Home Temi In città

DCIM100MEDIADJI_0040.JPG

Gallipoli – Diciassette barche in mare, un centinaio di appassionati intorno e una regata ben riuscita tra uno scirocco che si faceva sentire ed una brezzolina il giorno dopo: la Lega navale italiana, sezione di Gallipoli, archivia con evidente soddisfazione la Coppa Salento, diciannovesima edizione. La manifestazione, ormai “maggiorenne”, si è svolta sabato e domenica nelle acque antistanti la sede nautica della Lna, al Rivellino.

Partenza davanti al seno del Canneto e, dopo una boa di disimpegno situata in direzione del vento, le barche hanno circumnavigato l’isola di Sant’Andrea, lambendo le sue secche pur di non perdere un metro di vantaggio nè la speranza di recuperare sugli avversari. Quindi bolina verso una boa posta ai margini dell’ampia insenatura di Pizzo e rientro in andatura più larga verso il punto di partenza.  Sabato – vento teso di scirocco –  c’è stato a questo punto un ulteriore giro dell’isola con traguardo di fronte al Canneto; domenica – leggera brezza da ponente-libeccio – si è effettuato un unico giro.

Due giornate tecnicamente diverse quindi, che hanno impegnato i partecipanti. Direzione della gara affidata al giudice Fiv Pietro d’Ippolito; organizzazione complessiva gestita dal neo direttore sportivo Marcantonio Zizzari coadiuvato dal gruppo di volontari della Lega navale di Gallipoli. La premiazione (foto) si è svolta subito dopo la gara domenicale presso la nuova sede sociale della Lega, nell’area del porto commerciale. Il presidente Fabrizio Guarini,  recentemente eletto,  ha chiamato sul “podio” i vincitori delle singole classi: ha vinto Vento dell’Este (Marcello Monferrini), seguito da Doctor J (Negro), Drunken Oyster (Forina), Shany (Rizzo); in categoria B (8/10 metri) ha prevalso Nibbio (Arturo Carratta, vincitore anche della coppa Lui&Lei)), in scia Yemanja (Anselmi), Sailor Fly (Ria), Sybar (Calabrese), Nina (Zizzari), Capitan Giannino (Giuliano), Tortuga (Casole); infine in categoria C vittoria di Nausika (Niccolò Tirelli), seguita a stretto ingaggio da Gioconda (Salvatore), e quindi Rosikaliska (Galbiati), Mon Bijou (Salamina), Bambina (Miccoli), Aylin (Bonardi).

Nell’occasione sono stati premiati anche i vincitori della Veleggiata di Primavera svoltasi l’8 aprile: in Cat. A ancora Vento dell’Este , mentre nella B Sybar (Calabrese) e nella C Lella VI (Malorgio, che si è aggiudicato anche il premio “Solitario”). “Coppa del Salento e Veleggiata di Primavera aprono così alla grande la stagione velica gallipolina – si legge nel comunicato finale dei promotori – anche un innegabile contributo allo sviluppo turistico ed economico  della città ionica, in linea con gli obiettivi di promozione sociale della Lega navale, particolarmente impegnata nella tutela dell’ambiente marino come dimostrano ad esempio  le affollate conferenze didattiche effettuate l’11 aprile nelle scuole della città, in occasione della Giornata del Mare”.

 

 

Castro – Tre giorni – 24-25 e 26 aprile – per festeggiare la patrona di Castro, Maria Santissima Annunziata. I festeggiamenti sono spostati esattamente di un mese dalla festa liturgica (il 25 marzo) che cade sempre nel periodo di Quaresima. Quest’anno anche la festa liturgica è stata spostata al 9 aprile perché il 25 marzo era la Domenica delle Palme. In piena primavera, quindi, Castro  dà il meglio di sé in un tripudio di colori, di luci e di suoni in onore della sua patrona che gode di una devozione inalterata nel tempo ed estesa anche ai paesi vicini.

Si inizia il giorno della vigilia, il 24,  alle ore 18 con il corteo storico a cura dell’associazione Castroantica con i partecipanti in abiti medievali. Alle 19 si rinnova una tradizione secolare, la Sagra del pesce a sarsa che verrà distribuito gratuitamente ai presenti. Si tratta di un piatto antichissimo di cucina marinara povera: vope infarinate e fritte, condite per più giorni con mollica di pane, aceto, aglio e menta. Il profumo intenso  richiama alla memoria altri tempi e altre tavole imbandite. La colonna sonora della sagra sarà la musica di Ariacorte, il gruppo musicale di Diso, con i suoi ritmi popolari. Seguirà dalle 20.30 la “Grandiosa gara pirotecnica”. Alle 22.30  a piazza Vittoria, ancora musica con lo spettacolo di Girodibanda (direttore Cesare Dell’Anna).

Il giorno della festa, il 25, si aprirà con Diana Mattutina della ditta Mega di Scorrano e con i concerti bandistici della Città di Lecce e di Squinzano. Alle 10.30 le strade del paese saranno attraversate dalla solenne processione  con la statua della Madonna restaurata lo scorso anno. La processione sarà accompagnata  da uno spettacolo pirotecnico; seguirà a mezzogiorno la celebrazione della Messa  nella cattedrale.Tanta musica in serata: l’orchestra sinfonica del Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce (maestro Claudio Quarta)  alle ore 20 e il gruppo “Nessuna Pretesa” alle 22,30.

