Home Temi Associazionismo
Notizie sull'Associazionismo dai Comuni del Salento della rete di Piazzasalento

DCIM100MEDIADJI_0040.JPG

Gallipoli – Diciassette barche in mare, un centinaio di appassionati intorno e una regata ben riuscita tra uno scirocco che si faceva sentire ed una brezzolina il giorno dopo: la Lega navale italiana, sezione di Gallipoli, archivia con evidente soddisfazione la Coppa Salento, diciannovesima edizione. La manifestazione, ormai “maggiorenne”, si è svolta sabato e domenica nelle acque antistanti la sede nautica della Lna, al Rivellino.

Partenza davanti al seno del Canneto e, dopo una boa di disimpegno situata in direzione del vento, le barche hanno circumnavigato l’isola di Sant’Andrea, lambendo le sue secche pur di non perdere un metro di vantaggio nè la speranza di recuperare sugli avversari. Quindi bolina verso una boa posta ai margini dell’ampia insenatura di Pizzo e rientro in andatura più larga verso il punto di partenza.  Sabato – vento teso di scirocco –  c’è stato a questo punto un ulteriore giro dell’isola con traguardo di fronte al Canneto; domenica – leggera brezza da ponente-libeccio – si è effettuato un unico giro.

Due giornate tecnicamente diverse quindi, che hanno impegnato i partecipanti. Direzione della gara affidata al giudice Fiv Pietro d’Ippolito; organizzazione complessiva gestita dal neo direttore sportivo Marcantonio Zizzari coadiuvato dal gruppo di volontari della Lega navale di Gallipoli. La premiazione (foto) si è svolta subito dopo la gara domenicale presso la nuova sede sociale della Lega, nell’area del porto commerciale. Il presidente Fabrizio Guarini,  recentemente eletto,  ha chiamato sul “podio” i vincitori delle singole classi: ha vinto Vento dell’Este (Marcello Monferrini), seguito da Doctor J (Negro), Drunken Oyster (Forina), Shany (Rizzo); in categoria B (8/10 metri) ha prevalso Nibbio (Arturo Carratta, vincitore anche della coppa Lui&Lei)), in scia Yemanja (Anselmi), Sailor Fly (Ria), Sybar (Calabrese), Nina (Zizzari), Capitan Giannino (Giuliano), Tortuga (Casole); infine in categoria C vittoria di Nausika (Niccolò Tirelli), seguita a stretto ingaggio da Gioconda (Salvatore), e quindi Rosikaliska (Galbiati), Mon Bijou (Salamina), Bambina (Miccoli), Aylin (Bonardi).

Nell’occasione sono stati premiati anche i vincitori della Veleggiata di Primavera svoltasi l’8 aprile: in Cat. A ancora Vento dell’Este , mentre nella B Sybar (Calabrese) e nella C Lella VI (Malorgio, che si è aggiudicato anche il premio “Solitario”). “Coppa del Salento e Veleggiata di Primavera aprono così alla grande la stagione velica gallipolina – si legge nel comunicato finale dei promotori – anche un innegabile contributo allo sviluppo turistico ed economico  della città ionica, in linea con gli obiettivi di promozione sociale della Lega navale, particolarmente impegnata nella tutela dell’ambiente marino come dimostrano ad esempio  le affollate conferenze didattiche effettuate l’11 aprile nelle scuole della città, in occasione della Giornata del Mare”.

 

 

Castro – Tre giorni – 24-25 e 26 aprile – per festeggiare la patrona di Castro, Maria Santissima Annunziata. I festeggiamenti sono spostati esattamente di un mese dalla festa liturgica (il 25 marzo) che cade sempre nel periodo di Quaresima. Quest’anno anche la festa liturgica è stata spostata al 9 aprile perché il 25 marzo era la Domenica delle Palme. In piena primavera, quindi, Castro  dà il meglio di sé in un tripudio di colori, di luci e di suoni in onore della sua patrona che gode di una devozione inalterata nel tempo ed estesa anche ai paesi vicini.

Si inizia il giorno della vigilia, il 24,  alle ore 18 con il corteo storico a cura dell’associazione Castroantica con i partecipanti in abiti medievali. Alle 19 si rinnova una tradizione secolare, la Sagra del pesce a sarsa che verrà distribuito gratuitamente ai presenti. Si tratta di un piatto antichissimo di cucina marinara povera: vope infarinate e fritte, condite per più giorni con mollica di pane, aceto, aglio e menta. Il profumo intenso  richiama alla memoria altri tempi e altre tavole imbandite. La colonna sonora della sagra sarà la musica di Ariacorte, il gruppo musicale di Diso, con i suoi ritmi popolari. Seguirà dalle 20.30 la “Grandiosa gara pirotecnica”. Alle 22.30  a piazza Vittoria, ancora musica con lo spettacolo di Girodibanda (direttore Cesare Dell’Anna).

Il giorno della festa, il 25, si aprirà con Diana Mattutina della ditta Mega di Scorrano e con i concerti bandistici della Città di Lecce e di Squinzano. Alle 10.30 le strade del paese saranno attraversate dalla solenne processione  con la statua della Madonna restaurata lo scorso anno. La processione sarà accompagnata  da uno spettacolo pirotecnico; seguirà a mezzogiorno la celebrazione della Messa  nella cattedrale.Tanta musica in serata: l’orchestra sinfonica del Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce (maestro Claudio Quarta)  alle ore 20 e il gruppo “Nessuna Pretesa” alle 22,30.

Il 26 aprile alle  17, in piazza Vittoria, ci sarà uno spettacolo per bambini e alle 21 la festa si chiuderà in piazza Perotti con l’orchestra della Notte della Taranta diretta dal maestro Pagnottelli.  Nei tre giorni di festa a cura della Pro loco, in collaborazione con il Comitato festa patronale e l’Amministrazione comunale ci sarà la fiera mercato che attira un gran numero di visitatori. Ci  saranno numerosi stand di prodotti artigianali, frutto della creatività di artisti e artigiani,  e specialità agro alimentari. La fiera  si svolgerà nel centro storico, zona scavi ed aree limitrofe, dalle ore 15 alle 22.

