Home Temi Turismo
Notizie su turismo e accoglienza turistica dalla rete dei Comuni di Piazzasalento

Centro storico di Gallipoli

GALLIPOLI. Gallipoli è fra le cinque località più economiche per farvi le vacanze in luglio e in agosto: è quanto emerge da uno studio in cui sono state esaminate circa 500mila richieste di prenotazione di alloggi per vacanze. Il costo notte nella città jonica è stato di 70 euro, contro gli 80 dell’Isola d’Elba e 82 del Lago di Garda. Più “risparmiose” di Gallipoli definita “capitale del divertimento e della vita notturna”, risultano secondo questo campione Trapani (57) e Riccione (49).

L’indagine è stata condotta dall’agenzia di comparazione di affitti di alloggi per vacanze “Likibu” ed è vasata sulle prenotazioni di italiani ed europei. Il budget per una settimana almeno è stato di 1.078 euro, che scende per gli italiani 943 euro e sale per francesi (1.107), inglesi (1.190) e tedeschi (1.227 euro). Novantadue giorni è il tempo di prenotazione medio; 81 per gli italiani. Destinazioni preferite? L’Italia per il 32% degli italiani, ma la meta preferita dei turisti dell’Ue è invece la Spagna (27%), secondo anche tra le mete degli italiani. Per i prezzi più convenienti comunque l’Italia non la batte nessuno sempre in tema di costo di un tetto per la vacanza. Infine il soggiorno medio degli italiani è di nove notti.

GALLIPOLI. E’ dedicato ai sapori pugliesi l’appuntamento di domenica 24 con l’iniziativa “99 Borghi – #raccontodiPuglia” promossa da Confcommercio Puglia in collaborazione con Confguide Puglia, Regione Puglia e Pugliapromozione. E tra i 99 borghi protagonisti domenica brilleranno anche Gallipoli, Ugento, Tricase, Supersano, Galatina e – naturalmente – Lecce. Il progetto, giunto alla quarta edizione, ha lo scopo di far riscoprire i borghi di Puglia spesso turisticamente dimenticati ma ricchi di storie e tradizioni, grazie alle guide turistiche abilitate dalla Regione Puglia, organizzate da Confguide – Confcommercio, le quali saranno ambasciatori del territorio, dello stile di vita e dell’immagine turistica del territorio e della comunità. Nelle sue tre edizioni ha coinvolto nel tempo più di 90 comuni della Puglia, con un riscontro di pubblico notevole: più di 5mila prenotazioni online per le visite guidate e quasi 13mila partecipanti in tutto.

La partecipazione all’evento è gratuita e le visite guidate si svolgeranno durante la mattina con inizio alle ore 10. A Gallipoli il punto di ritrovo sarà il piazza Aldo Moro, con visita a: Santuario del Canneto, chiesa di Santa Cristina e Fontana Antica; Cattedrale dedicata a Sant’Agata tra barocco e carparo. Sosta in piazza per scoprire la lavorazione del giunco, arte antica di intreccio per realizzare le nasse, attrezzi da pesca. La visita alla Chiesa della Madonna della Purità permetterà ai fruitori di conoscere le confraternite e i riti della Settimana Santa. Gli appuntamenti negli altri borghi da visitare: Galatina (punto di ritrovo corso Porta Luce, 1);  Supersano (punto di ritrovo piazza Quattro Fontane); Lecce (punto di ritrovo Porta Napoli – piazzetta Angelo Rizzo); Tricase (punto di ritrovo piazza Giuseppe Pisanelli); Ugento: (punto di ritrovo piazza Colosso n. 10).

È possibile seguire l’iniziativa sui social tramite la pagina Facebook e il profilo Instagram “99 borghi”. Per informazioni: www.99borghi.it

LEUCA. Trasformare i classici itinerari turistici in viaggi narrativo-esperienziali è l’obiettivo del progetto “Dal racconto la bellezza”, che sarà presentato domenica 27 agosto (ore 17) presso la sala riunioni della Basilica di Santa Maria de Finibus Terrae, a Leuca. Diretto dall’associazione Liquilab e sviluppato da uno staff composto da Ornella Ricchiuto, Ippolito Chiarello, Eugenio Imbriani e Giuseppe Ricchiuto, il progetto prevede l’individuazione di nuove terminologie e narrazioni per il racconto corale dei luoghi del Salento, attingendo all’antropologia, all’arte e a tutto quel patrimonio immateriale fatto di credenze popolari, leggende e folclore.

Durante l’incontro di domenica 27 agosto, dopo i saluti istituzionali da parte dell’Amministrazione comunale di Castrignano del Capo, il tavolo di discussione sarà aperto al focus group “Dal progetto alla visione”, cui prenderanno parte gli stakeholder dello sviluppo locale, con Giuseppe Ricchiuto di Liquilab e Daniela Talà (Sannicola) di Artis Puglia Sviluppo nel ruolo di facilitatori.

Alle 19 si prosegue al faro di Leuca, dove attori, musicisti, performer, danzatori e cantanti della “Compagnia Liquilab” metteranno in scena il percorso narrativo “Sul calar del tramonto Melisso e Arìstula, turbine d’amor e castigo. La leggenda di Leucàsia”, per la regia di Ippolito Chiarello. Gianluca Preite (accompagnato da Giorgia Santoro e Manuela Rorro) racconterà i luoghi con la voce narrante dell’Ulivo, simbolo del Salento e testimone dello scorrere del tempo. A viaggiatori e partecipanti il compito di farsi esploratori, cercando nell’esperienza del viaggio le proprie radici, per connetterle all’anima profonda del territorio che si sta visitando. Ingresso gratuito. Info al 348 3467609.