Il 26 aprile alle  17, in piazza Vittoria, ci sarà uno spettacolo per bambini e alle 21 la festa si chiuderà in piazza Perotti con l’orchestra della Notte della Taranta diretta dal maestro Pagnottelli.  Nei tre giorni di festa a cura della Pro loco, in collaborazione con il Comitato festa patronale e l’Amministrazione comunale ci sarà la fiera mercato che attira un gran numero di visitatori. Ci  saranno numerosi stand di prodotti artigianali, frutto della creatività di artisti e artigiani,  e specialità agro alimentari. La fiera  si svolgerà nel centro storico, zona scavi ed aree limitrofe, dalle ore 15 alle 22.

Notevole l’impegno di tutti i promotori, del comitato, dell’Amministrazione comunale, dei cittadini per rinnovare come ogni anno celebrazioni religiose e civili per la Patrona della città. Si tratta di tenere vivo contemporaneamente il sentimento religioso e quello di appartenenza ad una comunità, che afferma la sua identità anche nella ripetizione di antichi riti. Lo sottolinea il Sindaco Luigi Fersini (foto):  “La festa della Madonna Maria Santissima Annunziata rappresenta per Castro un momento di forte sentimento religioso e di attaccamento alla tradizione, un modo per tenere vivo il legame profondo che lega tutta la comunità alla Madonna e alla storia del paese. Saranno giorni di festa non solo per l’intero paese, ma per tutti i turisti e devoti che verranno nei prossimi giorni in occasione dei festeggiamenti che prevedono, oltre alla solenne Celebrazione, la sagra del “pesce a sarsa”, una gara pirotecnica, fiere e cortei storici”.

 

 

Nardò – 25 Aprile, diverse le manifestazioni promosse in città da istituzioni, partiti, e associazioni per celebrare la Liberazione. Per quanto riguarda il corteo organizzato dal Comune, alle 10 partenza da piazza Cesare Battisti e deposizione di corone d’alloro a largo Caduti Guardia di finanza, piazza Umberto e piazza Salandra (foto). Qui interverranno il presidente del Consiglio comunale Andrea Giuranna e il Sindaco Giuseppe Mellone.

In mattinata in piazza Salandra è prevista anche un’altra distinta manifestazione, dal titolo “Sempre liberi da ogni fascismo!”. A organizzarla la sezione neretina dell’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia), che dalle 10 animerà un presidio antifascista: a tale raduno hanno aderito il locale circolo Arci di via Matteotti, l’associazione “Diritti a Sud” e l’Unione degli studenti.

Un terzo ritrovo in piazza Salandra è fissato per le 18.30, quando a festeggiare il 25 Aprile saranno sei sigle di partiti e movimenti riconducibili all’attuale opposizione cittadina, consiliare ed extraconsiliare: Centro studi “Salento Nuovo”, Articolo 1, Pd, Nardò Bene Comune, Nardò Liberal e Unione democratici popolari.

Una tale frammentazione, anche davanti ad una festa nazionale, ricorda le recenti commemorazioni per Renata Fonte, quando per onorare la giovane assessora comunale ed esponente dell’allora partito repubblicano assassinata nel 1984, sono state organizzate due manifestazioni separate. Altra nota di cronaca da segnalare: si tratterà del primo 25 Aprile del Sindaco Mellone. Nel 2016 l’attuale primo cittadino non si era ancora insediato (vinse le elezioni due mesi dopo) e nel 2017 era fuori città: l’anno scorso fu infatti il vicesindaco Oronzo Capoti a presenziare alle celebrazioni.

Antonio Minerva

Alezio – Torna a far volare “Sulle ali della pace” il Comitato di San Rocco e delle antiche tradizioni, pronto ad una nuova giornata da vivere all’aria aperta. In programma per martedì 1° maggio, presso l’agriturismo Santa Chiara in via Parabita, la seconda edizione della gara di aquiloni dal tema “La pace nel mondo”. Alle 9 è previsto il raduno e l’allestimento degli aquiloni, mentre alle 10,30 la gara entrerà nel vivo e proseguirà fino alle 12,30, quando avrà inizio la premiazione, seguita alle 13 dalla grigliata sull’erba (prenotazioni entro il 27 aprile, costo 15 euro). Nel pomeriggio ancora giochi, musica e divertimento con la partecipazione di Robertino Magicsciò. I manufatti devono essere realizzati artigianalmente e i componenti del comitato presieduto da Antonio Minerva (in foto) saranno a disposizione nel dare supporto nella realizzazione delle opere durante la giornata. La partecipazione all’evento non prevede limiti d’età e ad essere premiati non saranno solo i primi tre classificati, scelti da una giuria di cinque componenti, ma tutti quanti vogliano mettersi in gioco. (Quota di iscrizione 3 euro; informazioni ai numeri 0833/281871 e 366/9703090).