Notevole l’impegno di tutti i promotori, del comitato, dell’Amministrazione comunale, dei cittadini per rinnovare come ogni anno celebrazioni religiose e civili per la Patrona della città. Si tratta di tenere vivo contemporaneamente il sentimento religioso e quello di appartenenza ad una comunità, che afferma la sua identità anche nella ripetizione di antichi riti. Lo sottolinea il Sindaco Luigi Fersini (foto):  “La festa della Madonna Maria Santissima Annunziata rappresenta per Castro un momento di forte sentimento religioso e di attaccamento alla tradizione, un modo per tenere vivo il legame profondo che lega tutta la comunità alla Madonna e alla storia del paese. Saranno giorni di festa non solo per l’intero paese, ma per tutti i turisti e devoti che verranno nei prossimi giorni in occasione dei festeggiamenti che prevedono, oltre alla solenne Celebrazione, la sagra del “pesce a sarsa”, una gara pirotecnica, fiere e cortei storici”.

 

 

Nardò – 25 Aprile, diverse le manifestazioni promosse in città da istituzioni, partiti, e associazioni per celebrare la Liberazione. Per quanto riguarda il corteo organizzato dal Comune, alle 10 partenza da piazza Cesare Battisti e deposizione di corone d’alloro a largo Caduti Guardia di finanza, piazza Umberto e piazza Salandra (foto). Qui interverranno il presidente del Consiglio comunale Andrea Giuranna e il Sindaco Giuseppe Mellone.

In mattinata in piazza Salandra è prevista anche un’altra distinta manifestazione, dal titolo “Sempre liberi da ogni fascismo!”. A organizzarla la sezione neretina dell’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia), che dalle 10 animerà un presidio antifascista: a tale raduno hanno aderito il locale circolo Arci di via Matteotti, l’associazione “Diritti a Sud” e l’Unione degli studenti.

Un terzo ritrovo in piazza Salandra è fissato per le 18.30, quando a festeggiare il 25 Aprile saranno sei sigle di partiti e movimenti riconducibili all’attuale opposizione cittadina, consiliare ed extraconsiliare: Centro studi “Salento Nuovo”, Articolo 1, Pd, Nardò Bene Comune, Nardò Liberal e Unione democratici popolari.

Una tale frammentazione, anche davanti ad una festa nazionale, ricorda le recenti commemorazioni per Renata Fonte, quando per onorare la giovane assessora comunale ed esponente dell’allora partito repubblicano assassinata nel 1984, sono state organizzate due manifestazioni separate. Altra nota di cronaca da segnalare: si tratterà del primo 25 Aprile del Sindaco Mellone. Nel 2016 l’attuale primo cittadino non si era ancora insediato (vinse le elezioni due mesi dopo) e nel 2017 era fuori città: l’anno scorso fu infatti il vicesindaco Oronzo Capoti a presenziare alle celebrazioni.

Antonio Minerva

Alezio – Torna a far volare “Sulle ali della pace” il Comitato di San Rocco e delle antiche tradizioni, pronto ad una nuova giornata da vivere all’aria aperta. In programma per martedì 1° maggio, presso l’agriturismo Santa Chiara in via Parabita, la seconda edizione della gara di aquiloni dal tema “La pace nel mondo”. Alle 9 è previsto il raduno e l’allestimento degli aquiloni, mentre alle 10,30 la gara entrerà nel vivo e proseguirà fino alle 12,30, quando avrà inizio la premiazione, seguita alle 13 dalla grigliata sull’erba (prenotazioni entro il 27 aprile, costo 15 euro). Nel pomeriggio ancora giochi, musica e divertimento con la partecipazione di Robertino Magicsciò. I manufatti devono essere realizzati artigianalmente e i componenti del comitato presieduto da Antonio Minerva (in foto) saranno a disposizione nel dare supporto nella realizzazione delle opere durante la giornata. La partecipazione all’evento non prevede limiti d’età e ad essere premiati non saranno solo i primi tre classificati, scelti da una giuria di cinque componenti, ma tutti quanti vogliano mettersi in gioco. (Quota di iscrizione 3 euro; informazioni ai numeri 0833/281871 e 366/9703090).

Nardò – Domani, domenica 22 aprile, tutti in sella delle moto per il Moto Tour “Alla scoperta dell’Arneo”. L’iniziativa è organizzata dall’associazione Moto Club Salentum Terrae in collaborazione con il Gal (Gruppo di azione locale) Terra d’Arneo, presieduto da Cosimo Durante (foto). Si tratta di un percorso a più tappe che vede il coinvolgimento di alcuni luoghi significativi del comprensorio del Gal, “presentati in un itinerario che ne svela l’essenza autentica e che valorizza le produzioni di eccellenza ed il paesaggio rurale, dall’entroterra alla costa”, come si legge nella nota illustrativa.

“Ampio spazio sarà dato – prosegue la nota – alle produzioni vitivinicole, fiore all’occhiello del territorio, ed alle produzioni casearie, espressione più genuina delle masserie d’Arneo. Il tour continuerà con la visita alla Torre Santa Caterina di Nardò, sede di un piccolo museo archeologico di recente apertura e si concluderà presso il Museo messapico di Alezio, nuovo Comune dell’area del Gal “Terra d’Arneo” per la programmazione comunitaria 2014/2020.

I partecipanti si raduneranno alle ore 10 in piazza Roma a Leverano, dove saranno accolti dall’Amministrazione comunale e dall’associazione Pro loco; nel programma la visita del centro storico e della Torre Federiciana.

Racale – Domenica 22 aprile anche Racale festeggia la Giornata mondiale della terra con la seconda edizione di “Racale Ripulita” organizzata dalla Protezione civile di Racale con il sostegno ed in collaborazione del Comune di Racale. Il raduno di quanti intendono partecipare è per le 8,3p nella sede della Protezione civile di via Parma. Sarà una mattinata in cui amministratori comunali, associazioni e cittadini saranno impegnati a ‘prendersi cura dell’ambiente urbano’ di alcune strade cittadine e di periferia ripulendole da plastica, alluminio, vetro ed altri rifiuti.

“L’iniziativa ha anche lo scopo di sensibilizzare tutta la comunità ad un maggiore senso di responsabilità sull’ abbandono dei rifiuti che costituisce ancora una battaglia difficile ma che va vinta. La seconda edizione di ‘Racale Ripulita’ quest’anno fara’ parte del circuito “Let’s Clean up Europe”, campagna contro il littering e l’abbandono dei rifiuti che organizza azioni di pulizia straordinaria del territorio promossa, fra le altre da Unesco Italia”, è il commento del Sindaco Donato Metallo e della consigliera con delega all’Ambiente, Anna Toma (foto).

