Home Tags Posts tagged with "alimenti"

alimenti

Nardò – Pacchi alimentari del Comune che sarebbero stati donati ai bisognosi neretini dai militanti di CasaPound: dopo la denuncia in commissariato formalizzata dall’ex sindaco Marcello Risi e candidato di Leu alle prossime Politiche, la polemica naturalmente non si placa. È lo stesso Risi a tornare sull’argomento dopo che Palazzo Personè ieri con una nota ha provato (invano) a chiarire la situazione, affermando che i pacchi destinati a circa un migliaio di neretini sono consegnati da aziende private che mettono i propri mezzi a disposizione e da “una nutrita schiera di volontari”, preannunciando infine che Risi verrà querelato.

L’ex sindaco neretino però non fa passi indietro e rincara la dose: «Le dichiarazioni del sindaco Mellone e dei suoi sostenitori sulla triste vicenda dei pacchi alimentari – afferma – fanno ridere. Non sono altro che la confessione che le schifezze che abbiamo denunciato sono tutte vere. Una ragione in più per liberare al più presto la città da questo personaggio affamato di potere che giorno dopo giorno sta trascinando Nardò nel baratro dell’indecenza. Si ripristini piuttosto la social card. Il bilancio del Comune consente di finanziarla per 3-400mila euro: vuol dire 3-400 social card da mille euro ciascuna ovvero 600-800 da 500 euro ciascuna».

La reintroduzione della “social card”, strumento soppresso dall’attuale Amministrazione sostituito proprio dai pacchi alimentari, ieri è stata invocata anche dalla minoranza consiliare perché ritenuta una forma solidaristica più discreta ed efficace, che farebbe evitare ai beneficiari “pellegrinaggi” in centro per ricevere i generi alimentari. Inoltre si annullerebbe alla radice una certa pubblicità dei dati personali dei soggetti interessati, fasce sociali deboli che le norme proteggono proprio tenendo riservate le generalità. Nel caso denunciato da Risi, queste generalità sarebbero finite in mano a persone diverse dagli addetti comunali preposti a questo servizio.

CasaPound resta accusata politicamente di aver strumentalizzato beni pubblici per scopi legati alla campagna elettorale. La formazione politica di estrema destra, va ricordato, alle prossime elezioni politiche candida nei collegi neretini Pierpaolo Giuri (uninominale Camera) e l’avvocato Felice Lecciso (uninominale e capolista nel listino proporzionale del Senato). Giuri, neretino, da diversi anni segue personalmente le problematiche delle case popolari della zona 167; Lecciso, di Trepuzzi, proprio tre mesi fa ha ottenuto dalla Giunta di Giuseppe Mellone un incarico diretto per la gestione di uno sportello comunale per gli alloggi popolari (foto).

 

 

Giuseppe Alemanno

Nardò – “Con la precedente distribuzione abbiamo riscontrato che molte persone, pur potenzialmente beneficiarie, sono rimaste escluse per non aver saputo dell’avviso e altre, comunque bisognose, che invece sono rimaste fuori a causa del limite dell’Isee a 3 mila euro. Per questo abbiamo deciso di aumentare il numero dei pacchi disponibili alzando contestualmente a 7.500 euro il limite Isee e quindi allargando la platea dei beneficiari”: per queste ragioni spiegate dal Sindaco Giuseppe Mellone ecco la scelta del bando pubblico per la seconda edizione dell’iniziativa realizzata col Banco delle Opere di carità di Alessano, proposta – si sottolinea – dal consigliere Giuseppe Alemanno. “Abbiamo sempre detto che la città – prosegue Mellone – oltre a politiche sociali ed economiche efficaci, ha bisogno di risposte contingenti e questa è una di queste, immediata e concreta. Nessuno deve rimanere indietro, nessuno deve sentirsi tra gli “ultimi”. Nei pacchi ci saranno pasta, latte, caffè e altri generi di prima necessità, oltre a prodotti specifici per chi ha bambini o esigenze alimentari particolari. L’accesso al beneficio è adesso possibile a quanti risiedono nel Comune di Nardò o hanno la carta di soggiorno per i cittadini extracomunitari di lunga durata; il reddito del soggetto interessato deve essere uguale o inferiore ai 7.500 euro annui. Lo schema di domanda deve essere ritirato presso la sede del settore Servizi sociali in via Falcone e Borsellino o scaricata dal sito istituzionale. Il termine ultimo per presentare l’istanza è lunedì 11 dicembre. Agli aventi diritto i pacchi saranno consegnati prima di Natale. Il Banco delle opere di carità, si sottolinea in una nota del Comune, è un’associazione che dal 1993 si occupa della raccolta degli alimenti, ma anche dell’approvvigionamento dei farmaci da banco, dei prodotti igienico sanitari e della successiva ridistribuzione alle persone indigenti. Il particolare meccanismo del Banco permette di beneficiare di una portata dell’intervento non trascurabile e impossibile da ottenere con l’utilizzo per altri versi delle stesse risorse utilizzate. Oggi il Banco è presente in Campania, Molise, Puglia, Lazio, Basilicata, Calabria e Piemonte.

 

Voce al Direttore

by -
Una buona fetta dell'impegnativa torta chiamata turismi (balneare, religioso, culturale, giovanile, ambientale, crocieristico...) è stata riservata l'altra sera a Gallipoli, durante un'assemblea plenaria, al...