Home Temi Musica
Musica, concerti, band giovanili e sperimentazioni musicali dai Comuni della rete di Piazzasalento

TAURISANO. Dopo aver conseguito la già grande soddisfazione di poter prendere parte alla finalissima del “Sibiu Jazz Competition 2017” di novembre scorso, a seguito di una importante preselezione di oltre 50 candidature che l’ha visto comparire tra le migliori 13 band provenienti da ben nove paesi europei differenti, il gruppo salentino dei Bija ha ottenuto – con 1200 voti online e dal pubblico – il premio “The Audience Award”, offerto dal “Romanian Cultural Institute”. Il prestigioso e longevo festival, realizzato a Sibiu, in Romania, ha gratificato la caparbietà e la bravura musicale del trio formato dal musicista taurisanese Marco Puzzello (tromba e flicorno), da Gabriele Di Franco (chitarre) e da Francesco Pellizzari (batterie e percussioni). Attivi da un quinquennio, i Bija annoverano, tra i propri lavori e riconoscimenti, un disco intitolato col nome del gruppo e uscito nel 2014 per Slam.

Donato Metallo

Racale – Tra i 15 progetti approvati in tutta la Puglia nell’ambito dell’avviso pubblico per il sostegno ad imprese della filiera dello spettacolo dal vivo (musica, danza, teatro), c’è Racale con il suo Parco musicale urbano, progetto condiviso con imprese ed associazioni. La Regione, assessorato all’Industria turistica e culturale retto da loredana Capone, ha cofinanziato l’operazione con 480mila euro (il progetto completo supera il milione).I “soggetti attuatori” sono la società “VR2” di Emanuele Giannelli, capofila; la “Procediamo Italia” di Fernando Proce; il Comune di Racale; l’associazione di promozione sociale “Mauro Carratta” di Fernando Carratta di Ugento; l’associazione Recinti Temenos di Marco Antonio Romano di Taviano; l’impresa sociale “Granelli di sabbia” di Emanuela De Donatis di Ugento; l’associazione “Staisinergico” di Francesca Margarito di Nardò. Una vera e propria associazione tempoanea di scopo (Ats) è stata formata davanti al notaio con il Comune e le imprese interessate (Giannelli, Proce, “Exohico” di Alessandro Santantonio e “Santa Gaeta” di Antonella Santantonio) per poter patecipare all’avviso pubblico scaduto il 31 marzo scorso.

Il cuore del parco sarà piazza San Sebastiano e il vecchio deposito delle corriere Borman che vi si affaccia. Gli altri particolari dalla voce, molto soddisfatta, del Sindaco Donato Metallo: “Si tratta di uno spazio performativo di 800 metri quadrati, un auditorium, una sala incisione, una sala registrazione di altissima qualità e tanto altro. Il riconoscimento che ci viene oggi va anche ad Emanuele Giannelli in primis, al suo sogno, alla sua utopia realizzata. Così come viene riconosciuto a tutte le realtà che hanno creduto in un percorso, in un orizzonte, nel futuro; un apprezzamento a questa nostra “folle” Comunità, come ormai ci chiamano tutti in Puglia”. Ancora ringraziamenti quindi dal primo cittadino “a Chiara Eleonora Coppola (progettista col suo studio “Coppola & parteners”, ndr), a Fernando Proce, ad Alessandro Santantonio ed a Loredana Capone, l’assessore che ha programmato, pianificato e reso possibile tutto questo”. Commenta la Coppola: “Sono emozionata nel dirvi che il nostro progetto è vincitore del bando attrattori culturali della Regione Puglia. Pmu è il primo parco musicale in Italia diffuso nel centro storico, un polo culturale e creativo dedicato alle arti performative. Un sogno che condivido con Emanuele Giannelli, Carlo De Nuzzo, Donato Metallo e la città di Racale”.

 

Nardò – “Nardò coi fiocchi” è pronta e da domani snocciolerà le iniziative ad oggi programmate dal Comune ed anche da associazioni, gruppi e parrocchie anche delle marine. Si parte l’8 dicembre, domani appunto, con la rassegna dell’Amministrazione comunale agganciata alla alla tradizione: via quindi con la fiaccolata organizzata in collaborazione con la Società operaia di mutuo soccorso, che partirà alle ore 18:30 da piazza Salandra. Il secondo appuntamento è pochi giorni al teatro comunale (ore 20,30) con “Natale in casa Cupiello”, famosa commedia tragicomica napoletana di Eduardo De Filippo e portata in scena dalla compagnia “La Busacca” di Casarano. Il ricavato della serata sarà devoluto in beneficenza.

