Home Temi Scuola
Notizie dal mondo dell'istruzione e della scuola dai Comuni della rete di Piazzasalento

NARDÒ. Incontro lunedì tra le scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado e la rassegna teatrale “La scena dei ragazzi 2017-18” promossa dal Comune e realizzata dalla cooperativa di Presicce “TerramMare Teatro”. L’iniziativa coinvolge coinvolge alunni e insegnanti in un viaggio di formazione alla scoperta dell’ascolto, della visione e della partecipazione attraverso gli spettacoli della stessa compagnia TerramMare Teatro e di numerose compagnie di rilevanza nazionale, selezionate durante i più importanti festival di Teatro Ragazzi. L’incontro è fissato per le ore 18,30 presso il Teatro comunale di Nardò e servirà ad illustrare il calendario della rassegna (che va da novembre 2017 a maggio 2018), per permettere alle dirigenze scolastiche il miglior “incastro” della visione degli spettacoli con le esigenze didattiche e le scadenze dell’anno scolastico.

La dirigente scolastica Filomena Giannelli

MELISSANO. Sembra tutto pronto per la consegna della nuova ala della Scuola media di Melissano. E’ di lunedì scorso il sopralluogo effettuato dal Sindaco Conte e dai tecnici comunali per prendere visione dello stato dei lavori. L’Istituto comprensivo  di Melissano ha infatti aperto i cancelli della scuola tra diversi disagi, ma da subito il nuovo dirigente alla guida dell’Istituto comprensivo, la prof.ssa Filomena Giannelli, proveniente dall’istituto comprensivo di Alliste,  si è messo in moto per sollecitare la consegna dello stabile agibile.  Il Sindaco si è dimostrato conscio della necessità urgente di consegnare lo stabile alla cittadinanza per permettere ai ragazzi di seguire le lezioni in maniera dignitosa: “Sono perfettamente consapevole che un’azione formativa degna di questo nome passi non solo dalla qualità umana degli operatori scolastici, ma anche dalla quella degli istituti e degli ambienti di apprendimento. Per questo provvederemo in breve tempo alla consegna, sia pure parziale, del piano superiore dell’Istituto sede del Comprensivo in via Felline, sfidando una burocrazia lenta e macchinosa grazie alla disponibilità del Settore tecnico del nostro Comune”. Saluti di benvenuto sono poi giunti al nuovo dirigente: “Alla dottoressa Giannelli (esemplare l’approccio pratico e la tendenza al miglioramento) do il nostro benvenuto, confidando – ha concluso Conte – nella piena collaborazione tra gli Enti, non come si dice di solito in queste circostanze, ma realmente e lealmente. Il prossimo 28 ottobre scadrà il termine per partecipare ad un bando che ci consentirà di terminare le opere di consolidamento strutturale e di efficientamento energetico dei nostri plessi: saremo presenti all’appuntamento con una progettazione adeguata allo scopo”.

In effetti la nuova dirigente scolastica ha trovato al suo arrivo una situazione costellata da problemi: la struttura della scuola secondaria di primo grado non è ancora idonea, l’intero primo piano è interdetto all’uso, un intero corso è stato spostato nella sede della primaria; mancano le palestra sia alla primaria sia alla secondaria. “Parto animata dal desiderio di svolgere il mio compito con la serietà e la professionalità di sempre – ha dichiarato la prof.ssa Giannelli – anche perché sono stata accolta a braccia aperte dall’intera comunità. I problemi sono tanti, ma insieme cercheremo di risolverli”.

by -
0 152

GALLIPOLI. Sono terminati i lavori di ristrutturazione dell’ala sud-est (piano terra) del plesso scolastico di via Milano. Dall’atrio, fino ad ora utilizzato come sala riunioni, sono state ora ricavate due aule per scuola materna e un locale refezione, completo di ambiente per il sporzionamento dei pasti. L’obiettivo è quello di garantire un servizio più adeguato e completo per il plesso scolastico.

“Un risultato importante, un lavoro prefissato e portato a termine nei tempi stabiliti”, ha dichiarato il Sindaco Stefano Minerva. “Garantire il servizio e la sicurezza, assicurarsi la fruibilità e l’adeguatezza dei locali in prossimità dell’inizio della scuola vuol dire essere consapevoli del rispetto dei tempistiche e delle necessità delle famiglie. Abbiamo fatto uno sforzo in più, ma questa è per noi la buona politica. Ringrazio chi ha collaborato e chi ha lavorato per garantire operativamente il raggiungimento dell’obiettivo. Da molti anni i genitori interessati reclamavano il servizio di refezione scolastica e un adeguamento della struttura: non vi è soddisfazione più grande che mantenere le promesse.”

“Abbiamo ripristinato la vecchia sezione della scuola materna nel rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente in materia: locali al pian terreno, fruibili e accessibili”, ha aggiunto il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Cosimo Alemanno. “Questi lavori erano stati promessi mesi fa e come garantito sono stati consegnati in concomitanza dell’apertura dell’anno scolastico. Una promessa fatta e mantenuta pienamente dall’Amministrazione”.