Tricase – La Giornata mondiale della Terra diventa occasione per un dialogo fra le associazioni del territorio, all’insegna del verde e dell’accoglienza: l’appuntamento è per domenica 22 aprile alle ore 19 presso l’atrio di Palazzo Gallone a Tricase, dove il gruppo di Clean Up organizza l’incontro “Curare il pianeta, accogliere l’umanità”.
L’evento è patrocinato dal Comune e nasce in collaborazione con Arci Lecce (che gestisce il progetto Sprar in cui sono coinvolti migranti che vivono sul territorio), la Pro loco, l’associazione Tricasémia e il gruppo Mountain Bike Tricase. Nel corso della serata si rifletterà sui rischi cui l’inquinamento ambientale espone il nostro pianeta e sulle conseguenze anche sociali che questo comporta, costringendo gli abitanti di alcune zone del mondo a lasciare i propri paesi d’origine: ne parleranno il vicesindaco e assessore al Verde pubblico e all’Igiene ambientale di Tricase, Antonella Piccini, i volontari di Clean Up, gli operatori e i migranti del progetto Stprar. Inoltre, mostre fotografiche e installazioni serviranno a raccontare l’inquinamento attraverso una chiave di forte impatto visivo.

Gabriele Vetruccio (foto) di Clean Up sottolinea: “L’amore verso il nostro territorio è il filo conduttore intorno al quale si raccolgono le esperienze non solo di Clean Up ma anche di tante altre realtà che s’impegnano per rendere Tricase più pulita, più verde, più vicina alla natura”. Collaborare per migliorare la cura degli spazi verdi urbani diventa inoltre strumento d’integrazione nella società, di accoglienza: “Nel lavoro che facciamo con Clean Up per ripulire Tricase dai rifiuti – continua Vetruccio – un aiuto concreto viene dai ragazzi del progetto Sprar, fuggiti dai loro Paesi a causa della guerra o delle condizioni di miseria in cui erano costretti a vivere. Con molti di loro è nata una vera amicizia e la serata del 22 sarà anche un modo per conoscerli meglio, per raccontare le loro storie”.

In caso di pioggia l’evento si terrà presso la Sala delle Scuderie, sempre a Palazzo Gallone.

Andrano – Escursione domenicale per “La scatola di latta”. Questa volta si parte dal mare (l’appuntamento è alle 16.20 nel parcheggio vicino alla Grotta Verde della Marina di Andrano) e si inizierà con una passeggiata rigenerante sul “Lungomare degli Agavi”. Successivamente con le auto ci si sposterà ad Andrano alla scoperta del paese, delle sue bellezze architettoniche, delle sue storie, dei suoi abitanti.

Parte del territorio comunale di Andrano dall’ottobre 2006, rientra nel Parco Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase, istituito dalla Regione Puglia per salvaguardare la costa orientale del Salento, ricca di pregiati beni architettonici e di importanti specie animali e vegetali. Andrano è la sede del Parco e custodisce con cura i suoi tesori che gli appassionati della “Scatola di latta” andranno a scoprire, grazie anche all’impegno della locale Pro loco. Come per ogni appuntamento sono da mettere in conto “Possibili sorprese, spunti, appunti, poesie, ricordi, suoni e canti marinareschi degli amici e delle amiche al seguito della passeggiata”. Un geologo illustrerà le bellezze e le caratteristiche della Grotta Verde, sarà della compagnia lo scrittore Davide Urso, si visiteranno il Castello, l’Ospedaletto dei pellegrini, la cripta della Madonna dell’Attarico.

Il Castello, a base quandrangolare con quatto torri agli angoli, fu dal Duecento al Cinquecento una fortezza dei signori Saraceno, poi passò alla famiglia Spinola di Gallipoli e successivamente ai Caracciolo di Tricase. Da qui la sua denominazione Spinola-Caracciolo. Dopo i Caracciolo, fu in parte venduto alla famiglia Bentivoglio e in parte donato all’istituto Maestre Pie Filippini. Nel corso degli anni Ottanta del secolo scorso fu acquistato dall’Amministrazione comunale e quindi restaurato e utilizzato per mostre ed eventi.

L’Ospedaletto dei pellegrini in passato doveva essere non un ospedale così come lo intendiamo attualmente, ma un rifugio per le soste dei pellegrini che raggiungevano S. Maria di Leuca, così come la Leuca Piccola di Barbarano. Alcuni reperti epigrafici sono custoditi nel Museo Catromediano a Lecce. Quello che attualmente si può vedere è una croce scolpita inglobata in un muro di una abitazione.

La cripta della Madonna dell’Attarico si trova alla periferia del paese. Gli studiosi pensano che diede ospitalità ai monaci basiliani. Non è molto grande, all’interno sono presenti due affreschi non  ben conservati: una Croce e la Madonna con il Bambino con a lato due santi o angeli. Non mancheranno nel corso della passeggiata, che non sarà lunga, circa due chilometri, alcune soste come quella “dolce” presso la pasticceria di Lucia.

Otranto – Oggi, sabato 21, e domani domenica 22 aprile avrà luogo il terzo raduno provinciale di Lambretta, Vespa e moto d’epoca. L’evento è stato organizzato da Lambrettaclub Finibus Terrae con il patrocinio del Comune di Otranto, Castro e Santa Cesarea terme. Il ritrovo nella giornata dioggi è fissato per le ore 16 in piazza dell’Umanità Migrante a Otranto; sono attesi più di 200 partecipanti provenienti non solo dalla provincia di Lecce ma anche da San Vito dei normanni e Ostuni, nel Brindisino. Successivamente il gruppo procederà alla visita guidata della cattedrale S. M. Annunziata per poi alle ore 20 ritrovarsi tutti a cena. a “Il Golosone”.

Nella giornata di domenica il raduno avrà luogo sempre presso la piazza dell’Umanità Migrante alle ore 8, dove verranno raccolte le iscrizioni per poi lasciare spazio allo spettacolo dei tamburellisti di Otranto del maestro Massimo Panarese che con la loro musica cercheranno di trasmettere le radici musicali e le tradizioni del Salento. Prima della partenza verso Castro attraverso la litoranea salentina, ci sarà la visita al castello Aragonese di Otranto. Ad attendere il gruppo a Castro, con un aperitivo in piazza A. Perrotta, sarà il Sindaco Luigi Fersini e la sua comunità “che con molta disponibilità – come afferma Vincenzo Cappello, vicepresidente del Lambrettaclub finibus terrae – ha deciso di ospitare l’evento.” Queste due giornate tra moto d’epoca e paesaggi salentini si concluderanno con un pranzo presso l'”Approdo di Enea” a Porto Badisco. “Questo non é l’unico evento in programma – riferisce Il vicepresidente Cappello del Lambrettaclub finibus terrae – ma il 10 maggio si terrá un altro raduno a Monteroni dove verrà visitata la villa Valle della cupa del 1700 appartenuta ai signori Mastracchi e dal quale prende il nome il moto club e si spera in un ingente partecipazione considerando l’importanza culturale di questi eventi”.

