Home Temi Calcio
Notizie dai campionati di calcio delle squadre dei Comuni della rete di Piazzasalento

Nardò – Il Milan Club Nardò si rifà il look. Nelle ultime settimane, dopo la fine del campionato di Serie A e in vista della stagione 2018/19, il nuovo consiglio direttivo guidato dal presidente Pierpaolo Personè ha programmato ed effettuato una serie di lavori di riammodernamento e ristrutturazione della sede di via Cairoli. Gli interventi hanno riguardato una revisione degli spazi, ora più aderenti ad una visione di club al passo coi tempi. Oltre alla pitturazione e alla rivisitazione degli arredi, i lavori hanno riguardato la totale ristrutturazione del salone principale, ora completo di un televisore da 60” ideale per godere appieno delle partite del Milan e non solo.

La novità: l’allestimento di una sala dedicata ai bambini corredata da Playstation e di una zona bar al servizio dei soci, inoltre il direttivo punta ad arricchire il club dalla storia 45ennale con una sezione dedicata alle donne. Ma il grande spettacolo – una vera chicca di originalità e arte – è rappresentato dai disegni dell’artista Lino Prete, componente del direttivo, che ha sfruttato le tre pareti nel salone principale per raffigurare i principali campioni della storia del Milan, lo stadio San Siro e un dipinto dedicata a Silvio Berlusconi e ai successi ottenuti durante la sua era. Una sorta di quinta teatrale all’interno del club.

Lino Prete è stato supportato da Gregory Papadia, Lorenzo Falangone, Egidio Paglialunga, Giulio Caputo, Antonio Raho, Silvano Quaranta e naturalmente dal presidente Pierpaolo Personè. Soddisfazione e orgoglio anche per il presidente onorario Riccardo Quaranta, che si è complimentato con la nuova gestione. I componenti del direttivo – beneficiando anche del contributo spontaneo di sponsor e di alcuni soci – si sono autotassati e hanno eseguito i lavori in completa autonomia.

Il grande appuntamento è per domenica 19 agosto: alle ore 19 l’assemblea coi soci del Milan Club con l’intervento del consigliere comunale delegato allo Sport, Antonio Tondo, alle 20.30 la visione della partita Milan-Genoa (valida come prima giornata del campionato di Serie A), a seguire l’inaugurazione della zona bar e la festa aperta a tutti i curiosi e gli appassionati con musica e divertimento. L’occasione, inoltre, sarà propizia per permettere ai tanti interessati neretini e non di sottoscrivere la tessera del Milan Club Nardò.

Nardò – Un fiume di appuntamenti nell’agosto neretino, fra sapori, sport, musica e tradizioni.

Sagre, Cinemare e Notte Rosa – A Santa Caterina, lunedì 13 presso l’oratorio parrocchiale di don Francesco Martignano c’è la Sagra del pesce fritto. È tutto pronto anche per la quinta edizione di “Anguria & Sound”, il tradizionale appuntamento in programma presso l’area mercatale di Santa Maria al Bagno, con tre giorni di piatti tipici, birra artigianale, anguria e tanta musica: il 15 agosto si esibiranno “Alla bua” e “I Trainanti”; il 16 “Io, te e Puccia” e “I Mariglia”; si chiude il 17 con “Gruppo Folk 2000” e gli “Skarkanizzi”. Nei giorni 14, 21 e 28 agosto, invece, i prossimi appuntamenti con la rassegna cinematografica Cinemare 2018 a Sant’Isidoro, che sabato 18 ospiterà artisti di strada, burattinai e tanta musica per la Notte Rosa, quando le vie centrali della marina saranno esclusivamente pedonali. Sempre a Sant’Isidoro, domenica 19 c’è il mercatino per lo scambio dell’usato.

Basket, beach volley, tennis e calcetto: un mare di sport – Dal 20 al 24 agosto a Nardò, presso il centro sportivo Happiness, in programma il “Nardò Basketball Association”, torneo tre contro tre giunto alla terza edizione e organizzato da Egidio Bollino e Daniele Leuzzi. Il centro di Sergio Volturo e Flavio Russo ospiterà anche il Super Smash Challenge, torneo di beach volley in programma il 17 e 18 agosto. Dal 18 al 26 il primo torneo nazionale di tennis “Città di Nardò” al circolo di via Bonfante; e ancora sport con il calcetto sotto le stelle il 20 agosto presso il centro sportivo Vacanze Serene, organizzato da Antonio Tondo e Tony De Paola.

Milonga e burraco sotto le stelle – Il 22 e 23 agosto è il momento della Festa Neretina alla Villa Comunale, una serata di beneficenza con al centro musica e sapori del Salento. Si prosegue il 24 con la milonga in piazza Salandra, per un appuntamento con musica dal vivo a ritmo di tango. A Sant’Isidoro, sabato 25 c’è invece un torneo di burraco sotto le stelle.

Il Premio Luigi Stifani – Giunge alla 18ª edizione il Premio Luigi Stifani, ultimo violinista terapeuta dei rituali legati al tarantismo salentino e padre delle pizziche tarantate: l’evento è in programma a Santa Maria al Bagno nei giorni 25 e 26 agosto, con il tradizionale concerto che ospiterà i musicali gruppi emergenti più vicini allo stile del compianto “mesciu Gigi”, scomparso nel 2000.

Arrivederci estate – Il 25 e il 29 agosto a Villa Tabor (località Cenate) le ultime serate gastronomiche dell’estate con “La cucina del cuore” e la partecipazione dello chef Salvatore Lega. L’agosto neretino si chiude giovedì 30 al “Giovanni Paolo II” con un triangolare di calcio tra la rappresentativa dell’Amministrazione comunale, una delle vecchie glorie del Nardò Calcio e la selezione dell’amicizia. E poi il 31 agosto a Sant’Isidoro la cena “Arrivederci Summer 2018”.