PARABITA. Giornata da ricordare quella di ieri a Taranto per le studentesse del liceo “Giannelli” di Parabita. Le alunne delle classi quarte e quinte,  Sofia Tedesco, Elisa Manigrasso, Daniela Perrone,  Ilenia Oltremarini, Francesca Rega, Aurora Cagnazzo, Francesca Margari, Alice Epifani e Lucia De Florio, iscritte agli indirizzi formativi tessuto  e stampa, moda e costume,  hanno  preso parte alla cerimonia di inaugurazione del nuovo anno scolastico che si è svolta  presso l’Istituto comprensivo “Pirandello” alla presenza  del Capo dello Stato Sergio Mattarella e del ministro della Pubblica Istruzione Valeria Fedeli. Per l’occasione,  le ragazze hanno sfilato davanti al Presidente della Repubblica indossando degli abiti-scultura dipinti a mano, ideati e progettati  dalla professoressa Luigina Sergi con il coordinamento produzione di Titti Sparaventi, mentre le pitture sono state affidate ad Annavera Ferrari e Ida Vitali, con il supporto delle maestre di sartoria Albina Giuliano, Luigina Epifani e Assunta Botrugno. Tra le proposte figuravano l’abito scultura dedicato alla Regione Puglia con il corpetto raffigurante lo stemma civico. Quest’ultimo è stato realizzato in seta georgette con la tecnica della pittura diretta “serti” e del “batik” e completato da un tessuto realizzato al telaio manuale con la tecnica del “broccato per trama”. A seguire, quello dedicato all’Unione Europea con la bandiera che si trasformava in un elegante bustine instoriato dalle dodici stelle a cinque punte disposte a cerchio dove su ogni petalo della gonna si adagiava simbolicamente la bandiera di ogni stato membro. Infine, l’abito dedicato all’Italia con lo stemma incastonato sul corpetto dove il tessuto è stato realizzato al telaio manuale con la tecnica del “soumak”. «Abbiamo subito accolto con entusiasmo l’idea del dirigente dell’Ufficio scolastico regionale,  Anna Camalleri, la quale ci ha lanciato la proposta di partecipare all’iniziativa», affermato il dirigente del “Giannelli” Cosimo Preite.

GALLIPOLI. Inizio d’anno all’insegna dell’accoglienza (per le prime classi) e soliti problemi logistici per le scuole di Gallipoli. Proprio  a causa della mancanza di aule, e dopo aver sacrificato un paio di sale e laboratori,  al liceo Quinto Ennio la scorsa primavera sono state regolamentate le iscrizioni attraverso una delibera di Consiglio d’Istituto che limita il numero dei nuovi iscritti entro criteri stabiliti. Il nodo quest’anno però resta la palestra del plesso di corso Roma resa inagibile dal crollo del solaio dello scorso inverno. In attesa che la Provincia risolva i problema i ragazzi si adattano svolgendo le attività motorie nel cortile e in taluni casi in alcuni ambienti chiusi. Noti i problemi dell’Istituto Vespucci in attesa dello sbocco dei fondi per la ristrutturazione della storica sede di via Gramsci. Ma non solo, al momento ci si confronta con la necessità di ricavare una nuova aula poiché sia  la sede centrale che quella di via Pedone risultano al completo; la soluzione è stata individuata nel centro risorse di Via Pagliano, alle spalle del vecchio Nautico, ma occorre effettuare dei lavori.  La Provincia ha autorizzato l’Istituto che ha chiesto a sua volta il sostegno del Comune.  Mediamente soddisfatta delle iscrizioni la dirigente Paola Apollonio che afferma: «Bene la conferma delle tre classi di Nautico si è invece formata una sola classe di turistico. Spiace constatare che proprio a Gallipoli e in un territorio così votato al turismo non ci sia consapevolezza dell’importanza di questo indirizzo».

CASARANO. Nuovi “percorsi” per l’Istituto tecnico economico “De Viti De Marco” di Casarano che ha inaugurato il nuovo anno scolastico “conquistando” Collepasso.  L’ultima novità della scuola diretta dalla professoressa Maria Grazia Cucugliato è, infatti, l’aver reso l’Istituto professionale per i servizi commerciali del vicino centro parte integrante della propria offerta formativa.  Una delle sette prime classi è a Collepasso, quella relativa agli indirizzi Amministrazione, Finanza e market, con “curvatura sportiva”, ovvero con particolari progetti e materie attinenti alle scienze motorie. «Dall’anno scorso i docenti dell’Istituto, e da quest’anno anche quelli di Collepasso, sono impegnati  in corsi di formazione sulle potenzialità innovative e sulla ricaduta didattica e formativa di metodologie alternative alla lezione frontale», fanno sapere al “De Viti De Marco”. Nello specifico è stato avviato un progetto per tutte le prime strutturato, per alcune materie, “per classi aperte” (con gli studenti di Collepasso che per un giorno a settimana saranno a Casarano) dove i docenti potranno organizzare la propria attività formativa in funzione dei bisogni individuali calibrando metodi, strumenti, tempi, contenuti e verifiche “al fine di consentire agli studenti di migliorare il personale successo scolastico e di valorizzarne le diverse intelligenze”. Al fine di rafforzare le competenze di base in materie come italiano, matematica e inglese, verrà applicato il metodo delle “classi rovesciate” con gli studenti, per una volta, in cattedra su input dei docenti per sviluppare e condensare in un testo multimediale i lavori svolti. Nel Piano triennale d’Offerta formativa ci sono, poi, i corsi per il conseguimento delle certificazioni linguistiche in inglese e spagnolo (L’Ite collabora con l’istituto Cervantes ed è sede d’esame), corsi di certificazione informatica con Cisco System, percorsi di cittadinanza attiva (progetto “Pace”) ed altro ancora. Fondamentali i percorsi di alternanza scuola-lavoro, anche all’estero.

