Home Temi Associazionismo
Notizie sull'Associazionismo dai Comuni del Salento della rete di Piazzasalento

Gallipoli – Treno della Memoria 2018: l’Amministrazione comunale cofinanzia la partecipazione di tre giovani 18-35enni  con 150 euro e testa. Tempo per fare domanda: le ore 12 del 7 dicembre. Vi possono partecipare ragazze e ragazzi residenti nel territorio gallipolino e che non abbiano usufruito in  precedenza di tale agevolazione (per il Comune questa è la seconda edizione del progetto). Il “percorso di formazione”, perchè di questi si tratta – è promosso e organizzato dal Comitato scientifico  dell’associazione “Treno della Memoria”, composto da docenti universitari,  ricercatori e formatori provenienti da tutta Italia. Il programma è supportato da materiale educativo, didattico e bibliografico consegnato  nel corso di ciascun incontro preparatorio nonché da un apposito volume  di supporto e analisi storica. Uno straordinario viaggio lungo i sentieri più aspri e duri della Memoria europea: “I partecipanti avranno la possibilità di vivere dapprima l’esperienza di  una “micro-tappa” (o Praga o Budapest) della durata di due giorni – dicono gli organizzatori – che  precede l’arrivo a Cracovia offrendo così ai partecipanti un’ esperienza  educativamente e storicamente più completa grazie ad uno spaccato  significativo del  secolo  scorso attraverso viaggi in luoghi diversi in  Europa (Praga, Terezin, Lidice, Budapest). La tappa più importante e intensa del progetto è sicuramente il viaggio  verso Cracovia dove i due momenti centrali sono rappresentati dalla  visita guidata all’ex ghetto ebraico di Cracovia e quella ai campi di  concentramento e di sterminio di Auschwitz-Birkenau, a cui è dedicata  un’intera giornata che si conclude con una cerimonia di commemorazione  presso il Piazzale dell’Appello”.  Il viaggio, previsto dal 23 al 31 gennaio 2018, ha un costo di 350€. abbattuto a 200 euro col contributo comunale.

 

Diso

Applausi e grandi emozioni al termine della prima edizione del “Memorial Heidi Bortone” che si è svolto ieri sera al PalaVentura di Lecce. L’evento sportivo organizzato dalla Lupiae Team Salento (squadra che milita nel campionato di Serie B di basket in carrozzina), ha visto protagonisti sul parquet del palazzetto dello sport i gialloblu e le formazioni dei Boys Taranto e del Reggio Calabria Bic. Le squadre si sono misurate sotto canestro per onorare la memoria della moglie di Rocco Bortone di Diso, allenatore e fondatore della Lupiae Team Salento che ha perso la consorte tre anni fa a causa di una malattia incurabile. A margine dello spettacolare triangolare sono stati i padroni di casa ad alzare il trofeo, in virtù della vittoria decisiva ottenuta in finale contro il Reggio Calabria Bic con il punteggio di 53-40. Tra le file gialloblu si sono distinte le prestazioni del capitano Quintino De Nuccio di Castrignano del Capo e di Fabio De Giorgi di Morciano di Leuca. Il miglior realizzatore è stato invece il compagno di squadra Wilber Montano, autore di ben 35 punti messi a referto e premiato a fine gara. “Grazie di vero cuore a tutti, nessuno escluso. Era da tempo – ha dichiarato al termine della manifestazione un emozionatissimo Rocco Bortone – che sognavo di dedicare alla mia Heidi un torneo e direi che, con l’aiuto di tanti amici, ci sono riuscito”.

TUGLIE – “Chi Dona regala Vita. Fallo anche tu!” è lo slogan che accompagna l’annuale Festa del Donatore, organizzata a Tuglie dalla locale sezione Fidas, presieduta da Valter Giorgino. L’appuntamento è per domenica 19 novembre, alle ore 11, per la messa dedicata a tutti i donatori e celebrata da don Maurizio Pasanisi. Alle ore 13, invece, la festa si sposta presso il ristorante “Mille e una Notte” a Sternatia per il consueto pranzo sociale. È qui che sono previsti i momenti più belli ed emozionanti: dalla consegna dei riconoscimenti a quanti si sono distinti nel numero di donazioni di sangue ai saluti da parte dei rappresentanti dell’associazione tugliese, dal taglio della torta al saluto degli amici gemellati di Villaverla, e poi tanta musica e divertimento. Un momento centrale e non trascurabile sarà la sosta che l’autoemoteca farà presso il Comune di Tuglie il giorno prima della festa, sabato 18 novembre, dalle ore 8.30 alle ore 11.30, per la donazione del sangue.

