Scuole, si inizia, qualche difficoltà e tanti progetti

by -
0 878

Al centro, la dirigente scolastica Filomena Giannelli

Alliste. «Protagonisti del processo formativo e cittadini d’Europa»: la dirigente scolastica Filomena Giannelli definisce così gli alunni dell’istituto comprensivo “I. Calvino” di Alliste che, proprio in questi giorni, si preparano a ritornare sui banchi. Il 12 settembre, infatti, il suono della campanella li richiamerà “all’ordine” all’interno di quella che, anche quest’anno, si candida a “scuola d’eccellenza”, in virtù della preferenza per una didattica laboratoriale, oltre che delle numerose iniziative in cantiere o avviate.

In primis, “Musica 2020”: già attivo nella scuola primaria, si pensa di estendere anche agli altri ordini di scuola questo progetto di educazione musicale, realizzato quasi a costo zero grazie alla solidarietà di alcuni musicisti locali. L’altro è “Classe 2.0”, rivolto alle classi quarte della scuola primaria, con l’obiettivo di dotarle di tutte le nuove strumentazioni tecnologiche a supporto della didattica.

Si tratta, in entrambi i casi, di sperimentazioni nazionali che interessano solo poche scuole in tutta la regione Puglia e, proprio per questo, sono accolte «con immenso onore» dalla dirigente Giannelli. Inoltre, in rete con l’istituto comprensivo 2° polo di Casarano, verrà attivato il progetto nazionale “I care” per l’integrazione scolastica dei diversamente abili, oltre ad alcune interessanti iniziative contro la dispersione scolastica ed altre a favore degli immigrati.

Una scuola che punta in alto, dunque, nonostante le grosse difficoltà legate soprattutto alla riduzione dei collaboratori scolastici che, ridotti di ben due unità (da 18 a 16), dovranno spartirsi nella gestione di ben 9 plessi scolastici, tra Alliste e Felline, per di più in ristrutturazione.

«Una situazione che pesa e che rammarica – commenta la dirigente scolastica – nonostante i notevoli sforzi e la grande collaborazione dell’Ufficio scolastico provinciale e dell’Amministrazione comunale». E la soluzione che il sindaco Antonio Ermenegildo Renna ha in cantiere è l’unificazione dei plessi scolastici di Felline, mentre ad Alliste finiranno forse i disagi per le tre classi di scuola primaria spostate in via Milite Ignoto, che potrebbero ritornare presto “a casa”, in via Montello..

Roberta Rahinò

Commenta la notizia!