Home Temi Calcio
Notizie dai campionati di calcio delle squadre dei Comuni della rete di Piazzasalento

Taviano – La dea bendata (ma anche una certa dose di conoscenza del valore delle squadre in campo) ha scelto Taviano per la vincita nazionale di una schedina Totocalcio, in occasione del turno infrasettimanale del Campionato di calcio di serie A dello scorso mercoledì. Nell’edicola ricevitoria tabacchi di Maria Grazia Pellegrino (foto), in via Giordano Bruno, sono stati vinti, infatti, ben 124mila euro. Il fortunato giocatore ha indovinato tutti i 14 risultati. Alla soddisfazione pecuniaria anche quella “morale”: la sua schedina è stata l’unico caso in tutta Italia in questa tornata di scommesse, col vecchio caro inossidabile Totocalcio.

Pur essendo la somma vinta non eclatante, è naturalmente scattata in paese la curiosità di conoscere il vincitore esperto e fortunato. I titolari non si sbilanciano anche perché sono moltissimi i giocatori che frequentano la ricevitoria di via Bruno per tentare la fortuna, anche dei paesi vicini, come dicono i titolari. Col passare del tempo, sarà ancora più arduo individuare colui che ha incassato i 124mila euro. Per la cronaca, non è comunque la prima volta che la ricevitoria distribuisce vincite e, speriamo che non sia l’unica.

Aradeo – Passano da una nuova sfida con il Bisceglie le speranze dell’Atletico Aradeo di conservare il suo posto in Eccellenza. Nell’ultimo turno disputato sul terreno amico, la squadra di mister Totò Nobile ha salutato il pubblico di casa vincendo con un netto 3 a 0 proprio sul Bisceglie, la formazione che di certo affronterà nel play-out per la permanenza. I tifosi sperano si sia trattato di un buon viatico per la prossima sfida. Sarà l’ultimo turno di campionato a stabilire su quale terreno si disputerà la gara di spareggio: al momento le due squadre sono appaiate a 26 punti con l’Atletico Aradeo atteso dal Molfetta e l’Unione calcio Bisceglie impegnata in casa contro il Barletta 1922. Per la società guidata da Luigi Colizzi, e per il paese, quella dell’Eccellenza rappresenta una vetrina calcistica molto importante da difendere a tutti i costi. Se l’obiettivo salvezza verrà conseguito, come tutti gli sportivi del paese si augurano, sarà un’altra grande conquista per l’Aradeo, una matricola giunta nel massimo campionato dilettantistico regionale dopo quattro promozioni consecutive. All’inizio di questa stagione la squadra guidata da Gianluca Politi ha disputato buone prestazioni e suscitato ottime impressioni su tutti i campi di gioco raccogliendo, però, pochi punti.  Subentrato Mister Totò Nobile nell’ultima partita di andata, la squadra ha subito vinto in casa con il Molfetta. Si è poi rafforzata con l’innesto di nuovi calciatori: l’attaccante argentino Lucio Cereseto, l’attaccante under ’99 Pape Tourè, l’attaccante francese Baky, il centrocampista Pape Demba, il difensore Alessio Schirinzi (classe ’99) ed il difensore Michele Ludovico (classe ’98). Nel suo nuovo assetto, l’Aradeo ha via via recuperato terreno, giungendo a disputare i play-out. “E’ stato un onore” sottolinea il direttore sportivo Marcello De Paolis, “l’esserci confrontati con società altamente blasonate quali il Bitonto, il Trani, il Fasano, il Gallipoli, il Casarano. Nello sprint finale ce la metteremo tutta per rimanere in Eccellenza. Lo dobbiamo a tutti quelli che hanno creduto in questo gruppo: presidente, dirigenti, collaboratori, sponsor amministrazione comunale. Servirà inoltre a porre le basi per ricominciare con una programmazione degna della categoria nel prossimo campionato”.

Taurisano – Il Toro di mister Andrea Manco ha preso a incornate il Girone C del campionato di Prima Categoria, facendolo suo con determinazione. Dopo la vittoria ottenuta per 1-0 contro il Leverano, il Taurisano proverà a stappare lo champagne del salto di categoria domenica prossima in casa del Cutrofiano, fanalino di coda della competizione. Ai granata basterà un pareggio per conquistare la matematica e salire ufficialmente sul treno della Promozione.

La squadra presieduta da Alberto Tornesello (foto accanto) vanta il miglior attacco del torneo in virtù delle reti siglate da Gianni Pedone (15) e Luigi Zilli (11), oltre alla difesa meno perforata del Girone. La coppia del pacchetto arretrato composta da Salvatore Febbraro e Luigi Preite ha fornito ampie garanzie per tutto l’arco della stagione, insieme ad un centrocampo che ha potuto beneficiare dell’esperienza di capitan Ivan Galati (a sinistra).

“Siamo ad un passo dalla Promozione e resteremo concentrati sino alla fine per regalare una grande gioia alla società e ai nostri tifosi – spiega Galati -. L’ottimo lavoro svolto da Manco e il suo staff ha permesso al Taurisano di fare il vuoto in classifica con il supporto di una tifoseria calda e sempre presente”. “Ci sarà tempo e modo per programmare la prossima stagione per confrontarci in un campionato molto più difficile – commenta il presidente Tornesello -. Abbiamo composto un organico di taurisanesi e lo spirito d’appartenenza ha fatto al differenza”. A dieci punti dal Taurisano staziona il Racale di mister Botrugno. Inseguono il Seclì (40), il Soleto (40), il Poggiardo (34) e il Capo di Leuca (25).