M. M. 

Parabita – Cariche sociali rinnovate per l’associazione culturale “Progetto Parabita”. Il nuovo consiglio direttivo ha confermato alla guida del sodalizio la presidente Flora Della Rocca (foto) per il terzo mandato consecutivo 2018 – 2020. Ad affiancarla, saranno il vicepresidente  Salvatore Dionisi, il segretario Donatella Leopizzi, il tesoriere Maurizio Nicoletti e i consiglieri Tommaso Seclì, Piero Buffo, Luigi Martignano, Guido Russo e Ortensio Seclì. L’assemblea, convocata lo scorso 15 aprile presso la sede di via Vittorio Emanuele II ha pure discusso la relazione morale del 2017, approvato il bilancio consuntivo dell’anno appena trascorso e il preventivo per il 2018. Per la “Progetto Parabita” sono diverse  le iniziative in cantiere che dovranno svolgersi durante i prossimi mesi tra cui la pubblicazione del nuovo numero della rivista “NuovAlba” prevista per maggio.

 

 

 

Gallipoli – Grandi novità per la Fidas di Gallipoli, che, dopo 10 mesi di commissariamento, cambia volto e si prepara ad una stagione ricca di appuntamenti. Il nuovo direttivo, composto dalla presidente Maddalena Bembi, dal vice presidente Marcello Pedaci, dal segretario organizzativo Aniello Gallo, dal tesoriere Alessandro Bianchini e dai consiglieri Stefano Coppola, Fabrizio Benvenga, Emanuele Cortese, Massimo De Giorgi, Eugenio Fiamma, Giuseppe Imperatore e Giulia Solidoro, ha già in serbo due appuntamenti. Il primo si terrà domenica 22 aprile, la mattina dalle 9 alle 13 e il pomeriggio dalle 17 e le 20 in piazza Tellini, dove i volontari Fidas, con stand, banchetto e palloncini, sosterranno l’iniziativa “Orchidea Unicef 2018”, con la vendita per beneficienza delle orchidee, il cui ricavato sarà interamente voluto per i bambini migranti e rifugiati.

L’altro appuntamento sarà invece con la prima iniziativa organizzata dal nuovo direttivo, che si terrà il 1 maggio alle ore 10 presso lo stadio Bianco di Gallipoli, con una giornata di beneficienza con cerimonia di firma del gemellaggio tra la Città di Gallipoli e la “Città della Speranza”, alla presenza del sindaco Stefano Minerva e del presidente della Città della speranza Franco Masello, con gare di atletica per tutti i bambini (quota di partecipazione di 5 euro che verrà interamente devoluto alla Città della speranza. Per info 3200120011/ 3200125175). “La Città della speranza è un polo di ricerca oncologico per i bambini malati di leucemia – afferma la presidente Fidas, Maddalena Bembi – e con la sottoscrizione de “La Charta dei Comuni” le amministrazioni comunali si impegnano alla sensibilizzazione dei cittadini con almeno due incontri l’anno nelle scuole, con l’appoggio di associazioni no profit, e con un incontro annuale con le associazioni che coinvolga tutta la comunità. Altri comuni del Salento, come Salve e Specchia si sono già gemellati lo scorso anno, ed in futuro probabilmente si unirà anche Galatina; sono 180 i comuni gemellati fino ad ora. Io ho sposato questo progetto dallo scorso anno, l’ho presentato in Comune in estate e in novembre la proposta è stata accettata e sarà la prima iniziativa di questo nuovo direttivo, sperando che ci sia l’adesione di molti bambini a questa giornata ed ai giochi, realizzati con l’Atletica Gallipoli. Credo molto nel nuovo direttivo che si è formato – continua la presidente – io personalmente sono in Fidas dal 1999, e so che c’è davvero tanta gente che ha bisogno delle nostre donazioni. Sapere che si sta aiutando qualcun altro a vivere, ti da un motivo per alzarti la mattina e sorridere. Cerchiamo nuovi collaboratori e nuovi giovani: la Fidas deve rinascere e portare tante donazioni a chi ne ha bisogno, lavoriamo con serietà e trasparenza e accettiamo gli aiuti di chiunque voglia collaborare con noi. Presto realizzeremo altre manifestazioni, tra cui andare nelle scuole per educare i bambini al “dono” sperando, una volta maggiorenne, che possano diventare donatori per aiutare il prossimo”.

Aradeo – Una tavola rotonda ed una marcia per informare e sensibilizzare sulle tematiche legate all’autismo. È quanto propone, ad Aradeo, l’associazione onlus “Amici di Nico” nell’ambito della Settimana per la consapevolezza dell’autismo. Le iniziative itineranti si sono svolte a Lizzanello, San Cesareo e Lecce (con il “Live drum cricle” del 7 aprile in piazza Sant’Oronzo) mentre ad Aradeo sabato 21 aprile è prevista la tavola rotonda sul tema “Autismo una rete inclusiva” alle 9.30 presso la biblioteca comunale. Il dibattito, moderato dalla psicologa Barbara Bruno, prevede gli interventi del sindaco Luigi Arcuti, dell’assessore Tania D’Aquarica, del consigliere Gianni Stefanelli, dell’assistente sociale Danilo Martiriggiano, del referente dell’Ufficio di Piano del Distretto socio sanitario di Galatina Antonio Palumbo, della dirigente dell’Istituto comprensivo Carmela Cezza e della referente del Polo inclusione del Comprensivo Simonetta Baldari. Particolare attenzione verrà rivolta al tema dell’inclusione scolastica con la presenza dell’equipe della onlus “Amici di Nico”, che ha sede a Matino ed  è presieduta da Maria Antonietta Bove. Interverranno la psicologa Agnese Pisanello insieme alle insegnati e ad alcuni compagni di classe di Antonio, un bambino affetto da Asd. Seguiranno le testimonianze della madre del bimbo e delle dottoresse Anna Scolozzi e Mariangela Abate. La giornata sarà arricchita dalla “Marcia blu aradeina” insieme all’associazione “Portatori sani di sorrisi” verso l’anfiteatro della villa comunale con il coinvolgimento dei ragazzi dell’Istituto comprensivo.