Il fitto caldnario fissa per domenica 17 alle 20,30 in piazza Salandra “La musica per progettare il futuro”, promosso dall’Ufficio diocesano per la cooperazione missionaria in particolare in favore di “Missionispossible”: la costruzione di una scuola per i bambini del villaggio di Pajule, in Nord Uganda. Martedì 19 alle 20 al teatro  Apulia Film Commission e Comune hanno organizzato un talkshow con l’attore Alessio Boni, protagonista della fiction di Rai1 campione di ascolti La strada di casa. Mercoledì 20 e torna il concerto di Natale “Christmas Songs”, questa volta nella chiesa del Carmine (ore 20,30) con l’orchestra Acuti music e gli arrangiamenti del maestro Alex Zuccaro. Nel corso della serata ci sarà anche la presentazione del cd “Note di Natale”. Giovedì 21 dicembre, a partire dalle 15 in piazza Cesare Battisti, ancora solidarietà con “AbbracciAmiamoci”, un mercatino con i giocattoli e altri prodotti donati dai commercianti della città il cui incasso sarà devoluto ai bambini bisognosi segnalati dalle parrocchie; l’iniziativa è della Pro loco Nardò e Terra d’Arneo e dell’associazione “Quelli del 5 febbraio. Venerdì 22 dicembre, in cattedrale alle 20,30 Concerto di Natale, le più belle canzoni della tradizione natalizia interpretate da Gabriele Papadia. Sabato 23 alle 17 in piazza Salandra arriverà in volo Babbo Natale in un evento organizzato con il Gruppo speleologico di Lecce. Il 31 dicembre sarà il momento del Capodanno in piazza (a partire dalle 22,30) con tanta musica. Lunedì 1 gennaio altro concerto dell’Orchestra da Camera di Lecce e del Salento: appuntamento alle 20 in cattedrale.

“Nardò coi fiocchi” segnala poi una serie di altre manifestazioni che occupano più giorni, come il Mercatino in villa dall’8 al 10 dicembre (ore 9-22), in corso XX Settembre, in collaborazione con l’associazione “Girasole” e l’Unione dei commercianti.  A seguire dal 15 al 22 (ore 9-22) “Natale in chiostro”, altro mercatino ma di antiquariato al Chiostro dei Carmelitani, sempre in collaborazione con l’associazione Girasole.

“La novità assoluta della rassegna, però, è Chiese Aperte Winter Edition – si sottolinea con soddisfazione nella kunga nota del Comune – ’niziativa che consentirà a tutti di visitare le chiese del centro storico (chiesa dell’Immacolata, chiesa di Santa Teresa, Basilica Cattedrale, chiesa di San Domenico, chiesa del Carmine) anche nelle serate di questo periodo di festività, analogamente a quanto avviene in estate”, secondo questo calendario: 9, 10, 16, 17, 23, 24, 26, 30 e 31 dicembre e 1, 6 e 7 gennaio, con la collaborazionedella cooperativa “Ipso Facto”.

Ecco poi per la 37ma volta il Presepe Vivente di Santa Caterina, in particolare nei giorni del 17, 26 e 30 dicembre e 1, 5 e 6 dicembre, organizzato come sempre dalla parrocchia di Santa Caterina d’Alessandria. Dal 24 dicembre al 7 gennaio torna al Chiostro dei Carmelitani anche il concorso Il presepe tra tradizione e attualità, a cura del Cts Osanna. Dal 27 al 29 dicembre infine (ore 9-22) Artigianato al Chiostro, in collaborazione con “Girasole”. Chiuse dal 4 al 7 gennaio a Santa Caterina l’iniziativa “Santa Caterina da amare”, con la Pro loco Santa Caterina e i commercianti della marina. Mercatini, giochi e animazione in programma.

Per le iniziative promosse dal Comune, che comunque ha coordinato i vari protagonisti, il commento degli assessori Ettore Tollemeto e Giulia Puglia:”Abbiamo voluto variegare i contenuti della rassegna, cercando di coinvolgere al massimo i cittadini e le realtà associative del territorio. È una rassegna di cose interessanti, molte delle quali orientate alla solidarietà. La grande novità è la versione invernale di Chiese Aperte, che risponde all’esigenza da più parti sottolineata lo scorso anno, di consentire la fruibilità di questo nostro immenso patrimonio”.

CASARANO – Giorgia Pino punta decisamente verso Sanremo. La 21enne cantante casaranese risulta, infatti, tra gli otto vincitori di “Area Sanremo”, la manifestazione che apre una corsia preferenziale per le serate finali della nota manifestazione canora nazionale. «Grazie al mio vocal coach Tony Frassanito , a Nicco Verrienti, Carlo Verrienti e Giulia Led Capone autori del brano, grazie a tutti», ha scritto sulla sua pagina facebook la Pino, già finalista nel 2014 al talent di Rai Due “The Voice”. Due sono ora i posti in palio per accedere alla Sezione Giovani del Festival 2018 e ciò avverrà il 15 dicembre nel corso di “Sarà Sanremo”,  in diretta su Rai Uno dal Padiglione di Villa Ormond a Sanremo. Il brano che le ha dato la vittoria ad Area Sanremo è stato scritto dai fratelli Carlo e Niccolò Verrienti e da Giulia Capone, autori casaranesi come Giorgia, già autori di canzoni per Emma, Chiara, Alessandra Amoroso e molti altri artisti.

