni è stata raggiunta la somma di 1.483 euro alle quali negli ultimi giorni si è aggiunta l’offerta da parte di un’associazione aletina che ha fatto lievitare il ricavato di altri cento euro. Se il costo dell’apparecchio sarà inferiore al ricavato, la somma in eccedenza sarà utilizzata per acquistare tablet e lettori musicali che saranno destinati ai bambini del reparto oncologico del nosocomio leccese.

«Sono molto soddisfatto e orgoglioso per l’eccellente risultato raggiunto. Tutto ciò è stato frutto di un duro lavoro, durato circa due mesi, e che ha visto impegnato sia il direttivo sezionale che i singoli soci che hanno collaborato spontaneamente affinchè l’iniziativa benefica intrapresa fosse portata a termine con successo. Grazie di cuore a tutti», afferma emozionato il presidente dell’associazione Claudio Stanca (a sinistra nella foto con in primo piano Annarita Longo e Francesco Tommasi del Tiro a segno Lecce).

officina turistica piazza castello

FELLINE. L’“Officina turistica” a Felline rimane aperta, anche e soprattutto ora che l’estate è finita. L’obiettivo della neonata associazione di ristoratori e operatori in altri settori, dopo un luglio e agosto più che positivi, è destagionalizzare i flussi di vacanzieri e “spostarli” da Lecce, attirandoli nel piccolo borgo con attività e servizi che una città non può offrire.

«Finora la risposta dei visitatori alle nostre iniziative – tira le somme la presidente Marta Cesi – è stata buona: la rassegna musicale e il mercatino vintage organizzati in piazza Castello sono andati alla grande. Ma ora dobbiamo concentrarci sul “dopo estate”, cercando la collaborazione con le agenzie turistiche del posto per confezionare pacchetti turistici che riescano a far tornare i turisti qui da noi, magari proponendo loro percorsi archeologici,  visite in aziende agricole e altre cose caratteristiche».

L’alta stagione non ha deluso, certo, e questo fa sì che adesso, i 9 componenti dell’associazione vogliano puntare più in alto, ma non senza prima risolvere alcune criticità emerse: «Si dovrebbe potenziare – osserva la Cesi – il numero dei posti letto, ancora troppo basso rispetto al numero dei posti a sedere nei vari ristoranti; inoltre ci sarebbe bisogno di un posto dedicato per le esibizioni musicali, oltre che di una sede ufficiale dell’associazione dove poter esporre e vendere i nostri prodotti». Ne fanno parte le shopper bag che recitano “Mangio bene, dormo bene, vivo meglio”: parte del ricavato sarà devoluto al Rifugio per animali di Alliste e Felline, mentre il resto verrà utilizzato per sostenere, come si legge sulle locandine, “la crescita ecosostenibile del centro storico”.

L’Officina turistica, d’altra parte, è stata fondata proprio allo scopo di “ottenere per il nostro borgo – spiega la presidente – un marchio territoriale sotto il quale il comportamento degli operatori s’indirizzi verso la buona accoglienza, la sostenibilità ambientale, la diffusa fruibilità dei monumenti”. Per ora, all’ambizioso progetto, hanno aderito in 9: i ristoranti “Antico monastero”, “Il Muraglione”, “Posto divino” e “Il Mulino di Alcantara”; i bed & breakfast “Dolce Felline”, “Porta terra” e “Felline in b&b”; lo studio di grafica e web designer “Progetty” e l’enoteca “Vite colta”.

«La collaborazione tra di noi è stata fruttuosa – conclude la Cesi – ma ovviamente ci auguriamo di essere sempre più numerosi in modo da essere d’esempio anche per gli altri paesi».

L’Officina turistica è anche social: sulla pagina Facebook si trovano i filmati delle serate e gustose videoricette.

by -
0 1295

PENTAX Image

ALEZIO. “Settembre, andiamo. È tempo di migrare”. No, non sono i pastori d’Abruzzo di dannunziana fama a ripartire, ma gli escursionisti del “Gruppo trekking Alezio”.

«È stata una stagione molto intensa – commenta, soddisfatto, il presidente Claudio Marzo – ricca di escursioni nel Salento e anche fuori, con la ciaspolata e l’acquatrekking sul Pollino. Ma ci sono state anche  iniziative culturali e di impegno sociale con la pulizia del centro Ilma e le escursioni notturne per turisti».