Gallipoli – “Sarà una manifestazione importante e carica di un forte valore simbolico, in quanto rappresenterà la rinascita della storica sezione gallipolina, che, solo qualche
anno fa, con le sue 1.800 donazioni effettuate in un anno, rappresentava
l’associazione di donatori di sangue più grande della Provincia”: l’inaugurazione della nuova in via Galatone angolo via Nardò, in effetti, rappresenta un nuovo inizio per una associazione di donatori di sangue che ha tutte le intenzioni di rinverdire i vecchi record e riacquistare al più presto la fiducia in parte ferita da problemi di gestione sorti in seno al sodalizio alcuni mesi fa. “Con l’inaugurazione della nuova sede – dice il commissario della sede gallipolina, Antonio Mariano di Noha (Galatina) – Fidas Gallipoli riparte con entusiasmo per un rapporto vero, sincero e trasparente con tutti i donatori gallipolini e rappresenta la vittoria di 42 anni di gloriosa attività, di sacrifici e di impegno di tutti gli abitanti della città di Gallipoli”. Aggiunge il presidente provinciale Emanuele Gatto di Galatone: “Fidas Gallipoli è una delle 27 sezioni della Fidas leccese, che in questo particolare momento, è molto vicina ai donatori gallipolini insieme alle altre associazioni, a sostegno di una causa così nobile, a favore di tutte quelle persone, che necessitano di trasfusioni di sangue”. Alla cerimonia di sabato 18 vi sarà infatti una folta partecipazione di delegazioni provenienti dalle altre sedi. Questo il programma: alle 18 la Messa nella chiesa di San Lazzaro; alla fine trasferimento in corteo verso la nuova sede col tradizionale taglio del nastro;quindi la festa nel piazzale antistante la sezione della Fidas. Come buon auspicio un dato: di recente nel corso in un mese l’associazione ha raccolto 70 donazioni

Gallipoli – Partono le iscrizioni per la decima edizione della “Rassegna poetica in lingua e in vernacolo dedicata ad Aldino De Vittorio”, poeta, scultore e artista gallipolino venuto a mancare nel 2006. Al concorso, indetto dall’Anmi (Associazione nazionale marinai d’Italia) di Gallipoli con presidente Carmelo Scorrano, possono prendervi parte tutti i poeti di Gallipoli (e non solo) con due lavori, uno in vernacolo ed uno in lingua con tema libero che non superi le trenta righe. Le opere dovranno pervenire entro il 28 novembre all’indirizzo “Amni, Lungomare Marconi 3, 73014 Gallipoli (Le) oppure tramite mail ad anmi-gallipoli@libero.it . La premiazione si terrà il 2 dicembre presso la sede Anmi e la quota di iscrizione è di 10 euro per le spese di segreteria. Info al 345 1829607. “E’ un piacere ricordare ogni anno con questa rassegna l’amico Aldino De Vittorio, artista poliedrico e socio Anmi fino all’ultimo giorno della sua vita – afferma il presidente Scorrano – e già si sta confermando il successo degli scorsi anni, con richieste di partecipazione da poeti gallipolini, di Lecce e addirittura da La Spezia”.

SANNICOLA – Appuntamento giovedì 16 novembre in via Roma a Sannicola, nella sede dell’associazione Metoxè, presieduta da Simona Mosco, per la presentazione del libro “Sono libera dentro” di Ada Fiore. L’opera nasce dall’esperienza dell’autrice (docente di Storia e Filosofia e già sindaco di Corigliano d’Otranto) all’interno del carcere di Lecce dove ha insegnato filosofia alle detenute. Le riflessioni riguardano le stagioni associate ai sentimenti: amore-primavera, estate-amicizia, tempo-autunno e inverno-libertà. Analizzati i testi filosofici assieme alle detenute sono poi stati affrontati con esse i temi. Ogni capitolo termina con tre domande esistenziali. La serata sarà presentata da Valentina Manzo. Ciascun libro contiene una cartolina che potrà essere spedita alle detenute del Borgo San Nicola rispondendo ad una delle domande esistenziali poste nell’opera.