Nardò – Ritorna sulle scene la Compagnia Xanti Yaca, dopo otto anni di assenza ed una breve ma significativa parentesi legata al ventennale dalla data del proprio esordio, festeggiato nel novembre del 2013 a Nardò. Ritorna e riprende la sua attività accanto a chi viaggia nel mondo di tutti. Ma si tratta di una ripresa non proprio normale: si parte subito per un altro viaggio, portando l’ultima produzione musicale dal titolo “Migranti – il viaggio dell’Uomo” in Tunisia, il Paese che ha dato il via alla Primavera Araba, sull’altra sponda del Mediterraneo, punto di approdo e di partenza verso il futuro di migliaia di profughi in fuga. Dopo sette mesi di preparazione i cinque artisti debutteranno  nei teatri di Beja (29 novembre, Theatre complexe culturel), Nabeul (30 novembre, Theatre centre universitaire), Teboulba (1 dicembre, Theatre centre culturel) e Monastir (2 dicembre, Theatre Places des Arts) in un tour che porterà il gruppo ad attraversare il Paese da Nord a Sud. La produzione rientra nella “Programmazione Puglia Sounds Export 2017” Regione Puglia – Patto per la Puglia – Investiamo nel vostro futuro”.

Il progetto artistico della Compagnia si ispira alle recenti vicende del Mediterraneo ed apre una finestra sul fenomeno delle migrazioni. Lo fa con la sensibilità che è propria della storica formazione salentina che in occasione di questo ritorno sulle scene ha deciso di avvalersi della collaborazione di due giovani artisti: un “video producer” ed un “music producer”, adottando così una soluzione stilistica molto originale e di grande impatto emotivo; un’opera poliedrica, multimediale, che utilizza l’arte e le sue diverse chiavi interpretative.

Per raccontare “Migranti” gli Xanti Yaca utilizzano questa volta diversi linguaggi artistici: i video, la fotografia, la musica eseguita dal vivo, la poesia, la letteratura, il canto, i suoni, le vibrazioni. Anime della storica Compagnia sono Giuseppe Tarantino, (voce recitante, voce, chitarra); Alfredo Ronzino (chitarra, voce, basso); Diego De Razza (violino, voce, percussioni); Alessandro Bollino (video producer); Michael De Benedittis (music producer); produzione Xanti Yaca; organizzazione generale Lobna Gasmi; direzione artistica Diego De Razza. Buon viaggio.

 

by -
0 12680

PRESICCE – L’approdo sui banchi di scuola più ambiti d’Italia, quelli del programma “Amici di Maria De Filippi”, è l’ultimo di un’escalation di successi. Guadagnati con impegno, sacrifici e perseveranza. Matteo Cazzato, vocalist presiccese del “Black Soul Trio”, canta da quando era piccolissimo. Ora, a 24 anni, l’approdo al “talent” di Canale 5 insieme al chitarrista Aldo Torsello (di Casarano) ed al tastierista Davide Donadei (di Parabita). «Ha la musica nel Dna», commenta mamma Anna De Giorgi, commossa al telefono. Da sabato i genitori di Matteo (così come la sorella Velia, a Cremona) non fanno altro che rispondere alle telefonate di congratulazioni. «Siamo molto emozionati, contenti e soprattutto orgogliosi. Sentiamo Matteo solo la sera tardi. Lui è al settimo cielo, ancora quasi non ci crede», continua la signora, anche a nome del marito Luigi, ricordando come poche anni fa Matteo fosse stato ad un passo dall’entrare nel programma. «Mi ero presentato da solista – ha raccontato, infatti, lo stesso Matteo prima di affrontare la decisiva prova di sabato scorso – ma mi hanno scartato. Avevo quasi perso l’idea, poi con gli altri componenti del gruppo abbiamo voluto provare, ma giuro che non avevamo nessuna aspettativa».

Dai banchi del coro parrocchiale ai locali di tutto il Salento. Nato come cantante lirico, solo negli ultimi anni ha abbracciato il pop-rock, riuscendo a trovare la sua vera vena artistica. Guardandolo destreggiarsi, perfettamente a suo agio, sul palco non si direbbe sia timido, ma è proprio cantando che trova la sua forza. «Da piccolissimo cantava con il padre, poi ha iniziato a frequentare il coro parrocchiale, che non ha mai lasciato, con il maestro Anacleto Tamborrini. Un giorno, aveva otto anni, per fargli vincere la timidezza – ricorda ancora commossa la madre – lo abbiamo iscritto ad una competizione canora del paese. Quando faceva le prove si vergognava di stare davanti a tutti e il direttore Nino Viola, per sentire la sua voce si è visto costretto a farlo provare da solo. Si è esibito con “Nessun dorma” e ha vinto!». Da lì ha iniziato a partecipare a tutti i festival pugliesi e non: Bari, Battipaglia, Mirandola, classificandosi sempre tra i primi posti. «Ha partecipato anche al programma “Bravo, bravissimo” su Rete 4 – continua la signora Anna – e sono davvero tanti  premi che ha vinto nelle varie competizioni. Dagli otto anni fino ai primi anni della scuola superiore ha studiato lirica. Si è esibito anche nei teatri con opere quali la “Traviata” e la “Norma” per citarne alcune. Ha cantato anche con Katia Ricciarelli, che in una manifestazione le ha pure chiesto  di fare il bis di “Caruso”. Ma lui, per timidezza, le ha detto no». I tanti sacrifici sono ora ripagati. «A volte non è stato facile, ma lo abbiamo sempre sostenuto», conclude la signora Anna. E i fan sono già pronti a partire per raggiungerlo a Roma e continuare a sostenerlo nella prossima puntata. Il pullman partirà venerdì notte e i posti sono già quasi tutti occupati.