Gallipoli – Botta e risposta tra l’Associazione commercianti e imprenditori e l’Amministrazione comunale. Tema: le prime valutazioni della stagione in corso, i nodi da sciogliere, le cose che sono cambiate. Venerdì scorso il presidente dell’associazione, Matteo Spada, con una nota ha toccato tre punti critici, partendo dalla premessa del calo registrato da più parti, ben maggiore – si afferma – del 10% in meno diffuso dalla sezione Turismo di Confindustria della provincia di Lecce: Noi abbiamo registrato un calo del 15-20%, con punte del 30”, sostiene Spada, per il quale ci sarebbe stata “impreparazione nell’affrontare la stagione estiva rispetto all’anno scorso”. Il “modello Gallipoli”, discusso nel bene e nel male, “non dà i frutti sperati” e quindi andrebbe rivisto da subito in chiave 2018. “Ciò che andrebbe da subito scongiurato è l’innesco di una spirale negativa che potrebbe mettere in evidenza il lassismo”, produttore di problematiche ricorrenti e scoraggianti per gli investimenti. L’associazione inserisce tra le principali criticità la litoranea per questioni di sicurezza e di decoro. Infine, viene lamentata la carenza di eventi promossi dall’Amministrazione comunale: “Come mai non si trovano le ricorse economiche necessarie per finanziare manifestazioni pubbliche? Come mai la capofila dell’industria turistica del Salento non può permettersi di ospitare eventi, a differenza di altri centri anche più piccoli?”.

La replica è a firma di Emanuele Piccinno, assessore delegato per questo settore. “Quello segnalato dall’associazione è un calo che ha colpito la città,  ma calo di cosa? Flussi turistici? Vendite dei locali commerciali? Affluenza? Parlare di calo generico appare troppo irrisorio;  generalizzare, in questo caso, si traduce in banalizzare un processo che  richiede molta più attenzione e analisi”, attacca Piccinno. Il ‘Modello Gallipoli’ “per qualcuno in crisi, può vantare tante  piccole conquiste e chi ha buona memoria e conosce la macchina  amministrativa sa quanto il meccanismo sia migliorato”, Dopo aver invitato il sodalizio di Spada a guardare oltre “il proprio orticello”, Piccinno ribatte punto per punto, non senza aver rimproverato i “cacciatori di like su Facebook” ricorrendo a video foto e commenti che arrecano “danni soprattutto a sé stessi”. Dunque, la litoranea sud: “Semplicemente posticipati di un mese, i lavori continueranno il primo di ottobre al fine di garantire maggiore  sicurezza e decoro”. Gli eventi “mancati”; “Gli eventi nel periodo estivo non sembrano mancare, le  risorse sono state spalmate su una serie di proposte in tutto l’arco  dell’anno come il concerto della Notte della Taranta che si può  sicuramente annoverare tra le manifestazioni locali e tradizionali più  importanti e che cerchiamo di confermare per il prossimo anno per destagionalizzare l’offerta. I soldi  spesi sono tangibili nel Gallipoli in Poesia, nel Salento Book Fest, nel  Premio Barocco, negli eventi in collaborazione con la Pro Loco e in  tanti altri eventi. Mi chiedo – conclude Piccinno – è meglio concentrare tutto in estate e non  spalmare le presenze? Come mai tutti i trends registrano un aumento delle  presenze a maggio e giugno e i vostri dati sono in calo? Da aprile fino  a luglio vi è stato un plus accertato sulle presenze che sicuramente non  vi è stato negli anni passati”.

 

GALLIPOLI. Su 27 appartamenti preventivamente individuati ed oggi ispezionati, ben 24 sono risultati superaffollati e quindi sanzionabili in base all’ordinanza del Sindaco Stefano Minerva del 12 luglio scorso. Sono i risultati dell’ultima operazione della Guardia di finanza, Compagnia di Gallipoli, nelle zone di Baia verde e Torre San Giovanni della pedata. In 24 abitazione sono state contate 181 persone ospitate, di cui 15 minorenni. Per ogni persona in più rispetto ai parametri in vigore, il proprietario dell’appartamento deve pagare 350 euro, previsto inoltre lo sgombero anche coattivo.

Si rileva che l’anno scorso i controlli di questo tipi nelle zone già note per l’alto numero di alloggi abitati solo durante la stagione estiva, furono soltanto tre. Quest’anno il numero sarà sicuramente superato poichè si prevedono altre verifiche a tappeto.

Dall’inizio dell’estate le Fiamme gialle fanno sapere di aver  ispezionato 84 appartamenti con 496 persone alloggiate; contate 66 violazioni per 177 persone in più e per un totale di 62mila euro di multe. Si tratta, si fa notare inoltre, di un fenomeno “comune a tutte le città a vocazione marcatamente turistica” che inquina pesantemente, tra le altre cose, il mercato legale delle affittanze di alloggi.

GALLIPOLI. L’ondata ferragostana non c’è stata. Il sabato prima del fatidico 15 agosto, di solito c’era il caos in via Taviano e nell’area adiacente il cimitero del Terminal del bus in arrivo dal Nord, dal Centro e anche dal Sud Italia. Oggi no, oggi è sembrato un giorno estivo qualsiasi, a detta di tutti: autisti del servizio navette, addetti dei vicini bar e conducenti di pullman, abituati a vedere ben altri scenari qui a Gallipoli. Di ragazzi ce n’è tanti, in partenza e in arrivo, e ad ascoltarli un primo campanello che segnala cambiamenti in arrivo lo si percepisce. “Questo è il terzo anno consecutivo che vengo a Gallipoli – afferma Nicola, un ragazzo di Napoli mentre preleva il suo trolley dalla navetta per andare verso il  pullman che lo porterà a casa – e devo dire che ci siamo abbastanza divertiti. Ogni giorno siamo andati in spiaggia al Samsara e la sera insieme ai miei amici abbiamo fatto il giro di tutte le discoteche. Però questo è l’ultimo anno che verrò qui, alla fine ci sono sempre le stesse cose già viste, ora vogliamo  qualche cosa di nuovo. Il prossimo anno sicuramente troveremo un’altra meta. Chissà, magari torneremo tra qualche anno per vedere se ci sono novità”.