 

SANNICOLA – Gita al castello a Polignano a Mare e al castello di Conversano, per la mostra del pittore e fotografo dadaista americano Man Ray, con l’associazione Ionia di Sannicola presieduta da Marilena De Stasio (iscrizioni al numero 347/8552157). La partenza alle 7.30 di domenica 19 novembre davanti a Villa Excelsa; per le 9.30 è previsto l’arrivo a Conversano e la visita alla mostra; per le 11.30 si partirà verso Polignano dove, nel pomeriggio, si visiteranno il centro storico, le terrazze panoramiche, la lama monachile e la statua di Domenico Modugno. Rientro a Sannicola in serata.

Gallipoli – Dietro a tanti appuntamenti che danno lustro alla città ci sono inevitabilmente ansie e contrattempi, che magari sfuggono ai più: così, visto da dietro le quinte, è l’atmosfera anche per l’evento clou di fine anno, il tradizionale “sparo del Pupo”.

“Basta navigare a vista, bisogna programmare”. Ce la stanno mettendo tutta i ragazzi dei “Cantieri di Capodanno” perché anche il 2017 (come da qualche tempo in qua sta accadendo grazie a loro) si chiuda nel migliore dei modi, consegnando così al nuovo anno una tradizione tutta gallipolina. Loro però, quelli dei “Cantieri”, non vorrebbero più come accaduto finora, “navigare a vista e col fiato sul collo”. Reclamano una necessaria e chiara programmazione concordata col Comune per la notte di S. Silvestro e l’1 di gennaio, quest’ultima data voluta proprio dal Comune.

Un evento unico con venti gruppi già al lavoro. Sono un fiume in piena Giuseppe Chetta (conosciuto con lo pseudonimo di Peppe Art) e Gianfranco Scialpi, rispettivamente presidente e vice dell’associazione che ha tra l’altro il merito di aver messo insieme una ventina di gruppi sparsi nei vari quartieri (salvo qualche eccezione). “Un evento unico nel suo genere: non ve ne sono altri al mondo di spettacoli simili” dicono Chetta e Scialpi. E’ questa la ragione per cui, già da febbraio hanno scritto al Sindaco Stefano Minerva sollecitando la sottoscrizione di un protocollo d’intesa che coinvolga Comune e Regione Puglia che però non si è concretizzato. “Di recente ci siamo incontrati con Minerva e l’assessore regionale Loredana Capone che si sono dimostrati disponibili – dicono – ma sino ad ora abbiamo visto niente e manca  poco al 31 dicembre”. Il riferimento è alla “riunione strategica per la prossima stagione” tenutasi in Comune a fine ottobre. In quella sede si è capito che l’iniziativa dei Cantieri avrebbe potuto essere confezionata in un progetto da presentare per il bando “InPuglia365” rivolto proprio a quanti con le loro manifestazioni attraggono turisti e vacanzieri nella “bassa stagione”.

“Collaboriamo col Comune, ma urgono risposte”. Sia chiaro che noi siamo per la collaborazione e non intendiamo attaccare nessuno del Comune”. Nella richiesta protocollata a  febbraio si evidenziava anche la necessità di locali dove poter lavorare ed anche di un congruo contributo economico. “Alcuni nostri associati ci chiedono insistentemente locali dove poter lavorare, e noi (il loro quartiere è quello di via Agrigento, ndr) abbiamo gli stessi loro problemi; ci stringiamo nelle spalle, non sapendo che risposte dare.

Emergenza locali: l’ipotesi dei garage dell’ex caserma dei carabinieri. Si parla di locali Proprio l’altro giorno ci è stato detto che, forse, ci avrebbero dato qualche garage dell’ex caserma dei Carabinieri, ma occorre fare in fretta”. Al recente bando dell’assessore al Turismo Emanuele Piccinno che invitava a presentare progetti per l’imminente periodo natalizio, l’associazione di Chetta e Scialpi ha replicato con una nota protocollata il 14 ottobre in cui si reiterano le richieste di febbraio con allegata una bozza di programma, che prevede oltre allo sparo del pupo a mezzanotte, anche mostre, concerti e spettacoli,  dal 27 dicembre a tutto l’1 gennaio, che chiuderebbe le manifestazioni con un gran concerto di Capodanno, l’incendio di un Gigante in cartapesta e i fuochi d’artificio.