NARDÒ. Nuovo anno scolastico, l’apertura è con l’assessore alla Pubblica istruzione Maria Grazia Sodero. L’amministratrice cittadina questa mattina ha augurato agli alunni delle classi della scuola primaria e dell’infanzia dell’istituto “A. Gabelli” del Polo 2 un “buon inizio dell’anno scolastico” anche a nome dell’amministrazione comunale. Il messaggio è arrivato agli alunni già il primo giorno di scuola con una lettera trovata sulla cattedra. “Il mio augurio è che possiate affrontare nel migliore dei modi i nuovi impegni, ricordando – si legge nella lettera dell’assessore Sodero – di mettere nello zaino ogni mattina, la curiosità di apprendere, il desiderio di migliorare, il rispetto per gli insegnanti e per ciascuno dei compagni di classe e in ultimo, ma non di certo per importanza, tutti i vostri sogni.”

Per ringraziare l’assessore, gli alunni hanno intonato, sulle note di “Occidentali’s Karma”, una parodia dal titolo “Metti lo zaino in spalla”, accanto a un significativo murales, sul tema dell’inclusione, realizzato durante l’accoglienza: “Ogni bambino è un fiore diverso e insieme rendono il mondo un bel giardino”.

CASARANO. Si svolgeranno domani alle 17 a Soleto i funerali di Pierpaolo Serra, il 27enne di Soleto ritrovato senza vita, lo scorso martedì, nella sua abitazione di Perugia. La camera ardente verrà allestita presso la cattedrale dove il feretro del giovane sarà intorno alle 9. Questa mattina, a Perugia, si è svolta l’autopsia per risalire alle cause della morte improvvisa dell’universitario (ad un esame dalla laurea in Medicina) e per individuare eventuali responsabilità di terzi soggetti.

Sotto choc le due comunità salentine più direttamente coinvolte dal dramma, ovvero Soleto, dove il padre del giovane, il professor Elio Serra, noto psichiatra, è stato sindaco per dieci anni, e Casarano, dove la madre del ragazzo, la professoressa Maria Grazia Attanasi, è dirigente del Liceo Scientifico “Giulio Cesare Vanini”.

Per la scuola, queste, sono ore e giorni particolarmente difficili, visto che la notizia della tragedia è giunta proprio in avvio del nuovo anno scolastico. Giusto martedì mattina, la dirigente Attanasi aveva accolto in auditorium, con il suo solito entusiasmo, le “matricole” del “Vanini” in una mattinata di festa, consegnando una rosa ad ognuna delle ragazze presenti. Poche ore dopo la notizia che ha sconvolto per sempre l’esistenza di una famiglia e profondamente segnato l’intera comunità scolastica.

Il particolare momento vissuto dal liceo viene espresso nelle parole che i professori Claudia Costanino e Giuseppe Isernia, collaboratori della dirigente, hanno rivolto (sulla home page del sito istituzionale della scuola) “Alla grande famiglia del “Vanini”, ricordando alcuni versi della poesia “Giorgio per giorno” di Giuseppe Ungaretti, ed invitando ad esprimere la vicinanza alla dirigente “continuando a lavorare, studiare e collaborare al meglio delle nostre possibilità secondo le indicazioni che lei ci ha dato sino a ieri per cercare di alleviarle l’ulteriore carico della quotidianità lavorativa”.

Tantissimi i messaggi di cordoglio e di vicinanza espressi – in queste ore -su facebook non appena la professoressa Attanasi, aggiornando l’immagine di copertina, ha pubblicato la foto di Pierpaolo.

Alliste –  Cambia la dirigente (dopo 21 anni è passata a Melissano) che ha portato la scuola a livelli tali da costituire un riconosciuto polo di formazione, ma la “Calvino” resta alla testa di 37 istituti scolastici dell’Ambito 20, Lecce 4. E dà il via ai  45 corsi di formazione per oltre tremila docenti di una delle circoscrizioni territoriali più grandi del Salento che va da Gallipoli e Casarano fino a Gagliano e Tricase, passando per Racale, Taviano, Matino, Ugento, Parabita, Alezio, Taurisano, Ruffano, Supersano, Presicce, Acquarica del Capo, Corsano, Miggiano, Alessano, Salve.

Ed è stata confermata proprio l’ex dirigente di Alliste, Filomena Giannelli (di Parabita) come responsabile di istituti di ogni ordine e grado, dagli Istituti comprensivi ai Licei ai Tecnici e Professionali e al Cpa. A sostenere la sua candidatura, poi accettata all’unanimità,  è stata Maria Grazia Galante, attuale reggente del Comprensivo allistino. La dirigente ha fatta proprio la missione della “Scuola Polo” ed ha espresso grande apprezzamento per il lavoro svolto dalla dirigente Giannelli che, ancor prima che nascesse l’Ambito  coordinava la rete Centro Salento, con un intenso lavoro “per la crescita umana e relazionale dei dirigenti e per l’impulso dato allo sviluppo di tematiche legate alla formazione, all’orientamento e all’autonomia”

“La rete così come si è sviluppata negli anni non ha mai assunto una dimensione verticistica – dice la dirigente Giannelli – ­ ma orizzontale e democratica in modo da assicurare a tutti la medesima importanza e visibilità. La stessa filosofia ha portato nella gestione della rete di ambito e di formazione promuovendo la valorizzazione delle competenze di ognuno a prescindere dall’Istituto di rete”.