Bagnolo del Salento – Costano care le intemperanze dopo partita a due pregiudicati di Bagnolo del Salento. I fatti risalgono allo scorso 31 marzo quando, al termine della gara di calcio di Seconda categoria tra i locali del Bagnolo e la capolista Virtus Matino, due tifosi della squadra di casa (il 37enne G.V. ed il 27enne E.A. N.) non rispettando l’indicazione delle forze dell’ordine di attendere sugli spalti il deflusso dei sostenitori ospiti, hanno forzato una porta secondaria rivolgendo frasi offensive contro la tifoseria del Matino. Il più giovane dei due, tra l’altro, dopo essere stato redarguito da un militare ha pure pensato di apostrofare quest’ultimo con parole lesive dell’onore e del decoro dell’Arma mentre l’altro si è reso responsabile del lancio una pietra contro gli ospiti, provocandone l’immediata reazione, comunque contenuta dalle forze dell’ordine. Nei confronti dei due pregiudicati è stata avanza la proposta di applicazione de Daspo, con il divieto di assistere alle competizioni sportive, mentre sono scattate le denunce per oltraggio a pubblico ufficiale, inosservanza dei provvedimenti dell’autorità e lancio di materiale pericoloso.

 

Parabita – Porta la firma di mister Gianluca Martina il trionfo nel campionato di Terza categoria del Soccer Dream Parabita. Il secco 18-0 rifilato nell’ultimo turno al malcapitato fanalino di coda Gioventù calcio Specchia ha permesso l’accesso in Seconda categoria con due giornata d’anticipo rispetto alla fine del campionato. Ad imprimere il sigillo sulla gara è stato Javier Chevanton, lontano dal campo da gioco dalla seconda giornata di campionato per infortunio, ma che ha voluto esserci nella gara decisiva, siglando ben dieci gol. «La promozione – commenta l’allenatore di Casarano – era l’obiettivo primario della stagione ma non è stato facile calarsi nella Terza categoria per una realtà come il Parabita che ha sempre militato in Prima. Non è stato facile trovare la mentalità giusta, tanto che siamo riusciti a ingranare solo dopo Natale. La società ci ha messo nella condizione di lavorare benissimo, attingendo dal settore giovanile, e i ragazzi ci hanno dato la marcia in più. L’Heffort Sport Village è una struttura fantastica che ci permette di lavorare a 360 gradi, con un preparatore atletico di grande spessore come Mattia Roma e la ciliegina sulla torta rappresentata da Chevanton, che ha disputato con noi solo tre partite, ma ci è stato sempre vicino in qualità di allenatore della Juniores. Ringrazio i presidenti Pino Petruzzi e Fabio Vinci e il direttore sportivo Davide Casciaro per la fiducia. Ringrazio anche mister Robertino Rizzo, per il grande supporto dal punto di vista tecnico». Martina è cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Casarano di serie C e come calciatore ha militato in Eccellenza, Promozione e Prima categoria terminando la carriera nella Gioventù Parabita. Come allenatore ha seguito tutte le squadre giovanili della Virtus Casarano vincendo il campionato Juniores Nazionali. Ha allenato il Maglie in promozione, Ugento e Gioventù Parabita in Prima categoria.

Due turni alla fine A due turni dalla fine del campionati, in tre punti sono racchiuse le squadre piazzate in zona playoff: Salento calcio, Castiglionese, Real Neviano (con una gara in meno) e Armando Picchi Specchia. Domenica 15 aprile la Soccer Dream sarà impegnata a Corigliano d’Otranto contro il Salento calcio ed il 22 in casa contro il San Cassiano onlus. Senza contare che il Parabita punta anche alla vittoria della Coppa Regionale. Solo dopo si potrà programmare la nuova stagione, nella quale continuerà la scalata verso la Prima Categoria, puntando ancora sui giovani del vivaio.

Castrignano del Capo – Entusiasmo, partecipazione e pure il bel tempo per la finale del sesto trofeo Caroli Hotels under 12. È stato il Real Cesarea a vincere il trofeo 2018 aggiudicandosi il triangolare finale disputato lunedì 2 aprile presso la Cittadella dello sport  di Castrignano del Capo. I giovani di Casalnuovo di Napoli hanno avuto la meglio sia sulla Sampdoria (2-0) che sulla Spal (1-0). La manifestazione, organizzata dal noto gruppo alberghiero e dall’Asd Capo di Leuca, ha fatto registrare la rpesenza di 18 squadre, circa 500 presenze tra calciatori, staff, genitori e addetti ai lavori. Tra i premi assegnati dagli organizzatori anche quello del speciale “Caroli Hotels” (25 voucher soggiorno) andato ad  Academy Matera e Invicta Matera. Al Crotone è andato il premio “Fair play” mentre l’Asd Blue Devils (di Marano di napoli) è stata la squadra rivelazione. Premi speciali “Stella Nascente – La Giovane Italia” a Sarappo (Blue devils), Scrocco (Sampdoria) e Garzetta Daniele (Spal) mentre Cerasi (Pescara Azzurri” è stato eletto miglior portiere e Panico (Real Cesarea) miglio giocatore del torneo. Le gare del torneo si sono svolte tra lo stadio “Antonio Bianco” di Gallipoli, la Cittadella dello sport  di Castrignano del Capo ed il centro sportivo “Europa sport academy” di Nardò

Parabita – Verrà recuperata sabato 31 marzo, alle ore 16, la gara tra Noha e Soccer Dream Parabita  sospesa domenica 25, a causa del maltempo, sul 2-1 per la capolista in trasferta. Salvo sorprese, per la formazione parabitana (impegnata nella delegazione di Maglie di Terza categoria) potrebbe arrivare già la conferma del salto in Seconda categoria visto che i punti di vantaggio sulla seconda in classifica, il Salento Calcio, sono già 7. In evidenza, oltre ai 17 gol realizzati con la rappresentativa della Juniores (formazione campione regionale che ha staccato il pass per le fasi finali) il parabitano Matteo Porcino (classe ’99) che sta trascinando i suoi al salto di categoria. Nel turno precedente è stato il maltempo ad avere la meglio anche a Castiglione e San Cassiano, con le gare Castiglionese – Real Neviano e San Cassiano onlus – Taviano calcio che verranno recuperate il 12 aprile. In zona playoff si è, invece, distinta la vittoria roboante del Salento Calcio (squadra di Corigliano d’Otranto), che ha superato in casa il Melissano con un secco 3-0. Derby infuocato tra la Gioventù Specchia e l’Armando Picchi Specchia, terminato col risultato di 1-3: l’Armando Picchi, allenato da Antonio Martire di Miggiano, è andata a segno con Matteo De Masi (doppietta) e Antonio Branca, entrambi di Specchia. Il gol della bandiera del team guidato da mister Ernesto De Rinaldis di Specchia è stato siglato da Cristian Preite (di Ruffano), che ha reso meno amara la sconfitta dell’ultima in classifica. E proprio il fanalino di coda del torneo si sta rendendo protagonista fuori dal campo a scopo solidale e benefico. La storica società nata nel 1995 ha raccolto i fondi da destinare alla ricerca per la lotta contro il neuroblastoma mediante la distribuzione di ben 300 uova di Pasqua.