NOCIGLIA – Ha ripreso la sua marcia il “Freebike Tour del Salento”, la serie di escursioni promosse per promuovere la passione della bici, il territorio e soprattutto per sostenere l’attività della Lega italiana tumori (Lilt). Il 19 novembre la prossima tappa a Matino, cui seguirà Casarano (il 3 dicembre) e Monteroni (il 10) prima delle uscite programmate nel 2018 (Copertino, Leverano, Sannicola, Brindisi e Campi Salentina). Intanto si sono già svolte le tappe di Uggiano la Chiesa (il 29 ottobre) e di Nociglia (il 5 novembre). In quest’ultima uscita i ciclisti che hanno preso parte a “Pedalando, “padulando” da Nociglia a Specchia”, promossa dall’Asd Cicloclub Nociglia con il social group Mtb Matino, sono stati circa 150. L’escursione, favorita dal bel tempo, è partita da piazza Aldo Moro a Nociglia ed ha attraversato i territori di San Cassiano, Supersano, Surano, Montesano, Miggiano e Specchia. La comitiva ha pedalato in lungo e in largo nel Parco dei Paduli visitando la chiesetta di Sant’Eufemia ed ha scattato la consueta foto di gruppo presso la chiesa di Santa Caterina annessa al convento dei Francescani Neri. Poi, dopo la visita al frantoio ipogeo “Scupola” di Specchia, il rientro al Palazzo Baronale di Nociglia per il buffet finale.

CASARANO – Nuovi appuntamenti con il “Viv(ai)o Mammarao”, il laboratorio urbano promosso a Casarano dall’Ente Santa Cecilia per valorizzare l’area di via Pimmenthel. Sabato 11 novembre, dalle ore 16, sarà festa per San Martino con il laboratorio di pasta fatta a mano, burattini e giochi. Martedì 21, dalle 9 alle 12, ci sarà la “Giornata dei diritti dei bambini” con i piccoli coinvolti in laboratori creativi e riflessioni. “Storie sotto l’albero” del 16 dicembre propone, introduce, invece, il tema natalizio con racconti, filastrocche e giochi a tema. Si replica il 19 dicembre con la Pastorale in giro per la città ed il 21 con gli “auguri in bici” alle 15.30 e la tombolata al  Centro anziani delle 16.30.

 

 

Taurisano – I giovani sono stati l’argomento ed i protagonisti del dibattito tenutosi lunedì 6 novembre a Taurisano presso la sala “Nando De Pietro” dell’oratorio Ausiliatrice, dal titolo “Giovani al centro, giovani dentro in dialogo con…”. Le domande dei ragazzi (al vescovo hanno chiesto, tra l’altro: “Cosa vuol dire ‘aprire il cuore?'”) hanno portato i relatori ad approfondire i temi da trattare. Organizzato dalle parrocchie di Taurisano con il patrocinio del Comune e in collaborazione con il Forum delle associazioni familiari, l’Uciim sezione di Taurisano e l’associazione musicale “G. Verdi”, l’incontro, moderato dalla professoressa Marilena De Pietro, ha preso in esame il ruolo che svolgono le associazioni, la scuola, la Chiesa e la famiglia nel dare sostegno ed indicare la giusta strada agli adolescenti di oggi. Don Lucio Ciardo, consigliere nazionale del Forum degli oratori, ha parlato dell’importanza degli oratori visti come un laboratorio di talenti dove i giovani possono scoprire le proprie peculiarità e orientarsi al lavoro; Luigi Russo, sociologo, giornalista e presidente del Centro servizi volontariato Salento, si è soffermato sull’importanza delle associazioni di volontariato e del confronto che in quei contesti nasce tra le diverse generazioni. “Proprio per avvicinare i giovani al mondo del volontariato, il Csv Salento per il 2018 lancerà un progetto che si chiamerà appunto “Mille giovani volontari”, un’iniziativa che finanzia i progetti delle associazioni in provincia di Lecce che vogliono sviluppare il volontariato giovanile. Il bando partirà da gennaio e si può trovare sul sito Csvsalento.it”.  Monsignor Vito Angiuli, vescovo di Ugento-Santa Maria di Leuca, ha sostenuto che giovani e adulti sono destabilizzati dal cambiamento epocale attuale: “Io direi ai ragazzi di aprire il cuore e ascoltare se stessi, per iniziare un dialogo con la propria interiorità, iniziando l’esercizio del silenzio per ritrovare il proprio io e le proprie potenzialità”. Durante il dibattito sono intervenuti anche il dott. Giuseppe Ponzi, pediatra ed esperto in adolescenza, che ha affrontato la questione della crisi familiari e del rapporto tra giovani e genitori; la professoressa Assunta Corsini, dirigente scolastico e presidente del Forum delle associazioni familiari, che ha discusso dell’importante ruolo della scuola e degli spazi dedicati agli adolescenti. Infine la dottoressa Rosaria Baldari, assistente sociale, ha affrontato la delicata questione degli affidi familiari e della figura del Tutor volontario.