Patù – Tappa partecipata e colorata, quella di Patù, per le “Olimpiadi dell’amicizia 2018”, organizzate dalla Provincia di Lecce e dal comitato provinciale Unicef con il coinvolgimento delle scuole e dei Consigli comunali dei ragazzi. I ragazzi e le ragazze dell’Istituto comprensivo SalveMorciano – Patù si sono ritrovati in piazza per misurarsi con le loro capacità creative, di gioco e sportive animando una competizione fondata sull’amicizia, sulla pace e sulla non discriminazione. Il buon esito dell’evento è stato possibile grazie all’impegno degli organizzatori, dei docenti e di tutti i partecipanti che hanno ricevuto il sincero apprezzamento delle autorità presenti.

Poggiardo – Atleti dell’Asd Judo Kodokan Poggiardo in evidenza, a Leverano, nella seconda tappa del torneo provinciale di Judo. Presso il Palazzetto dello sport, sabato 14 aprile, I giovani e promettenti tesserati, guidati dal maestro Giuseppe Maraschio, istruttore federale Fijlkam (cintura nera 4° Dan e atleta della nazionale italiana di kata Kodokan Goshin Jitsu), hanno ottenuto vari riconoscimenti. Per la categoria “fanciulli”  Antonio De Maglie, Lorenzo Schito, Salvatore Guglielmo  e Sofia Perrone hanno conquistato il bronzo seguiti da  Antonio Piccinno (4° classificato), Nicolò Piccinno (7°) e Francesco Tarantino (8°). Tra i “ragazzi” da segnalare l’oro di Vincenzo Pezzulla, l’argento di Alessandro Perrone ed il bronzo di Vanessa Piccinno, Virginia Rossetti e Maddalena Vincenti con Martina Paiano quinta classificata. Per gli “esordienti”, infine, oro per Elena Guzzi e argento per Pasquale Alemanno.

Galatone – Con ‘sti chiari di Luna è Primavera. Per il laboratorio rurale dell’associazione Itaca di Galatone è tempo di risveglio. Dopo un inverno all’insegna dell’intimità, domenica 22 aprile a partire dalle ore 9,30 la struttura riapre le sue porte alla comunità. E questa volta non solo per tornare a sporcarsi le mani di terra con la semina collettiva della canapa e delle piante officinali. Dopo il pranzo preparato dalle “mamme di Luna”, infatti, alle ore 16 si avvierà un percorso di riflessione sul ruolo della comunità e di tutti i suoi attori nell’educazione dei più piccoli. Ad illustrare questo percorso ci saranno i rappresentanti della Scuola Libertaria di Urupia che racconteranno la loro esperienza.
A seguire, vi sarà un laboratorio per la costruzione degli aquiloni che verranno poi liberati in cielo al tramonto quando anche l’atmosfera si scalderà con un aperitivo e la musica di dj Brasi.

Luna, in passato, era una comunità di recupero per tossicodipendenti in agro di Seclì. Dopo dieci anni di abbandono, la Parrocchia Maria Santissima Assunta di Galatone l’ha assegnata nel 2014 ad un gruppo di donne – Fabiana Fassi (foto), Arianna Tosi e Rossella Filoni galatonesi e Sara Ottaviani originaria di Livorno. La struttura si occupa oggi di agricoltura con un’attenzione particolare al recupero delle antiche varietà locali e dell’identità territoriale. Produce zafferano, di tradizione a Galatone, canapa, l’albicocca locale e piante officinali. Inoltre, sta realizzando un orto internazionale in collaborazione con i richiedenti asilo. Un laboratorio attivo, dunque, con una particolare attenzione all’innovazione sociale. Si può contattale Luna_laboratorio rurale utilizzando i social, per email all’indirizzo lunalaboratoriorurale@gmail.com o per telefono al numero 349 453 2739.

Maglie – Il Lions club e il Leo club con il patrocinio del Comune di Maglie, Regione Puglia, Unisalento, Fondazione Capece e Unitre, organizzano per venerdì 20 aprile alle 18.30 nell’aula magna del liceo Capece un convegno di studio su “La sfida del Terzo millennio: la ricerca scientifica a favore della salvaguardia dell’ambiente”.
Dopo i saluti istituzionali di Gabriella Margiotta, dirigente del “Capece”, Ernesto Toma, Sindaco di Maglie, Mariaenrica Frigione, prorettore per l’area tecnico scientifica dell’Unisalento, Maria Stella Colella, dirigente del 1° circolo didattico “Principe di Piemonte”, i lavori saranno aperti dalla prof.ssa Alba Iacomella (foto, al centro), presidente Lions club Maglie. Seguiranno le relazioni che esamineranno il tema da varie angolazioni: “Ecosistemi vegetali e cambiamenti climatici” (prof. Naldo Anselmi, ordinario di patologia forestale Università Tuscia Viterbo); “Risposte ecosistemiche ai cambiamenti climatici” (prof. Alberto Basset, ordinario di ecologia Unisalento); “Cambiamenti climatici e ambiente: il punto di vista di un astronomo”( prof. Armando Blanco, ordinario di astronomia e astrofisica Unisalento), originario di Alezio; “I cambiamenti climatici nel Mediterraneo” (prof. Piero Lionello, ordinario di fisica dell’atmosfera e oceanografia Unisalento). Chiuderà i lavori l’ing. Pasquale di Ciommo, Lions primo vice governatore distretto 108 Ab.

Taurisano – Il Toro di mister Andrea Manco ha preso a incornate il Girone C del campionato di Prima Categoria, facendolo suo con determinazione. Dopo la vittoria ottenuta per 1-0 contro il Leverano, il Taurisano proverà a stappare lo champagne del salto di categoria domenica prossima in casa del Cutrofiano, fanalino di coda della competizione. Ai granata basterà un pareggio per conquistare la matematica e salire ufficialmente sul treno della Promozione.

La squadra presieduta da Alberto Tornesello (foto accanto) vanta il miglior attacco del torneo in virtù delle reti siglate da Gianni Pedone (15) e Luigi Zilli (11), oltre alla difesa meno perforata del Girone. La coppia del pacchetto arretrato composta da Salvatore Febbraro e Luigi Preite ha fornito ampie garanzie per tutto l’arco della stagione, insieme ad un centrocampo che ha potuto beneficiare dell’esperienza di capitan Ivan Galati (a sinistra).