ARADEO – L’associazione “Amici della musica” di Aradeo festeggia Santa Cecilia, patrona della musica, con un concerto al Teatro Modugno. Mercoledì 22 novembre, il Concerto musicale Città di Aradeo, diretto dal maestro Luigi Varallo, presenta in anteprima alcuni brani preparati per la prossima stagione concertistica: Beethoven’s Symphony no. 5 and Mambo no. 5, Tchaikovsky Valzer n.2 e brani di Pop music. L’idea di fondo è mettere insieme musica classica e musica elettronica, preparando un programma per e con i giovani per farli appassionare alla musica classica, essendo il “Concerto musicale” interamente formato da giovani musicisti. Nel corso della serata verrà, inoltre, dato spazio ai giovani che nell’ambito dell’associazione hanno formato il gruppo “Union of Sound”. Questi presenteranno “Imagine” di John Lennon, “La cura” di Franco Battiato e “Zombie” dei Cranberries. Sempre mercoledì sera, l’associazione consegnerà al sindaco Luigi Arcuti l“Omaggio speciale per la Comunità di Aradeo”, ricevuto dallo stato americano del Michigan in occasione del gemellaggio con la “Blue lake Southern winds della scorsa estate, durante il suo tour europeo. L’iniziativa fa parte di in un programma di scambio internazionale pensato “per creare più amicizia, comprensione e pace tra i cittadini del mondo attraverso il linguaggio universale delle arti”. L’esperienza ha segnato i musicisti delle due associazioni che continuano a scambiarsi esperienze, foto e mail attraverso internet.

GALLIPOLI. Approdano a Gallipoli quest’anno le finali del Premio Fabrizio De Andrè. Venerdì 24 e sabato 25 novembre sarà il Teatro Italia a ospitare le due serate conclusive della sedicesima edizione del premio dedicato alla promozione della canzone d’autore in Italia. L’evento “Parlare musica”, presentato dal conduttore radiofonico e televisivo Carlo Massarini, è patrocinato dalla Fondazione Fabrizio De André onlus e organizzato da Monna Lisa Srl in partnership con Soldout Music Events, con la direzione artistica di Luisa Melis e la collaborazione di Dori Ghezzi, moglie dell’indimenticato artista, nella veste di presidente della giuria. La prima serata vedrà come ospiti Alessio Bonomo, Vincenzo Costantino Cinaski, Bobo Rondelli e la Bandabardò. Attesi per domenica 25 invece Paolo Rossi e Mannarino.

Definiti durante le semifinali ad agosto a Pietracatella (CB), i 13 finalisti della sezione “Musica” si esibiranno sul palco del Teatro Italia, mentre i brani dei 12 finalisti della sezione “Poesia” saranno letti dagli ospiti della serata. Le opere dei finalisti della sezione “Pittura” saranno invece esposte e votate dalla giuria. Nel corso delle due serate saranno assegnati il “Premio Faber”, (già Premio alla Carriera) e il Premio “Quelli che cantano Fabrizio” (già premio per la reinterpretazione dell’opera di Fabrizio), che l’anno scorso hanno ricevuto i Negrita (foto) e Clementino.

RACALE – Donatello Pisanello è il polistrumentista atteso a Racale nell’ambito della rassegna “Visite d’artista” organizzata dalla Casa per la vita “Artemide”. Il nuovo appuntamento è martedì 21 novembre, alle 17, per un incontro che, come le altre “visite” vuole mettere in contatto diretto musicisti e artisti salentini con gli ospiti della comunità residenziale a carattere socio-sanitario gestita dalla “Domus vivens srl”. Durante gli incontri gli ospiti vengono seguiti dallo psicologo della struttura Massimiliano Macagnino e dal direttore artistico e ideatore del progetto, il sociologo Walter Spennato. Al fine di sensibilizzare e coinvolgere chi intende avvicinarsi a queste tematiche è possibile prenotarsi per assistere ad una “Visita d’Artista” chiamando in struttura: l’evento è aperto a 10 persone (info: 0833 908506 – info@domusvivens.it). Pisanello, storico fondatore di Officina Zoè, suona l’organetto, la chitarra e la mandola ed è tra i protagonisti della riscoperta e rivisitazione della musica popolare salentina negli ultimi anni. Sue le colonne sonore di alcuni film diEdoardo Winspeare, Giorgia Cecere, Paolo Pisanelli, Corrado Punzi e Pippo Mezzapesa. Dopo gli incontri con Carolina Bubbico, Maristella Martella e Cesare Dell’Anna, la rassegna proseguirà il 25 novembre con l’attore Ippolito Chiarello ed il 19 dicembre con il musicista Raffaele Casarano.