Appuntamento a settembre – Ma lo sport non si ferma neanche a settembre: in piazza Cesare Battisti, a Nardò, nei giorni 5, 6 e 7 settembre appuntamento con il calcio balilla umano: uno spettacolo sulle stecche che vede gareggiare due distinte categorie, senior (dai 16 anni compiuti in su) e under (dai 6 ai 15 anni). Iscrizioni entro il 20 agosto al numero 329.9697356.

Supersano – Ripartita, con il classico appuntamento estivo nei giorni scorsi, la nuova stagione dell’Apd Giovanile Supersanese con un open day rivolto a ragazzi e ragazze nati dal 2004 al 2013 che avranno la possibilità di giocare e divertirsi sotto l’attenta supervisione di tecnici esperti e preparati. Ma c’è una importante novità: l’affiliazione della società supersanese alla Scuola calcio Milan, “un tassello fondamentale per la crescita tecnica di tutto il movimento calcistico salentino”. L’attività delle Scuole Milan, infatti, è volta ad offrire alle società affiliate i mezzi e le conoscenze necessarie per permettere ai giovani “un corretto avviamento al calcio attraverso occasioni di gioco costruttive dal punto di vista fisico e morale”.

La società supersanese inizia così la nuova stagione con l’offerta formativa della scuola calcio che prevede la suddivisione dei giovani calciatori nelle categorie Primi calci e Piccoli amici diretta da Andrea Sicuro, Pulcini diretta da Amine Halim, Esordienti diretta da Flavio Mudoni, e Giovanissimi diretta da Boemio Negro.

«Il nostro progetto – afferma il direttore sportivo, Andrea D’Amico – si basa sulla valorizzazione di un territorio conosciuto solo per le varie località marittime ma che nell’entroterra ha risorse e paesini con una storia importante alle spalle. Dal punto di vista calcistico, la nostra finalità è quella di creare un bacino importante non per vincere il campionato, che oltre la soddisfazione personale lascia ben poco, ma per i ragazzi che vogliono crescere ed entrare nel calcio che conta. Ovviamente non tutti potranno divenire calciatori  – prosegue D’Amico – ma puntiamo soprattutto ad aiutare chi ha qualità attraverso una fitta rete di contatti con numerosi settori giovanili. Già qualche nostro ragazzo ha avuto possibilità di fare esperienze importanti e di questo ne deve esser orgoglioso il territorio oltre che ovviamente la scuola calcio. La nostra attività si rivolge a tutti, non facciamo differenze in quanto sociale e calcio vanno di pari passo. Siamo aperti a qualunque iniziativa ed al dialogo – conclude il ds – con tutti ad iniziare dal sindaco e la giunta di Supersano che ci sono sempre stati vicini».

Gallipoli – Dopo il breve interregno De Benedictis, la panchina del Gallipoli Football 1909 cambia di nuovo: il titolare adesso è Claudio Luperto. L’accordo con l’ex gloria dell’Us Lecce è stato annunciato in mattinata con un comunicato da parte della società. Luperto è quindi il secondo allenatore di questa stagione; il suo predecessore, Angelo De Benedictis, ha rassegnato le dimissioni domenica 29 al termine di un pre raduno che evidentemente non è andato come si aspettava il mister.

Alla base delle frizioni tra la società e l’allenatore siciliano, divergenze su modi e tempi di costruzione della squadra, come traspare da un comunicato attribuito a De Benedictis da Salentosport: “Avevo accettato con gioia ed entusiasmo la panchina della società giallorossa, perché il Gallipoli è un club blasonato, con una gloriosa tradizione e tanta storia. Ritenevo che una società di tale spessore avesse una progettualità e una programmazione nell’immediato che mi avrebbe dato la possibilità di poter lavorare con serenità e prospettiva. Con la società abbiamo provato più volte a trovare dei punti d’intesa sulla costruzione della rosa, ma le divergenze di natura tecnica, che via via emergevano, mi hanno indotto a dimettermi”. (nelle foto sopra De Benedictis, sotto Luperto)

Ora Luperto ne raccoglie il testimone. Il mister leccese, ex centrocampista della storica formazione che esordì in Serie A nel 1985 con Eugenio Fascetti, vanta, da allenatore, esperienze con Toma Maglie, Taranto (da vice), Casale, Montevarchi, Alghero, ma sono soprattutto gli anni con le categorie giovanili di Avellino e Lecce che lo fanno apparire come il profilo giusto per forgiare i tanti under presenti nella rosa del Gallo.

Il via al valzer della panchina gallipolina era stato dato dall’addio di Alberto Villa il 17 giugno, che aveva dichiarato a Piazzasalento: ”La questione stadio non ha influito sulla mia decisione di andare via. La dirigenza con me è stata fantastica e il Gallipoli è in buone mani. Vado via perché potrebbe esserci la possibilità di allenare in Serie B”.

M.C.

 

Elisabetta Mangiullo

Poggiardo – L’estate a Poggiardo e Vaste è iniziata  a fine luglio con il Torneo dei rioni a cura dell’associazione “Rioniamo” in collaborazione con Chiosco Malù . Un test di partecipazione e di entusiasmo che ha aperto la programmazione di incontri per tutti i gusti che si protrarrà fino alla fine di agosto. Una ricca programmazione sino a fine agosto.

Tithonos e i concerti nel Borgo  Musica di alta qualità sotto la direzione artistica  di Elisabetta Mangiullo. I prossimi appuntamenti: il 6 agosto a Vaste  nel centro storico e il 9 agosto a Poggiardo in piazza Giovanni Paolo II. Sempre alle 21. Si tratta di concerti  con musicisti di altissimo livello. Il 5 agosto alle 21 si celebrerà il ventennale del coro “Santa Maria degli Angeli” con un concerto Revival a Poggiardo in piazza Giovanni Paolo II. Spazio per il teatro: il 7 agosto, alle 21 in piazza Giovanni Paolo II a Poggiardo, Pino Ingrosso in “Note di un viaggio”; l’8 agosto alle 21 sempre nel medesimo luogo il recital “Il resto è pioggia che ci bagna”  omaggio a Paolo Conte  con i testi di Alberto Minafra e la voce narrante di Donato Chiarello. Il 16 agosto, alle 21 in  Piazza Giovanni Paolo II la Compagnia Diversamente Stabili con “La cena dei cretini” di F. Veber per la regia di Antonio D’Aprile.