“Siamo ad un passo dalla Promozione e resteremo concentrati sino alla fine per regalare una grande gioia alla società e ai nostri tifosi – spiega Galati -. L’ottimo lavoro svolto da Manco e il suo staff ha permesso al Taurisano di fare il vuoto in classifica con il supporto di una tifoseria calda e sempre presente”. “Ci sarà tempo e modo per programmare la prossima stagione per confrontarci in un campionato molto più difficile – commenta il presidente Tornesello -. Abbiamo composto un organico di taurisanesi e lo spirito d’appartenenza ha fatto al differenza”. A dieci punti dal Taurisano staziona il Racale di mister Botrugno. Inseguono il Seclì (40), il Soleto (40), il Poggiardo (34) e il Capo di Leuca (25).

Casarano – “La soffitta senza tetto” di Casarano propone una nuova iniziativa rivolta alle mamme in attesa. Sono quattro gli incontri proposti a partire da mercoledì 18 aprile, dalle 10 alle 12, “per diffondere la lettura fin dai primissimi giorni di vita e già in gravidanza”, come fanno sapere le promotrici della libreria “attiva”. “Falilà” è l’evento pensato per le future mamme Si ispira alla fondazione “Nati per leggere” con un programma nazionale promosso dall’associazione culturale pediatri, dall’associazione italiana biblioteche e dal centro per la salute del bambino onlus. Ad ogni appuntamento (presso la nuova sede di via Piave) si leggeranno libri e albi illustrati indicati per il periodo dell’attesa e si darà risalto alla musica, alle filastrocche e alle ninna – nanne “come strumento di comunicazione mamma- bimbo fin dalla vita pre-natale”. Ogni incontro include il confronto con un esperto, ginecologa, pediatra, pedagogista e libraie, e per affrontare le tematiche più ricorrenti legale all’arrivo di un bebè.  Il primo appuntamento di mercoledì 18 sarà con la ginecologa Lucia Cazzato. Il 2, 9 e 16 maggio le altre date (per informazioni e prenotazioni si può telefonare al numero 0833/513423). Per lasciare alle mamme un ricordo dell’esperienza vissuta la libreria donerà il materiale informativo prodotto per ogni incontro insieme a un libro speciale.

Santa Maria di Leuca (Castrignano del Capo) – Un centinaio di persone ha preso parte all’incontro promosso dall’Amministrazione comunale di Castrignano del Capo per decidere circa il futuro dell’ex colonia Scarciglia, di recente acquista al patrimonio comunale. Di certo c’è che occorre riqualificare la struttura da decenni abbandonata al suo destino, ai piedi del santuario e del faro di Leuca, a Punta Meliso. Nel corso dell’incontro, il sindaco Santo Papa ha anticipato che, entro settembre, il Comune intende partecipare ad un bando per la riqualificazione ed il recupero di immobili in disuso presentando un progetto che, si spera, possa aggiudicarsi i finanziamenti necessari ad avviare i lavori. L’alternativa sarebbe quella di un bando di gara pubblico indetto dal Comune e rivolto ai privati. Entrambe le soluzioni non possono essere immediate e potrebbero rivelare, in corso d’opera, difficoltà legate soprattutto alla considerevole volumetria della struttura. A tal proposito, il Sindaco ha anche ipotizzato la possibilità di abbassare di un piano l’ex colonia riducendone l’impatto e, allo stesso tempo, i costi necessari al suo recupero. Intanto, sull’ecomostro a picco sul mare continuano le operazioni di bonifica con la rimozione dei materiali di risulta e i rifiuti di vario genere abbandonati nel corso degli anni: permane ancora l’impalcatura in ferro (arrugginito da anni) per la cui rimozione il Comune ha sollecitato la società Apulia perché intervenga con la rimozione.

Le proposte Non sono mancate le proposte emerse nel corso dell’incontro, al quale hanno partecipato cittadini, associazioni, operatori turistici e professionisti del settore alberghiero. Sono intervenuti anche architetti, ingegneri e rappresentati di partiti politici. Tra le soluzioni più bizzarre, anche quella che della costruzione di un eliporto. Dall’ex sindaco Annamaria Rosafio è giunto l’“apprezzamento personale” per l’organizzazione dell’incontro e, in qualità di esponente locale del Pd, una riflessione sui punti da tenere in considerazione, partendo dal rispetto dell’ambiente e da una pianificazione “che tenga conto delle peculiarità dell’ente parco”. Nel suo intervento è stato proposto anche un “concorso internazionale di idee”, poi bocciato dagli interventi successivi dei presenti. L’architetto Gianfranco Marino, nell’occasione portavoce di “Culture4Peace” ha, invece, avanzato l’idea di realizzare un centro polivalente. «Si tratterebbe – ha affermato l’architetto – di un contenitore culturale con auditorium e sale mostra che, oltre a documenti e opere che raccontano la storia del nostro territorio,  potrebbero accogliere, periodicamente, capolavori di grandi autori. Un  prisma trasparente con funzione frangisole che ripropone la trama della facciata sposandosi armonicamente con il contesto circostante. Secondo noi il gestore dovrà essere una Fondazione con il Comune nel ruolo di organo di controllo».

L’associazione commercianti Definita anche la proposta di Assocom Leuca il cui presidente, Rizieri Siciliano, ha manifestato il sincero apprezzamento per l’organizzazione dell’incontro pubblico in quanto “l’unica strada percorribile per la condivisione, dal basso, per interventi di una tale rilevanza storica e strategica per il nostro territorio”. L’idea dell’associazione che raggruppa circa 60 operatori commerciali di Leuca è quella di “realizzare un polo turistico di eccellenza a completo finanziamento privato, da recuperare, in gran misura con il capitale privato dell’imprenditoria locale e, per la restante parte, con un’attività di crowdfunding, cioè con un azionariato diffuso dei privati del territorio”. Una struttura a due anime che affiancherebbe all’attività imprenditoriale quella culturale e no profit con utilità sociale e formativa. In contrapposizione con la maggioranza delle idee esposte, Marcello Seclì, esponente di “Italia Nostra”, presente all’incontro, ha avanzato l’ipotesi dell’abbattimento della struttura con contestuale riqualifica “radicale” del sito. Da parte sua è stato il consigliere (con delega al verde pubblico) Roberto Calabrese a chiarire la logica dell’incontro pubblico promosso dal Comune, “pensato per recepire idee ed esporre la questione con la massima chiarezza, condividendo con la popolazione le problematiche legate alla riqualifica dell’ex Colonia Scarciglia. Siamo consapevoli che non sarà un’operazione semplice ed immediata perché saranno necessari tempi per recepire finanziamenti ed elaborare concrete modalità di intervento. Tuttavia, tutte le idee emerse dall’incontro verranno esaminate, discusse e valutate». Intanto si pensa già ad un prossimo incontro pubblico in cui gruppi di lavoro composti da professionisti (ma non solo) potrebbero essere chiamati a proporre, in modo più completo e organico, idee progettuali e modalità di intervento.