CASARANO – Con un’esibizione più che convincente del brano “Le vent nous portera” (dei Noir Désir), i “Black Soul Trio” entrano nella scuola di “Amici” (qui il video). Sabato 18 novembre, su Canale 5, è andata in onda la puntata “speciale” nella quale è stato completato, dopo le varie selezioni precedenti, il cast della nuova “classe” del programma condotto da Maria De Filippi con l’ammissione dei 24 concorrenti. Tra questi, a pieno titolo, la band tutta salentina composta dal  cantante Matteo Cazzato (di Presicce), dal chitarrista (e pure consigliere comunale) Aldo Torsello (di Casarano) e dal tastierista Davide Donadei (di Parabita). Ci sarà ora tempo, nel corso nell’edizione 17 del noto programma, di coltivare nuove ambizioni, puntando magari al traguardo finale per accedere al “serale” di Amici 2018.

by -
0 120

NOCIGLIA. Si colora di jazz l’inverno salentino con la prima edizione dell'”Oltretromba Jazz Winter”, al via a Nociglia da domenica 19 novembre. Realizzata da Oltretromba Jazz Club, con il patrocinio dei Comuni di Poggiardo e di Nociglia e con il sostegno di Anacleto Longo srl, l’iniziativa, diretta da Riccardo Coratelli, propone incontri con artisti di primo piano del panorama nazionale e internazionale. Primo appuntamento “Night of blues & ballads feat. Ares Tavolazzi”, viaggio musicale che ripercorre un repertorio di standard di blues e ballads di grandi autori. Sul palco Ares Tavolazzi (contrabbasso), ex membro degli Area e come session man dei più grandi musicisti pop e jazz. Ad acompagnarlo tre musicisti: Stefano Luigi Mangia (voce), Gianni Lenoci (pianoforte), Giacomo Mongelli (batteria). Tavolazzi sarà il protagonista anche del workshop “Analisi armonico/melodica delle songs” che si terrà domenica 19 novembre alle ore 9.30 presso il Palazzo Baronale di Nociglia. (Per maggiori info: 327.5733604, 329.8236668 – per adesioni: riccardocoratelli@gmail.com)

 

UGENTO. Preannunciato negli scorsi giorni, “Bentornato Orwell”, il nuovo singolo dei Camden, è accompagnato ora dal video diretto da Piernicola Mele. Un “ritorno” anche per la band nata nel 2009 con l’intento di rendere omaggio alla musica inglese dagli anni 60 ai nostri giorni in chiave acustica. Nuovo progetto ancora più impegnato e impegnativo dei precedenti due album e nuova formazione: accanto a Massimo Munitello al basso (Ugento) e Ester Ambra Giannelli alla voce e alla chitarra (Racale) si inserisce Vincenzo Zizzi  alla batteria (Gemini di Ugento), il quale prende il posto di Gabriele Turso alla batteria (Racale). Il nuovo brano, pubblicato a due anni di distanza da “Album Giallo”, è stato registrato, editato e mixato da Marco Ancona e masterizzato da Francesco “pizzetto” Guadalupi e rappresenta una sorta di inno dedicato al visionario Orwell e anticipa il terzo capitolo della carriera discografica della band, anch’esso interamente autoprodotto, come i precedenti.

 

 

 

 

 

 

by -
0 481

UGENTO. Nuovo singolo in uscita a firma dei Camden. Il trio gli ha dato come titolo “Bentornato Orwell”, per non smentire il tasso culturalmente non banale della produzione del gruppo, un titolo che lascia già immaginare quali saranno i temi e i concetti che la band tratterà nel suo nuovo lavoro. “Quest’ultimo progetto è veramente impegnato e impegnativo – dicono gli autori – e arriva per rompere un silenzio di quasi due anni, trovando ispirazione nelle pagine dei romanzi di Eric Arthur Blair”. Il brano anticipa il terzo album. della band salentina, interamente autoprodotto come i precedenti.
I Camden nascono nel novembre del 2009 da un’idea comune di Massimo Munitello al basso (Ugento), Ester Ambra Giannelli alla voce e alla chitarra (Racale) e Gabriele Turso alla batteria (Racale) di rendere omaggio alla musica inglese dagli anni 60 ai nostri giorni in chiave acustica. La pubblicazione del primo singolo “On Liberty” nel 2011 precede la realizzazione dell’album di inediti intitolato “Welcome to Camden”, che vede la luce il 30 aprile 2012.
Da quel momento i Camden si sono esibiti in Italia e anche nel Regno Unito. Nel 2011 hanno aperto il concerto di Vasco Brondi, alias “Le Luci della Centrale elettrica”, alle Officine Cantelmo di Lecce e nel 2012 nell’ambito della rassegna “Vetrine Inedite” di Brindisi la band si è classificata al primo posto con brani inediti.
A giugno del 2015 i Camden pubblicano il secondo album intitolato “Album Giallo”. Nel 2017 Vincenzo Zizzi (Gemini di Ugento) prende il posto di Gabriele Turso alla batteria e il trio si rimette al lavoro. Con questo risultato. “L’uomo, al tempo di Orwell così come oggi, è consapevole della sua situazione precaria, sa di essere spiato, seguito e influenzato da una ‘forza maggiore’ – spiegano i Camden -. Da dispositivi finalizzati a migliorare la qualità della vita e accorciare le distanze tra le persone, appiattendone le peculiarità e annullandone le differenze. La gente è tutta uguale, ovunque. È sempre tutta sotto lo stesso cielo, ogni individuo si trova insieme a milioni di altri individui, tutti uguali e tutti ignari dell’esistenza degli altri. Sono tutti separati da alte mura d’odio, bugie e menzogna. Per il video del brano, la cui regia è stata affidata a Piernicola Mele, si deve aspettare domani 11 novembre, data in cui verrà pubblicato sia su Youtube che sulla pagina ufficiale Facebook della band.