CASARANO – Nuovo direttivo per la Pro loco di Casarano. Ad Antonio Bianchi va il ruolo di presidente (subentra a Fabiola Casarano, ora consigliere comunale così come l’ex segretario Gianni Ferrari), mentre Fernando Scarpino è il suo vice. Segretario e suo vice sono, rispettivamente, Antonio Memmi e Maria Antonella Fattizzo mentre Gisella Abbruzzese ha il ruolo di tesoriere con Miriam Coscia sua vice. Del collegio dei probiviri fanno parte, invece, Tina Lagna (quale presidente), Rocco De Marco e Roberto Ferraro mentre il Collegio dei revisori dei conti è composto da Cristian Toma (presidente), Carmelo Sabato e Ismaele Toma. Membro di diritto della pro loco è il sindaco Gianni Stefàno che, infatti, ha preso parte all’assemblea che ha conferito i singoli incarichi. «La Pro-Loco ha la struttura e l’organizzazione di una comune associazione ma, a differenza di altre, ha un legame diretto con l’Amministrazione comunale, prescindendo dalla colorazione politica della stessa, proprio per essere in una posizione “privilegiata” ma all’unico scopo di promuovere le realtà locali ed il territorio cittadino», si legge in una nota del direttivo. Tra i prossimi impegni quelli legati alle iniziative del periodo natalizio ed al Carnevale “che si preannuncia già di alto livello e ricco di novità”.

TUGLIE – Da Lecce a Tuglie per assaporare il vino novello. “Il treno dell’antico San Martino” è l’iniziativa (gratuita) proposta sabato 11 novembre nell’ambito del progetto regionale “InPuglia365” insieme a “Rotaie di Puglia”. La prenotazione è obbligatoria al numero 347/1225188 oppure con la mail rotaiedipuglia@gmail.com. Alle 15.10 la partenza dalla stazione di Lecce con il treno delle ferrovie del Sud- Est con arrivo alla fermata del Museo della Civiltà contadina di Tuglie alle 16.30. Seguirà la visita al museo, la dimostrazione dell’antico modo di produrre il vino nel Salento e la degustazione del novello insieme ad alcune pietanze tipiche. Alle 18.40 la ripartenza verso Lecce con arrivo previsto per le 20.

