Home Temi Musica
Musica, concerti, band giovanili e sperimentazioni musicali dai Comuni della rete di Piazzasalento

TAURISANO. Compare il gruppo salentino dei Bija tra le tredici band che hanno strappato il pass per la finalissima del “Sibiu Jazz Competition 2017” del 10-12 novembre prossimo, a Thalia Hall, in Romania. Ai nastri di partenza di questa importante competizione internazionale di jazz erano presenti oltre 50 band da tutta Europa: la giura, dopo aver ascoltato, esaminato e giudicato le canzoni in gara, ha stilato la lista dei tredici finalisti, tra i quali si esibirà il trio formato dal musicista taurisanese Marco Puzzello (al centro, tromba e flicorno), Gabriele Di Franco (chitarre) e Francesco Pellizzari (batterie e percussioni). La lista completa dei tredici migliori: Gottfried di Franco 5et (Belgio), Bija (Italia), Pol Belardi’s Force (Lussemburgo), Adam Jarzmik Quintet (Polonia), Vibe Quartet (Polonia), Yuliya Perminova (Russia), Mario Rafael Trio (Ungheria), Petra Várallyay Trio (Ungheria), Pasquale Mandia Trio (Italia), Well in Case (Italia), Bianca Olteanu Quartet (Romania), Fluffy & Mr. Grey (Romania), Bilge Günaydın Trio (Turchia).

ARADEO. Tre concerti-lezione sono stati organizzati lunedì 2 ottobre in tutti e tre i plessi del Comprensivo di Aradeo dall’associazione “Amici della musica” diretta da Enzo Aluisi. Ragazzi di varie classi di strumento hanno suonato per i loro coetanei delle Primarie di via Sereni e di via Togliatti e della Media. Quest’innovativa iniziativa rafforza il progetto di avvicinamento alla musica elaborato dall’associazione per le scuole del paese. La collaborazione è già iniziata lo scorso 27 e 28 gennaio quando i ragazzi delle classi quinte della Primaria hanno avuto modo di lavorare su un progetto legato alla Giornata della Memoria insieme al gruppo musicale “Il vento del Nord”, la cover dei Nomadi di cui fa parte il maestro Luigi Varallo. Anche lo scorso lunedì i ragazzi hanno risposto con partecipazione ed entusiasmo. Oltre ai tradizionali strumenti a fiato, sono stati molto apprezzati gli strumenti moderni, come chitarra e basso. I maestri dell’associazione (Giada Chezzi per il clarinetto, Alessandra Bianco per il sax, Lorenzo Lorenzon per gli ottoni ed Ettore Mastria per chitarra e basso elettrico) sono stati letteralmente tempestati di domande e di curiosità quando hanno illustrato suoni e caratteristiche degli strumenti ed hanno fatto esibire da “solisti” i compagni di classe che già fanno parte della piccola Banda musicale. La collaborazione tra il Comprensivo diretto da Carmela Cezza e l’associazione “Amici della musica” punta ora a nuove iniziative extracurricolari, come il concerto della Memoria, il coro di voci bianche e la banda scolastica.

Nardò – Ha la voce graffiante di chi ha saputo soffrire e uno sguardo in grado di trasmettere emozioni. Mauro Vicanolo, 27enne neretino doc, ha così stregato i giudici del talent show X Factor. Per il suo sogno ha fatto ricredere i più scettici: «La mia passione è sbocciata con la maggiore età – ricorda Vicanolo – e ho iniziato a costruirmi il mio percorso di gavetta, sebbene inizialmente in pochi credevano nelle mie potenzialità». Poi, sul suo canale YouTube, una apprezzata cover di Lucio Battisti, “E penso a te”, con la clip girata interamente nel Salento dal videomaker Gabriele Emiliano. Quindi, sotto i consigli artistici del vocal coach Tony Frassanito, i provini X Factor superati in serie, fino alla finale in onda lo scorso 22 settembre, quando Vicanolo ha saputo guadagnarsi i “sì” dei giudici Manuel Agnelli, Levante, Mara Maionchi e Fedez con “When a man loves a woman”. Ovazione del pubblico allo stacco canoro iniziale della canzone di Michael Bolton, Fedez a quel punto invocò la presenza sul palco del papà di Mauro, emozionatissimo e pronto a ricredersi sulle potenzialità del figlio. Una nuova conquista per Vicanolo junior, quel “ti seguirò per sempre” pronunciato dal padre, ma, scherzo di un beffardo destino, pochi giorni più tardi una malattia lo portò via, all’età di 75 anni. «Ora voglio dedicargli tutto – aggiunge Mauro – sperando che il mio percorso musicale sia ricco di soddisfazioni». Fra pop-blues e gospel americani: «Adoro Stevie Wonder e Mario Biondi, sono i miei punti di riferimento artistici. Da parte mia cercherò di trasmettere ciò che ho dentro, il mio percorso – conclude Vicanolo – con la speranza di arrivare al cuore della gente».