Accanto a lui altri ragazzi sono pronti a ripartire. “Noi abbiamo preferito venire a fare una vacanza i primi giorni di agosto perché volevamo vedere il concerto di J-Ax e Fedez al Parco Gondar – afferma Marco, circondato da alcuni amici tutti di Cassino – e adesso stiamo ripartendo, perché abbiamo saputo che a Ferragosto qui a Gallipoli c’è troppo caos. Abbiamo anche fatto il giro di tutte le discoteche e siamo andati anche ad una serata dello Zen a ballare in spiaggia; adesso si va contenti. Tanto abbiamo visto tutto, non c’era più niente di interessante da vedere. Noi siamo venuti solo per i locali”.

Partiti i primi pullman, ecco arrivare gli altri ragazzi, questa volta da Torino, eccitati ed emozionati di vivere una vacanza in quella città così famosa e “piena di vita giorno e notte”; ne hanno sentito parlare tanto dagli amici (che ci sono già stati) e di cui hanno letto tanto su internet. “Abbiamo saputo che questa è la nuova Ibiza, non potevamo mancare – dice Sonia – qui si dice che il divertimento è assicurato a tutte le ore. Siamo venuti per andare in discoteca e ai concerti, per ballare e non pensare a niente”.  Accanto a lei, una sua amica afferma di essere venuta anche per rilassarsi e godersi il mare; ma appena gli amici la sentono dire questo, ribattono scherzando che di sicuro se ne andrà più stanca di quando è arrivata. Perché a Gallipoli “non c’è tempo per dormire”.

MANCAVERSA. Mancaversa apre al turismo anche con l’attivazione dell’“Info point”. Lo sportello aperto in piazza Sant’Anna nella marina di Taviano offre informazioni ai villeggianti ogni giorno, festivi compresi, dalle ore 9 alle 23. Si tratta di un’iniziativa promossa dall’Amministrazione comunale nell’ambito dell’avviso pubblico relativo ai Comuni che aderiscono alla rete regionale. Oltre a distribuire gratuitamente materiale informativo e promozionale sul territorio, l’Info point fornisece supporto all’accoglienza degli ospiti, supporta gli utenti nella consultazione del database dell’Agenzia Pugliapromozione ed offre assistenza turistica e sanitaria nei confronti dei turisti stranieri in merito all’utilizzo del Servizio sanitario nazionale.
Il personale dello sportello, dotato di badge e di idonee divise identificative, si occupa anche dell’animazione dei principali social network in occasione di eventi e manifestazioni pubbliche, coinvolgendo gli utenti nella condivisione di notizie, immagini e video. È data, inoltre, la possibilità agli operatori economici del territorio di esporre i propri prodotti enogastronomici, artigianali ed artistici, oltre che organizzare giornate aperte al pubblico in occasione delle quali sarà possibile effettuarne la vendita negli spazi antistanti la sede dell’Info Point, mediante personale messo a disposizione dagli operatori interessati.

GALLIPOLI. “A Gallipoli adesso c’è troppo caos, meglio andare altrove”. Pare essere questa la considerazione principale, a detta di numerosi operatori turistici, che orienta la scelta dei vacanzieri verso altre mete salentine, in questo particolare periodo “dedicato” all’esercito di adolescenti, o poco più, che già da questo sabato ha invaso la città, mentre calano in quasi tutte le strutture ricettive le presenze nella prima settimana da agosto. Dai campeggi ai B&b, dagli alberghi alle case vacanza, la valutazione in negativo è unanime. La conferma da un altro dato: alcuni grandi tour-operator propongono offerte proprio per questi primi giorni di agosto.

Uno dei motivi considerati fisiologici secondo gli operatori è il fatto che chi le ferie in questo mese, preferisce la seconda settimana. “Certamente – chiosa Mario Emanuele Barba- presidente dell’associazione Bbed and breakfast- tutto questo gran parlare di caos, sporcizia, prezzi elevati ed altro ci sta penalizzando. Così come le difficoltà organizzative relative ai parcheggi e ai trasporti locali. Il clamore mediatico e la pubblicità negativa che purtroppo anche da soli ci stiamo facendo stanno portando questi risultati. C’è un evidente livellamento in basso per tutti nel mese di agosto o per chi lavora solo con una certa clientela”. Commenta Andrea Coppola dell’agricamper Torre Sabea: “Il calo in questa prima settimana è evidente, purtroppo la clientela di giovani adulti e famiglie sceglie sempre meno Gallipoli in questi giorni caotici mentre i più giovani tendono a prenotare a ridosso di Ferragosto”.

Anche luglio non è stato dei migliori, nonostante le rosee aspettative di un giugno, a detta di tutti, sopra la media.  “La tendenza ormai è questa – commenta Vito Ria titolare di tre strutture alberghiere- la prima di agosto si fatica a riempire in particolare ora che l’offerta è aumentata tanto, la tariffa media pro capite per pernottamento è scesa parecchio e per questo periodo la richiesta è calata del 10%. Assistiamo però ad un piacevole aumento di presenze nei mesi di giugno e settembre che vanno a compensare”. Quando evidentemente il turista informato sa di trovare una Gallipoli più godibile. Intanto che si decida il da farsi, a Baia Verde è tutto un altro affare: il primo round è iniziato tra sabato e domenica, in migliaia sono arrivati. Assiepati ad ogni angolo, con trolley e buste della spesa, in fila per un prelievo bancomat, per un cornetto, per fittare una bicicletta o in attesa di una navetta che li traghetti verso la trasgressione. E la litoranea al buio del crepuscolo è tornata ad essere il solito girone infernale.