Gallipoli – Torna il calcio giovanile di qualità con il sesto trofeo Caroli Hotels under 12. L’evento in programma dal 29 marzo al 2 aprile è riservato alla categoria Pulcini – terzo anno (giocatori nati nel 2007-08) e si terrà tra lo stadio “Antonio Bianco” di Gallipoli, la Cittadella dello sport  di Castrignano del Capo ed il centro sportivo “Europa sport academy” di Nardò. Per la manifestazione, vinta lo scorso anno dal Bari, sono attese 18 squadre con circa 500 presenze tra calciatori, staff, genitori e addetti ai lavori. Obiettivo dei promotori è quello di fare anche del torneo Under 12 un appuntamento di rilievo assoluto così come già accade da anni per il più noto Trofeo Caroli Hotels  Under 14. L’evento rientra, infatti, nel network dei Trofei Caroli Hotels creato dall’Asd Capo di Leuca e dal noto gruppo alberghiero.

Le squadre partecipanti  Giovedì 29 marzo alle ore 18 nella sala convegni dell’Ecoresort Le Sirenè di Gallipoli si terrà la cerimonia di benvenuto alla presenza delle autorità e delle squadre partecipanti mentre il 30 e il 31 si disputeranno i tre gironi eliminatori composti da sei squadre. Le prime tre di ciascun girone si incroceranno domenica mattina in tre triangolari da cui si stabiliranno le tre formazioni finaliste che si giocheranno il titolo nel pomeriggio di Pasqua (ore 15,45 alla Cittadella dello Sport “Giovanni Paolo II” di Castrignano del Capo). A seguire la cerimonia di premiazione. Al torno prendono parte Sampdoria, Pescara Azzurri, Real Casarea, Nick Bari, Academy Matera, Ssd Lecce Soccer Academy, Fiorentina, Spal, Pescara Bianchi, Invicta Matera, Asd Blue Devils, Nitor Brindisi, Hellas Verona, Crotone, Us Lecce, Nuova Taras Taranto, Asd Bari Campioni, Capo di Leuca.

Aradeo – Grazie alle quattro vittorie nelle ultime cinque gare di campionato ora l’Aradeo calcio a 5 può addirittura sognare il salto in C1. Si giocherà, infatti, sabato 31 marzo sul campo del Fasano la prima partita di play off del campionato di C2. «Come matricola ci aspettavamo una stagione sofferta, ma abbiamo subito capito che il gruppo aveva le potenzialità per competere alla pari con società più esperte. Non è un caso che alcune formazioni che l’Aradeo affronterà nei play off giocano in queste categorie da dieci anni», afferma Cardinale.  Il Campionato si è chiuso lo scorso 17 marzo con il trionfo per 8 a 2 sul Noci. Eppure a metà campionato, anche per una serie di combinazioni sfortunate, la situazione sembrava fortemente compromessa, con la squadra addirittura ultima, per infortuni, squalifiche ma anche per molte gare perse oltre il tempo regolamentare, e a volte anche oltre il recupero. Poi il “vento è cambiato” e l’Aradeo è riuscito a scalare diverse posizioni in classifica fino a giungere a disputare i play off. Il merito è sicuramente dell’intero gruppo che ha creduto nell’obiettivo e di mister Walter Riso, l’allenatore-giocatore al quale lo scorso dicembre è stata affidata la conduzione tecnica della squadra. Il tecnico è riuscito a trarre il gruppo fuori da un momento complicato, dimostrando bravura e ottime capacità. Fra i tanti meriti della società e della squadra da segnalare il fatto che grazie a loro il “futsal” ad Aradeo non è più il semplice “calcetto fra amici”.  In poco tempo (la società è stata fondata soltanto nel 2015 da Marcello Minerba) si è diffusa nel paese una vera e propria cultura del Calcio a 5, tanto che quest’anno il giovanissimo aradeino Ismaele De Pascali (classe 2001) è stato fatto esordire nel campionato di Serie C. Comunque, indipendentemente dai risultati dei play off per i quali la squadra è fortemente fiduciosa, il gruppo dirigente è già al lavoro per migliorare la formazione in vista del prossimo campionato.

Parabita – La Soccer Dream 2000 Parabita ha ormai le mani sul campionato di Terza categoria. La squadra del presidente Pasquale Bruno dopo aver consolidato la leadership nel girone (delegazione di Maglie) con la  vittoria per 5-0 ottenuta ai danni della Castiglionese, domenica 25 marzo alle ore 16 presso il campo sportivo di Galatina affronterà il Noha consapevole del fatto che ormai le basta una sola vittoria per ottenere la matematica certezza della promozione. Quattro, sono infatti, le gare ancora da giocare mentre i punti di distacco dalle seconde (Castiglionese e Real Neviano) sono ben 9. Fondamentale la roboante vittoria nell’ultimo turno contro l’unica vera outsider per la vittoria finale del torneo, ovvero la Castiglionese: il Parabita è andato a segno con Potenza, Negro, Stefanizzi e Porcino, quest’ultimo autore di una doppietta. Altra soddisfazione per la Soccer è stata quella della convocazione del 16enne Massimiliano Pinto nella rappresentativa pugliese del “Torneo nazionale delle Regioni” in programma dal 24 al 31 marzo in Abruzzo.

