Sannicola, Sindaco e vice divisi dai conti del Comune

SANNICOLA. Il vento delle polemiche soffia su Palazzo di città e attraversa la maggioranza di “Sannicola Cambia” che un anno e mezzo dopo la vittoria su “Il centrosinistra per Sannicola”, ora accusa le prime crepe. La contesa ha allontanato, sul piano politico ovviamente, il sindaco Mino Piccione (foto a sinistra) e il suo vice Luigi Colella (a destra), assessore al Bilancio, Rifiuti e Politiche tributarie. L’idillio tra i due avrebbe cominciato a scricchiolare qualche tempo fa, al tempo della scadenza tecnica dell’assestamento dei conti dell’Ente, proprio per divergenze sull’argomento.
Quello di Colella è uno dei nomi “forti” all’interno della lista, figlio di sindaci, un professionista “prestato” alla politica fortemente voluto in lista dallo stesso Piccione. Dal riscontro delle urne Luigi Colella con 473 preferenze personali risultò trai più eletti in “Sannicola Cambia”, secondo solo all’exploit di Ilenia Petrachi (570 voti).

Le divergenze tra la visione politico-amministrativa di Colella e l’operato del resto della giunta, si diceva, ora pare siano insanabili, al punto che Colella starebbe meditando la decisione di “rivedere” la forma e la sostanza del suo apporto politico in seno all’amministrazione-Piccione. Il vicesindaco non ha ancora espresso con atti ufficiali la sua posizione, ma c’è stato un faccia a faccia con Piccione che, secondo i più informati, non è servito a smussare gli angoli. Da “Sannicola cambia”, come si ricorderà, si è staccato nel giugno scorso il consigliere Pinuccio Monteduro, ora indipendente.

Commenta la notizia!