 

Il nuovo lido in costruzione a Leuca

LEUCA. L’iter amministrativo che ha portato, a Santa Maria di Leuca, all’apertura di un lido balneare accanto alle bagnarole ottocentesche finisce nel mirino della Regione Puglia. È stato il coordinatore nazionale dei Verdi, l’onorevole Angelo Bonelli, a sollevare il caso e inviare una documentazione fotografica direttamente al Governatore Michele Emiliano. «Le segnalo che nel comune di Castrignano del Capo sono in corso di ultimazione i lavori per la realizzazione di uno stabilimento balneare in una delle ultime spiagge libere di quel territorio. I lavori – ha scritto Bonelli –  sono stati autorizzati dal Comune con permesso di costruire n.121 del 22.12.2016 ma la concessione sul demanio marittimo è stata rilasciata il 3.04.2017 con numerazione n. 2. Come è possibile che sia stato rilasciato un permesso a costruire quando ancora il titolo giuridico della concessione non era stato rilasciato?». Emiliano ha annunciando l’apertura di un’istruttoria.
«Abbiamo attivato un sistema di vigilanza civica e istituzionale – ha risposto Emiliano – quello che ho visto, dalla galleria di immagini che ha avuto la sensibilità di girarmi, colpisce, a prescindere dalla legittimità delle procedure concessorie e autorizzatorie rilasciate dal Comune. Su mia sollecitazione, l’assessore e la struttura regionale competente hanno già provveduto ad attivare l’Autorità marittima per l’acquisizione della documentazione istruttoria comunale. Non appena riceverò gli esiti della verifica tecnico-amministrativa e di compatibilità al Piano Regionale delle Coste – ha assicurato – la informerò di ogni notizia in merito alla regolarità».

Al centro il presidente della Provincia, Antonio Gabellone

GALLIPOLI. Installazione di telecamere, vigilanza privata, rispetto rigoroso della capienza massima dei locali e degli orari di chiusura; maggiore illuminazione esterna in certi luoghi, accessibilità assicurata ai mezzi di primo soccorso e contrasto agli abusi di alcool (ogni locale si dovrà infatti dotare di un etilometro portatile: via chi avrà un tasso alcolemico sopra la soglia consentita). Queste le misure adottate per quest’estate dal Comune di Gallipoli nella lotta all’abusivismo e all’illegalità e per una maggiore sicurezza . E’ stato appena firmato infatti dai Comuni di Gallipoli, Lecce, Castro, Nardò e Porto Cesareo il Protocollo d’intesa per la sicurezza nei locali di intrattenimento attuativo dell’Accordo quadro nazionale del 21 giugno dell’anno scorso. Come riportato su uno specifico articolo di Piazzasalento di giugno,  dopo la “circolare” emanata dal Capo della polizia Franco Gabrielli circa competenze e responsabilità nella sicurezza degli eventi pubblici suddivise tra questore, prefetto, sindaco e operatori privati,  anche a Gallipoli l’Amministrazione comunale si era mossa in quest’ottica, vietando la vendita entro i 500 metri durante i grandi eventi di alcool e bibite in lattina, e chiedendo un rafforzamento per l’estate di polizia e carabinieri, con maggiori controlli dell’abusivismo. Il documento è stato sottoscritto anche dal Presidente della Provincia Antonio Gabellone, dalla Camera di Commercio insieme alle associazioni di categoria Federalberghi, Confesercenti, Federbalneari oltre ai Sindaci dei cinque centri turistici. Presenti inoltre le forze dell’ordine come Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco e Capitaneria di Porto insieme a gestori e imprenditori di noti locali salentini.
Il Protocollo sottoscritto infatti riguarda “azioni atte a favorire sempre più una diffusa cultura della legalità con particolare riferimento dunque ai locali d’intrattenimento”.
“Più controlli e più collaborazione tra le parti – sottolinea il Sindaco di Gallipoli Stefano Minerva – più illuminazione, più vigilanza, più attenzione nei confronti di chi esagera con l’alcool. In questi giorni poi le forze dell’ordine stanno controllando la nostra città: non ci fermeremo, inaspriremo i controlli e garantiremo ai cittadini e ai turisti la sicurezza che meritano”.

GALLIPOLI. Trentasei nuovi bus delle Ferrovie Sud Est da domani, 5 agosto, saranno per strada lungo le tratte Lecce-Gallipoli (con un incremento di tre corse quotidiane rispetto a quelle attuali), Lecce-Leuca (più 5 corse) e Lecce-Maglie-Otranto (più dieci). Questi collegamenti aggiuntivi sono in funzione da domani per tutti i giorni della settimana. Questo programma regionale è stato varato il 2 agosto scorso, a fronte di una situazione insostenibile venutasi a creare, com’era prevedibile, per il Salento in particolare, tra difficoltà vecchie sulla linea aeroporto di Brindisi-provincia di Lecce, problemi più recenti della società delle Fse oggi Trenitalia ancora in cerca di un assestamento decente, proteste a non finire degli utenti. Ancora questa mattina a Gallipoli una donna che doveva prendere il treno per Lecce previsto per le 10,45, si è sentita rispondere che era stato soppreso. Ha dovuto quindi attraversare la città per vedere di trovare un posto su di un pullman di Salentoinbus in transito nell’area vicino al cimitero. Giorni fa proprio sulla Lecce-Gallipoli si è saputo (la comunicazione non è proprio tra i pezzi forti della Fse) della soppressione di alcuni treni della mattinata, sostituiti con autobus dagli orari di partenza ed arrivo molto approssimativi.