GALATONE. L’invasione turca nelle note dei Muffx. È il progetto “L’ora di tutti”, l’album ispirato all’omonimo romanzo di Maria Corti, la quarta fatica della formazione salentina: disponibile da oggi in cd e vinile, i musicisti Luigi Bruno (chitarra e voce, di Galatone), Ilario Suppressa (basso, di Leverano), Mauro Tre (tastiere e synth, di Lecce) e Alberto Ria (batteria, di Tuglie) ridanno vita al celebre romanzo del 1962 con quattro tracce tutte strumentali da dieci minuti circa, “suonate dal vivo in studio senza interruzioni o aggiustamenti postumi” come dicono dalla band, che con varie formazioni è attiva dal 2007.
A registrarlo, la “Blackwidow Records” nel “Go Down Studio” di Savignano sul Rubicone (Emilia Romagna), con il mix di Alberto Callegari all’Elfo Studio di Piacenza e la masterizzazione del produttore Riccardo Rinaldi (Ohm Guru Studio di Bologna): le quattro tracce si chiamano “Un’alba come tante”, “Vengono dal mare”, “Ottocento” e “Bernabei”, attraverso le quali Bruno e i suoi dicono di omaggiare le band che hanno fatto da ispirazione alla formazione salentina.
Al “Barrio Verde” di Alezio la presentazione ufficiale del prossimo 22 ottobre: con i Muffx live anche i “Mokadelik”, autori tra l’altro della colonna sonora di “Gomorra – La serie”, e già ospiti della sesta edizione della “Sagra del Diavolo”, il 20 agosto scorso.

Salva

Salva

PARABITA – Adrenalina a mille per l’attesa del verdetto e poi un sogno che passo dopo passo inizia quasi ad avverarsi per il 26enne Tommaso Greco e  per il 24enne Gervasio Provenzano. Il 23 e 24 settembre scorsi, sono state due date importanti per i due giovani parabitani poiché hanno sancito la loro promozione alla semifinale nazionale di “Area Sanremo Tour” che avrà luogo presso il Casinò della Città dei fiori dal 19 al 21 ottobre prossimi.

La strada resta ancora tanta da fare ma la passione dei due promette di condurre a  risultati di rilievo e le audizioni regionali dello scorso fine settimana a  Monopoli vanno in questa direzione. Greco si è esibito con il brano “Corri” e Provenzano con “Mondo zero”. Il primo, mette in evidenza la semplicità della vita quotidiana, invece il secondo si rivolge contro ogni tipo di  sfruttamento minorile. I due aspiranti alla finale di “Area Sanremo Tour 2018” continuano ad  esercitarsi per affrontare al meglio anche la semifinale nazionale delle prossime settimane insieme a concorrenti provenienti da tutta l’Italia.

GALLIPOLI. Entrano nel vivo, a Gallipoli, i festeggiamenti in onore dei Santi Cosma e Damiano, a cura dell’associazione “Santi Medici” presieduta da Antonio Maggio. Da lunedì 25 a mercoledì 27 settembre gli addobbi della ditta “Mariano light” abbelliranno le vie Spagna, S. Giovanni, S. Luigi, Muzio, Duomo, De Pace e piazza Imbriani  mentre nell’atrio vescovile ci sarà il mercatino di prodotti tipici dell’artigianato locale. In piazza Duomo, il 25 alle ore 21, è previsto il concerto della violinista Chiara Conte e mercoledì 26, sempre in piazza Duomo, il Gran concerto dell’associazione bandistica “Santa Cecilia – Città di Gallipoli” che, nella mattinata dello stesso giorno, suonerà per le vie della città. Il programma civile si conclude mercoledì 27 con l’esibizione dello spettacolo musicale “Overdose in Blues – Zucchero tribute”.

Il programma religioso prevede, invece, la processione per le vie del centro storico accompagnata dalla Confraternita del Crocifisso e dalla Banda “Santa Cecilia”  il 25, dopo la Messa delle ore 18. Il martedì, giorno della festa, dopo le messe delle 7.30, delle 9 e delle 11, a mezzogiorno ci sarà la supplica ed alle 19 la messa solenne celebrata da mons. Piero De Santis. Mercoledì 27 è il “giorno del ringraziamento” con la messa delle 9 e l’adorazione eucaristica a cura del gruppo “Mamme S. Gianna Beretta Molla” ed alle 19 la messa nella chiesa di S. Luigi in memoria di S.Vincenzo de’ Paoli.

SANTA MARIA DI LEUCA. Per salutare la chiusura della stagione estiva, Santa Maria di Leuca si prepara a una lunga maratona musicale che racconta i suoni del Mediterraneo, fra tradizione e innovazione, fra grandi classici della musica popolare e moderne sperimentazioni: l’appuntamento è per la serata di domenica 24 settembre, su lungomare Colombo, dove dalle ore 21 prenderà il via il concertone della “Notte di fine estate”. Sul palco salirà l’orchestra popolare della Notte della Taranta, diretta da Daniele Durante e composta da Antonio Castrignanò, Antonio Amato, Enza Pagliara, Giuseppe Astore, Nico Berardi, Roberto Chiga, Valerio Combass Bruno, Roberto Gemma, Antonio Marra, Alessandro Monteduro, Gianluca Longo e Attilio Turrisi, accompagnati dai ballerini Laura Boccadamo e Piero Balsamo. Insieme a loro, protagonisti della serata saranno anche gli Aprés La Classe.