Sport Bianconero  Il 2 e 3 agosto,  in piazza Episcopo alle 21, “Due giorni Bianconeri” a cura dello Juventus Club “Giampiero Boniperti” con Galà della Danza “La vita è bella” (associazione “Cuban Puglia”) e  cabaret con I Malfattori (2 agosto); presentazione del libro “L’ultimo stopper” di Sergio Brio e Luigia Casertano (conduce Chiara Chiriatti)  e cabaret con  Alto & Basso sempre piazza Episcopo alle 21. Appuntamenti per tutti i gusti: a Vaste il 7 agosto alle 21 Piazza Dante festa di San gaetano a cura della parrocchia Maria Santissima delle Grazie. L’11 agosto sarà la volta di Frisellata sotto le stelle in piazza Umberto I a cura del cirolo Forchetta 1924. Subito dopo Ferragosto si riprende con altri appuntamenti fino al 26 agosto.

Nardò – Insolita e divertente mattinata allo stadio “Giovanni Paolo II” per un nutrito gruppo di giovanissimi del campo estivo “Il Tappeto Volante” e una delegazione della parrocchia Paolotti. Prima sugli spalti a cantare, poi in campo a palleggiare coi propri idoli (tra questi Prinari e Bertachi), infine il momento di foto e autografi. “Un progetto aperto a tutte le associazioni – dichiara il direttore marketing del club granata, Tony De Paola – in quanto le porte dello stadio sono aperte per tutti. Vogliamo condividere il concetto di aggregazione, la bellezza dello stare assieme, lo sport come motore di unione, calcio e stadio promotori di amicizia”.

In futuro altri progetti dedicati ai giovani e non solo: “Vogliamo che il Nardò diventi un polo di attrazione – aggiunge De Paola – per tutte le famiglie e per gli sportivi. Sarà bello vedere numerosi i neretini allo stadio, emozionante ammirare famiglie intere sui gradoni del Giovanni Paolo II. Questo è solo l’inizio. Vogliamo fare attecchire il ‘virus’ granata già in tenera età, insegnando ai nostri figli i veri valori dello sport. E i nostri piccoli amici hanno risposto alla grande, presentandosi in maglia granata. Ci siamo emozionati. Forse qualcosa di buono lo stiamo facendo, tutti insieme, per la nostra Nardò”.

Una giornata fortemente voluta anche dai ragazzi, come spiega Luca Inglese de “Il Tappeto Volante”: “Abbiamo esaudito il loro desiderio di incontrare i calciatori della squadra di calcio della loro città. Oltre a ciò, il nostro intento è stato proprio quello di contribuire alla loro formazione di vita facendo comprendere i benefici dello sport nella vita, l’importanza del gioco di squadra e della collaborazione come elementi portanti per un sano sviluppo delle relazioni sociali. Abbiamo puntato a tutto questo – conclude Inglese – perché la felicità e la formazione dei nostri bambini e ragazzi viene prima di tutto”.

Nardò – Ancora una bella serata di calcetto a Nardò con il torneo disputato tutto in una sera lo scorso 30 luglio. I riflettori del centro sportivo “Vacanze serene” hanno illuminato le gare dell’evento organizzato dal consigliere comunale delegato allo Sport Antonio Tondo e dal presidente della consulta dello Sport, Tony De Paola: in campo dieci squadre per un totale di poco meno di 100 atleti di livello amatoriale, dai 15 ai 45 anni, provenienti da Nardò e paesi vicini.

In una finale molto tirata Avellino ha battuto per 1-0 “Il Dio Pallone”: alla prima classificata trofeo e pizze offerte da Jazzy City, premi per tutti i partecipanti. Tra le migliori individualità Lorenzo Falangone come miglior portiere e Riccardo Marulli, miglior calciatore. Le gare sono state dirette dall’arbitro Fernando Falangone.

“Un’altra bella serata di sport – ha dichiarato il consigliere Tondo – complimenti a tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita dell’evento e al centro sportivo per l’accoglienza. Ora, assieme a Tony, siamo concentrati sull’appuntamento con il calcio balilla umano, in programma i prossimi 5, 6 e 7 settembre in piazza Cesare Battisti. Saranno tre serate emozionanti e molto partecipate, stante anche il successo della passata edizione”.

Aradeo – Nessun ripescaggio in Eccellenza e, dunque, l’Atletico Aradeo riparte dal campionato regionale di Promozione per la stagione sportiva 2018-19 ormai alle porte. La compagine giallorossa ha conferito il mandato di allenatore della prima squadra a mister Pablo Cerbino (foto) mentre Lucio resta guiderà la Juniores. Al professor Mattia Toma il ruolo di preparatore atletico. Il ritiro precampionato della formazione è stato fissato per lunedì 6 agosto. In paese c’è da smaltire la delusione per una retrocessione maturata a causa della differenza reti con il Bisceglie, ma la voglia di fare bene c’è ed è tanta.

La società ha, intanto, lanciato la campagna abbonamenti per la nuova stagione, con lo slogan “Ricominciamo, a testa alta!” presso i punti vendita Info 64 bit di viale Einstain, Gabriele Parrucchieri di via Togliatti, Il Giardino della frutta di via Torino, Punto sicurezza di via XXIV Maggio e Mondo casa di via Circonvallazione.

Gallipoli – È stato un fine settimana intenso per i colori giallorossi del Gallipoli Football 1909. Con due comunicati nel giro di 24 ore, la società ha dato il via decisivo verso la prossima stagione. Innanzitutto, il 26 luglio è stata formalizzata l’iscrizione al campionato di Eccellenza pugliese. Venerdì 27 luglio poi, i calciatori si sono ritrovati presso lo stadio comunale per una due-giorni di test fisici e primi approcci ai metodi del nuovo allenatore Angelo De Benedictis.

