Seclì, bilancio senza “no”

Municipio-Secli-2

Il sindaco Casarano e la capogruppo di minoranza Sonia Giaffreda

Il sindaco Casarano e la capogruppo di minoranza Sonia Giaffreda

SECLÌ. C’era attesa nel Consiglio comunale di venerdì 28 novembre, con all’ordine del giorno l’assestamento di Bilancio per l’anno in corso, per verificare la posizione dei tre consiglieri di minoranza,  Sonia Giaffreda, Antonio Pepe e Ivan D’Amico, dopo che nei giorni scorsi erano stati affissi nel paese  manifesti dal titolo esplicativo “E vai con le tasse”, a firma del loro gruppo di origine “Insieme per una nuova Seclì”. In aula, tuttavia, i tre si sono limitati ad informare circa la loro astensione al voto “essendo già stati assenti nel Consiglio comunale del 25 ottobre in cui fu approvato il Bilancio”.

Già nelle precedenti sedute consiliari,  comunque, il tema delle tasse non aveva acceso grandi contestazioni circa l’operato della maggioranza guidata dal sindaco Antonio Casarano: il 5 settembre, senza opposizioni o proposte alternative, era stato, infatti, approvato il regolamento Iuc per la nuova  tassa dei rifiuti mentre il 30 settembre, il Consiglio diede il via libera, all’unanimità, alla proposta della maggioranza di ridurre del 50% le onerose tariffe dei commercianti e applicare riduzioni scaglionate fino al 40% per le famiglie. Il 25 ottobre la maggioranza ha infine approvato il Bilancio di previsione 2014, con i tre consiglieri di opposizione assenti dopo aver dichiarato di “non essere stati messi in condizione di svolgere il ruolo di controllo e verifica” per finire all’ultima Assise, senza alcuna discussione sulla delibera di assestamento del Bilancio proposta dalla maggioranza e la semplice astensione dell’opposizione. Nella stessa seduta è stato approvato all’unanimità il “Piano comunale degli interventi per il diritto allo studio”: da quest’anno i pasti per i 28 bambini di scuola dell’Infanzia verranno forniti dalla ditta esterna “La Fenice” di Galatone. Invariato il costo per le famiglie.

Commenta la notizia!