I corsi partiranno nei prossimi giorni e si svolgeranno per lo più ad Alliste, Casarano, Matino, Ugento Melissano, Gallipoli, Tricase e Gagliano del Capo e riguarderanno autonomia organizzativa e didattica, didattica per competenze , innovazione metodologica e competenze di base, competenze digitali e nuovi ambienti, competenze di lingue straniere, inclusione disabilità, coesione sociale e prevenzione del disagio giovanile e globale, alternanza scuola e lavoro, valutazione e miglioramento.   Gli esperti provengono dal mondo accademico e dal mondo della sanità,  mentre la selezione dei tutor è avvenuta all’interno delle 37 scuole dell’Ambito 20.

by -
0 1618

CASARANO. Musica e teatro per il primo giorno da “liceali”. Questa l’accoglienza riservata dal “Vanini” ai ragazzi iscritti alle classi del primo anno nel primo giorno di scuola. Nell’auditorium della sede centrale di via Reno, al saluto della dirigente Maria Grazia Attanasi ha fatto seguito l’esecuzione di alcuni brani musicali a cura della gruppo musicale del liceo (per il “Vanini music welcome”) e l’intervento di Francesco Piccolo della Compagnia teatrale “La Busacca”.

Nardò – Boncore: fa ancora discutere la chiusura del piccolo plesso scolastico che in questi anni aveva servito la frazione neretina, situata a ben 23 chilometri dal centro abitato. La scuola (rispondente al Polo 3) ha definitivamente chiuso i battenti nello scorso giugno. Oggi è il consigliere di opposizione Lorenzo Siciliano a puntare nuovamente i fari sulla vicenda, mettendo in luce le difficoltà coi trasporti di chi ora si vede costretto a frequentare le scuole dei comuni limitrofi: “Questa mattina (11 settembre, ndr) ho incontrato personalmente le decine di genitori letteralmente inferociti per questa incredibile vicenda – fa sapere l’esponente pd attaccando l’Amministrazione – ed ho garantito loro il mio impegno pieno che si tramuterà, già domattina, in una richiesta di ordine del giorno di Consiglio Comunale, con una proposta di protocollo d’intesa tra il Comune di Nardò e quello di Porto Cesareo perché si metta subito a disposizione della frazione uno scuolabus che possa trasportare i bambini e le bambine presso le loro scuole”.
Non tarda ad arrivare la replica dell’assessore all’Istruzione Maria Grazia Sodero: “La chiusura della sezione pluriclasse in località Boncore – precisa in una nota l’assessore – è stata decisa dall’ufficio scolastico territoriale vista la penuria di iscrizioni: solo sette per quest’anno. I Comuni di Leverano e Veglie – sottolinea – hanno chiesto l’autorizzazione per poter transitare nel nostro territorio e raggiungere le famiglie di quell’area, garantendo così il servizio trasporto. Porto Cesareo non ha inteso procedere nella stessa direzione, ma da parte nostra – afferma – c’è la disponibilità a trovare un’intesa nell’interesse degli studenti”. Infatti gli amministratori cesarini si sono detti disponibili a condizione che gli scolari siano accompagnati fino al territorio di Porto Cesareo.

Taurisano – “Facendo seguito alla comunicazione del Sindaco che con nota 17614 del 4 settembre comunicava l’inizio dei lavori nell’edificio “Carducci”, si informa l’utenza che le classi di scuola primaria inizieranno le lezioni nei locali di via Lecce, mentre quelle di scuola secondaria nel locali del plesso “Aldo Sabato””: con questo avviso pubblicato in queste ore a cura dell’Istituto comprensivo Polo 2 si è fatta finalmente chiarezza su di una questione che aveva agitato non poco la comunità taurisanese in questi giorni che precedono l’avvio delle lezioni fissate per il 13 settembre. L’Amministrazione comunale del Sindaco Raffaele Stasi aveva già delegato ai dirigenti scolastici il compito di informare sulle nuove destinazioni degli scolari, per via dei fondi ottenuti dalla precedente Amministrazione e finalizzati a rendere più efficienti e risparmiose le scuole cittadine. Così alla fine è stato, dopo un passaggio piuttosto animato di ieri pomeriggio, con l’incontro pubblico tra genitori e amministratori locali, di maggioranza e opposizione. Secondo alcune critiche, in tutta questa operazione sarebbero stati sbagliati metodo, comunicazioni (“Che al Carducci c’erano dei lavori da fare lo si sapeva dal gennaio scorso”) e programmazione. “Con una maggiore accortezza sia questo cantiere che quello di via Lecce potevano aprirsi in estate, a scuole chiuse”, rileva il consigliere di minoranza Francesco Damiano. In realtà, sarebbero trascorsi nove mesi di tempo con una sola assemblea pubblica nel giugno scorso e solo per il plesso di via Lecce. “Neanche una volta è stata convocata la commissione consiliare Lavori pubblici”, insiste Damiano. Dall’assemblea di ieri (circa 150 persone) è uscita anche la proposta di procedere con gradualità, coinvolgendo la Regione ed elaborando un cronoprogramma che vedesse i lavori svolgersi nell’estate prossima, ma gli amministratori comunali l’hanno ritenuta non più praticabile. Accolto invece l’appello ad organizzare un adeguato sistema di collegamenti per i trasferimenti degli studenti nei nuovi plessi soprattutto dalle zone più periferiche e disagiate della cittadina.