E mentre la musica risuona in una cornice fortemente evocativa e simbolica come quella che guarda al faro di Leuca, nei pressi del palco non mancheranno degustazioni di prodotti tipici e stand con manufatti dell’artigianato locale.

“Notte di fine estate” è un evento nato dalla collaborazione fra l’Amministrazione comunale di Castrignano del Capo, AssoCom Leuca e l’associazione IdealSalento. Un connubio proficuo, che nel corso dell’estate ha già dato vita alla rassegna cultural-gastronomica “Le notti tra i due mari”.

 

PARABITA. Sta riscuotendo già numerose visualizzazioni il videoclip musicale “Corri” del cantautore Tommaso Greco pubblicato lo scorso  28 agosto sul canale youtube del 26enne parabitano. Le immagini video sono state girate recentemente  a Gallipoli, presso la località balneare “Punta della Suina” a cura di” Aut fotografia Salento”,  mentre il lavoro di incisione è avvenuto presso la casa discografica “Fat Cap Records” di Neviano con i produttori Luca Ventura e Simone Busy Mantra. «La trama di questo progetto vuole mettere in evidenza il coraggio di voltare pagina e porre fine agli amori non corrisposti, seguendo la propria felicità», affermato  Greco.  Il brano è stato scritto e composto davanti ad un pianoforte in un pomeriggio primaverile dello scorso anno.

by -
0 309
CUTROFIANO. Gualazzi ci riprova. Dopo aver calcato il palco della Notte della Taranta nelle vesti di maestro concertatore della serata finale della kermesse, la punta di diamante di diversi festival internazionali di musica in mezzo mondo e artista tra i più creativi, Raphael Gualazzi, torna nel Salento. Il musicista di Urbino sarà il protagonista dell’edizione “Zero” del Festival Terre di Kutra, domenica 3 settembre alle 21, in piazza Municipio a Cutrofiano. Ad attendere il pubblico oltre due ore di live in equilibrio tra poetica cantautoriale e atmosfere jazz, elementi che hanno contribuito a far registrare il tutto esaurito nei teatri italiani da nord a sud al suo tour “Love Life Peace tour”. L’evento, promosso da “Carta Bianca”, sarà presentato da Alceste Ayroldi, musicologo, docente e critico musicale. Per info e prevendite: 331.1822118.

LEUCA. Un finale d’estate in cui si mescolano sapori e note, all’insegna della tradizione: a Santa Maria di Leuca debutta la rassegna “Le notti tra i due mari”, in programma per le serate del 28, 29 e 30 agosto, su Lungomare Colombo. Questa prima edizione dell’evento è organizzata dall’associazione culturale IdealSalento e da AssoCom Leuca, con la collaborazione della Pro Loco Leuca e il supporto finanziario del Comune di Castrignano del Capo. Come spiega Leonardo Ferilli, assessore al Turismo di Castrignano, “la rassegna rientra nelle linee guida della promozione territoriale già stilate dalla nostra amministrazione. L’obiettivo è valorizzare il territorio attraverso la cultura, l’arte, la musica e l’enogastronomia, tenendo a mente l’importanza di uscire dall’individualismo e fare sistema. Con ‘Le notti tra i due mari’ siamo riusciti a fare proprio questo: creare una rete fra imprenditori, operatori culturali, amministrazione e artisti locali”.

Nel corso delle tre serate, a partire dalle ore 20, sarà allestito un percorso enogastronomico che vedrà presenti aziende salentine e pugliesi scelte per l’eccellenza dei loro prodotti: fra assaggi di dolce e di salato, ci si potrà deliziare gustando birre e liquori artigianali, prodotti da forno e dolciumi, l’immancabile olio extravergine, salumi, miele e l’innovativo “friscous”, che unisce la tradizione della frisa a quella del cous cous. Nello spazio esterno della sede della Pro loco, inoltre, si potrà assistere alla produzione di pasta fresca artigianale e alla realizzazione di nasse intrecciate a mano.

Altro ingrediente fondamentale di queste “Notti tra i due mari” è la musica. Tre i concerti (tutti in programma alle ore 22) che porteranno sul palco brani cult di ieri e di oggi, e musica popolare: lunedì 28 agosto si parte con i Work in progress, cover band dei Nomadi; martedì 29 tocca invece ai Black Soul Trio e mercoledì 30 spazio alla pizzica dei Kardiamundi.