GALATONE. Musica tradizionale protagonista per la festa di San Martino organizzata in piazza Costadura, a Galatone, venerdì 10 novembre. Stand enogastronomici (con “Cantine aperte”) e danzatrici “pizzicate” anticipano, dalle 18.30, il concerto di Giancarlo Paglialunga (che presenta “Jonio t’amai”) con l’omaggio in musica al Salento di Rachele Andrioli, Rocco Nigro, Massimiliano De Marco e la ballerina Sara Albano. La serata è proposta dall’Amministrazione comunale in collaborazione con Pro loco, Punto Danza, Comitato Carnevale Galatonese e Parrocchia Maria SS. Assunta

GALATONE. Si presenta con un estratto in versione rigorosamente live “L’ora di tutti”, il nuovo album dei Muffx, pubblicato a ottobre per Black Widow Records. E’ online il video di “Vengono dal mare”, una delle quattro tracce strumentali (con “Un’alba come tante”, “Ottocento” e “Bernabei”) che compongono il quarto lavoro discografico della band composta da Luigi Bruno (chitarra e voce, di Galatone), Ilario Suppressa (basso, di Leverano), Mauro Tre (tastiere e synth, di Lecce) e Alberto Ria (batteria, di Tuglie). Le riprese a cura di Atraz & Emilia Videography sono state effettuate il 16 ottobre in un frantoio ipogeo di Galatone.

L’album “L’ora di tutti” è ispirato all’omonimo romanzo del 1962 di Maria Corti, che tratta le vicende storiche dell’invasione turca a Otranto nel 1480, e musicalmente richiama le atmosfere progressive rock italiane degli albori. Al “Barrio Verde” di Alezio, lo scorso 22 ottobre, la presentazione ufficiale dell’album.

by -
0 336

RACALE. Si “svela” il 3 novembre in tutti i negozi di dischi “Alétheia”, il nuovo lavoro discografico del sassofonista Fulvio Palese, su etichetta AlfaMusic, distribuito da Egea/Believe. Le registrazioni dell’ultimo disco del musicista racalino sono state effettuate presso la Corrado Productions Studio di Supersano, e hanno visto la partecipazione di diversi artisti. L’“Alétheia” di Palese (“verità” in greco, nel senso di qualcosa di mitico che è a fondamento di ogni tradizione) ha avuto origine dall’incontro con i musicisti Pietro Vincenti (pianoforte e tastiere), Francesco Pennetta (batteria) e Paolo Romano (basso). Carolina Bubbico ha offerto la sua personale interpretazione di “Guarda che luna”, unico brano non originale del disco, appositamente riarrangiato. Altri ospiti presenti nell’album sono: Lucia Ianniello, flicorno nel brano “Mandelina”, il chitarrista Marco Ancona, Carlo Marzo alle percussioni, Francesco Leone e Alessandro Dell’Anna rispettivamente trombone e tromba nel brano “Cuba blues”. Gli arrangiamenti sono di Fulvio Palese in collaborazione con Piero Vincenti. Qui una preview del disco

TAURISANO. Compare il gruppo salentino dei Bija tra le tredici band che hanno strappato il pass per la finalissima del “Sibiu Jazz Competition 2017” del 10-12 novembre prossimo, a Thalia Hall, in Romania. Ai nastri di partenza di questa importante competizione internazionale di jazz erano presenti oltre 50 band da tutta Europa: la giura, dopo aver ascoltato, esaminato e giudicato le canzoni in gara, ha stilato la lista dei tredici finalisti, tra i quali si esibirà il trio formato dal musicista taurisanese Marco Puzzello (al centro, tromba e flicorno), Gabriele Di Franco (chitarre) e Francesco Pellizzari (batterie e percussioni). La lista completa dei tredici migliori: Gottfried di Franco 5et (Belgio), Bija (Italia), Pol Belardi’s Force (Lussemburgo), Adam Jarzmik Quintet (Polonia), Vibe Quartet (Polonia), Yuliya Perminova (Russia), Mario Rafael Trio (Ungheria), Petra Várallyay Trio (Ungheria), Pasquale Mandia Trio (Italia), Well in Case (Italia), Bianca Olteanu Quartet (Romania), Fluffy & Mr. Grey (Romania), Bilge Günaydın Trio (Turchia).

