Home Tags Posts tagged with "Alessandro My"

Alessandro My

Sant’Isidoro (Nardò) – Contrasto all’abusivismo commerciale sul lungomare, dove la polizia locale ha emesso cinque verbali. Dieci in tutto i controlli eseguiti dagli agenti nei giorni scorsi: in cinque casi erano scaturite irregolarità amministrative per sanzioni che ammontano a complessivi 21mila euro (assenza di autorizzazione per la vendita in area demaniale, violazione delle norme igienico sanitarie, ecc.). Di 2.000 euro circa è invece il valore della merce sequestrata. Le verifiche non hanno risparmiato le strutture ricettive, con 12 immobili controllati, per i quali sono in corso gli accertamenti dei documenti acquisiti.

Parcheggi e divieti di transito: si riaccende la polemica Nel frattempo, la polizia municipale affronta anche il discusso fenomeno di parcheggio e transito non consentito in aree demaniali. Dal 10 luglio a oggi sono stati oltre 600 i verbali emessi dagli agenti guidati dal tenente colonnello Cosimo Tarantino. Proprio su questo, nei giorni scorsi si è registrata un’aspra polemica tra i consiglieri comunali Lorenzo Siciliano (Pd) e Giuseppe Verardi (Giovani in Azione). «Nel pieno della stagione estiva – dichiarano il consigliere Siciliano e Alessandro My, presidente di “Città Nuova” – l’Amministrazione Comunale ha deciso di dare esecuzione a un vecchio divieto di transito e di sosta esistente sulla zona di demanio marittimo di fronte alla torre, senza garantire l’individuazione di nuove zone parcheggio. E ovviamente sono fioccate le multe, come al solito, per rimpinguare le casse comunali rese ormai esangui dalle spese folli di Mellone. È dunque evidente – hanno concluso Siciliano e My – l’impossibilità per turisti e clienti abituali di raggiungere le strutture di ristorazione, dirigendosi così altrove, con enorme danno economico per i titolari».

A Siciliano ha replicato il consigliere di maggioranza con delega alla marina di Sant’Isidoro, Giuseppe Verardi: «Sono rimasto sbalordito nel leggere di rappresentanti istituzionali che invocano il non rispetto delle regole. Lo scorso anno – dichiara Verardi – anche su sollecitazione di commercianti, residenti e turisti, fu installata la nuova segnaletica lungo il tratto di costa interdetto alla viabilità. Tra l’altro questa amministrazione, col mio interessamento, ha realizzato anche un’area parcheggio in via Giusti, cioè a meno di cinque minuti a piedi dalla principale spiaggia di Sant’Isidoro. Nessuno – conclude Verardi – può sentirsi autorizzato a parcheggiare su scogli e aree demaniali».

Nardò – Cambio al vertice della Consulta per l’Ambiente. Si dimette il presidente Massimo Vaglio e al suo posto arriva l’attuale vicepresidente Ornella Polo, eletta nei giorni scorsi alla guida dell’organismo. Massimo Vaglio, ristoratore, chef, giornalista enogastronomico e nome di spicco dell’ambientalismo salentino, abbandona la Consulta dopo otto mesi per motivi professionali. Nel 2016 era stato molto vicino alla coalizione di Giuseppe Mellone per poi allontanarsene gradualmente dopo il voto, non avendo condiviso le scelte in materia ambientale dell’attuale amministrazione (in particolare lottizzazione Sarparea, abbattimento immobile di via Incoronata, alberi di piazzetta Papa Giovanni XXIII). A Vaglio subentra il geologo Andrea Vitale nella Consulta.

La neopresidente, come detto, è invece l’avvocatessa Ornella Polo (nella foto con Lorenzo Siciliano). Classe 1979 e attuale segretaria dello storico movimento civico “Città Nuova”, Polo è considerata molto vicina al consigliere comunale del Pd Lorenzo Siciliano, all’opposizione in Consiglio. Secondo indiscrezioni i due tra pochi mesi presenteranno un nuovo soggetto politico da affiancare a “Città Nuova”. «L’elezione dell’avvocatessa Ornella Polo a Presidente della consulta dell’ambiente – dichiara intanto Siciliano – è un fatto positivo per la salvaguardia del nostro territorio, troppo spesso minacciato da speculazioni di vario genere. Sono certo che la sua professionalità coniugata a una notevole competenza ed abnegazione renderanno intenso e proficuo il lavoro della consulta, di per sé composta da validi professionisti e volti storici dell’ambientalismo neretino al lavoro da anni nel settore ambientale. Sento, dunque, di rivolgere – conclude l’esponente dei Democratici – a lei e a tutti i componenti dell’organismo un sincero augurio di buon lavoro».

Si registra infine che con l’elezione di Ornella Polo a presidente della Consulta per l’ambiente, “Città Nuova” (fondata negli anni Novanta da Giovanni Siciliano, ex consigliere provinciale di centrosinistra e padre del consigliere comunale Lorenzo) “piazza” un suo secondo esponente in pochi mesi. Ad aprile infatti la minoranza di Palazzo Personè ha rieletto a membro dell’Area marina protetta di Porto Cesareo l’uscente Alessandro My, avvocato tesserato Pd e presidente del longevo movimento civico neretino.

Voce al Direttore

by -
Una buona fetta dell'impegnativa torta chiamata turismi (balneare, religioso, culturale, giovanile, ambientale, crocieristico...) è stata riservata l'altra sera a Gallipoli, durante un'assemblea plenaria, al...