 

 

 

Casarano – Teatro e solidarietà a Casarano con l’appuntamento proposto dal gruppo comunale Aido “D. Cataldo”. “Non ti pago” è la commedia di Eduardo De Filippo proposta al Manzoni dal “Teatro della Busacca” di Francesco Piccolo per sensibilizare sul tema della donazione di organi e tessuti. L’appuntamento è per le ore 20.30 (porta ore 20) di venerdì 20 aprile. Nel corso della serata interverrà il dottor Giancarlo Negro (di Sannicola), coordinatore trapianti dell’ospedale “Ferrari” di Casarano, per informare sull’importante tema della donazione. «Con l’occasione – afferma dall’associazione presieduta da Luca Sabato – siamo compiaciuti del fatto che finalmente anche nel nostro Comune è ormai possibili esprimere la propria volontà alla donazione degli organi in fase di rinnovo della carta di identità». Per informazioni e prenotazioni si può telefonare al numero 320/7605935.

Sannicola – Appuntamento mercoledì 18 aprile, alle ore 19, presso il frantoio ipogeo di via Roma, a Sannicola, per il ”Tè letterario” organizzato dall’associazione Ionia, in collaborazione con Consortium iuris, Axa cultura e Pro Loco. Sarà presentato il libro “Il mobbing coniugale” di Fernanda Vaglio, avvocato cassazionista, cultrice di diritto privato presso l’Università di Pisa. «Abbiamo organizzato quest’evento – commenta la presidente della “Ionia” Marilena De Stasio – nell’ambito delle nostre attività di contrasto alla violenza sulle donne e di promozione della cultura della legalità. Riprendiamo la nostra abitudine di ragionare di argomenti anche così importanti, con una tazza di tè e dei buoni dolci che saranno offerti al pubblico. Il tema è molto importante e molto attuale e i relatori di eccezione». Dialoga con l’autrice l’avvocato Alessandra Capone, presidente dell’associazione “Consortium iuris” nella serata presentata dalla giornalista Maria Cristina Talà. L’autrice, tra l’altro anche componente della commissione Pari opportunità del Comune di Gallipoli, ha al suo attivo numeri e qualificati studi.

 

 

Torre San Giovanni (Ugento) – Grande successo per la settima edizione della Marathon del Salento, gara di mountain bike disputata domenica 15 aprile nel verde del Parco naturale litorale di Ugento. Oltre mille i partecipanti alla competizione organizzata dall’associazione “Mtb Casarano” che, quest’anno, oltre ad essere valida per il Trofeo dei Parchi Naturali, è stata anche inserita nel circuito “Scudetto prestigio”, che comprende dieci gare sparse sull’intero territorio nazionale selezionate dalla rivista “Mtb Magazine”. Molti gli atleti provenienti dal centro e dal nord Italia. Presente anche un gruppo dalla Svizzera. Ad aggiudicarsi la gara è stato Luca Paolini, milanese 41enne, che proviene dal mondo del ciclismo su strada (maglia Rosa nel 2013) e che ha completato il percorso di 72 chilometri in 2h28’32’’. A seguire, il 43enne imolese Mirko Pirazzoli e il campano Antonio Matrisciano. Nella Granfondo, invece, a mettere tutti dietro è stato Angelo Tagliente, atleta di Crispiano (Taranto) tesserato con la “Mtb Casarano”, che ha completato i 42 chilometri del percorso in 1h55’24’’. La gara, con partenza e arrivo presso la Pista Salentina di Torre San Giovanni, ha coniugato sport e tradizione, grazie alla festa “salentina” allestita all’interno dell’impianto kartistico con stand, prodotti tipici, musica bandistica e artisti di strada. La Marathon del Salento si conferma, dunque, una competizione di primo piano nel panorama nazionale, innalzando di anno in anno i suoi standard qualitativi grazie all’impegno e alla passione degli organizzatori.

Gallipoli-  Ha festeggiato i suoi 30 anni di attività sul territorio di riferimento la Fidapa di Gallipoli, con un evento tenutosi sabato 14 aprile presso l’Hotel Bellavista a Gallipoli. “Un traguardo importante – ha affermato la presidente Anita Marzano di Gallipoli – che testimonia la lunga storia di questa associazione tutta femminile che da lungo tempo ormai opera per valorizzare, tutelare e promuovere il ruolo della donna nella società”.

A condurre la serata è stata la stessa presidente Marzano che, dopo aver ricordato con emozione la storia dell’associazione (che raggruppa professioniste artiste e dell’imprenditoria), ha sottolineato con orgoglio come la sezione gallipolina abbia contribuito con il proprio operato alla crescita culturale della città con diverse battaglie, come quella che nel 2009 portò all’istituzione della prima Commissione pari opportunità, ed ha dato il benvenuto alle nuove socie, con un totale all’attivo di oltre 50 iscritte.

Alla celebrazione sono state presenti Fiammetta Perrone, segretaria nazionale Fidapa; Giulia Galantino, tesoriera nazionale Fidapa; Eufemia Ippolito, legal advise chair BPW Italy; Rosa Vulpio, presidente distretto Sud Est; Maria Nuccio, segretaria distretto Sud Est; Concetta Piacente e Giulia Colucci, past presidenti nazionali Fidapa; Maria Teresa L’Abbate, past presidente distrettuale Sud Est; Ida Giannelli, coordinatrice nazionale delle Garanti; Filomena D’Antini, consigliera di Parità della provincia di Lecce.  Ospiti d’onore sono state poi Anna Coluccia di Gallipoli, professoresa ordinaria di Criminologia dell’ Università di Siena; Marilù Lucrezio (foto sotto), inviata del TG1 della Rai, di Ugento; Serenella Molendini (nella foto con la presidente Marzano), consigliera di Parità della regione Puglia e consigliera nazionale di Parità supplente, premiate con un attestato di “Eccellenza Salentina”. La serata è stata allietata infine dalle musiche al pianoforte di Gabriella Stea e dalle esibizioni della scuola di danza “Art Mood Ballet” di Anna Rizzello.