Gallipoli – Continuità e crescita, questi gli obiettivi da realizzare con i nuovi dirigenti eletti nell’ambito del Milan Club Gallipoli. Il consiglio direttivo del sodalizio (fresco del triangolare con i club rossoneri di Galatone e Nardò) è composto da dieci persone, cinque riconfermate e cinque neoelette. Andrea Natali è stato confermato come presidente, completano l’organigramma Antonio Cataldi (vice presidente), Giovanni Greco (segretario), Giuseppe Ripa (tesoriere), Luigi Alemanno (addetto stampa), Gabriele Potenza, Michele Caggiula, Benito Piteo, Cosimo Caiffa e Tommaso Provenzano (consiglieri, tutti con deleghe specifiche). “Al di là dei ruoli, comunque, l’obiettivo del Milan Club Gallipoli è sempre lo stesso: continuare il proprio percorso di crescita, nelle attività e nel coinvolgimento dei più giovani, diventare un riferimento importante nel mondo del tifo rossonero non solo a livello cittadino ma anche, se non soprattutto, provinciale e regionale. Senza mettere in secondo piano l’impegno nel sociale, anche in collaborazione con gli altri club sportivi della città, con cui sono già state realizzate lodevoli iniziative e se ne stanno pianificando di nuove”, si legge in una nota del club. I nuovi responsabili si sono messi subito al lavoro per organizzare “un grosso evento che dovrebbe vedere la luce in primavera, una manifestazione che possa avere una cassa di risonanza di assoluto livello, anche su scala nazionale”. Bocche cucite e massimo riserbo, tuttavia, sui dettagli. “Uniti solo per Passione: questo è stato e resterà sempre il nostro motto – sottolinea il rieletto presidente Natali –  con l’augurio che un numero crescente di cuori rossoneri decida di avvicinarsi alla nostra grande famiglia”.

Racale – Solo per la sfilata sono stati “reclutati” 140 volontari; c’è la collaborazione di 109 gruppi e associazioni e quella di 17 Istituti scolastici; hanno dato il patrocinio undici Comuni: Galatone (apre la Sfilata della Band di Babbo Natale il 2 dicembre; Monteroni (3 dicembre); Specchia (8 dicembre); Sternatia (9); Maglie (il 10); Felline (14); Nociglia (16), Alliste (17); Melissano (20); Racale (21); Ugento (22); chiude Taviano il 23 dicembre.

Il programma edizione 2017 minuto per minuto. Per ogni tappa della raccolta benefica, a favore del Reparto di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale di Lecce, già fissati luoghi, orari, iniziative e partecipanti extra: mercatini, artisti di strada, animazioni varie. Sono stati distribuiti i blocchetti per la riffa di Natale, come pure i  salvadanai. Presentatore in tutte le serate del tour sarà ancora Francesco Troisi.

Il programma è stato presentato domenica scorsa nella scuola di via Piemonte, alla presenza di tanti cittadini (posti in piedi) e dei Sindaci e amministratori comunali di Racale, Alliste, Ugento, Sternatia, Specchia, Nociglia, Taviano e Gallipoli, anche se quest’ultimo centro per quest’anno non fa parte della manifestazione. Ne ha parlato la segretaria generale della Band, Anna Del Tufo, dopo che in apertura Aurora Coppola di Taviano ha letto una breve poesia. Due filmati, curati da Marco e Daniele, hanno fatto vedere esponenti del mondo nazionale dello spettacolo, dello sport e della cultura lanciare appelli in favore dell’iniziative e il bilancio finora della raccolta della solidarietà che in sei anni ha messo insieme e “girato” all’associazione di genitori “Per un sorriso in più” oltre 120mila euro, tutto ovviamente documentato fino al centesimo.

Organizzazione trasparenza, tenacia e una grande capacità di coordinamento.   Ha sottolineato le caratteristiche più preziose del sodalizio Fernando D’Aprile, giornalista e presidente onorario della Band: “Questo appuntamento così faticoso (cominciano a lavorarci in piena estate) non è né dovuto né scontato: eppure loro ci sono sempre, puntuali; questa è la settima volta”. Tra le altre cose, la Band conquista anno dopo anno iniziative collaterali come quella del prossimo 26 novembre a cura dell’associazione “Walking club”: la presidente Federica Marinosci ha annunciato la manifestazione “Camminiamo per loro” ad Alliste. Anche il Sindaco padrone di casa, Donato Metallo, ha messo in rilievo “la meticolosa cura nella costruzione di una comunità sempre più grande, con una capacità ammirevole di passare dalle parole ai fatti”.