Mistura Louca

GALLIPOLI. Una lunga notte in compagnia di artisti locali, un grande party di chiusura per concludere, tra amici e buona musica, la decima stagione del “Postepay Parco Gondar” e salutare la stagione estiva 2017. Si terrà infatti domenica 27 agosto “All Parco Gondar United – Closing Party”, la tradizionale festa di fine estate organizzata anche quest’anno per salutare la stagione estiva 2017, che ha visto la riconferma del “Postepay Sound Parco Gondar” come punto di riferimento principale per i grandi live del Sud Italia. Il “closing party” avrà inizio alle ore 21 con ingresso libero e sarà caratterizzato da una lunga jam session in cui si susseguiranno numerosi live, con un cast ufficiale che prevede la speciale e amichevole partecipazione di Io te e Puccia vs Papa Chango, La Municipàl, Mistura Louca, Cafè Chinaski,  Kalinka, Natural Mystic e le improvvisazioni teatrali di Improfestival.

Sulla pista del “Welcome To Tijuana” si alterneranno poi i dj set di Kalibandulu, Tetrixx, Dj Spike, Luca Tarantino, Paparina, Washing Rock Machine, Andrea Fsk, Run It Sound, Kooloomeetoo, Heart On Fire, Roberto Dell’Osso, DNA, Andy Bello, per salutare insieme la stagione estiva e festeggiare i dieci anni di attività del “Gondar”.

 

CASARANO. Il maestro Alessandro Ferrari, direttore d’orchestra e violinista del Teatro alla Scala di Milano, sarà ospite a Casarano dell’associazione “Orchestra giovanile Valente” per un Masterclass su ‘La pratica orchestrale nelle varie sezioni’. Sabato 26 agosto alle 19 la presentazione dell’iniziativa nel chiostro comunale e dal 28 al 30 lo svolgimento del corso che sarà gratuito (con attestato finale) per i ragazzi dell’Orchestra, dalle 9 alle 13 presso l’auditorium comunale. Al termine del corso, mercoledì 30  agosto, l’Orchestra si esibirà presso il teatro comunale di Tuglie, a Montegrappa, in un omaggio al maestro Ferrari. In occasione della presentazione del 26 agosto, invece, verranno presentati i bambini, dai 4 agli 8 anni, che hanno partecipato al progetto ‘Un’Orchestra al Polo 1’, ideato dall’associazione Valente con la partecipazione di alcuni ragazzi “più anziani” (tra i 16-18 anni) dell’Orchestra come docenti di strumento e solfeggio.
«È ora il momento di raccogliere i frutti di anni di lavoro e di fare il salto di qualità sul piano artistico e didattico», afferma il maestro Salvatore Valente, direttore artistico, fondatore e presidente dell’associazione “Orchestra Giovanile Valente”. Più che positive le ultime esperienze dell’associazione, ad iniziare dall’applauditissimo concerto del 18 maggio al teatro Elfo-Puccini di Milano (organizzato dalle associazioni “Sognar musica” e “Pugliesi di Milano”). Importante anche la convenzione col Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli, che consente alla “Valente” di svolgere i corsi pre-accademici propedeutici al superamento degli esami di ammissione al conservatorio e frequentare le lezioni di strumento e teoria direttamente a Casarano, ed il riconoscimento del ruolo svolto dall’associazione da parte della Provincia di Lecce con la firma di un apposito protocollo d’intesa. Da Settembre partirà la nuova stagione artistico-didattica.

ACQUARICA DEL CAPO. Domenica 27 agosto, ore  21, presso il Castello medievale di Acquarica del Capo, la cantautrice  salentina Cristiana Verardo, accompagnata al pianoforte da Daniele Vitali, presenterà il  disco d’esordio “La mia voce”  pubblicato da Workin’Label e realizzato insieme ad un nutrito gruppo di musicisti salentini. L’uscita del disco è stata anticipata a  maggio con un videoclip del singolo “Liberi tutti”, regia di Giuseppe Pezzulla, che  racconta un  viaggio in treno, un percorso a ritroso verso le origini di  un legame indissolubile con la  propria terra. Lo stile è influenzato da cantautori italiani come Dalla, De Andrè e Testa. L’album contiene otto canzoni originali, frutto di una tenace ricerca compositiva. I testi narrano frammenti di vita quotidiana, alcuni brani sono dedicati a figure femminili dalle vite complesse, donne comuni e al tempo stesso uniche. Cristiana si è laureata al Conservatorio N. Rota di Monopoli nel 2014 in Canto Jazz e nel 2017 ha conseguito la laurea magistrale in Musica Jazz con il massimo dei voti. Nonostante la giovane età ha già un curriculum di tutto rispetto: nel 2014 firma il singolo “Canta!”, interpretato da Claudia Casciaro  semifinalista di Amici 12, vincendo successivamente il concorso del dipartimento di musicologia di Cremona ”La città della canzone”; nel 2015 è vincitrice del  “Festival della canzone d’autore Ugo Calise”; nel 2016 è tra i finalisti del “Biella Festival” vincendo il premio Guido Gozzano per il miglior testo e aggiudicandosi il  secondo posto e nello stesso anno vince il premio assoluto nel contest nazionale “Premio Mauro Carratta”.