Taviano – La dea bendata (ma anche una certa dose di conoscenza del valore delle squadre in campo) ha scelto Taviano per la vincita nazionale di una schedina Totocalcio, in occasione del turno infrasettimanale del Campionato di calcio di serie A dello scorso mercoledì. Nell’edicola ricevitoria tabacchi di Maria Grazia Pellegrino (foto), in via Giordano Bruno, sono stati vinti, infatti, ben 124mila euro. Il fortunato giocatore ha indovinato tutti i 14 risultati. Alla soddisfazione pecuniaria anche quella “morale”: la sua schedina è stata l’unico caso in tutta Italia in questa tornata di scommesse, col vecchio caro inossidabile Totocalcio.

Pur essendo la somma vinta non eclatante, è naturalmente scattata in paese la curiosità di conoscere il vincitore esperto e fortunato. I titolari non si sbilanciano anche perché sono moltissimi i giocatori che frequentano la ricevitoria di via Bruno per tentare la fortuna, anche dei paesi vicini, come dicono i titolari. Col passare del tempo, sarà ancora più arduo individuare colui che ha incassato i 124mila euro. Per la cronaca, non è comunque la prima volta che la ricevitoria distribuisce vincite e, speriamo che non sia l’unica.

Racale – Domenica 22 aprile anche Racale festeggia la Giornata mondiale della terra con la seconda edizione di “Racale Ripulita” organizzata dalla Protezione civile di Racale con il sostegno ed in collaborazione del Comune di Racale. Il raduno di quanti intendono partecipare è per le 8,3p nella sede della Protezione civile di via Parma. Sarà una mattinata in cui amministratori comunali, associazioni e cittadini saranno impegnati a ‘prendersi cura dell’ambiente urbano’ di alcune strade cittadine e di periferia ripulendole da plastica, alluminio, vetro ed altri rifiuti.

“L’iniziativa ha anche lo scopo di sensibilizzare tutta la comunità ad un maggiore senso di responsabilità sull’ abbandono dei rifiuti che costituisce ancora una battaglia difficile ma che va vinta. La seconda edizione di ‘Racale Ripulita’ quest’anno fara’ parte del circuito “Let’s Clean up Europe”, campagna contro il littering e l’abbandono dei rifiuti che organizza azioni di pulizia straordinaria del territorio promossa, fra le altre da Unesco Italia”, è il commento del Sindaco Donato Metallo e della consigliera con delega all’Ambiente, Anna Toma (foto).

Tricase – La Giornata mondiale della Terra diventa occasione per un dialogo fra le associazioni del territorio, all’insegna del verde e dell’accoglienza: l’appuntamento è per domenica 22 aprile alle ore 19 presso l’atrio di Palazzo Gallone a Tricase, dove il gruppo di Clean Up organizza l’incontro “Curare il pianeta, accogliere l’umanità”.
L’evento è patrocinato dal Comune e nasce in collaborazione con Arci Lecce (che gestisce il progetto Sprar in cui sono coinvolti migranti che vivono sul territorio), la Pro loco, l’associazione Tricasémia e il gruppo Mountain Bike Tricase. Nel corso della serata si rifletterà sui rischi cui l’inquinamento ambientale espone il nostro pianeta e sulle conseguenze anche sociali che questo comporta, costringendo gli abitanti di alcune zone del mondo a lasciare i propri paesi d’origine: ne parleranno il vicesindaco e assessore al Verde pubblico e all’Igiene ambientale di Tricase, Antonella Piccini, i volontari di Clean Up, gli operatori e i migranti del progetto Stprar. Inoltre, mostre fotografiche e installazioni serviranno a raccontare l’inquinamento attraverso una chiave di forte impatto visivo.

Gabriele Vetruccio (foto) di Clean Up sottolinea: “L’amore verso il nostro territorio è il filo conduttore intorno al quale si raccolgono le esperienze non solo di Clean Up ma anche di tante altre realtà che s’impegnano per rendere Tricase più pulita, più verde, più vicina alla natura”. Collaborare per migliorare la cura degli spazi verdi urbani diventa inoltre strumento d’integrazione nella società, di accoglienza: “Nel lavoro che facciamo con Clean Up per ripulire Tricase dai rifiuti – continua Vetruccio – un aiuto concreto viene dai ragazzi del progetto Sprar, fuggiti dai loro Paesi a causa della guerra o delle condizioni di miseria in cui erano costretti a vivere. Con molti di loro è nata una vera amicizia e la serata del 22 sarà anche un modo per conoscerli meglio, per raccontare le loro storie”.

In caso di pioggia l’evento si terrà presso la Sala delle Scuderie, sempre a Palazzo Gallone.