 

Alliste – Con i 32.230 euro raccolti con le Uova pasquali a firma dell’associazione di genitori con bimbi malati di tumore “Per un sorriso in più”, la Band di Babbo Natale ha raggiunto e superato i 200mila euro in sette anni di attività, di promozione, di “spina nel fianco nel fianco di chi è soddisfatto”, per dirla con un’espressione di don Tonino Bello. La battaglia certo non è vinta; la malattia si presenta sotto tante forme, per ciascuna di esse bisogna trovare il giusto antidoto e non è affatto facile: lo hanno detto a più riprese i medici del reparto di Oncologia pediatrica del “Vito Fazzi” di Lecce, guidato da Assunta “Titti” Tornesello di Alezio e da pochissimo finalmente con un organico quasi al completo.. C’è ancora molto da fare, dunque, come sanno bene quelli della Band, riuniti ieri pomeriggio nell’auditorium della Media di Alliste per programmare il futuro ed indicare i massimi responsabili. Nuovi. E questa è la novità: il cambiamento prevede il passaggio di mano dall’ideatore e fondatore Giorgio Adamo, ad un nuovo presidente. Gli iscritti – che ieri hanno raccolto le candidature anche per il direttivo – voteranno sabato e domenica prossimi nella sede di Alliste. Per quella importante postazione due le candidature: una riguarda il vicepresidente vicario Antonio Cimino di Racale, proposto dallo stesso Adamo; l’altra candidata è Samantha Alfarano di Melissano. Dopo tre anni, passa la mano anche il presidente onorario Fernando D’Aprile direttore di Piazzasalento. Al suo posto è stato eletto Gianpiero Pisanello di Tuglie (nella foto).

Adamo passa la mano; resta con un ruolo di garanzia Il presidente Adamo si è presentato dimissionario ma resta a dare quanto sarà necessario perché il sodalizio – diventato in questi anni “il più importante della provincia per gli aiuti forniti al reparto” – possa continuare a crescere ed a sensibilizzare le comunità salentine. Sembrano lontani, visti da qui i giorni del 2011 quando un gruppetto di ragazzi dell’Azione cattolica cominciano a nutrire questo sogno: la prima sfilata porta in cassa appena 750. L’associazione diventa legalmente riconosciuta; si comincia a dare una struttura; soprattutto crede che si possa fare. E infatti si fa: dalle prime cinque piazze, originarie e ancora oggi punti di forza, cioè Alliste, Racale, Taviano, Melissano, Ugento, la Sfilata della solidarietà arriverà a coinvolgere paesi anche lontani come Monteroni, Sternatia, Maglie, Specchia. Il credito cresce, il tour prenatalizio diventa sempre più lungo, il conto delle donazioni pure, alimentato da un carburante speciale: si chiama fiducia e Giorgio e i suoi ne fanno una carta di credito inossidabile e inesauribile. Il rendiconto dei soldi maneggiati è maniacale quasi, fino al centesimo, e sempre in pubblico; ricevute e versamenti fanno il giro del web, tramite l’utilizzo dei social network oltre che delle fonti d’informazione come Piazzasalento; le lotterie benefiche passano prima dalla Guardia di finanza e poi si comincia la distribuzione dei blocchetti.

“Se ho svolto bene il mio compito è grazie a tutte queste persone” L’affetto e la stima verso questo giovane leader si è manifestato anche ieri, quando per il collegio dei garanti ha ottenuto 63 voti su 65 schede. Emozionato ed emozionante il suo intervento da presidente dimissionario (l’assemblea è stata presieduta per questo da Anna Toma, iscritta di Racale). “Ho ricevuto in queste ore messaggi di incredulità sul passaggio di consegne (per statuto, Adamo avrebbe potuto svolgere altri due mandati biennali, ndr); a tutti ho risposto che la Band è un progetto comune, di tutti non di una persona, anche se a quella persona l’entrate in quel reparto ha cambiato la vita”. E poi nomi su nomi: non ha voluto dimenticare proprio nessuno, a cominciare da Antonella e Carla che dall’Azione cattolica allistina lo spronarono ad andare avanti e dal suo “padre spirituale” don Massimo D’Aquino. “Particolare il ricordo della compianta Maria Antonietta Caggiula di Taviano, “maestra di danza e di vita”, a cui era particolarmente legato; d’ammirazione quello per la dottoressa Tornesello; affettuoso quello per Federica Parata, una adolescente di Taviano che hanno visto rifiorire alla vita nel “loro” reparto. Non ha resistito il neo ex presidente a replicare ad insinuazioni e qualche illazione maligna: “Fate funzionare le vostre associazioni con lo stesso metodo nostro, tutto alla luce del sole, tutto con trasparenza – ha ribattuto – e poi ne parliamo… Comunque,se ho svolto bene il mio compito è stato grazie a tutte queste persone”.

Con lui, è stato eletto nel collegio di garanzia anche il presidente onorario uscente, Fernando D’Aprile. Per lui e per l’informazione che fornisce il suo giornale parole di apprezzamento e fiducia: “Ringraziamo Fernando D’aprile, ex Presidente onorario, per aver svolto il suo ruolo con carisma e impegno per tutto il nostro operato”, ha detto la portavoce della Band, Emanuela Minutello di Taviano, che ha aggiunto”C’è però ancora molta strada da fare insieme!”. Adamo ne ha ricordato, tra l’altro, la costante collaborazione, la disponibilità e “i consigli come ad un figlio”. Terzo componente del collegio Massimo Coppola di Taviano; supplenti Mino Sgaramella di Ugento e Giovani Compagnone di Racale. Ancora pochi giorni, per eleggere il gruppo dirigente, e si riparte: il tour aspetta, insieme alle decine e decine di associazioni coinvolte. 

Tuglie – Dopo alcune settimane di incertezza, è stato ufficializzato, a Tuglie, il comitato 2018 per i festeggiamenti civili in onore della Madonna del Carmine. Dopo le dimissioni dello scorso anno di Claudio Antonaci, a prendere in mano il tradizionale appuntamento estivo è ora la figlia Nunzia Antonaci, diventando, così, la prima donna tugliese, e per di più giovane, a presiedere un comitato festa. Un segno importante per la comunità cittadina affinché le tradizioni non svaniscano e si possano trasmettere nel corso degli anni. A formare il comitato insieme alla nuova presidente, oltre ad alcuni volontari, sono Antonio Costantino nelle funzioni di vice presidente, Giovanna Guarini come cassiera e il segretario Marco Donadei. Il comitato si metterà all’opera, come tradizione vuole, nel mese di maggio, con la raccolta delle offerte da parte dei cittadini e con l’organizzazione della festa che si celebra il 16 e il 17 luglio di ogni anno.

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...