GALATONE. Alla vigilia dell’avvio del nuovo anno scolastico, il Comune e le associazioni sono già al lavoro, a Galatone, per tutto quello che comporterà l’inizio della frequenza delle lezioni. Torna il Banco della Solidarietà: sarà possibile per tutti nella giornata di venerdì 8 settembre portare nel punto di raccolta del piazzale antistante il santuario della Madonna delle Grazie, materiale scolastico di ogni tipo da donare a chi non può permetterselo. «Un bambino istruito è fondamentale per la crescita di un paese» sottolineano gli assessorati all’Istruzione e ai Servizi sociali: si possono conferire quaderni, libri, zaini, astucci (nuovi o usati, purché in buone condizioni) e altro materiale dalle 8 alle 12 e dalle 19 alle 21.
Per il servizio mensa, intanto, l’Amministrazione comunale ha già annunciato la data di avvio della refezione scolastica. Dopo il caos dello scorso anno, con i non pochi “disguidi” circa la garanzia degli standard igienici in diversi Comuni, si parte il 25 settembre con l’aspirazione di garantire qualità e controlli. «Per la prima volta – sottolinea l’assessore Caterina Dorato – il servizio di refezione scolastica sarà attivo sin dai primi giorni dell’anno scolastico».

L’istituto comprensivo Polo 1 (con sede in via XX Settembre) aprirà le sue porte mercoledì 13 settembre con l’eccezione delle prime classi della primaria che posticipano al 14. Lunedì 18, invece, al via le lezioni per la scuola dell’Infanzia. Per l’Istituto comprensivo Polo 2, invece, tutti in classe mercoledì 13 con la scuola dell’Infanzia che posticipa al 14.

PRESICCE. Inizia la scuola e parte anche il servizio di doposcuola specialistico promosso dall’associazione anziani San Giuseppe e patrocinato dal Comune di Presicce. Il corso è rivolto a bambini e ragazzi con disturbi specifici dell’apprendimento (Dsa), ossia dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia; a chi ha bisogni educativi speciali (Bes) e per chi presenta disturbi dell’attenzione ed iperattività (Adhd).

Anche per la seconda edizione il servizio si avvale della collaborazione dello studio Sesco della dottoressa Lucia Ciullo. “L’obiettivo è di potenziare le abilità e l’autonomia dei bambini e garantire un supporto alla famiglia creando un lavoro di rete che coinvolge bambini, genitori e scuola” – dichiarano gli organizzatori. Il doposcuola, che si svolgerà ogni giorno e che prevede diversi percorsi formativi e di sostegno, verrà proposto nella sede dell’associazione Anziani ed è aperto anche a bambini non residenti a Presicce. Per informazioni sui diversi percorsi formativi e corsi contattare il numero 327/0594142 (dott.ssa Lucia Ciullo).

NEVIANO. Dal primo settembre l’Istituto Comprensivo di Neviano e Seclì ha una nuova dirigente (preposta alla reggenza esterna). Ad Anna Antonica succede Ornella Castellano, dirigente del Comprensivo “Giovanni Falcone” di Copertino. La nuova reggente ha già incontrato il collegio docenti nelle riunioni organizzative che precedono l’avvio dell’anno scolastico che inizierà martedì 12 settembre, in anticipo di tre giorni rispetto al calendario scolastico regionale. La decisione è stata presa dal Consiglio d’Istituto per consentire di effettuare qualche giorno di vacanza durante il periodo del Carnevale (12-13-14 febbraio 2018).

Gli altri giorni di sospensione delle attività didattiche sono previsti in concomitanza con le feste patronali di Neviano e Seclì, rispettivamente il 29 settembre 2017, in occasione dei festeggiamenti per San Michele Arcangelo e il 25 gennaio 2018 nel giorno dedicato alla commemorazione della Conversione di San Paolo. Venerdì 8 settembre in programma il sorteggio pubblico per la formazione delle classi prime dei diversi ordini di scuola, che si terrà seguendo il seguente calendario: scuola dell’infanzia ore 9, scuola primaria ore 10 e scuola secondaria di primo grado ore 11.