Casarano – Controlli sul territorio intensificati nel corso del fine settimana da parte dei carabinieri della Compagnia di Casarano soprattutto nel contrasto al traffico di stupefacenti. In città è stata denunciato un 17enne con addosso 29 grammi di marijuana mentre il 32enne A.L. è stato segnalato alla Prefettura perché nella sua auto aveva 2,20 grammi della stessa sostanza. A Melissano il  46enne C.S. aveva nascosto all’interno del locale caldaia 7,5 grammi di marijuana e 9,7 di hashish, insieme ad un bilancino di precisione. A Taviano, invece, il 21enne A.D.M. non solo non si è fermato all’alt intimato dai militari ma, sempre alla guida della propria autovettura, ha lanciato dal finestrino nel corso della tentata fuga un trita-stupefacenti nonché 0,5 grammi di marijuana. Due le denunce a Racale dove i 22enni A.P. e P.D. sono stati trovati in possesso di 0,18 grammi di cocaina e 0,55 grammi di marijuana. Ancora cocaina (0,30 grammi) nella disponibilità del 47enne S.A.Z. mentre il 41enne A.P.I. deteneva 8,20 grammi di marijuana. Stessa sostanza (3,25 grammi) anche per il 42enne D.S. di Ugento. A Racale, inoltre, sono stati denunciati il 22enne A.P. ed il 32enne L.R. per essersi rifiutati di sottoporsi agli accertamenti sanitari dopo essere stati fermati alla guida in evidente stato di alterazione psicofisico: stesso prevvedimento per il 21enne J.S. di Melissano e per il 38enne M.M. di Ruffano.

Proiettili in casa e auto rubata Nell’ambito dell’operazione ad “ampio raggio” denominata “Apollo” è stato denunciato anche il 42enne D.S. di Ugento il quale, senza alcuna autorizzazione, nel cassetto della camera da letto deteneva un proiettile calibro 223 ed un’altro calibro 50, oltre a 3,25 grammi di marijuana. Per furto aggravato la denuncia a carico del 49enne di Melissano A.M. in quale, nel proprio garage seminterrato di via Umbria, nascondeva un’Alfa Romeo Gt2000, priva di targhe, rubata a Taurisano lo scorso 27 marzo ad una 44enne residente in Austria. Di Taviano sono le due autrici del furto dei soldi contenuti all’interno delle gettoniere cambia-monete installate in due lavanderie self-service di Racale (si tratta della 27enne I.S. e della 26enne M.L.). Sempre a Taviano per evasione è stato denunciato il 46enne F.C. non trovato nella propria abitazione pur essendo agli arresti domiciliari. Per atti osceni, infine, è stato denunciato a Ruffano il 58enne L.V. il quale, seduto sulla panchina di piazza IV Novembre, si masturbava in presenza di due ragazzine.

Taurisano – Due denunce sono scattate a Taurisano per furto di energia elettrica. I carabinieri della locale Stazione insieme a personale dell’Enel, nel corso di un servizio finalizzato a scoprire frodi negli allacci, hanno appurato che il 52enne C.R. e il 36enne S.D.N. si erano fraudolentamente allacciati alla pubblica rete elettrica baipassando il contatore di distribuzione e i relativi costi in bolletta. Si tratta ora di capire a quanto ammonta l’ammanco per la società elettrica.

Casarano -Violento con i propri genitori viene allontanato dall’abitazione di questi ultimi. Gli episodi imputati ad un 46enne di Casarano avrebbero avuto inizio nell’ottobre scorso proseguendo sino a questi giorni. Sono stati i suoi genitori a denunciarlo per i maltrattamenti, le minacce e i danneggiamenti subiti e in conseguenza di ciò i carabinieri della locale Stazione hanno notificato all’uomo l’ordinanza del Gip del Tribunale di Lecce con la quale gli viene imposto di allontanarsi dall’abitazione di famiglia insieme al divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dai genitori. L’obbligo imposto è di rispettare una distanza non inferiore a 200 metri.

Galatone – Viola il divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dall’ex compagna e viene arrestato. La misura cautelare adottata dal Gip del Tribunale di Lecce è stata applicata nei confronti del 43enne Mauro Perrone, di Nardò, già noto alle forze dell’ordine. L’uomo ha ripetutamente disatteso l’obbligo che gli era stato imposto al fine di tutelare la sua ex già sottoposta a reiterate minacce e appostamenti. Dopo le formalità di rito in caserma, Perrone è stato condotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

Melissano – Riemergono vecchi rancori tra parenti e un nipote brucia l’auto dello zio. L’episodio è accaduto a Melissano dove il 34enne S.G. si è introdotto nel garage dello zio 73enne, in via Trieste, dando alle fiamme la sua Chevrolet Matiz parcheggiata all’interno. Il nipote, nonostante da anni non avesse rapporti con i familiari a causa di alcuni dissidi, per specifici motivi ancora da chiarire ha deciso di “vendicarsi” di chissà cosa passando all’azione. Alla sua identità i militari sono risaliti analizzando i sistemi di videosorveglianza della zona. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Ugento che sono riusciti a limitare il diffondersi delle fiamme. Il danno procurato è di circa 3mila euro.

