Home Tags Posts tagged with "alessandro greco"

alessandro greco

by -
0 2367

Nardò – C’è un neretino che a piccoli passi e con grandi sacrifici si sta facendo strada nel mondo del ciclismo. È il classe ’98 Alessandro Greco, sbarcato fra gli Under 23 col sogno di diventare presto professionista. Ha scommesso su di lui il team umbro (che ha sede nelle Marche) Fortebraccio – Senigallia: «Ho lasciato la mia città per motivi di studio (ora frequenta Scienze motorie all’Università di Urbino, ndr) – dichiara lo stesso Greco – e avevo necessità di accasarmi in una squadra più vicina e che fosse maggiormente legata agli eventi ciclistici che si tengono principalmente nel Nord Italia». Studia da preparatore atletico, ma il piano A è quello di diventare ciclista professionista: «Sarebbe un traguardo fantastico per me – aggiunge – ma per adesso devo solo pensare a far bene tra gli Under 23. Sono felice per l’accoglienza ricevuta nel mio nuovo team. La squadra è affiatata e il direttore sportivo è molto preparato e premuroso nei nostri confronti».

Fortebraccio – Senigallia annovera ragazzi del ’95 fino ai classe ’99, pertanto Greco è fra i più giovani. Fra i suoi prossimi appuntamenti il 58° Gran Premio San Giuseppe di Montecassiano (Macerata) del prossimo 18 marzo e la 40ª Coppa del Grano in località La Badiola (San Giovanni Valdarno, Arezzo) del 25 marzo; poi in agosto il 46° Gran Premio Capodarco (Fermo). «Le prossime gare saranno più adatte ai velocisti – sostiene Greco, che ha caratteristiche di scalatore – e il nostro obiettivo sarà quello di incamerare quanti più punti possibili per presentarci ai nastri di partenza del Giro d’Italia Under 23 (dal 7 al 16 giugno 2018, dieci giorni con tanta salita, ndr). Intanto mi preme ringraziare – conclude Greco – il mio ex direttore sportivo Giovanni Chierico per aver creduto in me e la mia famiglia per l’infinito sostegno». Sognare si può e Greco non vuole smettere di farlo: le qualità per arrivare in alto proprio non gli mancano.

Nardò. Un neretino in evidenza al recente Gran Premio Capodarco di ciclismo. Si tratta del giovanissimo passista/scalatore classe ’98 Alessandro Greco che si è fatto onore nella gara internazionale under 23 chiudendo dopo 180 km tra la provincia fermana in 62ª posizione (al via 192 corridori). «Non ho smesso un secondo di credere in un buon piazzamento – afferma Greco – ma devo ammettere che la gara è stata impegnativa e dai ritmi elevati». Nel suo Salento gli allenamenti per poi dimostrare il suo valore in giro per l’Italia: prossimo impegno il 29 agosto ad Arezzo. Il direttore tecnico del team San Severo/Stipa, Giovanni Chierico, sottolinea la performance di Greco: «Capodarco è una gara internazionale per la quale è stato registrato il numero massimo di partecipanti. La lunghezza del circuito e la particolarità di alcuni tracciati hanno fatto sì, però, che al traguardo arrivassero solo 83 ciclisti. Fra questi, appunto, Alessandro». Per la cronaca, affondo decisivo per l’ucraino Mark Padun del Team Colpack, sul gradino più alto del podio dinanzi ai due kazaki dell’Astana City, Yuriy Natarov e Galym Akhmetov.

Walter, presidente della società sportiva, e Alessandro Greco

Walter, presidente della società sportiva, e Alessandro Greco

Nardò. Brilla l’Albatros Team Bike Nardò al “Gran fondo dei monti Sibillini”, il massiccio appenninico tra Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Perugia. Luccica, più di tutti, il talento di Alessandro Greco, 16enne ciclista neretino, primo classificato nella categoria Allievi. Nella 24esima edizione del percorso composto da 154 chilometri di sudore e sacrificio, ottima anche la seconda piazza di Simone Valentino, classe ’98 di Leverano, altro atleta griffato Albatros. Luigi Dell’Anna, Luigi Bianco, Salvatore Paglialunga, Marco Cecchini, Luigi Rizzo, Antonio Gaballo e Walter Greco, gli altri partecipanti neretini alla impegnativa rassegna sull’appennino umbro-marchigiano. Proprio quest’ultimo, presidente del Team Bike, è il padre del vincitore Alessandro. «Mio figlio – commenta orgoglioso Walter Greco – già all’età di tredici anni si impose nella sua prima gara a Galatina. Da quattro anni è sempre sul podio tra gli amatori». Grandi complimenti anche al secondo, Simone Valentino. «Esordì come biker – ricorda il presidente dell’Albatros – e iniziò la sua avventura con noi due anni fa, raccogliendo quattro podi sui vari circiuti regionali e nazionali. Solo in questa stagione si è messo in discussione nel ciclismo su strada, con ottime prove». Per Alessandro e Simone le porte dei professionisti potrebbero presto spalancarsi. «Hanno ancora due anni di dilettantismo – prosegue – ma le condizioni per il grande salto ci sono tutte. Questo è forse lo sport più duro che esista – conclude Greco – ma la loro tenacia e volontà sono delle garanzie».

Voce al Direttore

by -
Una buona fetta dell'impegnativa torta chiamata turismi (balneare, religioso, culturale, giovanile, ambientale, crocieristico...) è stata riservata l'altra sera a Gallipoli, durante un'assemblea plenaria, al...