ARADEO. Tre concerti-lezione sono stati organizzati lunedì 2 ottobre in tutti e tre i plessi del Comprensivo di Aradeo dall’associazione “Amici della musica” diretta da Enzo Aluisi. Ragazzi di varie classi di strumento hanno suonato per i loro coetanei delle Primarie di via Sereni e di via Togliatti e della Media. Quest’innovativa iniziativa rafforza il progetto di avvicinamento alla musica elaborato dall’associazione per le scuole del paese. La collaborazione è già iniziata lo scorso 27 e 28 gennaio quando i ragazzi delle classi quinte della Primaria hanno avuto modo di lavorare su un progetto legato alla Giornata della Memoria insieme al gruppo musicale “Il vento del Nord”, la cover dei Nomadi di cui fa parte il maestro Luigi Varallo. Anche lo scorso lunedì i ragazzi hanno risposto con partecipazione ed entusiasmo. Oltre ai tradizionali strumenti a fiato, sono stati molto apprezzati gli strumenti moderni, come chitarra e basso. I maestri dell’associazione (Giada Chezzi per il clarinetto, Alessandra Bianco per il sax, Lorenzo Lorenzon per gli ottoni ed Ettore Mastria per chitarra e basso elettrico) sono stati letteralmente tempestati di domande e di curiosità quando hanno illustrato suoni e caratteristiche degli strumenti ed hanno fatto esibire da “solisti” i compagni di classe che già fanno parte della piccola Banda musicale. La collaborazione tra il Comprensivo diretto da Carmela Cezza e l’associazione “Amici della musica” punta ora a nuove iniziative extracurricolari, come il concerto della Memoria, il coro di voci bianche e la banda scolastica.

Nardò – Ha la voce graffiante di chi ha saputo soffrire e uno sguardo in grado di trasmettere emozioni. Mauro Vicanolo, 27enne neretino doc, ha così stregato i giudici del talent show X Factor. Per il suo sogno ha fatto ricredere i più scettici: «La mia passione è sbocciata con la maggiore età – ricorda Vicanolo – e ho iniziato a costruirmi il mio percorso di gavetta, sebbene inizialmente in pochi credevano nelle mie potenzialità». Poi, sul suo canale YouTube, una apprezzata cover di Lucio Battisti, “E penso a te”, con la clip girata interamente nel Salento dal videomaker Gabriele Emiliano. Quindi, sotto i consigli artistici del vocal coach Tony Frassanito, i provini X Factor superati in serie, fino alla finale in onda lo scorso 22 settembre, quando Vicanolo ha saputo guadagnarsi i “sì” dei giudici Manuel Agnelli, Levante, Mara Maionchi e Fedez con “When a man loves a woman”. Ovazione del pubblico allo stacco canoro iniziale della canzone di Michael Bolton, Fedez a quel punto invocò la presenza sul palco del papà di Mauro, emozionatissimo e pronto a ricredersi sulle potenzialità del figlio. Una nuova conquista per Vicanolo junior, quel “ti seguirò per sempre” pronunciato dal padre, ma, scherzo di un beffardo destino, pochi giorni più tardi una malattia lo portò via, all’età di 75 anni. «Ora voglio dedicargli tutto – aggiunge Mauro – sperando che il mio percorso musicale sia ricco di soddisfazioni». Fra pop-blues e gospel americani: «Adoro Stevie Wonder e Mario Biondi, sono i miei punti di riferimento artistici. Da parte mia cercherò di trasmettere ciò che ho dentro, il mio percorso – conclude Vicanolo – con la speranza di arrivare al cuore della gente».

GALATONE. L’invasione turca nelle note dei Muffx. È il progetto “L’ora di tutti”, l’album ispirato all’omonimo romanzo di Maria Corti, la quarta fatica della formazione salentina: disponibile da oggi in cd e vinile, i musicisti Luigi Bruno (chitarra e voce, di Galatone), Ilario Suppressa (basso, di Leverano), Mauro Tre (tastiere e synth, di Lecce) e Alberto Ria (batteria, di Tuglie) ridanno vita al celebre romanzo del 1962 con quattro tracce tutte strumentali da dieci minuti circa, “suonate dal vivo in studio senza interruzioni o aggiustamenti postumi” come dicono dalla band, che con varie formazioni è attiva dal 2007.
A registrarlo, la “Blackwidow Records” nel “Go Down Studio” di Savignano sul Rubicone (Emilia Romagna), con il mix di Alberto Callegari all’Elfo Studio di Piacenza e la masterizzazione del produttore Riccardo Rinaldi (Ohm Guru Studio di Bologna): le quattro tracce si chiamano “Un’alba come tante”, “Vengono dal mare”, “Ottocento” e “Bernabei”, attraverso le quali Bruno e i suoi dicono di omaggiare le band che hanno fatto da ispirazione alla formazione salentina.
Al “Barrio Verde” di Alezio la presentazione ufficiale del prossimo 22 ottobre: con i Muffx live anche i “Mokadelik”, autori tra l’altro della colonna sonora di “Gomorra – La serie”, e già ospiti della sesta edizione della “Sagra del Diavolo”, il 20 agosto scorso.

Salva

Salva

PARABITA – Adrenalina a mille per l’attesa del verdetto e poi un sogno che passo dopo passo inizia quasi ad avverarsi per il 26enne Tommaso Greco e  per il 24enne Gervasio Provenzano. Il 23 e 24 settembre scorsi, sono state due date importanti per i due giovani parabitani poiché hanno sancito la loro promozione alla semifinale nazionale di “Area Sanremo Tour” che avrà luogo presso il Casinò della Città dei fiori dal 19 al 21 ottobre prossimi.

La strada resta ancora tanta da fare ma la passione dei due promette di condurre a  risultati di rilievo e le audizioni regionali dello scorso fine settimana a  Monopoli vanno in questa direzione. Greco si è esibito con il brano “Corri” e Provenzano con “Mondo zero”. Il primo, mette in evidenza la semplicità della vita quotidiana, invece il secondo si rivolge contro ogni tipo di  sfruttamento minorile. I due aspiranti alla finale di “Area Sanremo Tour 2018” continuano ad  esercitarsi per affrontare al meglio anche la semifinale nazionale delle prossime settimane insieme a concorrenti provenienti da tutta l’Italia.