“Facciamo un tavolo permanente” ha annunciato il presidente della Regione Michele Emiliano. Il suo assessore ai Trasporti Antonio Nunziante ha fissato una cadenza mensile al capezzale di un vecchio sistema che rischia di morire di debiti, corruzione e discredito dei viaggiatori.

GALLIPOLI. Per chi volesse trascorrere serate al fresco in riva al mare, “Lido Zen” e “Zeus Beach” propongono le loro “Notti sul mare”. Presso il Lido Zen il 4 agosto si terrà la serata a tema “We love 2000”, mentre il 12 agosto protagonista assoluto sarà il dj Tommy Vee. Il 14 agosto ci sarà la serata “Vida Loca”, mentre a Ferragosto “Ignorant Bomber”. Si ripeterà la serata “I love 2000” giorno 18, mentre il 19 agosto “Ema Stokkolma” riempirà lo Zen con la sua musica. Le serate dello Zen si concluderanno il 21 agosto con “Vida Loca”. “Le notti di Zeus Beach”, invece, inaugurate lo scorso 31 luglio con l’ “Happy Bday Party”, per festeggiare i 25 anni di attività, proseguiranno ad agosto nelle giornate del 6, 9, 10, 12, 13, 14, 16, 19 e termineranno il 21. Si ballerà sulle note della musica delle varie serate a tema: “dai White Party”, alle serate “Lecca lecca”(con distribuizione di prodotti attinenti), dalla serata “Tutti frutti” alle serate di musiche anni ’90. ADM

by -
0 176

CUTROFIANO. Apre a  Cutrofiano lo sportello informazioni per turisti e visitatori. Sino al 17 settembre ci si potrà rivolgere ogni giorno, dalle 10 alle 12 e dalle 18 alle 21, presso l’ex municipio di via Giovanni Bovio (telefono 0836/512461) per essere aggiornati e guidati sulle principali attrattive del paese della Grecìa Salentina. Sarà possibile ricevere informazioni in merito al centro storico, al museo della ceramica, alle botteghe artigiane della ceramica e della terracotta, al parco dei fossili, al museo malacologico, alla cripta paleocristiana di San Giovanni, ai frantoi ipogei, alla casa dei santi e non solo. Sarà possibile prenotare le visite alle due fornaci: una d’età romana del III secolo, testimonianza più antica dell’attività figulina, e l’altra a legna del XVIII secolo, utilizzata fino agli anni Sessanta e ora che viene accesa solo per le grandi occasioni. Si potranno conoscere le attività ricettive e della ristorazione per degustare i piatti e i dolci della tradizione, i gelati dai gusti originali, le pietanze vegane e i prodotti rigorosamente biologici, accompagnati dai rinomati vini, le cui etichette sono famose e richieste anche all’estero.

Per l’occasione, alcune botteghe resteranno aperte al pubblico in modo da far ammirare, dal vivo, la creazione dei manufatti d’argilla, nonché la relativa precisione nella decorazione dei vasi e dei recipienti, conoscendo, così, l’antica arte della lavorazione della ceramica. «Stiamo investendo tanto nell’offerta turistica sostenendo le attività promozionali a favore del territorio e delle sue peculiarità», fa sapere il sindaco Oriele Rolli. Dal 13 al 22 agosto, intanto, tornerà la tradizionale mostra della ceramica artigianale, giunta alla 45esima edizione. Tanti altri sono, inoltre, gli eventi in programma per i quali il sindaco invoca il supporto della Regione Puglia,  “che dovrebbe riconoscere l’impegno dell’Amministrazione comunale nei confronti della propria comunità e contribuire, concretamente, allo sviluppo economico e culturale”.

Bici d’estate a Gallipoli

GALLIPOLIBiciclette protagoniste dell’estate gallipolina, nel bene e nel male. Assodato che si tratti del mezzo di locomozione di gran lunga prescelto dai giovani vacanzieri, è altrettanto certo, però, che le stesse “due ruote” possono essere un pericolo per pedoni e automobilisti. «La bicicletta è ecologica, non inquina e decongestiona pure il traffico, ma quando non si rispettano le norme della circolazione stradale, come accade  qua in città, è un pericolo di cui si farebbe ben volentieri fare a meno», afferma una signora che, nei giorni scorsi, per poco non è stata investita sul lungomare Galilei da uno dei tanti giovani in vacanza. In piazza Tellini, invece, ad essere stato investito dalle biciclette sul marciapiede è stato nei giorni scorsi il gallipolino Vincenzo Occhilupo, fermo a conversare con alcuni amici. In questo caso i ciclisti hanno pure proseguito la loro passeggiata senza neppure accertarsi delle condizioni del pedone, soccorso poi dai presenti. Il problema è che spesso e volentieri chi va in bici sale sui marciapiedi, percorre strade contromano e magari trasporta con se ombrellone e zaino con il cellulare in mano. I pericoli aumentano la sera anche perché la quasi totalità delle biciclette circola senza luci regolamentari. Per far fronte al problema (segnalato al sito piazzasalento.it da molti lettori), l’Amministrazione comunale è corsa ai ripari obbligando i gestori a noleggiare  solo biciclette munite di regolare fanalino anteriore e posteriore. Ma la situazione, al dire dei più, non è per nulla migliorata. Un problema in più, insomma, per l’assessore Dario Vincenti (sue le deleghe a Polizia urbana, centro storico e viabilità) che già deve far fronte ad altri problemi  irrisolti, come quello dei vigili urbani ancora senza comandante, dei tavolini selvaggi e delle  violazioni in materia sanitaria e del commercio. «Siamo ben consapevoli anche di questo fenomeno, che non è facile da debellare. Qualcosa è stata pure fatta  ma con le tante emergenze da affrontare, si cerca di tenere testa ai problemi  più gravi e più urgenti.  Verso Ferragosto, a concorso espletato, avremo un numero maggiore di vigili e potremo attrezzarci meglio», fa sapere l’assessore.