Le altre di Terza Restando nelle zone nobili della classifica, il Real Neviano, dopo essersi sbarazzato della Nuova Andrano per 4-1, è salito al secondo posto e proprio domenica 25 si gioca il secondo posto nella sfida diretta (fuori casa) contro la Castiglionese. In zona playoff anche ll’Armando Picchi Specchia di mister Antonio Martire (di Miggiano) che  ha avuto ragione del Noha col risultato di 2-0. Taviano e Salento Calcio Corigliano si sono equivalse terminando la gara sul risultato di 1-1. In coda alla graduatoria, invece, la Gioventù Specchia 95 ha dovuto incassare l’ennesima sconfitta stagionale. La squadra guidata da mister Ernesto De Rinaldis ha ceduto il passo in trasferta contro il Melissano con il risultato di 2-0.

 

 

Parabita – Ha già un vincitore il girone F del campionato Juniores di calcio: la Soccer dream Parabita si è, infatti, imposta con una giornata d’anticipo. Sabato 10 marzo, grazie alla vittoria interna per 4-2 contro l’Atletico Tricase, i ragazzi allenati dall’ex calciatore leccese Javier Chevanton hanno confermato i quattro punti di distacco, ormai incolmabili ad un turno dalla fine, dall’Otranto secondo in classifica. Da segnalare come già nella passata stagione l’uruguaiano aveva vinto, sempre con il Parabita, il suo girone con gli Allievi regionali. La Juniores di quest’anno ha messo in fila, nell’ordine, oltre all’Otranto (secondo) anche Gallipoli, Capo di Leuca, Atletico Tricase, Casarano, Uggiano, Atletico Racale, Maglie, Ugento e Gioventù Cutrofiano. In attesa dell’ultima gara in programma domenica prossima a Maglie, impressionante è il ruolino di marcia con 16 vittorie e tre sole sconfitte: da segnalare l’attaccante Matteo Porcino autore finora di 17 reti .

Soddisfazioni arrivano anche dagli Allievi regionali ai quali, dopo l’affermazione per 3-0 sul campo della Vilù Casarani, manca solo un punto per confermarsi al primo posto in classifica e domenica prossima, alle 11, ci sarà la sfida casalinga contro il Capo di Leuca.

Primo posto anche per la squadra maggiore impegnata in Terza categoria: domenica 18 marzo, alle ore 18, all’Heffort Stadium è in programma la partita contro la Castiglionese, seconda in classifica e distanziata già di sei punti. Un’eventuale vittoria, a quattro partite dalla fine del torneo, sarebbe quasi decisiva per il salto di categoria.

Nardò – Nardò ha riabbracciato un torneo fra le scuole. Lo scorso 11 marzo, presso il centro sportivo “Vacanze Serene”, si è disputato “School e Soccer”, in altre parole una domenica mattina dedicata al pallone e ai ragazzi. Un evento promosso da Antonio Tondo e Tony De Paola, rispettivamente consigliere comunale delegato allo Sport e presidente della consulta dello Sport del Comune di Nardò. Ed è stato un successo: otto squadre ai nastri di partenza corrispondenti ad altrettanti istituti scolastici: Predators di Cristian Fioschi e Dello Team di Stefano Esposito (Istituto tecnico commerciale “E. Vanoni”), Jazzy City di Mattia Polo e Taurus di Gabriele Mazzeo (Professionale “N. Moccia”), Spartak Moscow di Gabriele Cuppone e Ultras Scientifico di Gianluca Dell’Anna (Liceo scientifico “G. Galilei”), Real Classic di Gabriele De Paola (Liceo classico “G. Galilei”) e I Mediani di Paolo Tuma (Liceo scientifico “E. Medi” di Galatone).

In un torneo caratterizzato da uno spiccato senso di amicizia fra i ragazzi – lontani dall’apatia dei social e che hanno preso le distanze da fenomeni da condannare apertamente come quello del bullismo – ha prevalso Jazzy City: 3-2 in finale su Spartak Maniscow (in gol Eugenio Crisavola, Alex Mele e Mattia Polo per il Professionale; doppietta di Lorenzo Russo per lo Scientifico). Tra i premi individuali, il miglior giocatore è Lorenzo Lupo (I Mediani) e il riconoscimento come miglior portiere va a Fabio Cacciapaglia (Dello Team), entrambi neretini. Hanno arbitrato gli incontri i direttori di gara Antonio e Luigi Re, in una mattinata allietata dal deejay Matteo Filieri e dalla fotografa Chiara Ligorio.

«Una manifestazione bellissima – dichiara Tondo a margine dell’evento – che ha coinvolto tanti giovani e le rispettive famiglie. Come al solito lo sport fa rima con unione e condivisione, proponendosi come straordinario strumento sociale». «Non vediamo l’ora di bissare l’evento nel 2019 – afferma De Paola – ma siamo già al lavoro per proporre un torneo rivolto ai giovani nei prossimi mesi. I sorrisi dei ragazzi a fine torneo rappresentano la nostra più bella gratificazione». Un “grazie” finale anche agli sponsor.

Racale – Solidarietà dal mondo dal calcio, e non solo, per i due calciatori dell’Ascoli aggrediti nella notte tra sabato 10 e domenica 11 marzo, al rientro dalla trasferta di Venezia. Nei pressi della loro abitazione, in pieno centro, Samuele Parlati (nella foto), classe 1997 di Racale, ed il suo compagno Vincenzo Venditti sono finiti nel mirino di una decina di ragazzi con il volto coperto da sciarpe bianconere dell’Ascoli. Dapprima sono volate parole grosse e, a seguire, anche le mani con il giovane racalino finito per terra al fine di schivare un pugno. Con uno schiaffo sarebbe, invece, stato colpito il portiere Venditti  proprio nel tentativo di soccorrere il collega. A Venezia, tra l’altro, Venditti è rimasto in panchina mentre Parlati è finito addirittura in tribuna.  Indignazione e ferma condanna per l’accaduto sono state espresse tanto dalla società marchigiana (che ha sporto denuncia contro ignoti), quanto dall’Associazione calciatori, dalla Lega di serie B e pure dal vescovo di Ascoli Piceno monsignor Giovanni D’Ercole. Quanto accaduto di inserisce in un clima particolarmente pesante, esasperato anche da minacce ed intimidazioni sui social, che si alimenta da mesi ad Ascoli con la squadra ultima in classifica nel campionato di serie B. Parlati (studente del “Bottazzi” e del “Vanini” a Casarano), è un talento della scuola calcio del Montefiore Gallipoli e del Lecce, la scorsa estate ha rinnovato per tre anni il contratto con la società marchigiana dove in questa stagione ha accumulato quattro presenze segnando pure un gol.