Tra i volti già noti, quelli di Passaseo, Greco, Iurato, Sansò, Levanto, Urso, al terzo anno in giallorosso. Oltre ai giovani della Juniores a integrare il gruppo, presenti anche i terzini classe ’99 Lorenzo Ruberto e Marco Malinconico e il centrocampista del ’98 Pierpaolo Desiderato, tutti prelevati dall’Atletico Tricase. La preparazione atletica vera e propria comincerà lunedì 30 luglio e sarà curata dal prof. Christian Manco. Il prof. Michele Platì si occuperà del recupero infortunati e Marco Buccarella ricoprirà nuovamente il ruolo di preparatore dei portieri.

È però il secondo dei due comunicati a infiammare la piazza gallipolina: l’anno prossimo il Gallo canterà al “Bianco”. La Lega nazionale dilettanti si è espressa con lettera protocollata il 26 luglio, allegando una deroga all’utilizzo dell’impianto sportivo. “La società ha mantenuto la parola – dice Jose Buccarella (foto), amministratore unico del Gallipoli -. Eravamo ottimisti e non avremmo portato avanti il discorso se non avessimo pensato si potesse fare. Noi vogliamo il bene della squadra e soprattutto che il calcio a Gallipoli continui a esistere. I risultati ci hanno dato ragione ma quelli vengono con il lavoro. Abbiamo chiuso un biennio e ne apriamo un altro. Alcuni giocatori sono andati via e altri arriveranno. A restare sarà il Gallipoli Football 1909”.

I ringraziamenti al Comune A margine del comunicato, il Gallipoli ha ringraziato il Sindaco Stefano Minerva e il responsabile dell’ufficio tecnico comunale per l’impegno profuso nella realizzazione dei documenti idonei a progettare gli interventi futuri. È stato un fine settimana intenso, il primo della stagione. (foto di Massimo Coribello)

M.C.

Scorrano – Un no alla violenza contro le donne che viene dal campo, un campo di calcio: presso il nuovo centro sportivo “Football Club” (in via Supersano) prende il via giovedì 26 luglio e prosegue fino al 31 il torneo “Un calcio alla violenza”.

Nell’edizione di quest’anno (la terza) la manifestazione vuol ricordare Noemi Durini (in foto, la giovane di Specchia uccisa nel settembre 2017 dal suo fidanzatino) e sostenere i progetti dell’associazione a lei dedicata, cui sarà devoluto il ricavato del torneo e verrà consegnata una targa in memoria della ragazza. L’evento è organizzato dall’associazione “Astrea – contro la violenza su donne e minori”, in collaborazione con l’associazione “Casa di Noemi” e con la partecipazione di numerose associazioni del territorio salentino, sotto il patrocinio dell’Ufficio della consigliera di Parità della Provincia di Lecce Filomena D’Antini e dei Comuni di Scorrano e Maglie.

Alla cerimonia d’inaugurazione, giovedì 26 alle ore 20, partecipa anche Filomena D’Antini. Il torneo proseguirà poi con altre partite, ogni giorno fino al 31 luglio. Oltre alle squadre prima, seconda e terza classificata, saranno premiati anche il miglior portiere e il miglior capocannoniere.

Casarano – Ecco la guida tecnica per il “nuovo” Casarano che si sta costruendo in questi giorni; si tratta di mister Pasquale De Candia, coadiuvato dal preparatore atletico, prof. Michele Ventura. E’ stato presentato questa mattina allo stadio “Capozza”, davanti a giornalisti, tifosi e dirigenti. Ad aprire la conferenza stampa è stato il nuovo presidente Giampiero Maci, insieme al direttore sportivo Marcello Pitino.

“De Candia ci ha lasciati pochi mesi fa, mettendoci di malumore, conquistando i playoff dall’altra parte del campo, però poi la vita, lo sport, riservano sempre incontri e situazioni particolari e il mister de Candia è stato, da sempre, obiettivo di questa società”, ha confessato il presidente. Due mesi di lavoro alla base dell’incontro con la guida tecnica “che incarna le caratteristiche specifiche che vogliamo: è giovane, ambizioso e con grande esperienza, conosce bene questa categoria, è un uomo di poche parole ma di fatti concreti. Sono circolati tanti altri nomi, prima della decisione definitiva, ma l’obiettivo è sempre stato Mister de Candia. “Abbiamo atteso – ha raccontato il patron – solo perché era giusto che conquistasse i playoff, ma nella testa del ds e di noi tutti c’era il suo profilo, quello che volevamo portare a Casarano. In sintonia con i nostri obiettivi, gli rivolgiamo un grande in bocca al lupo per questa grande avventura che intraprende insieme a noi”.

Pitino ha messo in risalto soprattutto un dato: “Nella scelta dell’allenatore c’è stata sinergia tecnica e progettuale. Non vogliamo creare false illusioni ma, scegliendo uno dei migliori allenatori nella cerchia, vogliamo ben sperare. Noi faremo il possibile per farci apprezzare – ha continuato il ds – abbiamo mantenuto ciò che di buono abbiamo fatto lo scorso anno confermando lo zoccolo duro dei calciatori con Vicedomini, Vergori, Palma, Rescio, Caputo, Montagnolo. Quanto ai nuovi acquisti, invece, posso fare il nome di Palmisano e Bonasia e, a breve, chiuderemo altre importanti trattative che metteremo a disposizione del mister per fare, con voi, un campionato importante e soprattutto che sappia anche far divertire”.

“Non mi aspettavo foste così numerosi. Mi è dispiaciuto molto avervi lasciato il dispiacere nell’ultima partita. Ringrazio il dottor Maci e il ds Pitino che, dal primo giorno, hanno dimostrato la voglia di portarmi in questa piazza. Mi accompagnerà in questa avventura il prof. Michele Ventura: lavoriamo insieme da 16 anni”, ha affermato l’allenatore. “So che questa è una piazza impegnativa, ma ha una tifoseria intelligente. Ci sono momenti in cui bisogna lottare. Spesso bisogna stare all’ombra per poi poter gioire. Ora abbiamo bisogno di creare sinergia con voi e con la stampa”, Anche se al mister non piace parlare molto: “Mi piace stare sul campo, mi piace dare il massimo sul campo e spero che questo possa anche coincidere con le possibili vittorie. Dal canto mio vi garantisco il massimo impegno. Il fatto che siate in tanti, oggi, ci mette pressione – ha concluso – ma è una pressione positiva e chi viene a Casarano sa di venire in una piazza importante”.