by -
0 403

Turisti nel centro storico

GALLIPOLI. Comuni mobilitati per partecipare al bando da 16 milioni della Regione per realizzare manifestazioni attraenti da ottobre a maggio prossimi, cioè in “bassa stagione” dal punto di vista turistico. Nei giorni scorsi Castrignano del Capo, con Leuca e Patù e Gagliano hanno sottoscritto un accordo per concorrere insieme a questa operazione di destagionalizzazione del flusso dei visitatori, finora troppo concentrato nei due mesi estivi. Gallipoli ha invece tenuto un incontro con i vertici di “Puglia promozione”, agenzia della Regione, per definire alcuni ambiti di fondo. Tutti i Comuni in gara devono però fare i conti con i tempi tecnici  necessari alla preparazione di progetti il più possibile adeguati allo scopo, mentre la Giunta regionale preme per varare l’avviso pubblico al più presto e poter iniziare il programma di eventi già da ottobre. Il cronoprogramma regionale, qualora venisse attuato, costringerebbe le macchine burocratiche comunali a funzionare a pieno regime in agosto, quando già la quotidianità assorbe molte delle risorse disponibili, come si può riscontrare nelle località turistiche più affollate tipo Gallipoli. Queste difficoltà sono state fatte presente ai dirigenti regionali che però premono per assegnare il prima possibile i fondi agli Enti locali che risulteranno vincitori. Un dilemma che denota, al di là dell’esito finale, una insufficiente programmazione su di un tema così delicato ed a lungo perseguito: spalmare i villeggianti che desiderano venire nel Salento lungo un arco di tempo che duri un intero anno.

A Mancaversa, frazione di Taviano, si fanno sempre più passi  avanti  verso una disabilità sostenibile

MANCAVERSA. A Mancaversa, frazione di Taviano, si fanno sempre più passi  avanti  verso una disabilità sostenibile, anche pensando alla fruibilità del mare e a presentare ai turisti e villeggianti una marina sempre più a misura d’uomo. “Stiamo lavorando con molta attenzione per pulire i litorali ma, soprattutto – spiega la delegata alla Marina, Barbara D’Argento – per lasciare i luoghi sempre più incontaminati soprattutto per attirare quei turisti che prediligono la natura. Abbiamo tenuto cura e attenzione verso le calette sabbiose che si alternano sul litorale marino, perché sono i punti dove la gente preferisce puntare per fare il bagno e godersi il sole”. Una marina insomma tranquilla e lenta, senza assordanti rumori dove la vita defluisce lentamente, dall’alba al tramonto.

Tutti i servizi sono in funzione nella marina, tranne il Bancomat, che sarà in funzione nel giro di pochi giorni. Quest’anno, poi, grazie alla generosità del geologo, Umberto Cimino, che ha destinato alla comunità tavianese il ricavato della sua pubblicazione “Alla scoperta dei geositi”, è stata realizzata sulla spiaggia verso Paterte una comoda passerella (foto) per raggiungere la sabbia anche da portatori di disabilità. Inoltre a disposizione di chi ne ha necessità c’è la sedia da mare Job (foto) che consente di andare in acqua da seduti. Questa specifica attrezzatura è stata lo scorso anno dall’associazione “Le Ali di Cristina” ed è disponibile gratuitamente presso la Delegazione comunale in piazza Sant’Anna.

Turisti nel centro storico

Turisti nel centro storico

GALLIPOLI. Dal protocollo d’intesa con i sindacati per l’utilizzo ottimale dei fondi strutturale europei al patto per un programma di medio termine per popolare di turisti la città da ottobre a maggio: se si pensa anche agli incontri con i Comuni vicini in chiave rilancio delle Sud Est, l’Amministrazione comunale jonica è impegnata in questi giorni su di una serie di fronti che prospettano iniziative e innovazioni per il futuro prossimo, più che sull’attualità. Nei giorni scorsi il Sindaco Stefano Minerva e la responsabile dell’Ufficio Turismo, Adele De Marini, hanno incontrato a Bari il commissario Luca Scandale e i dirigenti delle varie aree in cui è suddivisa l’agenzia Puglia Promozione, ente della Regione Puglia che si occupa di promozione territoriale. All’invito giunto da Bari il Comune ha subito risposto mettendo sul tavolo l’obiettivo da raggiungere da qui a 3-4 anni: mettere in campo azioni mirate a creare flussi turistici al di fuori del periodo estivo “spalmando da ottobre a maggio – si legge nella nota della portavoce Eleonora Tricarico – eventi attrattori per visitatori ex regione”. “Così come confermato nel corso della riunione – il commento di Minerva – è la prima volta che Puglia Promozione convoca ufficialmente un Sindaco per lo sviluppo  di una strategia integrata. Collaborare sistematicamente e  sinergicamente con Puglia Promozione, che vanta  grandi numeri e professionalità, è un grande passo in avanti. Soprattutto, significa molto per una città come Gallipoli che,  nonostante la fama in ambito turistico, necessita di un percorso  strategico atto a garantire costanza dal punto di vista dell’affluenza  incoming”.

 

GALLIPOLI. “Il posto è bellissimo,  ma i servizi dove sono?”, afferma tra l’ironico e il deluso Valerio, un turista romano in vacanza a Gallipoli. “C’è un traffico impazzito – prosegue – ed è un’impresa trovare parcheggio, anche a pagamento. Ogni sera, non potendomi portare l’auto in camera, sono costretto a mandare avanti moglie e figlia, mentre io attendo che si liberi un posto”.