GALLIPOLI. Solo qui a Gallipoli, dove “tutto può succedere”, può accadere che accanto alla movida nel centro storico, conviva un altro mondo, con buona musica e tanta bella gente di una certa età che si diverte, con l’aggiunta ben volentieri di turisti di passaggio, trascorrendo così, cantando e ballando e senza far fastidio a nessuno,   le afose serate dell’estate gallipolina. Teatro inaspettato  è la popolare via D’Ospina: “Chi l’avrebbe mai pensato che i giovedì e sabato sera qui ci sarebbe stata una ‘pista da ballo’?” confida un cittadino del borgo che ha preso a frequentare l’allegra compagnia. Gli arzilli vecchietti (pardon, i “diversamente giovani”, puntualizza  uno degli organizzatori) si scatenano al suono di “pizzaca-pizzaca” e “polche”, ma non disdegnano nemmeno (anche per riprendere fiato)  i lenti degli anni 60-70. “Sono contenta che piaccia questa iniziativa – dice Enza Perrone, una delle ballerine di via D’Ospina. “Noi ci divertiamo così due volte la settimana, serenamente, tra vicini di casa”, prosegue. Anche Luigi Solidoro, musicista e  ricercatore degli spaccati di vita delle tradizioni locali, commenta compiaciuto: “Chissà perché tutte le notizie che spopolano sul web sono sempre negative o testimoniano comportamenti o vicende al limite. Per le cose belle non c’è mai spazio. Questo bellissimo video della signora Perrone – prosegue, riferito al filmino allegato – ci immerge in un’atmosfera surreale, testimonia un tempo che sembra ormai passato ma che, nel centro storico di Gallipoli, passato non è. La nostra città ha una serie sconfinata di cose belle da far conoscere”, conclude.

by -
0 314

MELPIGNANO. Con la sua tela ha raggiunto tutti gli angoli del mondo e continua a lasciare tracce del suo passaggio silenzioso (ma non troppo). La taranta continua a tessere, tra un passo di danza e un intreccio di note e si prepara a festeggiare i venti anni dell’evento che la celebra, la “Notte” del prossimo 26 agosto a Melpignano. Succede così che, come nel gioco di rimandi di sguardi e inviti che ne caratterizza la danza, la pizzica con i suoi viaggi ritorna sempre a casa, più forte di prima. Come Nicoletta Manni, nata e cresciuta a Santa Barbara, frazione di Galatina, a 13 anni ammessa alla Scuola di ballo dell’Accademia Teatro della Scala. Nel suo curriculum ci sono Berlino, la Compagnia Scaligera, prestigiose tournée, Parigi, l’America, la Cina. E un presente come prima ballerina del Teatro alla Scala e un posto da protagonista accanto a Roberto Bolle, nei suoi spettacoli in giro per il mondo. L’ètoile salentina alla Notte della Taranta ci era stata già nel 2014, quando ha avuto modo di apprezzarne la bellezza della musica. Sabato ci tornerà, ma a danzare sul palco del Concertone finale, come protagonista assoluta. A segnare l’apertura dell’evento a tutte le arti, la prima ballerina danzerà ne “La preghiera della madri” dall’artista israeliana Yael Deckelbaum. “Ho accolto subito con grande entusiasmo l’invito della Fondazione Notte della Taranta. Sono orgogliosa di danzare nella mia terra – commenta – ma soprattutto sono felice di poter dare il mio contributo e trasmettere attraverso la mia esibizione un messaggio importante: la pace, tema di questa edizione, particolarmente significativo in questo momento storico”.

Ogni “ritorno” porta sempre con sè anche un viaggio verso nuove culture e contaminazioni: nel suo ultimo volo all’estero, la taranta ha raggiunto il quartiere del Casino di Montecarlo, dove a luglio scorso Antonio Castrignanò ha esportato il ritmo della tradizione salentina nella prima edizione della “F(ê)aites de la danse” organizzata da Ballets de Montecarlo, il Principato e Montecarlo Société des Bains de Mer. Una lunga maratona durante la quale il coreografo Jean-Christophe Maillot ha puntato sulla potenza musicale della tradizione salentina cucendogli addosso i suoi nuovi balletti. Ad accompagnare Castrignanò tanti musicisti: Rocco Nigro, Gianluca Longo, Giuseppe Spedicato, Max Pellizzari, Gianni Gelao, Luigi Marra, Antonio Aprile, Cristian Musio, Joele Micelli, il Maestro Eliseo Castrignanò.