GALLIPOLI. Le lezioni iniziano con qualche giorno d’anticipo, rispetto al calendario regionale, per le scuole gallipoline. Il  Polo 3 (di via Gorizia) e il liceo “Q. Ennio” si riservano quattro giorni e partono già lunedì 11 settembre; il Comprensivo secondo borgo e l’istituto d’istruzione secondaria Vespucci danno il via alle lezioni da martedì 12. Chiusura il 12 giugno per tutti tranne che per il “Vespucci” che chiuderà il 9. Fatte salve le festività nazionali da calendario,  le vacanze natalizie e pasquali regolate dalla Regione e il 20 gennaio Solennità del Santo Patrono San Sebastiano le scuole recupereranno i giorni d’anticipo in altre occasioni a discrezione dei Consigli d’Istituto. Niente scuola per tutti il 12 e 13 febbraio in concomitanza con gli ultimi giorni di carnevale e il martedì grasso e il 23 marzo in occasione della festività della Madonna Addolorata; il Vespucci allunga la pausa di carnevale fino al mercoledì delle ceneri. Polo 3 e Liceo Q. Ennio chiudono anche il 7 in occasione dell’Immacolata.

Novità al Polo 2 di piazza Carducci che dal primo settembre cambia dirigente. Conclude l’esperienza, dopo cinque anni, Antonio Maglio (destinato al Liceo di Copertino) e arriva Lucilla Vaglio (foto) di Nardò, che proviene dal comprensivo di San Pancrazio Salentino. «Sono molto contenta per l’avvicinamento a casa – commenta la nuova dirigente –  ma soprattutto perché da sempre considero Gallipoli una cittadina brillante, aperta verso il territorio e i turisti, che offre grandi opportunità. Spero che la scuola possa continuare a crescere come ha fatto in questi anni. Mi auguro di instaurare da subito un rapporto collaborativo con tutto il personale docente e non. Uno dei primi obiettivi che mi prefisso, oltre l’attenzione per l’offerta formativa, è quello di incrementare il coinvolgimento di tutta la comunità scolastica, poiché ognuno, nel suo ruolo e compito, ha delle esperienze da portare e mettere in campo».

PARABITA. A pochi giorni dall’avvio del nuovo anno scolastico (il Comprensivo apre lunedì 11 settembre), a Parabita le segreterie cittadine di Forza Italia, Unione di Centro, e Partito Socialista Italiano sollecitano il responsabile del secondo settore del Comune, Mirko Vitali, in merito all’avvio della mensa scolastica e dello scuolabus. In una lettera, i responsabili locali Alberto Cacciatore (Udc), Daniele Cataldo (Forza Italia) e il coordinamento del (Psi) affidato ad Arturo Malorgio ed Ezio Pellico, sottolineato come nel recente passato questi servizi siano stati avviati con le attività scolastiche già avviate da tempo, andando a creare non pochi disagi a famiglie e studenti. «Affinché il fenomeno non si ripeta anche quest’anno, ci auguriamo che il responsabile del settore possa prendere a cuore la problematica segnalata cercando di sbloccare quanto prima la nostra richiesta», afferma i firmatari i quali confidano anche nell’attivismo dei commissari in Comune.

Intanto la dirigente del Comprensivo, Antonia Perrone (foto), ha reso noto gli “adattamenti” del calendario d’istituto rispetto alle indicazioni fornite dalla Regione. Si parte l’11 settembre e si chiude il 12 giugno con le chiusure “extra”  programmate per il 30 e 31 ottobre, 9 dicembre, 12 e 13 febbraio (Carnevale), 23 e 24 aprile, 30 aprile e 28 maggio (per la festa patronale). Le vacanze di natale saranno dal 23 dicembre al 7 gennaio e quelle di Pasqua dal 29 marzo al 3 aprile.

CASARANO. Da quest’anno il “De Viti De Marco” agirà anche fuori da Casarano. L’istituto d’istruzione superiore, ex Ite (tecnico economico) si accinge a prestare la propria opera formativa anche a Collepasso. Quella sede dell’istituto professionale, distaccata da Gallipoli e dal “Vespucci” con una quarta ed una quinta dell’indirizzo commerciale, diventa parte integrante dell’istituto di Casarano diretto dalla professoressa Maria Grazia Cucugliato. Di conseguenza, una delle sette prime classi sarà a Collepasso e produrrà sapere relativo alla formazione negli indirizzi Amministrazione, Finanza e Market. Con “curvatura sportiva”, come si legge nella nota ufficiale, cioè con particolari progetti e materie attinenti allo sport, come scienze motorie.

Ma le novità per la sede di Collepasso non finiscono qui. La prima classe parteciperà a pieno titolo al progetto che riguarderà tutte le prime classi che andranno a formarsi  fra poco. Si chiama “progetto a classi aperte” e porterà un giorno la settimana gli studenti di Collepasso a Casarano. L’obiettivo didattico è rafforzare le competenze di base in materie come l’italiano, la matematica, l’inglese secondo il metodo “classi rovesciate”. Saranno gli studenti a salire in cattedra: su input forniti dai docenti, i ragazzi dovranno svilupparli e poi condensarli in un testo multimediale contenente i lavori svolti.

Paola Apollonio

GALLIPOLI. Agosto col botto per l’Istituto nautico “A. Vespucci” di Gallipoli che si aggiudica il progetto nazionale Qu@lità 4.0, bandito dal Ministero dell’Istruzione, finalizzato ad implementare la “Qualità della formazione marittima” e guiderà i nautici d’Italia. Il nome sta ad indicare che si è al 4° macrointervento posto in essere dal Miur  la cui finalità generale è quella di migliorare l’analisi e la tenuta sotto controllo dei processi e dei risultati della formazione in ambito marittimo e sostenere l’ innovazione del sistema nazionale di istruzione. Il Progetto nazionale Qfm si inserisce nell’ambito delle attività promosse a sostegno dei processi di innovazione del sistema nazionale di istruzione, in particolare per la filiera della formazione marittima per i cui percorsi è richiesta la conformità con gli standard internazionali e comunitari.