Non è il solo a lamentare simili disservizi; chi arriva in città in questo periodo si trova di fronte a ostacoli e disagi non previsti, tali da suscitare anche proteste come quella recente dei commercianti aderenti all’omonima associazione, incentrata sul parcheggio più ambito, quello del porto con 300 posti auto che una recente ordinanza sindacale ha portato a 400 ma che dovrebbe raggiungere i 750 alla fine delle iniziative in corso con Capitaneria di porto e Prefettura. Lo scopo è quello di limitare il più possibile gli ingorghi in uscita ed anche per potervi  accedere, con conseguente paralisi del lungomare Marconi per chi proviene dalla Statale 101.

L’Amministrazione comunale è corsa ai ripari, intanto, per ridurre al minimo l’ingresso di automobili in città e in particolare nel centro storico, che è anche isola pedonale: ha dotato di bus navetta le zone adibite a parcheggio nelle vie Zacà (sulla via per Taviano)  e  Rossellini (sulla via per Chiesanuova di Sannicola): la delibera della Giunta, immediatamente esecutiva, è del 4 luglio scorso ma, a distanza di dieci giorni dei bus navetta non si intravvede nemmeno l’ombra (i cartelli ci sono ma si nota solo la presenza delle navette private) e  i due nuovi parcheggi continuano a rimanere desolatamente vuoti e privi di cartelli che indichino i collegamenti agibili per raggiungere la città. Non un cartello, non un segnale; l’unico a dare segni di vita è un parcometro con l’orologio funzionante.

villa teseo alezioALEZIO. Una vacanza di qualità in un dimora antica circondata da case coloniche che fanno del complesso un piccolo villaggio. Si arricchisce di quest’altro tassello l’offerta turistica di Alezio, che diventa sempre più corposa e variegata. Messi a posto gli alloggi dei coloni e le altre servitù durante l’inverno, “Villa Teseoˮ, in contrada Prandico, è pronta ad accogliere gli ospiti con un luglio già da tutto esaurito. In un contesto ampio quattro ettari, con un bosco di querce e una piscina con idromassaggio, i “giardini chiusi” con salotti di pietra caratteristici delle ville costruite nella seconda metà del ‘700 e di quel Barocco rurale, “Villa Teseo” attende chi cerca quiete, relax, storia e ogni servizio utile per delle vacanze da ripetere. Dalla residenza, per come l’hanno preparata i titolari Stefano Teseo e Mara Gabellone, a pochi km dal mare, pare sia difficile allontanarsi, una volta accolti da un ambiente che ha attratto nei secoli scorsi anche un discendente – un magistrato – della nobile famiglia siciliana dei Tomasi di Lampedusa, come testimonia una recente scoperta di una stele commemorativa. «Abbiamo ospitato nei giorni scorsi cinque giovani di Taranto – racconta Mara Gabellone – arrivati qui per poi andare a vedere Gallipoli per la prima volta, come era nelle loro intenzioni. Solo che una volta sistemati, non se ne sono staccati più se non per ripartire verso casa…». Del resto, qui – rilevano i proprietari – non manca nulla, compreso un piccolo orto, l’area barbecue o lo spazio per animali domestici da tenere tranquillamente nei giardinetti privati degli appartamenti, tutti completamente autonomi. «La vicinanza con Gallipoli aiuta? Diciamo di sì – risponde Stefano Teseo – anche se, bisogna dire, la località tanto attrattiva sta segnando qualche crepa. Avevamo degli ospiti piemontesi ma due anni fa ci hanno telefonato per comunicare la loro sofferta decisione di il mare di Gallipoli d’estate è una bolgia, si sono scusati». Ma superato il gazebo d’ingresso sommerso dall’edera, l’atmosfera che avvolge il nuovo arrivato sa di tempo sospeso, di fascino antico, di voci della campagna e di presenze illustri di un tempo, tra la villa e la chiesetta di San Mauro trasportata qui di sana pianta da Torre Sabea (Gallipoli). Per il presente, c’è sempre il wifi. Volendo.

IMG_7555Tra immersioni, documentari e aperitivi la giornata in programmi domenica 9 luglio a Torre Specchia Grande di Corsano, nel cuore del Parco naturale regionale Costa Otranto Santa Maria di Leuca – Bosco di Tricase. L’associazione Gaia propone una giornata d’avventura per i fondali marini con “immersione accessibile” e aperitivo “vista mare”. La giornata ha inizio alle 10 a in contrada Pozze, presso l’antica fortificazione voluta da Carlo V per difendere il territorio salentino dagli attacchi dei Saraceni. Alle 20 l’aperitivo cui seguirà la proiezione del film-documentario sull’antica tradizione del sale. Per l’occasione è allestito anche un piccolo mercatino di artigianato artistico (informazioni e prenotazioni al numero 328/8473160).

Porto CesareoPORTO CESAREO. L’erosione costiera e i rifiuti in mare sono i due temi “chiave” della campagna “Ombrellone blu 2017” promossa dagli stabilimenti balneari dell’Area marina protetta di Porto Cesareo. L’iniziativa punta al sensibilizzare i fruitori ad un uso consapevole delle spiagge con l’obiettivo di ottenere la certificazione Cets (Carta europea del turismo sostenibile). Con il gioco dei più piccoli si punta, dunque, a coinvolgere anche i più grandi. «La campagna “Ombrellone blu” – affermano i promotori –  è pensata come un’occasione per vivere in modo diverso la spiaggia ed il mare, riflettendo sull’impatto che le nostre azioni e le nostre scelte hanno sull’ambiente naturale, ed imparando a correggere piccoli gesti quotidiani che possono avere un grandissimo effetto sulla natura intorno a noi». Queste le date in cui le animazioni di Ombrellone Blu saranno presso gli stabilimenti “virtuosi” dell’Area marina protetta Porto Cesareo:

