San Simone si prepara per gli eventi dell’estate

by -
0 1593

Sannicola. Una meravigliosa giornata di sole ha fatto da cornice alla terza edizione della Coppa Circolo cittadino di San Simone, organizzata dagli appartenenti al circolo con la collaborazione dell’associazione Bicisport Mazzotta e l’Unione italiana sport per tutti, lega ciclismo per il Giro del Salento, lo scorso 19 giugno.

Gara entusiasmante, che ha incoronato vincitore assoluto Francesco Manco del Gruppo ciclistico capo di Leuca, Salvatore Ciurlia del team Magliano al secondo posto e Maurizio Iaconisi del team Calcagni al terzo.
Per le categorie, da A1 ad A5 hanno trionfato Roberto Cosma, Pasquale Palomba, Carlo Calcagni, Roccuccio De Ramundo, e Gerardo Urso. Strage di punti ha fatto il team Calcagni, ben 41, cui seguono i gruppi Top Speed e Superbyke. Fantastiche anche le donne Annalisa Recchia e Roberta Scafa.

«Siamo una piccola realtà – spiega il presidente del Circolo cittadino Giorgio Donadei – ma riusciamo a coinvolgere tutte le comunità vicine con le nostre iniziative che comprendono gare sportive, motoraduni, mostre e sempre almeno una gita l’anno».

Luigi Pisanello e Salvatore Muci, soci fondatori del Circolo, nel lontano maggio del 1975, ricordano da sempre la passione per il ciclismo: «Seguivamo le gare di Gianfranco Pisanello, nostro compaesano e ora campione italiano cronometro a coppia, in tutta la Puglia, sin da quando lui era bambino, ma già campione, e noi giovani fan organizzandoci con le vespe per arrivare sino a Bisceglie».

Tra gli eventi in preparazione per l’estate appena iniziata ci sono già la mostra pittorica di Cosimo Sponziello, nativo di Tuglie ma a tutti gli effetti cittadino Sansimonese, che si dovrebbe tenere alla fine di luglio e a cui si aggiungerà una mostra sulla “Cucina della nonna”.

«Ma non finisce qui. Stiamo raccogliendo materiale – afferma Daniele Leo, responsabile delle Attività culturali dell’associazione – per una pubblicazione sui reduci della prima guerra mondiale e sull’importanza che hanno avuto, dopo quella terribile esperienza, nello sviluppo economico e sociale della nostra comunità, con la loro incontenibile voglia di vivere e ricominciare»

Maria Cristina Talà

Commenta la notizia!