Maglie – Indagini sono in corso da parte dei carabinieri per risalire agli autori degli incidenti verificatisi domenica 11 marzo al campo sportivo di Maglie. Nel corso della partita di Promozione tra i locali ed il Carovigno, due/tre soggetti hanno fatto irruzione sulla pista d’atletica dell’impianto, attraverso una porta di servizio lasciata aperta, inveendo nei confronti dell’arbitro ed, in particolare, di un calciatore della squadra ospite portandosi al margine del rettangolo di gioco. Tanto è bastato perché il signor Rubino di Foggia, il giovane arbitro della gara, fischiasse la fine decretando la sospensione ad appena dieci minuti dal 90° (quando il risultato era sull’1-1). Da quanto accertato dalle forze dell’ordine, il gruppetto di tifosi locali avrebbe in tal modo reagito ad una provocazione che sarebbe stata rivolta loro da parte di un calciatore della squadra ospite che, a bordo campo, stava effettuando il riscaldamento. A far fuggire gli “invasori” (i quali hanno poi fatto perdere le proprie tracce) è stato il pronto intervento delle forze dell’ordine. Nessun altro incidente si è poi registrato né all’interno né all’esterno dell’impianto di gioco. La stessa società magliese, condannando l’episodio isolato, ha comunque sottolineato come il provvedimento adottato dall’arbitro sia stato “eccessivo” anche alla luce degli ottimi rapporti di amicizia tra le due squadre.

Matino – Nessuna possibilità di rivedere la condanna per il 45enne di Matino Antonio Carmine Angelè. Al termine dell’incontro di calcio Lecce – Carpi del 16 giugno 2013, l’uomo venne individuato tra i responsabili di gravi intemperanze compite da una frangia di tifosi in seguito alla mancata promozione dei salentini in B. Domenica 11 marzo Angelè è stato condotto dai carabinieri della Stazione di Matino nel carcere di Borgo San Nicola dove dovrà scontare un pena residua pari a due anni e quattro mesi di reclusione. Il provvedimento scaturisce dalla dichiarazione di inammissibilità del ricorso in Cassazione presentato dal suo legale avverso la sentenza di condanna. “Danneggiamento” e “lancio di materiale pericolo – scavalcamento ed invasione di campo in occasione di manifestazione sportiva” sono i reati che gli sono stati attribuiti.

by -
0 327

foto di Massimo Coribello

Gallipoli – Sino a sei mesi fa l’obiettivo del Gallo era la salvezza, ma i gol della premiata ditta Mingiano-Carrozza stanno spingendo i giallorossi verso il sogno del salto di categoria. A poche ore dalla sfida delicata contro il Bitonto, il Gallo di mister Villa continua a viaggiare ad alta quota. Ad un punto dalla capolista Fasano, domenica prossima il Gallipoli proverà il sorpasso in classifica, Bitonto permettendo. Le sorti degli ionici potrebbero dipendere ancora una volta dalla verve realizzativa di Marco Mingiano e Alessandro Carrozza. Un duo d’attacco in grado di mettere insieme 19 gol nelle prime 23 giornate del campionato di Eccellenza. “Purtroppo abbiamo perso la vetta nell’ultimo turno per via del pareggio di Trani – spiega il lecce Mingiano – ma siamo pronti a tornare alla vittoria in casa contro un Bitonto agguerrito. Vogliamo pensare solo a noi stessi e siamo certi di giocarci le nostre carte sino alla fine per raggiungere l’obiettivo dei playoff. La promozione diretta? Sarebbe il massimo, ma ci piace pensare una partita alla volta e rimanere concentrati su ogni singolo impegno. Questa squadra ad inizio stagione doveva solo salvarsi, e invece siamo qui a giocarcela nelle zone altissime della classifica. Anche se sono di Lecce, questa piazza per me è diventata una seconda pelle”. Le parole del classe ’95 collimano con le impressioni di Carrozza, compagno di reparto e gallipolino doc: “Siamo un gruppo straordinario – chiosa l’ex Lecce – e daremo il cento per cento sino alla fine per la società e i nostri tifosi. Con mister Villa ho instaurato un ottimo rapporto. Mi fa giocare nel ruolo della seconda punta, anche se in passato ho ricoperto le posizioni dell’attaccante esterno e dell’ala di un centrocampo a quattro. Mi trovo molto bene e siamo tutti uniti e compatti per gettare il cuore oltre l’ostacolo in queste ultime sette partite”.

Nardò – Sarà l’ottava volta della “Festa della Donna rossonera”. Il prossimo 10 marzo, alle ore 21, presso il “Mind the Gap” di via Martiri Neretini, il Milan Club Nardò onorerà il consueto appuntamento col gentil sesso in un appuntamento che rientra nell’ambito delle celebrazioni per il 45° anniversario del punto di riferimento dei cuori rossoneri neretini. «Lo scopo di tale evento – dichiara il presidente Alessandro Rizzello – è quello di offrire ai soci e ai simpatizzanti la possibilità di trascorrere delle ore di sano divertimento in compagnia dei propri familiari e amici, all’insegna dei colori rossoneri». Grazie alla spinta delle nuove leve, il Milan Club Nardò – inaugurato nel 1972 – ha vissuto negli ultimi mesi una ricostruzione e una netta ripartenza nel segno della partecipazione e della presenza nel tessuto sociale cittadino. «Dalle peggiori nefandezze dell’era Farina – ricorda Rizzello – alle gloriose vittorie dell’era Berlusconi: la passione e la fede per la maglia rossonera hanno sempre superato le difficoltà di società e squadra, affermando la voglia di comunità dei soci».