  • sabato 8 luglio – Lido dei Pirati
  • giovedì 13 luglio – Lido la Pineta
  • venerdì 14 luglio – Lido la Pineta
  • sabato 15 luglio – Lido dei Pirati
  • martedì 18 luglio – Lido Max
  • mercoledì 19 luglio – Lido Max
  • sabato 22 luglio – Teranga Bay
  • giovedì 27 luglio – Bassamarea
  • venerdì 28 luglio – Teranga Bay
  • giovedì 3 agosto – Cala Serena
  • giovedì 3 agosto – Bassamarea
  • martedì 8 agosto – Cala Serena
  • giovedì 10 agosto – Hookipa
  • lunedì 21 agosto – – Hookipa
  • giovedì 24 agosto – Lido Stella Maris
  • venerdì 25 agosto – Lido Stella Maris

LEUCACon l’estate torna a Santa Maria di Leuca l’annoso problema dei barconi “selvaggi” che, spesso a discapito dei bagnanti, si avvicinano troppo alle grotte. Sulla questione, più volte segnalata dagli stessi bagnanti al Comune di Castrignano ed alla Guardia costiera, è intervenuta lo scorso 8 giugno la stessa Capitaneria di porto di Gallipoli con una dettagliata ordinanza per regolare al meglio la fruibilità degli spazi d’acqua antistanti le grotte delle “Tre Porte”, del “Fiume” e del “Drago”. Tali località sono letteralmente prese d’assalto da veri e propri “stormi” di barche e barconi appartenenti a società di noleggio che fanno la spola dal porto turistico spesso soffermandosi davanti alle grotte a discapito della sicurezza dei bagnanti sino ad entrare nelle grotte stesse (manovra vietata) anche a motore acceso. «Quando chi di competenza interviene, su nostra sollecitazione, per far rispettare le regole la situazione migliora salvo poi ritornare uguale a prima non appena le forze dell’ordine si allontanano», affermano alcuni bagnanti che hanno segnalato a piazzasalento.it  il problema. Con la richiamata ordinanza, la Capitaneria di porto di Gallipoli dispone che “l’avvicinamento allo specchio acqueo antistante le grotte “Tre Porte”, “Drago” e “Fiume” è assicurato mediante la predisposizione di appositi corridoi di lancio” debitamente segnalati con dei “gavitelli” distanziati l’uno dall’altro di circa 20 metri, fermo restando “l’assoluto divieto di accedere alle grotte”, evitando emissioni di scarico ed acustiche “ed ogni altra situazione di disturbo per i bagnanti”. Di tutto ciò, però, non vi è traccia in uno dei posti di mare più apprezzati del Salento. Non mancano, in conseguenza di tutto ciò, situazioni di tensione, oltreché di pericolo, tra i bagnanti e chi è preso dalla foga di trasportare quanta più gente possibile nel minimo tempo possibile.

 

Marilu RegALLISTE. Partirà domenica 26 giugno, e si protrarrà fino a fine luglio con altri due appuntamenti domenicali (il 9 e il 30 luglio), l’iniziativa “Eco- day”, promossa dall’assessorato all’Ambiente in collaborazione con la Consulta delle Associazioni, la Consulta dei Giovani e la ditta Gial Plast s.r.l. “Sarà un’occasione per contribuire fattivamente alla conservazione del nostro meraviglioso patrimonio”, comunicano gli organizzatori. L’amministrazione comunale, con l’ausilio dei cittadini, garantirà la pulizia del litorale della marine di Capilungo e Posto Rosso allo scopo di sensibilizzare la cittadinanza al rispetto del paesaggio.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

tarantaUGENTO. Quasi 90 appuntamenti nel calendario degli eventi estivi organizzati dalle associazioni di Ugento, Gemini, Torre San Giovanni e marine sotto il coordinamento dell’assessorato allo Spettacolo. Sagre, musica, danza, pizzica, sport, arte di strada, tradizioni, teatro: ci saranno manifestazioni per tutti i gusti.Uno degli appuntamenti più attesi è sicuramente la tappa del festival itinerante della «Notte della Taranta», per la prima volta a Torre San Giovanni l’8 agosto. Pizzica protagonista anche del «Festival delle notti pizzicate», il 23 luglio a Ugento, e di numerose altre serate. Tante le sagre: il 21 e il 22 luglio la «Sagra ta Turre» a Torre Mozza; il 3 agosto quella «Te ciciri e tria» a Ugento; il 12 e il 13 agosto quella «Te cose nosce» a Gemini; il 17 e il 18 agosto quella del pesce a Torre San Giovanni.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

turisti nardoNARDÒ. Se la stagione turistica fosse una gara di Formula 1, si potrebbe dire che esercenti e operatori delle marine di Nardò stanno scaldando i motori per farsi trovare ben preparati per il periodo più intenso e impegnativo. Quello che vivono per il momento Santa Maria al Bagno, Santa Caterina e Sant’Isidoro sembrerebbe un giugno a ritmi alterni e piuttosto blandi. Che però dal tramonto in poi comincia a riempire locali e bar: «Come ogni anno questo è un periodo in cui non passa ancora tantissima gente – dice Jacopo, di Galatone, da anni attivo nel bar di famiglia all’interno dell’area pedonale di Santa Maria – soprattutto nelle ore calde. In questi giorni si va al mare e quindi persino il sabato e la domenica nel pomeriggio si lavora meno rispetto ai mesi precedenti.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Voce al Direttore

by -
Le immagini che scorrono e scorreranno sugli schermi fino a sera tardi ed in parte anche domani, sono le ultime che hanno il sapore...