L’istituto gallipolino è capofila di un raggruppamento composto dai nautici  “M. Ciliberto – A. Lucifero” di Crotone; “Gioeni-Trabia” di Palermo;  “Duca degli Abruzzi” di Napoli;  il  “Volterra Elia” di Ancona e il “Tomaso di Savoia Duca di Genova” di Trieste. “Ogni anno – commenta la dirigente Paola Apollonio – il MIinistero mette a bando una somma destinata al mantenimento e miglioramento del sistema gestione quantità per la formazione marittima. Di fatto tutti i nautici erogano un servizio formativo conforme agli standard previsti dalla comunità europea. Le scuole si possono mettere in rete e proporre il loro progetto con relativa offerta tecnica economica. Per il prossimo anno saremo noi capofila a gestire insieme al Miur questo progetto. La nostra offerta ha vinto e ci siamo aggiudicato l’appalto per la gestione del sistema qualità per tutti i nautici d’Italia”.

 

TAVIANO. Va a Maria Grazia Attanasi, dirigente del liceo scientifico e linguistico “Vanini” di Casarano il premio nazionale “Donna dell’anno”. Il concorso, istituito nel 2006 da Maria Caputo di Nardò, ha l’intento di dare un riconoscimento a professionalità del Salento che si sono particolarmente distinte nel proprio settore e gode del patrocinio del Consiglio dei ministri e della Camera dei Deputati.

“Maria Grazia Attanasi – si legge nelle motivazioni a firma del sindaco di Taviano Giuseppe Tanisi – vive, interpreta ed esercita il suo delicatissimo ruolo di dirigente con limpidissima onestà intellettuale e con cristallina trasparenza etica; sostenuta dal profondo convincimento che la scuola debba essere inclusiva, motivante, gratificante e orientata a sollecitare e valorizzare le potenzialità di ciascuno”. “Con lei – conclude il sindaco – il liceo scientifico e linguistico Vanini è divenuto un prestigioso presidio di educazione, formazione e crescita delle giovani generazioni”.

La scelta della premiata avviene ad opera di una commissione valutatrice, che raccoglie le relazioni sull’operato di una persona redatte dai comuni salentini aderenti all’iniziativa.

by -
0 2533

CASARANO. Tutti in classe martedì 12 settembre – con una sola eccezione – gli studenti delle superiori di Casarano. Se soltanto il Tecnico- commerciale “De Viti De Marco” aprirà le sue aule per l’avvio del nuovo scolastico venerdì 15 settembre (rispettando la data indicata dalla Regione), tutti gli altri istituti, grazie all’autonomia scolastica, hanno deciso di apportare piccole varianti per collegare al meglio vacanze e ponti. Festività riconosciute da tutti rimangono il ponte di Tutti Santi (dal 30 ottobre al 1 novembre), dell’Immacolata (dall’8 al 10 dicembre), Natale (dal 23 dicembre al 7 gennaio 2018), Carnevale (dal 12 al 14 febbraio), Pasqua (dal 29 marzo al 3 aprile), Primo Maggio (ponte dal 30 aprile). Aule chiuse anche per il santo patrono, ad eccezione del “De Viti De Marco”, lunedì 21 maggio. Il “Vanini” resta chiuso pure venerdì Primo Giugno ed il “Meucci” il 9 aprile per il lunedì della Campana. Per tutti l’ultima campanella sarà il 12 giugno, ad eccezione del “Bottazzi” che anticipa al 9, dopo aver anticipato anche l’avvio.

Anche gli Istituti comprensivi apriranno martedì 12 settembre ad eccezione del Polo 2 di via Messina che partirà giovedì 14.

Il Sindaco Monsellato

PRESICCE. Gli alunni delle scuole medie inferiori o superiori possono fare richiesta di un contributo per l’acquisto dei libri di testo. Possono accedere alla misura i nuclei familiari che non abbiano un reddito Isee superiore a 10.632,94 euro. La domanda va presentata entro il 30 settembre 2017 per presentare presso la segreteria scolastica dell’Istituto dell’istituto che sarà frequentato nell’anno scolastico 2017/2018. Le domande da compilare possono essere scaricate dal sito web del Comune o presso le segreterie delle scuole. Nell’avviso pubblicato dal Comune di Presicce si precisa che i contributi verranno elargiti solo presentando una documentazione che attesti l’acquisto dei libri e che, inoltre, deve essere conservata per cinque anni.

Mentre è fissata entro il 20 settembre 2017 il termine per la presentazione delle domande per “il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione” relative all’anno 2015. Per avere tutte le informazioni necessarie riguardo i requisiti d’accesso, i limiti di reddito, i documenti da presentare, e per ritirare il modello da compilare (scaricabile anche dal sito del Comune), ci si può rivolgere all’Ufficio Servizi Sociali del Comune dalle 11 alle 13.30.

