Per ridere, ma anche per pensare

di -
0 810

La locandina di "Rosanero" di Luca Arcano in scena il 31 marzo

Alliste è ormai quasi una “veterana” delle stagioni teatrali. Sono già quattro volte, infatti, che il palcoscenico del cinema “Oriente” si anima per questo tipo di rappresentazioni artistiche. Il 17 marzo partirà infatti la quarta edizione della rassegna organizzata dal Comune di Alliste.

Il sipario si aprirà per sette serate, fino al 27 maggio, per far assistere la platea ad altrettanti spettacoli, di cui tre a cura di compagnie allistine.

Dopo l’inaugurazione con “Le dis…avventure di un medico fedele” del gruppo di Parabita “Lucia La Greca”, infatti, il palco sarà pronto a tingersi di “Rosanero”. È il titolo dell’opera che il regista Luca Arcano (anche direttore artistico dell’iniziativa) e la sua “AnonimArt” porteranno in scena il 31 marzo. Nel titolo, i due universi protagonisti: quello femminile, che viene dalla tragedia greca “Antigone” di Sofocle, e quello oscuro (e attuale) della mafia siciliana. Ma i due colori sfumano uno nell’altro, perché i due mondi (quello antico, dominato dal regime tirannico, e quello moderno che la protagonista rifiuta “rifugiandosi” nell’anoressia) in comune hanno la violenza che il testo di Roberto Cavosi condanna.

Il 14 e il 28 aprile, poi, sarà la volta delle compagnie “La Calandra” (di Tuglie) e “Teatro Mascaranu”. Si ritorna a giocare in casa, infine, per gli ultimi appuntamenti (il 12, 26 e 27 maggio) con la “Compagnia degli Ultimi” e l’associazione teatrale “Alitzai”. La prima, per la regia di Mariolina Crespino, darà voce al tema dell’assurdità della guerra con il racconto di una storia fantastica, in cui i bambini giocano a “Rubami il cielo” (è il titolo dell’opera). I sorrisi amari lasceranno il posto a grasse risate, invece, nella commedia in vernacolo “Tre cori e do’capanne”, per la regia di Antonio Gaetani.

Si farà “teatro in tutti i sensi”, dunque, come recita la locandina della rassegna.

                                       RR

Commenta la notizia!