Associazione Li quattru catti – Patù

Patù – Raccontare quello che è oggi Patù alle generazioni future, lasciare una testimonianza del mondo che viviamo a chi lo abiterà fra 50 anni: è densa di suggestioni la “Giornata della capsula del tempo” organizzata per domenica 22 aprile dall’associazione “Li quattru catti”, con partenza alle 14:30 da piazza Indipendenza. La capsula, la cui realizzazione è stata affidata a un artista locale, sarà un contenitore di dimensioni 100×50 cm che verrà interrato in località Vereto con all’interno foto e testimonianze scritte che raccontano il paese e i suoi abitanti. Sottoterra, la capsula custodirà il tempo e la memoria, fino al momento in cui verrà riaperta: nel 2068. Per la raccolta degli oggetti da consegnare ai posteri, l’associazione “Li quattru catti” ha già coinvolto diverse realtà locali: in particolare, ai ragazzi della scuola elementare sono stati chiesti temi e disegni legati alla storia di Patù, foto di classe (corredate di anno dello scatto e nomi degli alunni); le associazioni porteranno foto di gruppo degli associati, un volantino delle ultime manifestazioni organizzate o una foto di Patù, e un documento che racconti la storia dell’associazione; il Comune contribuirà invece con una foto dei componenti dell’amministrazione, una copia dell’ultimo censimento e una foto da satellite del paese. Anche i singoli cittadini possono lasciare la loro testimonianza nella capsula portando una foto di famiglia oppure oggetti di uso comune.

Nella giornata di domenica 22 aprile, partendo da piazza Indipendenza si farà una breve passeggiata per arrivare poi in località Vereto. Prima di interrare la capsula del tempo, i volontari procederanno alla piantumazione di alberi e piante. Ad animare l’evento ci saranno l’associazione clown terapia che intratterrà i più piccoli e la pizzica del gruppo “Li quattru catti piccinni”. In chiusura, piccolo rinfresco con taralli, vino e succhi di frutta.

Parabita – Cariche sociali rinnovate per l’associazione culturale “Progetto Parabita”. Il nuovo consiglio direttivo ha confermato alla guida del sodalizio la presidente Flora Della Rocca (foto) per il terzo mandato consecutivo 2018 – 2020. Ad affiancarla, saranno il vicepresidente  Salvatore Dionisi, il segretario Donatella Leopizzi, il tesoriere Maurizio Nicoletti e i consiglieri Tommaso Seclì, Piero Buffo, Luigi Martignano, Guido Russo e Ortensio Seclì. L’assemblea, convocata lo scorso 15 aprile presso la sede di via Vittorio Emanuele II ha pure discusso la relazione morale del 2017, approvato il bilancio consuntivo dell’anno appena trascorso e il preventivo per il 2018. Per la “Progetto Parabita” sono diverse  le iniziative in cantiere che dovranno svolgersi durante i prossimi mesi tra cui la pubblicazione del nuovo numero della rivista “NuovAlba” prevista per maggio.

 

 

 

Otranto – Nuovo appuntamento con i “Cantieri aperti” promossi dall’Ordine degli architetti della provincia di Lecce. Sempre allo scopo di illustrare e comprendere le scelte operative e gli interventi di recupero e di valorizzazione di alcuni tra i più interessanti beni storici del Salento,  l’Ordine professionale si da appuntamento sabato 21 aprile, alle 10, nella Torre Matta e nei sotterranei del Castello aragonese di Otranto. La visita viene accompagnata dalla voce dei professionisti che hanno condotto, guidato e coordinato i lavori di restauro e di valorizzazione. Insieme all’equipe del progetto vi sarà il vicesindaco e assessore all’Urbanistica Michele Tenore, il presidente dell’Ordine degli Architetti di Lecce Rocco De Matteis, ed i consiglieri dello stesso Ordine Antonio Zunno e Sergio Pacella che hanno curato l’iniziativa. La Torre Matta  venne edificata in seguito al lavoro di ricostruzionme della cinta muraria dopo la distruzione della cortina medievale di Otranto nel 1480. In particolare, la Torre circolare aragonese fu inglobata all’interno di un bastione quadrangolare nel ‘500 per migliorare l’efficienza balistica dell’intero sistema difensivo. «L’intervento di recupero, finanziato dal Ministero dei beni e delle attività culturali, si è sviluppato – fanno sapere  i promotori – come un vero e proprio percorso capace di fare i conti fino in fondo, e con esito esemplare, con la natura del luogo e soprattutto con quello che nel corso dei lavori emergeva». L’iniziativa, già avviata con le visite al Palazzo Marchesale di Melpignano, al Castello di Ugento e presso la  basilica di Santa Croce a Lecce, proseguirà il 5 maggio al Palazzo Baronale di Tiggiano.

Gallipoli – Grandi novità per la Fidas di Gallipoli, che, dopo 10 mesi di commissariamento, cambia volto e si prepara ad una stagione ricca di appuntamenti. Il nuovo direttivo, composto dalla presidente Maddalena Bembi, dal vice presidente Marcello Pedaci, dal segretario organizzativo Aniello Gallo, dal tesoriere Alessandro Bianchini e dai consiglieri Stefano Coppola, Fabrizio Benvenga, Emanuele Cortese, Massimo De Giorgi, Eugenio Fiamma, Giuseppe Imperatore e Giulia Solidoro, ha già in serbo due appuntamenti. Il primo si terrà domenica 22 aprile, la mattina dalle 9 alle 13 e il pomeriggio dalle 17 e le 20 in piazza Tellini, dove i volontari Fidas, con stand, banchetto e palloncini, sosterranno l’iniziativa “Orchidea Unicef 2018”, con la vendita per beneficienza delle orchidee, il cui ricavato sarà interamente voluto per i bambini migranti e rifugiati.