Direttivo e gruppo tecnico hanno, intanto, messo a punto il programma della nuova stagione per i già oltre cento iscritti all’associazione (al terzo anno di attività) e per quanti vorranno aggregarsi in futuro.

Primo appuntamento domenica 29 settembre in agro di Cannole, con la Masseria Torcito e il Santuario di Montevergine. Weekend impegnativo il 12 e 13 ottobre con la “Giornata nazionale del camminare” patrocinata dal Comune di Alezio; l’iniziativa comprende due fasi: “A scuola a piedi” (sabato 12) per i ragazzi delle scuole elementari e medie e la “Giornata del camminare” (domenica  13) rivolta a tutti, nelle vie del paese e nei dintorni, alla riscoperta del patrimonio storico e naturalistico (il programma dettagliato sarà reso noto con dei manifesti). Il programma 2013 prevede, poi, le gravine e i Sassi di Matera (26-27 ottobre con pernottamento); novembre tra mari e monti con Patù-Leuca il 10 e Novaglie-Ciolo il 24; dicembre con l’escursione in Valle d’Itria (il 15) e a Minervino-Specchia (il 29). A novembre inoltre avranno inizio i corsi di “Escursionismo, orientamento, topografia, meteorologia e primo soccorso”, e quello per “Accompagnatori escursionistici volontari”.

 

 

kroke caccia al tesoro nel centro storico 2013 foto giancarlo nisi  galatone

GALATONE. Dopo anni di attività, l’associazione ecomuseale Kroke, che si occupa della promozione e della salvaguardia del territorio, entra finalmente a far parte dell’Albo comunale delle associazioni, insieme, tra l’altro, ad altre undici compagini che si occupano di cultura, famiglia, sport, attività sociali, tutela ambientale e iniziative educative.

La Kroke ha anche firmato recentemente un protocollo d’intesa con l’Amministrazione Comunale, un impegno comune per la tutela e la condivisione del patrimonio artistico di Galatone.

L’ultima iniziativa del sodalizio risale al 25 agosto scorso, quando per le vie del centro storico è stata organizzata una caccia al tesoro (nella foto i partecipanti), con riferimenti storici e dialettali, con lo scopo di insegnare alle giovani generazioni le tradizioni e la cultura locale, perché non vadano perse.

Suor Carmina insieme ad Andrea Salaris e Giulia Mangiavacchi da  Firenze per incontrarla - matino

MATINO. La missione di suor Carmina Marsano non si ferma mai, neanche durante i periodi in cui dalla Tanzania torna a Matino, sua città d’origine. Acquistare un trattore per Chibumagwa, è questo il nuovo obiettivo del progetto “Promozione donna” presentato nell’ambito delle iniziative promosse da “Casarano e Matino for Africa”. «Lì serve tutto – dice la suora – ma a volte basta la sola presenza». Alla serata di solidarietà organizzata presso la parrocchia Sacro Cuore dall’associazione “Il buon Samaritano” erano presenti anche la soprano Rosa Ricciotti di San Nicandro Garganico che si è esibita in suo onore e che afferma: «Nella sua umiltà, suor Carmina non si rende conto di tutto ciò che fa e che ha fatto».

Ancor più efficaci sono le testimonianze di chi ha visto all’opera la suora, come Andrea Salaris e Giulia Mangiavacchi, giunti da Firenze per incontrarla: «Abbiamo conosciuto suor Carmina durante un viaggio organizzato dalla nostra parrocchia ed è stata un’esperienza unica, appena tornati abbiamo voluto fare qualcosa».

TUGLIE. La Fidas e l’associazione sportiva “Podistica Tuglie” insieme per l’iniziativa “Piazza giochi – Giocovagando per le piazze di Tuglie”. Si tratta di un viaggio itinerante per le piazze del paese che coinvolge bambini e ragazzi dai 6 ai 13 anni tra giochi e divertimento. L’appuntamento, fissato per domenica 22 settembre dalle ore 9 alle 18.30, è curato da Valentina Serini per la Fidas e da Alberto Toma e Francesco Romano per la Podistica. Obiettivo dell’iniziativa, oltre al coinvolgimento dei bambini, è anche quello di sostenere, con le offerte raccolte nel salvadanaio, l’associazione genitori di “Onco-ematologia pediatrica” che opera nel reparto di “Oncoematologia pediatrica del “Fazzi” di Lecce.