Tante iniziative in cantiere nel segno dello sport, della solidarietà, della condivisione, principi storicamente imprescindibili per il Milan Club Nardò. «Abbiamo fortemente creduto e crediamo tuttora – sostiene Rizzello – in una ripartenza che fa leva sull’ausilio di tutti i soci. Qui non vi sono capi-padroni. Tutti sono indistintamente fondamentali per la vita del club. Abbiamo deciso di ripartire dalla sede storica di via Cairoli come segno di continuità. Qui sono cresciuti i nostri nonni e i nostri padri, ed ora tocca a noi, con la speranza di fare ancora meglio e creare un ambiente sano che possa accogliere ed abbracciare tutti. Ma l’attività del Milan Club non si limiterà alla fede e alla passione rossonera: intendiamo, infatti, continuare a contribuire, offrendo il nostro apporto – conclude – alle attività sociali del tessuto cittadino».
La serata del 10 marzo sarà allietata da Gregorio Caputo e Lino Prete con la musica dal vivo di Michele Prete. Per info e prenotazioni 327/1413912 (Silvano Quaranta), 328/5421811 (Luigi Maritati) o 347/8464838 (Antonio De Benedittis). Quota di € 23 a persona.

Alezio – Piccoli campioni crescono: ci crede l’oratorio Anspi “Santa Maria della Lizza”, al lavoro da mesi sul progetto “Scuola Calcio” presentato lo scorso 26 febbraio presso il Palafederico in via Starace. Maglie, borsoni e qualche scambio di battute – e consigli – con degli ospiti d’eccezione: così i giovani allievi hanno ricevuto il kit sportivo per la nuova avventura e si sono concessi ai flash dei loro primi sostenitori. A tenere a battesimo la rinascita del vivaio calcistico aletino sono stati i campioni Ernesto Javier Chevantón (a sinistra) e Pedro Pasculli, il giovane calciatore del Lecce Radoslav Tsonev e il vicepresidente dell’Unione Sportiva Lecce il Corrado Liguori, accanto al Sindaco di Alezio Vincenzo Romano, al responsabile zonale dello Sport Anspi Antonio Gnoni e al parroco don Antonio Minerba.

Il nuovo percorso, sostenuto da Medeur – Centro Studi e Formazione, Lutec sas, CMYK e Valerio Merenda, è partito a fine ottobre, quando le quattro squadre (microscarabocchi, miniscarabocchi, scarabocchi e aspiranti) hanno iniziato a tirare i primi calci nelle strutture concesse dall’Amministrazione comunale, il campo sportivo e il palazzetto comunale (dove si prepara la squadra dei più piccoli), e il campetto all’interno di parco don Tonino Bello, gestito dai giovani de “El Barrio Verde”. A guidare i piccoli atleti (al momento 51 dai 5 anni in su) ci saranno il presidente Mino Esposito, il responsabile sportivo dell’oratorio Rosario Borra e un gruppo di “eduallenatori” che formeranno i ragazzi sul campo: Giuseppe Stefanì, Claudio Orlandini, Minimo Primiceri, Luigi Freddo, Tiziano D’Amato, Librando Antonio e Quarta Pierluca (entrambi del gruppo giovani oratorio). Dalla prossima settimana gli aletini scenderanno in campo con l’avvio dei primi match con le altre squadre della diocesi, e andranno a guardare in azione i loro “padrini” dell’Us Lecce, avendo ricevuto l’invito del vicepresidente Liguori alla prossima partita in casa della squadra.

Giocare a calcio non per “arrivare”, ma per “formare”, questo l’obiettivo della nuova avventura lanciata dall’oratorio, e «attraverso essa cercare di gettare le basi per la costruzione di una vita buona all’insegna dell’accoglienza e la fraternizzazione», commenta il presidente Mino Esposito. «Non c’è agonismo, solo la gioia nel condividere una bella esperienza. L’impegno sportivo sarà anche un mezzo prezioso per la trasmissione di valori come il rispetto dell’avversario e dei ruoli, lo spirito di squadra, la lealtà e l’amicizia. I ragazzi hanno accolto l’iniziativa con grande entusiasmo e non vedono l’ora di partire».

Se i ragazzi sono pronti a giocare, le piccole dell’oratorio non stanno certo a guardare: hanno alle loro spalle diverse manifestazioni ed eventi – ultima in ordine di tempo l’ospitata al Carnevale di Gallipoli – le “Stars cheerleader” aletine. A gennaio sono partiti i nuovi corsi presso Casa Betania, in via Carducci, e ora il gruppo dello “sport del sorriso” punta ad una “chiamata alle armi”: «Siamo stati invitati a Bellaria, vicino Cervia per i campionati nazionali del 13-14 aprile. La nostra partecipazione – conclude Esposito – è ancora in forse, ma il nostro obiettivo al momento è quello di crescere ancora di più» (Info: 347.7492609 – 389.3161251 – 327.6841598)

Nardò – Va in archivio una terza edizione molto partecipata della “Coppa Carnevale”, consueto torneo amatoriale di calcetto disputato interamente nella mattinata del 18 febbraio. Ben dieci le squadre al via, composte da calciatori dai 15 ai 45 anni, nel consueto appuntamento neretino organizzato da Antonio Tondo presso il centro sportivo “Vacanze serene”. Trofeo al cielo per il Borussia, che in finale ha superato di misura, per 1-0, il Cagliari. Sono del Borussia anche i due primi individuali in palio, quello di miglior portiere conquistato da Simone Potenza (Galatone) e quello di miglior giocatore, appannaggio di Lorenzo Russo (Nardò). Le gare sono state dirette dagli arbitri neretini Fernando Falangone e Pierpaolo Dell’Atti. «Estremamente positivo – dichiara Tondo – è riscontrare la nutrita partecipazione degli sportivi neretini. Ringrazio tutti coloro che hanno reso divertente questa giornata all’insegna del calcetto e dell’allegro clima carnevalesco. Grazie al centro sportivo che ci ha ospitato, agli arbitri e a tutti i partecipanti».