GALLIPOLI. Weekend di fuoco di fuoco per gli amanti dei locali notturni a Gallipoli. Ci sarà soltanto l’imbarazzo della scelta, visti i nomi di artisti locali ed internazionali che con la loro musica faranno bruciare ancora di più queste notti.  Venerdì 18, “Traumer” all’Amamè; nel pomeriggio invece tornano le feste a bordo nave con “Gallipoli Boat Party”.  “Gay day” questa sera al Picador Village, il terzo appuntamento con il party house che ospiterà questa volta il dj e remixer Davide Paoni. Sempre questa sera, venerdì 18 agosto, saranno i Thegiornalisti, la band rivelazione dell’anno, ad arricchire i calendario degli artisti del decimo anniversario del Postepay Parco Gondar con il loro tour “Completamente Senza Estate”. A seguire, in pineta ci saranno “Tetrixx, Gianni Sabato e Kinza. Al Rio Bo invece, serata Samsara ed M2O.

Domani sabato19 agosto invece, alle Cave ci sarà Ricardo Villalobos per il Festival “Il Grido”, mentre ospite del Picador Village sarà Eva Grimaldi. Ema Stokkolma sarà invece protagonista delle notte al Ten e Federico Scavo al Praja. Al Rio Bo ci saranno invece questa volta “The Cubeguys”. I Boomdabash saranno poi  i protagonisti della nuova edizione di “Made in Salento, lo show tutto salentino del Postepay Parco Gondar, con la musica anche di Salento Calls Italy live show,  KalePolis, Heart On Fire, Kooloometoo e Mightybass.

Domenica 20 agosto infine, Benny Benassi sarà ospite della Praja. Grande festa reggaeton invece al PostePay Parco Gondar: J Alvarez, Willy William e Jay Santos saranno infatti i protagonisti assoluti della “Malafiesta”

TORREPADULI. Eugenio Bennato è l’ospite della decima edizione del concertone della Notte di San Rocco in programma questa sera, venerdì 18 agosto, a Torrepaduli (frazione di Ruffano), a conclusione dei festeggiamenti per San Rocco. Insieme all’artista napoletano, fondatore della Nuova compagnia di canto popolare, ci saranno anche Pietra Montecorvino e i Rawuelgue, gruppo di 25 elementi provenienti dal Burkina Faso. “Il Salento nel Mediterraneo” è il progetto musicale diretto da Bennato e curato da Taranta Power per favorire l’integrazione e l’incontro tra i Popoli. In apertura del “concertone” sarà proiettata la “parte pugliese” dello spettacolo sulle musiche tradizionali d’Italia “Sentite buona gente” tenutosi al Lirico di Milano nel 1967. Seguirà lo spettacolo “Giovani reinterpretano la tradizione”, affidato ai “Mandatari”, un gruppo di giovani “ripropositori” della musica di tradizione orale. Tre brevi intermezzi saranno portati in scena dal violinista Vittorio Ciurlia con il fisarmonicista Leonardo Cordella ed il tamburellista Marco Preite con la voce di Cinzia Marinosci e la pizzica ballata da Romolo Crudo con Marilena Martina, Mihaela Coluccia, Eva Croce e Lidia Cuppone. Si proseguirà il progetto “Salento nel Mediterraneo”. Il programma si concluderà con “Progetto Puglia” ovvero l’incontro di canti e tradizioni dall’intera Puglia con l’enssamble di 13 elementi diretto da Mauro Durante. La manifestazione è promossa dall’omonima Fondazione, nata nel 2008 e presieduta da Pasquale Gaetani. Direttore generale della Fondazione, nonché produttore e regista dell’evento è Cesare Vernaleone, direttrice artistica e presentatrice è Rosaria Ricchiuto, direttore artistico Vincenzo Santoro, responsabile del progetto culturale Antonio Santoro. Finalità della Fondazione è quella di “tutelare l’identità culturale di un bacino territoriale, quella del Comune di Ruffano e della frazione di Torrepaduli, dei Comuni confinanti di Acquarica del Capo, Casarano, Miggiano, Montesano Salentino, Specchia, Supersano, Taurisano ed Ugento, e più in generale del Salento inteso come area vasta comprendente le Province di Lecce, Brindisi e Taranto, e dei territori e delle popolazioni che ritrovano nella storia centenaria del culto e della tradizione di San Rocco di Torrepaduli, con particolare riferimento alla danza delle spade”.

Concerto Musicale Città di Aradeo

ARADEO. Organizzato dall’associazione “Amici della musica” diretta da Enzo Aluisi, si tiene quest’oggi, venerdì 18 agosto, ad Aradeo il “Raduno provinciale delle Bande giovanili”. Oltre al Concerto musicale Città di Aradeo, diretto dal maestro  Luigi Varallo, vi partecipano la Banda musicale Città di Santa Cesarea Terme, diretta da Matteo Rizzello, e la Banda dell’associazione musicale Città di Copertino, diretta da Emanuele Raganato. L’appuntamento, con il patrocinio del Comune,  fa seguito a quello di Santa Cesarea Terme  dello scorso 30 luglio. Il progetto è inserito nel bando della Regione Puglia nato con lo scopo di coinvolgere le bande musicali giovanili della fascia ionico-salentina. Quest’oggi, nel pomeriggio le bande sfileranno per le strade cittadine portando buona musica ed allegria, poi tutti e tre i gruppi saranno in piazza San Rocco, alle 21, per il gran concerto finale. La manifestazione è diventata ormai una tradizione che viene ripetuta ad anni alterni ed ha visto nascere e consolidarsi nel tempo importanti amicizie e collaborazioni, sia tra i gruppi che tra i singoli musicisti. Oltre a rappresentare un importante mezzo di recupero e diffusione del repertorio bandistico ha via via acquisito il ruolo di salvaguardia delle identità e delle tradizioni popolari. «Le bande musicali rappresentano un importante luogo di aggregazione, socializzazione e scambio intergenerazionale e sono spesso l’unica occasione per avviare i ragazzi allo studio di uno strumento musicale e per diffondere l’amore per la musica», afferma Aluisi.