Intanto, sul lato agonistico, si registra il terzo posto di Andrea Manzo, atleta della Podistica Tuglie nelal recente corsa a tappa da Otranto a Gallipoli: quarto Carmine Negro della Podistica Parabita.

by -
0 1957

il gruppo bandistico di Presicce

PRESICCE. Si è conclusa la seconda edizione di “Musica in festa” organizzata dall’associazione “Amici della Musica e delle tradizioni popolari con il saggio di fine anno dei ragazzi che hanno frequentato nell’anno 2012/2013 i corsi di chitarra, saxofono, pianoforte, tromba, flauto, trombone, clarinetto e batteria. A tutti sono stati consegnati gli attestati di frequenza. Nel corso della serata (23 giugno) si sono esibiti il quartetto di saxofonisti “Musike”, composto da allievi del maestro Alessandro Trianni del conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, e la “The South Dixiland band.

«L’anno si chiude con piena soddisfazione di docenti ed alunni che hanno frequentato i corsi » ha dichiarato Mario Micello, maestro nel corso di saxofono. «Quest’anno abbiamo avuto 35 corsisti, rispetto agli 8 dell’anno scorso – ha sottolineato il maestro Micello – e questo ci autorizza a pensare che abbiamo operato bene e che il giudizio dei destinatari del nostro impegno e delle loro famiglie è abbastanza lusinghiero».

Nata nel 1982 su iniziativa di un gruppo di persone animate dal desiderio di far rivivere a Presicce i fasti vissuti con la banda musicale diretta dal maestro Falcicchia, l’associazione “Amici della Musica e delle tradizioni popolari” effettivamente era riuscita a resuscitare sia il gruppo bandistico che la tradizione de “lu tammurreddhu de Sant’Andrea” (patrono di Presicce). Nel 1996, però, l’associazione aveva interrotto la sua attività ed è resuscitata grazie ad un gruppo di giovani e qualificati musicisti, molti dei quali diplomati di conservatorio, che hanno deciso di intitolare l’associazione a Marco Frivoli, un musicista scomparso all’età di 38 anni.

GC

Alezio. Presentata l'”Associazione Amici di Antonio Maglio”, avvenuta a Lecce lo scorso 7 giugno 2012, presso l’Open Space del Comune di Lecce, nata con l’intento di ricordare e tenere viva la memoria di questo pioniere del giornalismo salentino.

L’incontro ha visto la partecipazione dell’ onorevole Giacinto Urso, di Adelmo Gaetani, consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti, del sindaco di Lecce, Paolo Perrone, del sindaco di Alezio, Vincenzo Romano, del prorettore dell’Università di Lecce, Carmelo Pasimeni, del vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti di Puglia, Pierpaolo Lala, nonchè di molti amici e collaboratori di Antonio Maglio, fra cui Vittorio Bruno Stamerra – il quale con Maglio resse le sorti di “Quotidiano” nel periodo “pionieristico” del giornale -, Massimo Melillo, vicepresidente dell’Assostampa di Puglia, il consigliere regionale Rocco Palese, Tommaso Borgia, Franco Ciardo e Roberto De Donno, docente di Marketing Internazionale, il quale ha descritto nel suo intervento appassionato, le visioni pragmatiche di Antonio Maglio, ancor oggi non colte nell’ambiente dei comunicatori locali.

Il neonato organismo, privo di finalità di lucro, ha lo scopo di onorare la memoria di Maglio attraverso la promozione, la pratica, lo sviluppo e la diffusione del giornalismo nelle sue diverse espressioni, nonché la promozione di attività culturali dedicate alla memoria ed ai valori di quest’uomo e giornalista insigne.

I soci fondatori dell’associazione sono i giornalisti Lino De Matteis, Antonio Corcella, Adelmo Gaetani, Antonio Muci, Fernando D’Aprile (da ragazzo era uno degli strilloni del primo giornale di Maglio “18° Meridiano” edito ad Alezio), Antonio Imperiale; il prefetto Carlo Schilardi, l’on. Urso, il fratello Guido Maglio, Giulia Valzano, il sindaco di Alezio Romano.