Il reparto ha finalmente l’organico completo. La presenza di quattro protagonisti del sistema sanitario, sia pure con ruoli diversi, ha fatto sì che sia venuto fuori un quadro aggiornato di alcuni settori. Il direttore del “Vito Fazzi” di Lecce, Gianpiero Frassanito, ha ricordato la nascita del polo oncologico che compie vent’anni e la stretta collaborazione subito nata con l’associazione “Per un sorriso in più”. “L’obiettivo che stiamo perseguendo è quello di ridurre al minimo i viaggi della speranza – ha detto il direttore – e grazie a loro il reparto ora è bello e funzionante”. Le buone notizie sono arrivate anche dal presidente dell’associazione di genitori Antonio Giammarruto: finalmente l’organico del reparto per durare i tumori dei piccoli (un primario e sei medici) ora è completo. Si va avanti con la telemedicina (consulti a distanza), costata 50mila euro come avvio; partono progetti su nutrizione e ricerca genetica; a breve sarà operativo anche un ambulatorio chirurgico oltre a numerosi corsi tra cui uno riservato a formare i volontari.

Il tumore al cervello il principale nemico. Il dottore Alessandro Cocciolo, dirigente dell’Unità operativa e oncologo ha tra l’altro presentato la ricerca per i tumori al cervello, presenti nel 25% dei casi dei malati in età pediatrica e dei considerevoli costi di progetti simili. L’oncologo ha fatto poi riferimento ad un altro percorso da fare con l’associazione di Lecce, per arrivare a modulare le esigenze e le risposte per fasce di età.

In campo anche per spingere verso il Polo pediatrico. Per “Tria Corda”associazione capofila della rete pro Polo pediatrico a Lecce, il presidente Antonio Aguglia ha ringraziato la Band per la cooperazione per un traguardo così importante: come segno visibile nelle Sfilate della solidarietà gli animatori porteranno un fioco appuntato sul petto. “Qui si vede la forza del volontariato”, ha detto tra l’altro Aguglia, che ha riconosciuto i meriti della dottoressa oncologa Titti Tornesello anche in questa operazione. A latere dell’incontro, al direttore Frassanito è stato chiesto se nel trasferimento al “Fazzi” di apparecchiature e personale dalla provincia, verrà salvaguardato il livello professionale raggiunto da alcune équipe come quella di Casarano: “Assolutamente sì – ha risposto – sono una ricchezza della Sanità salentina. Ma c’è un problema di cui poco si sa: molti dei nostri pediatri sono vicini alla pensione…”.  Il Polo di Lecce sarà l’unico dopo quello di Bari.

Solidarietà: la prima risposta c’è già. A chiudere l’intervento, emozionato come al solito, del presidente Giorgio Adamo: “Quando vai in quel reparto vedi i bambini sorridere; pure i loro genitori sorridono ma si sa che si sforzano: ecco, quando esci da lì capisci che non bisogna smettere, che non si può smettere”. Adamo ha indicato con motivato orgoglio la risposta di 140 volontari per dare vita alla Sfilata e alle tante repliche ed ha già annunciato la “prossima” tappa: a gennaio tutti di nuovo insieme per annunciare pubblicamente i risultati. In monete sonanti e sorridenti.

foto Emanuela Rizzo

Nardò – Un unico abbraccio in mezzo al campo è la fotografia più significativa: i Milan Club di Gallipoli eGalatone festeggiano i quarantacinque anni di attività del Milan Club di Nardò, tra i più longevi sul panorama regionale e nazionale.

Sabato 4 novembre, presso il centro sportivo Europa Soccer Academy, la prima edizione del Triangolare Rossonero tra musica, grigliata di carne e sorrisi. Per la cronaca, proprio il club di via Cairoli si è aggiudicato il trofeo più ambito, imponendosi per 2-0 sul club di Gallipoli (al secondo posto) del presidente Andrea Natali e 4-0 sul Galatone (terzo), guidato da Antonio Ramundo. Dopo la cerimonia conclusiva la torta celebrativa per una serata tra amici rossoneri scrupolosamente messa in piedi dal responsabile organizzativo, Gregory Papadia. Il Milan Club Nardò del presidente Alessandro Rizzello ha vissuto un 2017 di forte rinnovamento col passaggio di consegne tra vecchia e nuova gestione: all’orizzonte si profilano nuovi eventi durante il periodo natalizio e un 2018 all’insegna di una presenza sempre più costante e crescente sul tessuto cittadino.