Officina Zoè

TAVIANO. Si rinnova l’appuntamento di Taviano per “Officina Zoè”. Questa sera, venerdì 18 agosto, il gruppo di musica popolare fondato da Donatello Pisanello (di Taviano), Lamberto Probo e Cinzia Marzo suonerà in piazza San Martino, alle 21, per una serata dalle note speciali. Sul palco ci saranno, infatti, le danzatrici di Tarantarte ed il gruppo di musica popolare marchigiana “Lu Trainanà”, per quello che si preannuncia un singolare intreccio di musica e tradizioni. “Officina Zoè”, appena ieri si è esibita a Carpignano Salentino, nell’ambito dei concerti itineranti della Notte della Taranta, ed è reduce dall’Inghilterra dove ha partecipato al Womad, il prestigioso festival di World music fondato da Peter Gabriel. Nel concerto di questa sera, oltre ai classici della musica popolare salentina, verranno presentati i brani di “Mamma Sirena”, l’ultimo lavoro in studio di registrazione, ed il live frutto della tournée in India.

GALLIPOLI. Per ogni compleanno che si rispetti c’è una festa e anche un regalo da consegnare. Quello di Mannarino, ieri in concerto a Gallipoli, ha tutta l’aria di essere uno di quei doni presenti sulla propria lista dei desideri. Almeno quella del Parco Gondar, che da ieri ha una sua canzone. Mannarino, circondato da una band di ben undici musicisti e polistrumentisti di livello, ha incantato l’arena del parco musicale salentino con note e suoni provenienti da tutto il mondo, con ritmi che attingevano alla tradizione romanesca, fino al blues e al folk. Poi è arrivato il turno di “Parco Gondar Boa Energia”, una canzone scritta in camerino poche ore prima di salire sul palco e cantata, a tratti a bassa voce, davanti ai migliaia di fan in delirio. “Parco Gondar è una ferita curata con bellezza e fantasia. Parco Gondar è una musica, è la banda mia” recita un verso della canzone, che ben presto ha fatto cantare il pubblico.

TAURISANO. È un’estate ricca di importanti eventi per l’associazione artistico-musicale “OdA – Officina degli Artisti” che, oltre ai già consolidati corsi di canto e di strumento, propone diversi incontri di formazione e informazione con personaggi affermati nel mondo della musica. Il 20 luglio scorso, presso la sede associativa di Corso Vanini, il celebre maestro d’orchestra Peppe Vessicchio, dopo l’introduzione di Antonio Sanfrancesco e i saluti del direttore artistico OdA Marco Puzzello, ha presentato il suo libro dal titolo “La musica fa crescere i pomodori” ai soci di OdA, in un dialogo musicale, creativo e culturale stimolante per lo studio della musica e della ricerca. Il direttore Puzzello ha ringraziato il maestro Vessicchio “per aver percepito e sentito la nostra energia in un angolo del mondo apparentemente lontano dalle grandi città”. L’8 agosto poi, direttamente dal Taiwan, la cantante Wen Hui Tsai ha tenuto una masterclass rivolta a cantanti e musicisti di ogni livello, durante la quale si è parlato di sincronizzazione, improvvisazione e divertimento.

CASARANO. Vini “naturali” e musica dei Pink Floyd per l’edizione 2017 di “Vini & vinili”, il percorso di degustazioni che abbina gusti e note. L’appuntamento è Casarano dalle ore 19 di venerdì 18 agosto, in piazza Garibaldi, grazie all’impegno dell’associazione “Libertà è partecipazione” presieduta da Piero Morgante.  Tra gli obiettivi della manifestazione quello di riscoprire e rivalutare la cultura contadina, del vino e della sua degustazione, valorizzando le produzioni  locali, e soprattutto, come fanno sapere gli organizzatori, di rivalutare i rapporti “veri” tra le persone e di far riscoprire, anche agli stessi residenti, scorci a volte “dimenticati” del centro storico.
Saranno i sommelier a guidare i visitatori in un vero e proprio percorso “storico sensoriale” illustrando i principi base della degustazione e le caratteristiche di ogni vino, con gli abbinamenti indicati e la storia dell’azienda produttrice. Saranno presenti le cantine Cantele (Guagnano), Vinoli (Casarano), Bonsegna (Nardò), Schola Sarmenti (Nardò), Romualdo Greco di Seclì, Cantina Fiorentino (Galatina), Dei Agre (Felline), Agricola De Palma Lequile, Consorzio produttori vini di Manduria e Merica Supersano. La novità dell’edizione 2017 di “Vini & vinili” è il gazebo dedicato ai vini naturali, prodotti senza “aggiunte e costrizioni” nel pieno rispetto dell’ambiente, con le aziende Arianna Occhipinti, Cantina Supersanum e Natalino Del Prete. Alla cover band “Vener Quartet” il compito di proporre una selezione di brani, in acustico, del celebre gruppo britannico. A fare da sfondo alla serata la classica mostra mercato di vinili gestita dagli stessi collezionisti.