Francesco Spadafora

by -
0 1180

L’attuale consiglio direttivo della Società operaia di mutuo soccorso di Taviano

Taviano. La Società operaia di mutuo soccorso “Giuseppe Garibaldi” di Taviano compie 100 anni essendo stata costituita il 12 novembre 1912, prima della 1° Guerra mondiale. Il primo presidente fondatore fu Guido Scategni, rappresentante di una delle tante famiglie più in vista a quei tempi. L’associazione tavianese fa parte dell’Associazione interregionale delle società operaie meridionali di mutuo soccorso.

Afferma l’attuale presidente Palmiro Grimaldi: «L’interassociazionismo che ci lega nello spirito mazziniano delle origini sembra la via più sicura per il rinnovamento delle Società operaie di mutuo soccorso. È l’impegno specifico di questa nostra associazione interregionale, costituita formalmente a Lecce nel 1982, per iniziativa di convinti assertori del solidarismo libero e spontaneo. Un impegno – conclude Grimaldi – che, per i traguardi conseguiti, è una verifica in più della bellezza e della verità dell’intangibile carisma del mutuo soccorso, nel vario disporsi degli uomini e delle cose nel segno dei nuovi tempi».

Attività prevalenti dell’associazione sono: il calcio per ragazzi, il pattinaggio artistico, il soccorso soci con un’autoambulanza, attività ricreativa e viaggi.

Il consiglio direttivo per festeggiare i 100 anni di attività ha nominato un comitato per ricercare tanti momenti, durante l’anno, di festeggiamento. Del comitato fanno parte: Palmiro Grimaldi, Alberto Spiri, Rocco Pisanello, Marinella Nassisi, Maria Teresa Abatelillo, Tommaso De Matteis e due elementi esterni, Antonio Portaccio e Cristina Belloni. «L’obiettivo che si è posto il comitato organizzatore – dichiara Antonio Portaccio – è quello di tenere vari momenti di aggregazione per tutto il paese, coinvolgendo tutte le associazioni presenti sul territorio. Ci saranno eventi culturali, musicali e sportivi nel corso dei quali saranno rimarcati i concetti del mutuo soccorso della mutualità sociale, in genere. Il clou sarà l’ultima settimana di novembre con un evento ogni sera».

Rocco Pasca

by -
0 1045

LA CHIESA DI S. GIORGIO. E’ lì che si attuerà il progetto “Ciò che conta di più” a cura dell’Ac

Matino. Partirà presto il progetto “Ciò che conta di più” promosso dalla parrocchia San Giorgio Martire. L’iniziativa nasce dal bando pubblicato dall’ambito territoriale di Casarano lo scorso anno, che aveva come scopo mettere in atto misure di prevenzione da dipendenze nei confronti dei più giovani; l’invito era rivolto espressamente alle realtà associative locali.

La finalità sociale ha catturato l’interesse di 35 enti tra i comuni dell’ambito: Casarano, Collepasso, Matino, Parabita, Ruffano, Supersano e Taurisano, solo sei i progetti promossi che avranno diritto ad un finanziamento di 2mila euro.

Il progetto mira anche a sviluppare il senso civico e di appartenenza ad un gruppo e permettere ai giovani di prendere consapevolezza delle proprie identità; a realizzarlo saranno gli educatori dell’Azione cattolica della stessa parrocchia, che utilizzeranno il finanziamento per la creazione di quattro laboratori: musicale, culturale, di ricerca e ludico.

Un modo per coinvolgere i ragazzi all’interno dell’Ac, missione un po’ difficile soprattutto negli ultimi anni, come spiega Stefania Casto, prima allieva e oggi educatrice: «Purtroppo da una certa età in poi i ragazzi non ci seguono più, solo  quest’anno abbiamo avuto una buona risposta, su 40 ragazzi cresimati, dieci sono rimasti nel gruppo, è un buon risultato, rispetto ai tre dell’anno prima».

Questo grazie anche all’intervento di don Primaldo, che da alcuni anni ha promosso un nuovo cammino chiamato “Iniziazione cristiana”: dalla seconda media, i ragazzi possono scegliere se continuare il percorso tradizionale del catechismo oppure proseguire all’interno dell’Ac, con un sistema per far ritrovare ai ragazzi precetti e principi della vita cristiana e farli condividere.             

MAQ

Voce al Direttore

by -
Attività produttive, turismo e ambiente in Puglia tra libera iniziativa economica e percorsi di sviluppo sostenibile: questo il tema scelto dall'Ordine dei commercialisti e...