GALLIPOLI. Entrano nel vivo, a Gallipoli, i festeggiamenti in onore dei Santi Cosma e Damiano, a cura dell’associazione “Santi Medici” presieduta da Antonio Maggio. Da lunedì 25 a mercoledì 27 settembre gli addobbi della ditta “Mariano light” abbelliranno le vie Spagna, S. Giovanni, S. Luigi, Muzio, Duomo, De Pace e piazza Imbriani  mentre nell’atrio vescovile ci sarà il mercatino di prodotti tipici dell’artigianato locale. In piazza Duomo, il 25 alle ore 21, è previsto il concerto della violinista Chiara Conte e mercoledì 26, sempre in piazza Duomo, il Gran concerto dell’associazione bandistica “Santa Cecilia – Città di Gallipoli” che, nella mattinata dello stesso giorno, suonerà per le vie della città. Il programma civile si conclude mercoledì 27 con l’esibizione dello spettacolo musicale “Overdose in Blues – Zucchero tribute”.

Il programma religioso prevede, invece, la processione per le vie del centro storico accompagnata dalla Confraternita del Crocifisso e dalla Banda “Santa Cecilia”  il 25, dopo la Messa delle ore 18. Il martedì, giorno della festa, dopo le messe delle 7.30, delle 9 e delle 11, a mezzogiorno ci sarà la supplica ed alle 19 la messa solenne celebrata da mons. Piero De Santis. Mercoledì 27 è il “giorno del ringraziamento” con la messa delle 9 e l’adorazione eucaristica a cura del gruppo “Mamme S. Gianna Beretta Molla” ed alle 19 la messa nella chiesa di S. Luigi in memoria di S.Vincenzo de’ Paoli.

SANTA MARIA DI LEUCA. Per salutare la chiusura della stagione estiva, Santa Maria di Leuca si prepara a una lunga maratona musicale che racconta i suoni del Mediterraneo, fra tradizione e innovazione, fra grandi classici della musica popolare e moderne sperimentazioni: l’appuntamento è per la serata di domenica 24 settembre, su lungomare Colombo, dove dalle ore 21 prenderà il via il concertone della “Notte di fine estate”. Sul palco salirà l’orchestra popolare della Notte della Taranta, diretta da Daniele Durante e composta da Antonio Castrignanò, Antonio Amato, Enza Pagliara, Giuseppe Astore, Nico Berardi, Roberto Chiga, Valerio Combass Bruno, Roberto Gemma, Antonio Marra, Alessandro Monteduro, Gianluca Longo e Attilio Turrisi, accompagnati dai ballerini Laura Boccadamo e Piero Balsamo. Insieme a loro, protagonisti della serata saranno anche gli Aprés La Classe.

E mentre la musica risuona in una cornice fortemente evocativa e simbolica come quella che guarda al faro di Leuca, nei pressi del palco non mancheranno degustazioni di prodotti tipici e stand con manufatti dell’artigianato locale.

“Notte di fine estate” è un evento nato dalla collaborazione fra l’Amministrazione comunale di Castrignano del Capo, AssoCom Leuca e l’associazione IdealSalento. Un connubio proficuo, che nel corso dell’estate ha già dato vita alla rassegna cultural-gastronomica “Le notti tra i due mari”.

 

PARABITA. Sta riscuotendo già numerose visualizzazioni il videoclip musicale “Corri” del cantautore Tommaso Greco pubblicato lo scorso  28 agosto sul canale youtube del 26enne parabitano. Le immagini video sono state girate recentemente  a Gallipoli, presso la località balneare “Punta della Suina” a cura di” Aut fotografia Salento”,  mentre il lavoro di incisione è avvenuto presso la casa discografica “Fat Cap Records” di Neviano con i produttori Luca Ventura e Simone Busy Mantra. «La trama di questo progetto vuole mettere in evidenza il coraggio di voltare pagina e porre fine agli amori non corrisposti, seguendo la propria felicità», affermato  Greco.  Il brano è stato scritto e composto davanti ad un pianoforte in un pomeriggio primaverile dello scorso anno.

CUTROFIANO. Gualazzi ci riprova. Dopo aver calcato il palco della Notte della Taranta nelle vesti di maestro concertatore della serata finale della kermesse, la punta di diamante di diversi festival internazionali di musica in mezzo mondo e artista tra i più creativi, Raphael Gualazzi, torna nel Salento. Il musicista di Urbino sarà il protagonista dell’edizione “Zero” del Festival Terre di Kutra, domenica 3 settembre alle 21, in piazza Municipio a Cutrofiano. Ad attendere il pubblico oltre due ore di live in equilibrio tra poetica cantautoriale e atmosfere jazz, elementi che hanno contribuito a far registrare il tutto esaurito nei teatri italiani da nord a sud al suo tour “Love Life Peace tour”. L’evento, promosso da “Carta Bianca”, sarà presentato da Alceste Ayroldi, musicologo, docente e critico musicale. Per info e prevendite: 331.1822118.

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...