E “Vacanze serene” ospiterà presto un nuovo evento di calcetto. Si chiama “School e Soccer” ed è ideato dallo stesso Tondo e da Tony De Paola, presidente della consulta dello Sport, i quali hanno riunito i ragazzi da sei differenti scuole superiori con l’obiettivo di mettere in piedi un torneo giovanile. Non sono previste iscrizioni e al torneo, in programma domenica 11 marzo a partire dalle ore 9, prenderanno parte otto squadre. La giornata sarà allietata dall’intrattenimento musicale a cura del dj Matteo Filieri e dagli scatti fotografici di Alessandro Inglese. «La nostra idea – afferma De Paola – è quella di riunire i ragazzi delle scuole superiori per rilanciare un torneo che negli anni passati rappresentava uno straordinario momento di condivisione. Troppo spesso si affiancano ai ragazzi i termini “bulli” e “social”, invece occorre anche esaltarne le qualità umane. Credo fortemente nello sport giovanile e sono convinto che le nuove generazioni sapranno sorprenderci in positivo». «Attraverso lo sport, straordinario strumento di crescita e socializzazione – conclude Tondo – eviteremo che i nostri ragazzi si perdano tra i pericoli della strada».

Parabita – Testa della classifica conquista per la Soccer Dream Parabita nel campionato di Terza categoria (delegazione di Maglie). Il braccio di ferro con la Castiglionese (squadra di Castiglione d’Otranto) ha avuto una svolta domenica 18 febbraio con la vittoria della Soccer per 0-1 sul campo dell’Armando Picchi Specchia di mister Antonio Martire (di Miggiano), che ha permesso alla squadra del presidente Pasquale Bruno di effettuare il sorpasso ai danni dell’ex capolista sconfitta in trasferta dal San Cassiano per 1-2. La nuova battistrada del campionato ha battuto di misura lo Specchia con la rete decisiva di Antonio Potenza. L’attaccante di Taurisano è subentrato nel secondo tempo siglando il gol che ha regalato vittoria e primato ai suoi compagni. Fatta eccezione per la formazione in cui milita Ernerto Javier Chevanton, in occasione della quattordicesima giornata soltanto la Nuova Andrano è riuscita a mettere in saccoccia i tre punti dopo aver espugnato il campo del fanalino di coda Taviano. Un successo che ha consentito all’Andrano di agganciare l’Armando Picchi Specchia a 21 punti e di accorciare sul Real Neviano, terza forza del torneo caduta per 0-1 sul campo del sorprendente Melissano. Mentre la Gioventù Specchia 95 ha osservato il turno di riposo, la gara tra Salento Calcio e Noha è stata rinviata per maltempo. A partire dalla prossima giornata di campionato in programma domenica prossima, la Castiglionese (28) guidata da Vitale Ingletto affronterà in casa l’abbordabile Taviano e avrà l’opportunità di sfruttare il turno di riposo della Soccer Dream (31) per tentare l’aggancio in vetta in attesa dello scontro diretto, a questo punto quanto mai interessante, del 18 marzo a Parabita.

Nardò – È stata una settimana intensa quella vissuta dal Nardò. La doccia fredda è arrivata dalla Corte sportiva di Appello che, sovvertendo le positive sensazioni del club granata, ha rigettato il ricorso – circa la presunta posizione irregolare del calciatore potentino Cosentino – relativo alla gara Nardò-Picerno (0-1 sul campo) dello scorso 2 ottobre. Il Toro ha già fatto sapere che ricorrerà al Collegio di garanzia del Coni per ottenere tre punti a tavolino che sarebbero vitali per la corsa play off.

Proprio gli spareggi-promozione sono il grande obiettivo degli uomini di Roberto Taurino, la salvezza, del resto, è ormai in cassaforte. Reduci da 12 risultati utili consecutivi, i granata proprio con il Picerno si ritrovano appollaiati a quota 38 punti, a -7 dall’ultimo posto utile per i playoff, occupato dal Taranto, ospite al “Giovanni Paolo II” il prossimo 4 marzo in una gara che, assieme a quella col Gravina del 25 febbraio, si prospetta fondamentale per le sorti del Toro.

«Il discorso permanenza è praticamente archiviato – dichiara il tecnico Taurino – ed ora possiamo guardare oltre con la consapevolezza che sarà durissima. Sarebbe una soddisfazione incredibile raggiungere i playoff. I ragazzi sono gli artefici di questa striscia positiva e se loro continueranno a non accontentarsi potremo toglierci ancora grandi soddisfazioni». I cavalli in più del Toro arrivano dagli under, per tre volte in gol nel recente 4-1 sul Francavilla in Sinni.

Fra questi anche Gaetano Palmisano, stabilmente convocato nella Rappresentativa Serie D, col sogno di essere convocato per la Viareggio Cup, prestigiosa vetrina di calcio giovanile: «Con il nostro mister nessuno è titolare – sostiene l’attaccante classe ’99 originario di Taranto – e questa circostanza mi sprona a dare il 100%. Se ho attirato le attenzioni della Rappresentativa è per merito dei miei compagni e della società; in granata sto imparando anche a curare la fase difensiva e sarebbe un sogno poter far parte della selezione che disputerà la Viareggio Cup». Il Nardò tornerà in campo domenica, alle ore 14.30, quando renderà visita alla Frattese, impelagata nelle zone rosse della classifica.

 

Gallipoli – Tifosi del Milan sugli scudi dopo la vittoria della squadra under 14 al Trofeo Caroli Hotels. Tra i sostenitori presenti allo stadio “Bianco” di Gallipoli per la finalissima del torneo, martedì 13 febbraio, anche il Milan Club Gallipoli direttamente interessato all’esito della finale, per giunta contro i “cugini” dell’Inter. Alla fine è stato un trionfo per i rossoneri (il quinto al Trofeo Caroli Under 14) ed una festa particolare per il club dei tifosi locali che aveva avuto modo di salutare lo staff dirigenziale e tecnico rossonero, con una sua delegazione, già in occasione della cerimonia inaugurale del torneo l’8 febbraio presso l’Ecoresort Le Sirenè, omaggiando mister Nava ed il dirigente accompagnatore ufficiale Romito con delle targhe benaugurali, “a testimonianza dell’amicizia e del sostegno verso i colori rossoneri”. Rinsaldato il legame tra i tifosi ionici e il club milanese, le parti si sono salutate con la promessa (mantenuta) di rivedersi per la finale e con un arrivederci alla prossima edizione.