 

Gallipoli – Si è abituati a pensare a una partita di calcio come al confronto tra due squadre, dimenticando che in campo ve n’è una terza, quella arbitrale, guardalinee comprese. Diventare arbitro è facile: l’Associazione italiana arbitri organizza periodicamente corsi gratuiti. Restare arbitro, invece, richiede una volontà ferrea. Un percorso lungo condiviso anche dagli assistenti come Davide Fedele (foto), 25enne gallipolino che è risultato per il Comitato regionale arbitri Puglia tra i migliori nel suo ruolo ed è perciò stato promosso nel Comitato arbitri nazionale di Serie D.

Unico tra i guardalinee della sezione di Lecce ad aver raggiunto tale risultato, Fedele si sta già preparando per la nuova avventura, arrivata dopo quattro anni e 71 partite (coppe escluse) in Eccellenza. Ciò che il palmarès non dice, è che si reca quattro volte a settimana al centro Coni “L. Montefusco” di Lecce conciliando allenamento e turni di lavoro in nome della passione per l’arbitraggio. Il giovane gallipolino sta ricalcando le orme di Alessandro Cipressa, altro guardalinee gallipolino del Can B che ha già esordito in Serie A.

Storicamente, è la prima volta che la “Città Bella” ha due assistenti nazionali. Secondo le statistiche Aia è difficile che ciò avvenga in una comunità di ventimila anime. Altri promossi salentini sono gli arbitri Angelo Tomasi di Squinzano (dal Comitato arbitri interregionale al Can D) e Gabriele Totaro di Lecce (dal Comitato regionale arbitri al Cai).

M.C.

Parabita – Coinvolge i ragazzi nati dal 2000 al 2008  lo stage formativo promosso dalla “Soccer Dream 2000” di Parabita. Da lunedì 23 al 27 luglio, a partire dalle 17.30, i partecipanti potranno prendere parte alle partite che verranno giocate  presso la struttura parabitana “Heffort Sport Village”. A caratterizzare l’“Open stage” sarà la supervisione degli ex calciatori Pasquale Bruno, Roberto Rizzo ed Ernesto Javier Chevantón. Particolare rilevanza l’ultimo incontro in programma venerdì 27 per la presenza del portiere campano Andrea Panico (in serie A con il Lecce e a Gallipoli per la promozione in B), la cui vita è segnata dall’infarto subito alcuni anni fa nel corso di una seduta di allenamento: a salvarlo fu il tempestivo uso del defibrillatore. Panico oggi è tornato a  calcare il manto erboso e ad indossare i guantoni, divenendo preparatore dei portieri e anche una figura di spicco per i campus estivi promossi dalla Juventus.

Nardò – Il Nardò lancia la campagna abbonamenti con delle significative sorprese per i propri tifosi. Mai, infatti, si erano visti prezzi così bassi: tribuna laterale € 60, tribuna laterale gold € 100, tribuna centrale € 160, tribuna centrale gold € 200. I pacchetti gold comprendono anche le gare di Coppa Italia e una maglia ufficiale granata. È già possibile effettuare la prenotazione in mattinata o nel pomeriggio presso la sede del main sponsor Goldbet (a Nardò in via Puglia 25/d) oppure in sede Ac Nardò (via Petraroli 2) dalle ore 17 alle 19. (nelle foto Palmisano e Muci)

Intanto, prende sempre più forma la rosa che nella stagione 2018/19 sarà guidata nuovamente dal tecnico Roberto Taurino: nelle ultime ore si sono legati al Toro l’attaccante argentino Hernan Molinari, ex Taranto e Brindisi, e il difensore under classe ’98 Samuele Muci, cresciuto nel settore giovanile del Lecce, nato a Nardò ma residente a Porto Cesareo. Ai due si aggiungono altrettante conferme: il difensore brindisino Simone Cassano e il centrocampista leccese Tiziano Prinari.

Chi arriva e chi, al contrario, prepara le valigie. È il caso di capitan Alessio Palmisano che lascia quei colori che ha difeso per cinque stagioni con oltre 100 presenze all’attivo e 13 gol: “Questi anni a Nardò sono stati indescrivibili – ha dichiarato il 29enne esterno offensivo – ho incontrato persone favolose, dentro e fuori dal campo. Vorrei ringraziare tutta la dirigenza che è stata parte di me in questi anni, in particolare il presidente Maurizio Fanuli, Maurizio Fiorentino, Patrizio Mercadante, il direttore sportivo Andrea Corallo e il team manager Alessio Antico, fino ad arrivare al segretario Fernando Venneri, che mi ha trattato sempre come un figlio. Ringrazio anche tutte quelle persone che sono state e saranno sempre vicine al Nardò, una su tutte Fernando Pero”.

Palmisano ha sempre avuto un rapporto di rispetto e di gratitudine per la tifoseria, “che mi ha sempre sostenuto anche nei momenti di difficoltà”. “Sentire quel calore ad ogni inizio partita – aggiunge – mi ha fatto battere forte il cuore ed è qualcosa che non dimenticherò mai”. Con ogni probabilità Palmisano vestirà la maglia rossazzurra del Casarano, in Eccellenza. “Non nego che mi sarebbe piaciuto averlo ancora a disposizione”, ha detto il diesse Corallo. “È una scelta che va rispettata e Nardò dovrà sempre essere riconoscente nei confronti di Palmisano”, ha chiosato l’allenatore Taurino.