SANNICOLA. In comune hanno la passione per il pianoforte e il sogno di un  futuro da medici, i due giovani sannicolesi che si sono diplomati col massimo dei voti presso il liceo di scienze applicate di Gallipoli. Si tratta di Emanuele Leo e Luca Stamerra, freschi di maturità con 100 e lode. Entrambi si sposteranno per studiare Medicina (entrambi sono particolarmente interessati a Neurologia). «Farò il test di ingresso a Bari. L’obiettivo – commenta Emanuele Leo, di San Simone – è la ricerca medica o la pratica della professione in Italia e all’estero». Il giovane ha maturato la passione per la medicina negli anni passati. «A scuola sono rimasto particolarmente colpito quando abbiamo studiato il corpo umano e in particolare il sistema nervoso. Continuerò, però, a studiare anche il pianoforte, la mia altra grande passione». Entrambi i giovani sono allievi della musicista Tiziana Errico. «Ho superato il test di ingresso alla Cattolica di Roma – esordisce Luca Stamerra – ma farò anche il test per il corpo sanitario dell’accademia aeronautica di Pozzuoli in cui ho già svolto un tirocinio di 14 giorni, con sveglia alle 6 e addestramento militare e studio di molte interessanti materie. Mi piacerebbe anche prepararmi nella medicina d’urgenza e viaggiare per il mondo al seguito delle missioni internazionali». Anche per lui la passione per la medicina è maturata negli anni. «All’inizio volevo studiare matematica o ingegneria, poi abbiamo partecipato come classe a un concorso a Milano “I Giovani e le scienze” e mi sono appassionato alla neurologia».

 

La scuola di via Bologna

NARDÒ. Poco più di 250mila euro. Tanti sono i soldi che saranno sborsati dall’Amministrazione comunale per gli interventi di messa in sicurezza dell’edificio scolastico situato in via Bologna: la struttura, col piano terra finora utilizzato da alcune sezioni dell’istituto “Moccia”, ospiterà temporaneamente al primo piano anche ben dieci classi di scuola primaria, certamente già a partire da quest’anno scolastico. Sono quelle del plesso di via Marzano (polo 3) che – fatiscente – sta per essere abbattuto e ricostruito, al costo di circa 2 milioni di euro (lavori affidati ad aprile alla ditta “Alfa Impianti” di Galatone). I lavori per la ristrutturazione dell’edificio di via Bologna, invece, se li è aggiudicati un’azienda di San Donato, la “Ingrosso Costruzioni”.
Mentre i bambini delle elementari traslocheranno nella struttura messa a nuovo con fondi comunali ma anche della Provincia (nei mesi scorsi una fase di stallo aveva portato i genitori degli alunni ad alcune rimostranze), le cinque classi di scuola dell’infanzia andranno a convivere temporaneamente con i ragazzi dell’istituto “Galilei”, nella sede centrale di via XX settembre. Restano da capire i tempi degli spostamenti: se la soluzione di via Bologna non sarà approntata per l’inizio dell’anno scolastico, si profila l’ipotesi un trasloco in corsa, con i bambini in aula a settembre (forse per l’ultima volta) nel vecchio edificio di via Marzano.

In molti sono già con la mente ai test universitari, che li porteranno in città e facoltà che il proprio percorso alle superiori li ha portati a scegliere. Fino a un mese fa, per la classe della maturità 2016-2017, era ancora tempo di esami: tra preparazione, ansie e qualche contestazione, alla fine quasi tutti i coinvolti hanno portato a termine il loro percorso. Qualcuno con in tasca un bel 100 o addirittura una lode.
A Nardò sono tanti quelli sfornati dal “Galileo Galilei”: nella quinta A dell’indirizzo scientifico lo conquistano il neretino Vincenzo Filograna e la galatinese Greta Papadia, mentre per la sezione B Ludovica Livieri e Anna Maceri, sempre di Nardò, si sono portate a casa anche la lode. Al 100 arriva anche Chiara Calignano, l’unica dell’indirizzo scienze  umane (quinta A), mentre per il classico esultano Matteo Nuzzo e Martina Vaglio (100) e Andrea Rucco (100 e lode), tutti neretini della quinta A. Sbanca la sezione B: oltre alla lode di Mariafrancesca Rizzelli, conquistano il 100 Antonella Fracella, Paola Alligri, Giada Calignano, Angela Calò, Martina Durante, Caterina Falangone, Giulia Mercuri (tutti di Nardò) e Lucia Francesca Zenobini (di Galatone).
Entrambi dall’indirizzo commerciale i due 100 venuti fuori dal “Vanoni”, quelli delle neretine Valentina Cuppone (quinta A) e Aurora Casili (quinta C); commissioni di manica stretta invece al “Moccia”, dove nessun candidato ha raggiunto la valutazione massima.
Il “Medi” di Galatone premia due ragazzi dell’indirizzo industriale (i neretini Alberto Castrignanò e Daiana Negro, della quinta B) e sei del liceo scientifico: nella sezione A i 100 di Erika Epifani di Galatone, quelli di Matteo Tarantino e Paola Cordella di Nardò, la lode di Rossana Casaluci (anche lei di Galatone). Per la sezione B doppia lode: se la portano a casa Stefania Villani di Galatone e Martina Rita Pano di Nardò.

Voce al Direttore

by -
Le immagini che scorrono e scorreranno sugli schermi fino a sera tardi ed in parte anche domani, sono le ultime che hanno il sapore...