TORREPADULI. Un tamburello da record per l’edizione 2017 della “Notte delle ronde” a Torrepaduli. Nella frazione di Ruffano, la festa di San Rocco si apre martedì 15 agosto con lo strumento da tre 3 metri di  diametro, e tanti sonagli, costruito da Rocco Luca, l’artigiano che ha recentemente realizzato i tamburelli per Dolce&Gabbana. Il tamburello da record sarà posizionato sul sagrato del Santuario di San Rocco, dove musicisti, cantanti e visitatori formeranno le “ronde” spontanee per una tra le feste popolari più autentiche del Salento.  La tradizionale “danza dei coltelli” termina  all’alba quando i musicisti porteranno le “zagareddhe” (nastri colorati) nella prima celebrazione del mattino per la benedizione.

Il Comitato Festa di San Rocco insieme al Comune di Ruffano e all’Ente Santuario San Rocco, in collaborazione con la Fondazione La Notte della Taranta, danno il via ai festeggiamenti alle 19, in piazza dei Carmelitani, con i bambini del progetto “Piccola ronda”, i 40 allievi del maestro Davide Monaco, tra i quali anche alcuni ospiti della Casa famiglia Coccinella di Ruffano. A seguire, tra piazza dei Carmelitani e piazzetta d’Aragona, ci sarà lo spettacolo itinerante di pizzica scherma a cura della Compagnia di danza scherma salentina. Alle 21 le porte del Santuario si aprono per l’uscita la solenne processione: quest’anno, su decisione del rettore don Gino, ad aprire lo “stipone”, dove è conservata la statua, sarà la famiglia del primo bambino battezzato a Torrepaduli. Al ritorno della processione, che durerà circa un’ora, è previsto l’incendio pirotecnico del Santuario, cui seguiranno i fuochi d’artificio. Dalle 23 e sino all’alba, spazio alla “grande ronda”.

I festeggiamenti continueranno il  16 agosto alle 21 con il concerto dei Tamburellisti di Torrepaduli mentre giovedì  17 agosto la festa chiude i battenti con il concerto dei Mascarimirì, I Mariglia ed i Sud Sound System. Tra le novità della festa anche il concorso nazionale per Madonnari lungo via san Rocco sin dalle 9 del Ferragosto organizzato con l’associazione “Diciottesimomeridiano” di Ruffano per valorizzare e conservare l’antica arte dei gessetti.

Scuola di musica Santa Cecilia

CASARANO. Appuntamento, a Casarano, con le serate di musica promosse dall’ente di formazione “Santa Cecilia”. Domenica 13 agosto, alle ore 20 presso i giardini comunali “William Ingrosso” di piazza Umberto I sarà di scena il Concerto bandistico “Città di Casarano”. Dopo l’esibizione del 30 luglio scorso della classe di clarinetti e sax, domenica 27 agosto sarà la volta del concerto della classe di ottoni, sempre alle 20 presso i giardini comunali. “Estate in musica” chiude con il concorso di musica per ragazzi, giovani e adulti, dall’8 al 10 settembre, presso l’aula  magna dell’ente in via Spagna.

La Municipàl

CASARANO. Proseguono a Casarano, tra Palazzo De Donatis e la chiesetta di Santa Maria della Croce, le serate musicali estive proposte dall’associazione culturale “Archeo Casarano”, in collaborazione con Comune e Pro loco. Domenica 13 agosto, alle ore 22, nella cornice dei giardini di Palazzo De Donatis, in via Roma, è di scena il duo “La Municipàl” (pop d’autore), composto da Carmine Tundo e dalla sorella Isabella. “La Municipàl” è attesa anche il 18 agosto al Parco Gondar di Gallipoli per il concerto dei Thegiornalisti. In passato il duo ha aperto in passato i concerti di Niccolò Fabi, di Cat Power, Sud Sound System, ex CSI, aggiudicandosi il premio Mei al Fred Buscaglione 2016. “Le nostre Guerre Perdute” (Rivolta records) è il loro primo album uscito un anno fa. La rassegna casaranese tornerà venerdì 25 agosto, a Casaranello, con il concerto d’arpa di Angela Cosi.

Voce al Direttore

by -
Le immagini che scorrono e scorreranno sugli schermi fino a sera tardi ed in parte anche domani, sono le ultime che hanno il sapore...