Galatone – Il Real Galatone cambia volto. In attesa dell’ufficialità del ripescaggio in Prima categoria, dopo la vittoria dei playoff di Seconda nella scorsa stagione, la compagine giallorossa attua una vera e propria rivoluzione all’interno di staff tecnico e organigramma societario. Nelle ultime settimane, sono stati infatti annunciati, nell’ordine, nuovo presidente, nuovo direttore sportivo e nuovo tecnico. Per quanto riguarda la guida della società, il numero uno, Pantaleo Martiriggiano, per motivi professionali, passa il testimone a Carlo Musca. Cosimo Gatto è invece il nuovo direttore sportivo, la cui prima decisione per la nuova stagione è stata la scelta del nuovo tecnico: a sedere sulla panchina giallorossa, dopo Dario Mauro, sarà mister Carmine Bray, ex tra le altre di Gallipoli, Maglie e Parabita. Attesi a breve nuovi sviluppi sulla rosa della prossima stagione.

Maglie – Torna la campagna abbonamenti itinerante per l’Unione sportiva lecce. Dopo le esperienze degli scorsi anni, la prima data della nuova stagione è quella di sabato 21 luglio presso il Circolo Tennis di Maglie in via Madonna di Leuca dove i tifosi avranno la possibilità di sottoscrivere la tessera per assistere alle gare casalinghe del Lecce nel prossimo campionato di Serie B. L’appuntamento per i tifosi è dalle ore 12 fino alle 20, con orario continuato. La società leccese ricorsa che per l’emissione dell’abbonamento/voucher non è necessario essere muniti di fototessera, ma bisognerà avere con se un valido documento d’identità. A questo primo appuntamento sarà presente il vicepresidente Corrado Liguori, con il quale i supporters giallorossi potranno affrontare sulle tematiche riguardanti il club di via Costadura. La società del lecce fa, inoltre, sapere che la fase di prelazione terminerà proprio sabato 21 luglio (e non come programmato inizialmente giovedì 19) e di conseguenza la partenza delle vendite libera avverrà a partire da martedì 24 luglio (slittando di un giorno dalla data prevista in origine).

Nardò – Prosegue la campagna con obiettivo il rafforzamento del Nardò in vista della stagione 2018-19. Dopo la conferma di Versienti della scorsa settimana, i granata hanno ufficializzato altri tre movimenti in entrata: si tratta del centrocampista bergamasco Giorgio Bertacchi, già col Toro nelle ultime tre stagioni (le due più recenti dall’inizio), dell’esterno offensivo tarantino classe ‘99 Gaetano Palmisano, che nella passata stagione ha collezionato 29 presenze con un gol, in Coppa Italia col Manfredonia, e dell’attaccante Giovanni Kyeremateng, ex di Trento e Matelica, cresciuto nel settore giovanile dell’Inter, già al Toro nel 2016/17 con 8 gol in 23 presenze.

Quanto alle prossime mosse, l’intenzione del direttore sportivo Andrea Corallo è quella di confermare tra i pali il neretino Alessandro Mirarco e il centrocampista leccese Tiziano Prinari. Una new entry potrebbe riguardare l’attaccante neretino Andrea Presicce, nella passata stagione tra Correggese e Altamura, già con la squadra della sua città in Eccellenza nel 2007/08 e successivamente in Serie D nel 2015/16; nel mezzo, fra le altre, le esperienze con Casarano, Racale e Gallipoli.

Nessuna ripercussione, a quanto sembra, dopo il precoce cambio al vertice che ha visto il neo presidente onorario Manuel Mazzotta abbandonare l’incarico nonostante fosse stato presentato solo lo scorso 17 giugno. Alla base del divorzio “i numerosi impegni lavorativi che gli impediscono una vicinanza fattiva e collaborativa”, fa sapere il club in una nota stringata. Ma qualche interrogativo rimane circa gli assetti necessari alla società per poter operare con tranquillità
Prende forma anche lo staff che supporterà nel lavoro l’allenatore Roberto Taurino: formalizzata la prosecuzione del rapporto con il fisioterapista Graziano Scorrano (vicesindaco di Sannicola).

Il club nei giorni scorsi ha ospitato presso la sede di via Petraroli Antonio e Massimo D’Elia, fratelli del compianto Erminio (ex calciatore e allenatore granata prematuramente scomparso nel 2008 all’età di 57 anni) al quale l’Ac Nardò ha intitolato la sala stampa. Una visita a sorpresa, quella dei fratelli D’Elia, che hanno donato al club il preziosissimo archivio giornalistico di Erminio che annovera in formato cartaceo e originale gli articoli del lunedì con i resoconti delle partite del Nardò. “Una testimonianza delle qualità di catalogatore di Erminio – fanno sapere i dirigenti del Toro – e della pazienza e cura certosina di questa sua innata passione, ma soprattutto uno scrigno di amore smisurato verso la maglia granata”. (Nella foto i fratelli di Erminio D’Elia col consigliere Tondo)

Casarano – Nuovo assetto societario per il Casarano Calcio che per la stagione 2018-19 punta sul nuovo presidente Giampiero Maci (foto). Accanto all’ex dirigente del Casarano dell’era De Masi, l’assemblea dei soci dello scorso 14 luglio ha indicato anche Antonino Filograna quale vice presidente così come i consiglieri sono l’ex presidente Fernando Totaro, Luca Sergio (già al Tricase) e Massimo Villa. «Il consiglio direttivo comincerà sin da subito a programmare la nuova stagione agonistica individuando le figure tecniche deputate a formare e a guidare la rosa dei calciatori che affronterà la nuova stagione agonistica 2018-2019», si legge nel comunicato stampa diffuso dalla  società di via Matino.

Ipotesi di mercato Per affrontare con le dovute ambizioni il nuovo campionato di Eccellenza, la società punta a confermare alcuni giocatori della passata stagione affidandoli alla gestione tecnica di un nuovo allenatore. Il nome in questi giorni tra i papabili c’è il nome di Pasquale De Candia, fresco di promozione in con l’Omnia Bitonto, proprio la squadra che a maggio eliminò il Casarano dai playoff.