L’altro appuntamento sarà invece con la prima iniziativa organizzata dal nuovo direttivo, che si terrà il 1 maggio alle ore 10 presso lo stadio Bianco di Gallipoli, con una giornata di beneficienza con cerimonia di firma del gemellaggio tra la Città di Gallipoli e la “Città della Speranza”, alla presenza del sindaco Stefano Minerva e del presidente della Città della speranza Franco Masello, con gare di atletica per tutti i bambini (quota di partecipazione di 5 euro che verrà interamente devoluto alla Città della speranza. Per info 3200120011/ 3200125175). “La Città della speranza è un polo di ricerca oncologico per i bambini malati di leucemia – afferma la presidente Fidas, Maddalena Bembi – e con la sottoscrizione de “La Charta dei Comuni” le amministrazioni comunali si impegnano alla sensibilizzazione dei cittadini con almeno due incontri l’anno nelle scuole, con l’appoggio di associazioni no profit, e con un incontro annuale con le associazioni che coinvolga tutta la comunità. Altri comuni del Salento, come Salve e Specchia si sono già gemellati lo scorso anno, ed in futuro probabilmente si unirà anche Galatina; sono 180 i comuni gemellati fino ad ora. Io ho sposato questo progetto dallo scorso anno, l’ho presentato in Comune in estate e in novembre la proposta è stata accettata e sarà la prima iniziativa di questo nuovo direttivo, sperando che ci sia l’adesione di molti bambini a questa giornata ed ai giochi, realizzati con l’Atletica Gallipoli. Credo molto nel nuovo direttivo che si è formato – continua la presidente – io personalmente sono in Fidas dal 1999, e so che c’è davvero tanta gente che ha bisogno delle nostre donazioni. Sapere che si sta aiutando qualcun altro a vivere, ti da un motivo per alzarti la mattina e sorridere. Cerchiamo nuovi collaboratori e nuovi giovani: la Fidas deve rinascere e portare tante donazioni a chi ne ha bisogno, lavoriamo con serietà e trasparenza e accettiamo gli aiuti di chiunque voglia collaborare con noi. Presto realizzeremo altre manifestazioni, tra cui andare nelle scuole per educare i bambini al “dono” sperando, una volta maggiorenne, che possano diventare donatori per aiutare il prossimo”.

Carabinieri

Gagliano del Capo – I carabinieri di Gagliano del Capo hanno arrestato il 66enne Francesco Trane il quale dovrà scontare una pena ad un anno e mezzo di reclusione per il reato di violazione di domicilio. I fatti per i quali l’uomo è stato condannato risalgono all’aprile del 2017. Dopo le formalità di prassi in caserma, Trane è stato condotto presso il proprio domicilio dove dovrà rimane in regime di arresti domiciliari.

Otranto – Un trasformatore di energia elettrica insieme al contatore e ad alcuni cavi di collegamento sono stati asportati da un fondo agricolo nei pressi di Otranto. A denunciare il furto, commesso tra il 13 e il 18 aprile, è stato il proprietario 48enne. Dopo aver divelto le porte d’ingresso, ignoti si sono introdotti all’interno di una cabina di trasformazione (non in esercizio e priva di alimentazione) asportando, molto probabilmente con l’ausilio di una gru, un trasformatore di energia elettrica da 25 KV, un contatore ed alcuni metri di cavi di collegamento tra la linea elettrica e la cabina. L’impianto era al servizio del fondo agricolo per alimentare la pompa di prelievo dell’acqua a fini irrigui. Il danno dichiarato ammonta a circa 3.000 euro. Sul fatto indagano i carabinieri della locale Stazione.

TAVIANO  – Sarà celebrata anche a Taviano la “Giornata mondiale della Terra” in programma sabato 22 aprile. Amministrazione comunale e Istituto Comprensivo hanno deciso, infatti, di condividere questa ricorrenza per accrescere negli alunni la sensibilità e il rispetto per l’ambiente. Il “giorno di Gaia” si svolgerà, dalle 9 alle 12.30, nel Parco Ricchello dove i ragazzi avranno la possibilità di piantumare specie vegetali tipiche e partecipare a laboratori didattici dedicati ai temi dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile. Nei giorni scorsi i ragazzi, sia della Primaria che della Secondaria, hanno studiato in classe l’ambiente del Pianeta e, in particolare, le risorse naturali del Salento. Hanno esaminato schede didattiche e svolto elaborati per descrivere ambienti da preservare per le generazioni future. “La ricorrenza della Giornata Mondiale della Terra ci offre l’occasione – afferma Barbara D’Argento (foto), consigliere comunale delegata all’Ambiente – per far riflette gli studenti sull’importanza del nostro Pianeta e che cosa dobbiamo fare per contribuire a mantenerlo sano”.