Neviano – Appuntamento giovedì 15 febbraio alle ore 20, presso l’aula polifunzionale del Comune di Neviano, per la seconda edizione del “Gran premio Giovanissimi del Salento”, l’evento creato ed organizzato dall’omonima testata giornalistica sportiva diretta da Alessio Quarta. La manifestazione di quest’anno (con il patrocinio del comune di Neviano) vede la partnership di Musicaos Editore di Luciano Pagano, che presenterà al pubblico il romanzo del giornalista (di Nardò) Raffaele Pappadà “Senza Riserve” dedicato al mondo del calcio. Durante la serata, organizzata da Michele Giannotta e condotta da Fiorella Mastria, verranno premiate le “eccellenze” del calcio salentino che si sono contraddistinte non solo per importanti risultati agonistici ma anche per la dedizione alle tematiche sociali, nell’ambito del mondo del calcio giovanile.

I vincitori di ogni categoria: Tanti i premi conferiti a personaggi e realtà legate al mondo dello sport salentino. Ad Antonio Imperiale (di Tuglie) va il premio giornalistico alla carriera mentre al sindaco di Racale Donato Metallo il premio quale “miglior amministratore pubblico salentino. Al  gruppo Caroli Hotels di Gallipoli, impegnato a 360 gradi nella promozione dello sport, va un riconoscimento per l’Impresa sociale per lo sport e l’editoria sportiva. All'”Asd Fabrizio Miccoli” il premio per il miglior settore giovanile a all’Ssd brindisi quello per la “società nuove speranze”. “Migliore allenatore” ad Angelo Sanapo (di Tricase) e “migliore allenatrice” ad Alessia Bergamo. “Società calcistica per l’integrazione” all’Usd Spartak Lecce e  “Premio Etica Sportiva” all’Asd Capo di Leuca, “Personaggio sportivo maschile dell’anno” è Andrea Corallo, ex calciatore (Casarano, Lecce e Nardò) ed attuale direttore sportivo del Nardò calcio. “Personaggio sportivo femminile dell’anno” è Vera Indino, di Racale, allenatrice della Salento Woman. Il titolo di “Miglior dirigente dell’anno” va ad Alessandro Adamo, amministratore delegato dell’Us Lecce. Per l’Etica sportiva un premio va alla Fondazione “Banca Popolare Pugliese Giorgio Primiceri onlus” (con sede a Matino) che da tempo sostiene molte iniziative sportive. A Salento Sport va il premio quale migliore testata giornalistica sportiva salentina.  Altri riconoscimenti per il premio “Editoria solidale” a Radio Salentina e premio al giornalista dell’anno per Francesco Buja.

Gallipoli – Va al Milan la 15^ edizione del trofeo Caroli Hotels under 14. Nella finale di questa mattina (martedì 13 febbraio) disputata alle 10,45 presso lo stadio “Bianco” di Gallipoli, i rossoneri allenati da Nava hanno avuto la meglio per 3 a 1 sui “cugini” dell’Inter guidati in panchina da Mandelli. Prima della finalissima era stato il Sassuolo a battere la Lazio (1-0) conquistando il terzo posto. Della sezione Aia di Casarano i due giovani arbitri designati a dirigere gli incontri: Marco Colazzo per la finale, Emanuele Bleve per la finalina. Per il Milan, che succede al Tor Tre Teste Roma nell’albo d’oro della manifestazione, si tratta della quinta affermazione al Trofeo Caroli Hotels Under 14 dopo i successi ottenuti nel 2006, 2009, 2013 e 2016.

Tutti i premi – Tra le premiazioni dell’ultima giornata del torneo anche quella per il fair play ai giapponesi del Fourwind Japan. Altri premi a Stefano Nava, allenatore del Milan; al capocannoniere Stojanovic (Hellas Verona) con 8 reti; premio “Giovane promessa” a Ivan del Milan (autore di due reti nella finale); premio alla carriera a Rocco Villarosa; squadra rivelazione l’Ausonia Calcio 1931. Per i giocatori premiati il portiere della Spal, Pezzolato, l’attaccante del Sassuolo, Baldari, il centrocampista della Juventus, Hasa ed il difensore della Roma, Catena. Premio fedeltà al Nick Bari; premio simpatia alla Lazio e premio staff a Salvatore Mangia. I premi speciali “La Giovane Italia” sono andati a Felline (Lecce), Bonavita (Inter) Savane (Inter), Antolini (Juventus), Salvemini (Sassuolo), Accornero (Genoa), Anane (Milan), Cherubini (Lazio).

Gallipoli – Derby di Milano in riva allo Ionio per la finale del trofeo Caroli Hotels under 14. Martedì 13 febbraio alle 10,45 presso lo stadio “Bianco” di Gallipoli saranno, infatti, Milan e Inter a sfidarsi nell’ultimo atto della 15^ edizione dell’importante kermesse di calcio giovanile, quest’anno aperta alla per la prima volta a tre continenti, con gli argentini del Los Aromos ed i giapponesi del Fourwinds Japan. La finalissima sarà preceduta (alle 9) dalla finale di consolazione per il terzo posto tra Sassuolo (ko ai rigori contro il Milan) e Lazio (0-2 con l’Inter). Esperienza in cascina e confronti di livello, invece, per le squadre locali del Lecce (eliminato agli ottavi dalla Juventus), Capo di Leuca, Gallipoli Montefiore e Soccer Dream Parabita (fermate nel girone di qualificazione). Pur mancando ancora le ultime due sfide, il bilancio dell’edizione 2018 del Trofeo Caroli Under 14 non può che dirsi più che positivo alla luce dei grandi numeri che segnano l’evento con ben 68 partite “spalmate” in appena cinque giorni su 21 campi (non solo Gallipoli e Castrignano del Capo, ma anche Casarano, Nardò, Maglie, Poggiardo, Racale, Ugento, Parabita, Taurisano, Otranto, Collepasso, Tricase).

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...