 

Nardò – Domenica 15 luglio allo stadio Giovanni Paolo II si scende in campo per raccogliere fondi da devolvere alla sezione di Lecce dell’Aipd (Associazione Italiana Persone Down): inizia alle ore 18,30 il torneo di calcio “Un goal per la solidarietà”, che vedrà sfidarsi le squadre del settore giovanile della Esseti Pallavolo, degli Allievi dell’AC Nardò (freschi di titolo provinciale), dei campioni regionali Under 18 della Pallacanestro “Frata Andrea Pasca”, della Gioventù Neretina e dell’FC Red Stars. L’ingresso al torneo è gratuito.

Le parole del consigliere allo sport Tondo – L’evento è organizzato dal consigliere comunale con delega allo sport Antonio Tondo (foto) e dal direttore marketing dell’AC Nardò Tony De Paola, in collaborazione con la stessa AC Nardò. “Il calcio – afferma Tondo – molto spesso è veicolo di solidarietà, e per questo motivo speriamo che domenica allo stadio ci sia tantissima gente, per fornire all’Aipd Lecce un aiuto quanto più concreto possibile e sostenere così un’attività nobile che da anni svolge sul territorio”.

Gallipoli – L’amministratore unico Jose Buccarella e il presidente onorario Francesco Errico hanno presentato Angelo De Benedictis, nuovo allenatore del Gallipoli Football 1909. Il tecnico è stato annunciato ufficialmente martedì scorso e avrà il compito di proseguire il processo di crescita di una società ambiziosa e che guarda lontano.

“L’anno scorso siamo riusciti a dare una scossa positiva a tutta la piazza perché siamo nati con la maglia giallorossa – ha spiegato Errico -. Mister De Benedictis ha grande voglia di emergere proprio come noi. L’ambiente non pretende il primo posto in classifica, ma esige l’impegno da parte di tutti perché la maglia va sempre sudata”. Alle parole del presidente Errico hanno fatto eco quelle della nuova guida tecnica: “Non vedo l’ora di cominciare a lavorare con i ragazzi e finalmente torno a respirare aria di campo. Ho accettato la proposta del Gallipoli senza battere ciglio e sono consapevole di sedere su una panchina occupata in passato da allenatori come Calabro, Giannini, Auteri e tanti altri. Vivo il calcio come un’emozione unica e sono abituato a lavorare con grande umiltà. Il mio obiettivo è quello di essere l’allenatore dei tifosi e ricevere l’abbraccio del popolo giallorosso”.

Poi un pensiero all’allenatore della scorsa stagione: “Nella passata stagione Alberto Villa ha svolto un ottimo lavoro, ma non sento la pressione e sono pronto a motivare la squadra senza porci limiti – conclude De Benedictis – ed io cercherò di sfruttare al meglio le caratteristiche dei calciatori a disposizione e giocare col modulo giusto”. (nella foto di Massimo Coribello da sinistra Errico, De Benedittis, Buccarella) 

Matino – Hanno vinto il divertimento e l’integrazione nella terza edizione del Mundialito giovanile organizzato dalla Polisportiva Virtus Matino. La manifestazione, quest’anno primo Torneo Silver Hotel, è stata ideata dal tecnico Antonio Toma ed ha coinvolto, oltre alla polisportiva della presidente Cristina Costantino, anche i ragazzi della Fondazione Filograna Casarano, dell’Asd Football Parabita, della Polisportiva Supersano e di Ascla. L’ente di formazione (con sede a Casarano) , in particolare, ha preso parte al torneo con una propria squadra oltre a sponsorizzare dell’evento. Il Mundialito (rivolto a ragazzi dai 5 ai 16 anni) ha rappresentato una sorta di campus estivo per i ragazzi che hanno frequentato la scuola calcio della Virtus. Per la categoria “Piccoli amici” ha vinto la Fondazione Filograna, per i “Primi calci” e per i “Giovanissimi” la Polisportiva di casa e per i “Pulcini” l’Asd Football Parabita”.

Gallipoli – Con una finale combattutissima tra Colombia e Spagna, è terminato presso il centro sportivo “La Masseria” il Mundialito 2018, torneo di calcetto amatoriale il cui nome spagnoleggiante rievoca momenti certamente più felici per il movimento calcistico italiano rispetto a quello attuale.
“L’idea è nata dalla delusione per la mancata qualificazione della nazionale al campionato di Russia – racconta Luigi Polo, ideatore dell’evento -. Ho sentito collaborazione ed entusiasmo da parte del pubblico. Ho provato a far respirare l’aria del mondiale ed evidentemente ce n’era voglia.”

L’ultima gara ha visto trionfare la Colombia (Alessandro Restino, Francesco Manco, Lorenzo Esposito, Cristian Cazzarò, Simone Massari, Alessandro Scialpi, Emanuele Lemanno, Michele Buccarella, Mattia Negro, Angelo Schirosi, Samuele Natali, tutti di Gallipoli), ma solo al termine di una manifestazione che ha coinvolto dieci squadre e cento giocatori. Una campagna iniziata con l’arrivo della primavera e conclusa con l’esplosione dell’estate che ha richiesto organizzazione e dedizione; le stesse che ora saranno messe a disposizione di un torneo dedicato ai ragazzi classe 2001 e 2002, in programma per la fine di luglio.

Oltre ai trofei collettivi per Colombia, Spagna, Trinidad e Tobago e Brasile, il gran galà finale ha visto assegnare trofei individuali a Giuseppe Sansò (Italia) come miglior giocatore, Alessandro Restino (Colombia) come miglior portiere e Mattia Negro (Colombia) come capocannoniere del torneo.
“Anche quest’anno – ha detto Polo durante il suo discorso conclusivo – siamo riusciti a creare un’occasione per divertirci insieme. Oltre le partite, i gol, le classifiche, stare assieme è la cosa che conta davvero. Grazie a tutti”.
Infine, una curiosità: nessuna squadra ha deciso di rappresentare la Svezia…

M.C.