Gallipoli – Hanno fatto tappa anche a Gallipoli quest’anno le “Olimpiadi dell’amicizia”, promosse per il settimo anno dalla Provincia di Lecce e dall’Unicef – Comitato Provinciale di Lecce – insieme ai Consigli Comunali dei Ragazzi e delle Ragazze. Sabato 14 aprile si sono cimentati nell’attività dell’orienteering tantissimi studenti tra i 6 e i 13 anni dei comprensivi di Alezio, Sannicola, e del 2 e 3 Polo di Gallipoli, coordinati da una classe del liceo di Scienze umane del “Quinto Ennio” di Gallipoli. “E’ stata una giornata molto importante per la città – afferma il sindaco del CCRR di Gallipoli, Flavio Perrone – dove a vincere sono state la cordialità e la condivisione”. “I ragazzi – afferma Lucilla Vaglio, dirigente del Comprensivo del 2 Polo – attraverso questa gara non agonistica, sono riusciti a rendere significativi i valori dello stare bene insieme, del benessere e dell’armonia e della condivisione, in cui è emerso lo spirito sportivo e della solidarietà. Ringraziamo anche per la collaborazione l’amministrazione comunale di Gallipoli e l’Unicef, con la presidente Perrella che vi ha preso parte, creando così una grande sinergia”.

Nessun vincitore dunque per la gara sportiva non agonistica di orientamento, dove i ragazzi hanno percorso le strade del centro storico raggiungendo diverse tappe e raccogliendo le lanterne trovate per formare alla fine un puzzle. “Per la prima volta in assoluto anche Gallipoli è stata una delle tappe delle Olimpiadi dell’Amicizia – conclude Martinella Biondo, dirigente del 3 Polo – una tappa che tra l’altro ho voluto fortemente, perché avevo già avuto un’esperienza per due anni a Scorrano (con “scrittura creativa” e “musica”) e per questo abbiamo selezionato l’attività di orienteering. Non c’è stato nessun vincitore, perché sono tutti vincitori: i ragazzi, i docenti, i genitori e chi ha preso parte a questa grande giornata di condivisione”.

Botrugno – Due uomini di Botrugno sono stati denunciati dai carabinieri di Nociglia per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nell’abitazione del 38enne D.M. e del 33enne A.L.M.M. i militari hanno ritrovato un panetto da 82,6 grammi di hashish ed un involucro contenente altri 1,8 grammi della medesima sostanza. Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro mentre per i due è scattata la denuncia in stato di libertà. L’operazione è stata condotta insieme ai carabinieri del Nucleo cinofili di Modugno.

Aradeo – Una tavola rotonda ed una marcia per informare e sensibilizzare sulle tematiche legate all’autismo. È quanto propone, ad Aradeo, l’associazione onlus “Amici di Nico” nell’ambito della Settimana per la consapevolezza dell’autismo. Le iniziative itineranti si sono svolte a Lizzanello, San Cesareo e Lecce (con il “Live drum cricle” del 7 aprile in piazza Sant’Oronzo) mentre ad Aradeo sabato 21 aprile è prevista la tavola rotonda sul tema “Autismo una rete inclusiva” alle 9.30 presso la biblioteca comunale. Il dibattito, moderato dalla psicologa Barbara Bruno, prevede gli interventi del sindaco Luigi Arcuti, dell’assessore Tania D’Aquarica, del consigliere Gianni Stefanelli, dell’assistente sociale Danilo Martiriggiano, del referente dell’Ufficio di Piano del Distretto socio sanitario di Galatina Antonio Palumbo, della dirigente dell’Istituto comprensivo Carmela Cezza e della referente del Polo inclusione del Comprensivo Simonetta Baldari. Particolare attenzione verrà rivolta al tema dell’inclusione scolastica con la presenza dell’equipe della onlus “Amici di Nico”, che ha sede a Matino ed  è presieduta da Maria Antonietta Bove. Interverranno la psicologa Agnese Pisanello insieme alle insegnati e ad alcuni compagni di classe di Antonio, un bambino affetto da Asd. Seguiranno le testimonianze della madre del bimbo e delle dottoresse Anna Scolozzi e Mariangela Abate. La giornata sarà arricchita dalla “Marcia blu aradeina” insieme all’associazione “Portatori sani di sorrisi” verso l’anfiteatro della villa comunale con il coinvolgimento dei ragazzi dell’Istituto comprensivo.

Gallipoli – Ha preso il via la decima edizione del concorso internazionale di musica classica e jazz “Trofeo San Lazzaro”, riservato a strumentisti di musica classica e jazz per la sezione “Musica d’insieme”, al canto lirico per la sezione “Musica vocale da camera” e alle scuole ad indirizzo musicale. Il concorso, iniziato giovedì 19 aprile, ha la durata di quattro giorni (tre giorni dedicati alle selezioni e l’ultima giornata ai finalisti delle varie categorie) ed è organizzato dall’associazione “Amici della musica” con presidente il Maestro Franco Mauro e con la direzione artica del Maestro Giuseppe Guida.

“Abbiamo ricevuto oltre 50 iscrizioni per questo concorso – afferma il presidente Mauro – le cui finalità sono promuovere la cultura musicale, mettere in evidenza spazi espressivi a quanti operano nel campo della musica manifestando il proprio talento, ed infine offrire occasioni di socializzazione nelle quali far maturare segni di accoglienza e condivisione”. “Quest’anno – afferma Guida – abbiamo iscritti provenienti da Castellana Grotte, Casarano, Monteroni, Maglie, Mola di Bari, Lecce, Gallipoli, Monteroni, Arnesano, Molfetta e addirittura dalla Cina, confermando così l’indirizzo internazionale del concorso, e da quest’anno, oltre alla gara, partirà anche una vera e propria stagione concertistica a Gallipoli, che coprirà tutta la provincia di Lecce, per far confluire la cultura nel nostro paese e in quelli vicini. Ad agosto ci sarà dunque l’inaugurazione a Gallipoli dell’“Orchestra giovanile della Regione Puglia”, con un concerto pianistico e la partecipazione dei vincitori di questo concorso”.

Il vincitore assoluto del “Trofeo San Lazzaro” porterà poi a casa il premio di mille euro offerto dal Comune di Gallipoli, mentre agli altri partecipanti saranno offerti concerti e premi da Banca Popolare Pugliese, Lions Club zona 15, Pro Loco Gallipoli, Camerata Musicale Salentina e Rotary club Gallipoli. Per gli strumentisti sarà previsto infine un inserimento in orchestra per produzioni liriche-sinfoniche mentre per i cantanti lirici ci sarà un inserimento nei ruoli per le opere liriche e i concerti in allestimento nel 2018. La serata finale, che si terrà domenica 22 aprile presso il Salone Polifunzionale di San Lazzaro a Gallipoli a partire dalle ore 19, sarà presentata dalla giornalista Anna De Matteis e verrà ripresa e trasmessa da Teleonda.

Tricase – Passa dagli arresti domiciliari a quelli in carcere il 41enne Vincenzo Piccinni, di Tricase, ritenuto responsabile di una serie di colpi ai danni di uffici postali. La notifica dell’ultimo provvedimento è stata eseguita dai carabinieri della Stazione di Tricase. L’uomo è stato riconosciuto, anche grazie all’ausilio delle videocamere di sorveglianza della zona, quale autore della rapina del 13 febbraio del 2017 all’ufficio postale Lecce 2 nei pressi della stazione ferroviaria del capoluogo, così come del colpo tentato agli sportelli postali di Lucugnano, frazione di Tricase, e di quello andato a segno a San Cassiano.

Casarano – Taglia il traguardo delle 25 edizioni il Rally Città di Casarano in programma sabato 21 e domenica 22 aprile. Al percorso già di per se spettacolare si affianca il ricco plateau di concorrenti (con 51 equipaggi) e vetture al via. Una lista di grande qualità (con ben nove vetture R5 e tre Super 2000) che promette due giornate di grande sport e spettacolo. L’appuntamento, organizzato dalla Scuderia Casarano Rally Team  in collaborazione con l’Automobile Club di Lecce e con la Scuderia Piloti Salentini, è valido come prova d’apertura del Campionato regionale Acisport 6^ zona, che ingloba Puglia, Abruzzo, Molise, Campania e Lazio. Tra i protagonisti annunciati  il duo Marco Timo e Salvatore Invidia, terzi assoluti lo scorso anno su Skoda Fabia R5.

Il programma Sabato primo appuntamento a partire dalle ore 9.30 presso la concessionaria Renault per le operazioni di verifica e a seguire, dalle 15.30, l’atteso “Shakedown”, il test con vetture da gara sul circuito della Pista Salentina di Torre San Giovanni (Marina di Ugento). Dalle 19.30 tutti sulla pedana di partenza di piazza San Domenico, di nuovo a Casarano, per il via ufficiale della competizione che prevede mezz’ora dopo,  nuovamente sulla Pista Salentina, il primo confronto cronometrico che si correrà per la prima volta sulla distanza di 4,61 km (costo del biglietto 3 euro). Domenica alle 9 la tripla ripetizione delle prove di Palombara di 12,75 km (prevista per le ore 9.34, 12.21 e 15.08) e di Punta Ristola di 9,91 km (prevista per le ore 10.21, 13.08 e 15.55). L’arrivo finale con la premiazione dei vincitori avverrà a partire dalle 17.30 in piazza San Domenico a Casarano.

I favoriti I favoriti per il podio sono in prima battuta Fernando Primiceri, Marco Timo e Gianluca D’Alto su Skoda Fabia R5 che dovranno comunque vedersela con un quintetto di sempre gettonatissime Ford Fiesta di pari categoria dove spicca il nome di Francesco Laganà, già vincitore di ben 5 edizioni della gara. A rendere loro la vita difficile ci proveranno Maurizio Di Gesù, Tommaso Memmi, Vincenzo Tortorici e Fabrizio Mascia con Mauro Santantonio, unico al via su una Peugeot 208 T16. Anche nelle altre classi la gara sarà altamente competitiva con chance di classifica per altri nomi noti a cominciare da Alessio De Santis e Guglielmo De Nuzzo su Renault Clio S1600, Bartolomeo Solitro su Mitsubishi Lancer R4, Claudio D’Amico su Lancia Delta Hf A8 e Albino Pepe su Peugeot 306 Maxi K11.

 

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...