Leandro Versienti

Nardò – Giornate di lavoro su più fronti per la nuova società dell’Ac Nardò. Il club granata ha programmato i lavori di ripristino del manto erboso dello stadio “Giovanni Paolo II” che dal prossimo anno ospiterà, oltre alle gare interne della prima squadra e con ogni probabilità la fase di preparazione atletica, anche i match della Juniores nazionale. I principali lavori riguarderanno rasatura e concimazione per evitare quanto accaduto nelle ultime stagioni, col Toro costretto a calpestare un terreno di gioco in pessimo stato – o peggio ancora sia costretto a traslocare altrove per alcune partite – all’avvio del campionato di Serie D. Per quanto concerne il ritiro, dopo i primi giorni tra le mura amiche la squadra dovrebbe trasferirsi come di consueto a Polla, nel Salernitano.

Sul fronte mercato, al momento l’unica mossa in entrata ha riguardato la riconferma del centrocampista novolese Leandro Versienti, oltre a quella del tecnico leccese Roberto Taurino, reduce da un ottimo settimo posto nel difficile girone H dopo un inizio non brillante. A tal proposito, il club del neo presidente Manuel Mazzotta ha con fermezza smentito la possibilità di un immediato cambio in panchina, rispedendo al mittente la voce circolata nelle ultime ore di un avvicinamento tra il Toro e Antonio Foglia Manzillo, già in passato allenatore granata.

Il mercato fin qui ha riservato diverse uscite: i difensori Alessandro Caporale e Antonio Mangione sono approdati in Serie C, firmando rispettivamente con Virtus Francavilla e Monopoli, l’attaccante nigeriano Kolawole Agodirin si è accasato a Gravina, club che pare fortemente interessato ad assicurarsi anche il capitano granata Alessio Palmisano.

Intanto, a partire da venerdì 13 luglio, al “Giovanni Paolo II” avranno inizio le selezioni per i baby calciatori classe 2002 e 2003 in funzione della formazione della rosa degli Allievi regionali. È possibile candidarsi scrivendo una mail all’indirizzo settoregiov.acdnardo@libero.it oppure contattando il numero 388/3478851 (Daniele Orlando, responsabile del settore giovanile del Toro, foto).

Gallipoli – È una presentazione sospesa nel tempo quella del nuovo stemma societario e delle divise da gara per la prossima stagione del Gallipoli Football 1909: attenta al passato, concentrata sul presente, proiettata al futuro. “Abbiamo tentato di riottenere il logo utilizzato fino alla Serie B – spiega Gianluca Monaco, responsabile marketing e comunicazione – purtroppo non è stato possibile e abbiamo deciso di rinnovarlo”. Un gallo definito in conferenza “più aggressivo” campeggerà sulle due maglie da gioco: “La maglia giallorossa riprende quelle delle stagioni ‘90-‘91 e ‘91-‘92 – dice Giorgio Della Ducata, socio del sodalizio – perché come allora la squadra è composta in maggioranza da gallipolini. Per quella da trasferta abbiamo scelto un grigio che dia la sensazione dell’acciaio sottolineando il carattere forte del Gallo”.

Tanti i particolari presenti sulle uniformi: l’effige della Fontana greca, l’etichetta con i maggiori trofei vinti (Coppa Italia Serie C e Supercoppa di Lega di Prima Divisione), il “1909” composto dalla frase “Fideliter Excubat” ripetuta. Su quale campo vedremo le tenute è però ancora un’incognita: “La deroga del manto erboso potrebbe essere prorogata dalla Lega di fronte ad atti ufficiali – continua Della Ducata – ma il rischio di giocare fuori qualche settimana c’è. Il Comune è a lavoro e siamo fiduciosi. Noi facciamo l’ordinario. È stato confermato Vito Faggianelli come direttore sportivo e la settimana prossima vedremo per la rosa. La squadra verrà iscritta e voci contrarie sono false. Il Gallipoli ha una struttura a sei soci egualitari che è garanzia di sopravvivenza della società anche se qualcuno dovesse fare un passo indietro”.

A tal proposito, è da registrare la proposta di un esponente della tifoseria di far rilevare proprio ai tifosi una quota di partecipazione societaria, ben accolta dai dirigenti presenti. Si vedrà. Come si vedranno gli sviluppi concreti per i lavori allo stadio (terreno di gioco soprattutto). In conferenza stampa sabato scorso il Sindaco Stefano Minerva ha assicurato che il Gallo potrà tornare a giocare in casa con l’arrivo del nuovo anno.

M.C.

Nardò – Al “Giovanni Paolo II” si gioca a calcio per la solidarietà. In attesa di ospitare le gare interne del Toro versione 2018/19, l’impianto neretino di via XX Settembre ospiterà il prossimo 15 luglio, a partire dalle ore 18.00, un torneo di calcio denominato “Un goal per la solidarietà”, organizzato dal consigliere comunale delegato allo Sport Antonio Tondo e dal direttore marketing dell’AC Nardò Tony De Paola con la collaborazione dello stesso club granata del presidente Manuel Mazzotta. L’ingresso è gratuito e allo stadio si raccoglieranno fondi in favore della sezione di Lecce dell’AIPD (Associazione italiana persone down) della presidente Maria Teresa Calignano.

Numerose le società neretine che hanno confermato la propria presenza. Ci saranno gli Allievi dell’AC Nardò guidati dal tecnico Enzo Giumentaro, laureatisi da poco campioni provinciali e i campioni regionali Under 18 Élite della Frata “Andrea Pasca” Nardò condotti da coach Michele Battistini. Poi i ragazzi del settore giovanile della Esseti Pallavolo Nardò di Sandra Torchia e la compagine calcistica Gioventù Neretina di mister Jacopo Francone.

“Chiunque fosse interessato ad aderire all’evento – dichiara Tony De Paola – è pregato di confermare la propria presenza al numero 340/7874258 entro il prossimo 5 luglio. Lo scopo è quello di rendere l’evento quanto più partecipato possibile per fornire all’AIPD di Lecce un concreto supporto per un’attività nobile che da anni svolge sul territorio”.

Voce al Direttore

by -
Ci siamo. Puntuale come ogni anno, il balletto delle cifre è qui tra noi: quanti ne mancano all’appello? “Almeno il 40%”. “Macché! Siamo al...