Nardò – Ancora pochi giorni e poi il Milan club Nardò potrà spegnere le sue prime 45 candeline. Un traguardo prestigioso per uno dei punti di riferimento più longevi – sul panorama pugliese e nazionale – dei cuori rossoneri.

Per onorare nel migliore dei modi l’attesa ricorrenza, il club del presidente Alessandro Rizzello ha previsto per sabato 4 novembre, a partire dalle ore 19.30 presso il centro sportivo Europa soccer Academy (strada Comunale Copertino n°11, Nardò), la prima edizione del “Triangolare rossonero”, un torneo di calcio all’insegna dell’amicizia e della passione per il rossonero con i Milan Club di Gallipoli e Galatone, guidati rispettivamente dai presidenti Andrea Natali e Antonio Ramundo. Conclusa l’amichevole contesa col pallone, dopo la premiazione grigliata di carne e tanta buona musica. Per l’occasione il club neretino di via Cairoli allestirà un banchetto per permettere agli interessati di sottoscrivere il tesseramento al Milan Club. «Sono onorato – afferma Rizzello – di rivestire la carica di presidente di uno storico club e di esserlo nell’anno del 45° anniversario. È stato un anno solare di forte rinnovamento per il Milan Club Nardò e ci auguriamo di aver gettato le basi per un futuro caratterizzato da intraprendenza e forte presenza sul tessuto territoriale neretino e non solo. Lunga vita – conclude – al Milan Club della nostra città». Per info 389/1227702 e 393/4369819.

Salvatore Marra, il parroco don Oronzo Orlando, il docente di religione Claudio Stifani, il presidente A.C. Giovanni Rollo

Collepasso – L’associazione culturale Akádemos di Collepasso conclude sabato 28 ottobre, la quinta edizione degli “Incontri autunnali di approfondimento culturale”. Tema di quest’anno: “1917-2017: rilettura di un secolo da prospettive alternative”. In questo ultimo incontro, che si terrà alle ore 19.30 presso l’Auditorium della parrocchia Cristo Re, verranno individuate alcune delle radici storico-culturali dell’attuale situazione geopolitica e si trarranno le conclusioni sull’intera iniziativa. Dopo i saluti del parroco don Antonio Russo e della presidente dell’Azione cattolica Veronica Bandello, svolgerà la relazione Raffaele Danese, docente di Filosofia e Storia, sul tema “1917-2017: le radici storico-culturali del nuovo conflitto globale”. Dopo il dibattito, concluderà Stefano Marra, presidente di Akádemos. I due precedenti incontri si sono tenuti sabato 14 e 21 ottobre, rispettivamente presso l’Auditorium parrocchiale della Chiesa Matrice e la Scuola paritaria “Cristo Re”.

Il ciclo di incontri ha inteso quest’anno “approfondire alcuni scenari attuali ripercorrendo i processi che li hanno originati nell’ultimo secolo”, come sottolineato dagli organizzatori.

Gallipoli – La sezione “Fidapa” di Gallipoli inaugura il nuovo anno sociale con un incontro dedicato al tema della creatività femminile, argomento nazionale scelto dalla Federazione per il nuovo biennio 2017/2019. “Il genio, il talento, la professionalità” è dunque il nome dell’incontro che si terrà sabato 28 ottobre alle ore 17.30, presso la Biblioteca “S. Angelo” di Gallipoli, incontro che mira a puntare i riflettori sul ruolo decisivo delle competenze femminili all’interno della società. Dopo il discorso introduttivo della presidente Anita Marzano, per la terza volta alla guida della sezione gallipolina, e i saluti istituzionali di rito di Fiammetta Perrone, segretaria nazionale Fidapa-Bpw  Italy; Rosa Vulpio, presidente del distretto Sud-Est Fidapa-Bpw Italy; il sindaco di Gallipoli Stefano Minerva, il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone e Filomena D’Antini, consigliera di parità della Provincia di Lecce, si entrerà nel vivo del dibattito con gli interventi della dottoressa Titti Tornesello di Alezio, oncologa pediatrica presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce e “Premio nazionale eccellenze Fidapa-Bpw Italy 2017 – Sezione Professioni”; la professoressa Rossana Congedo, docente presso il Liceo scientifico “Quinto Ennio” di Gallipoli con gli studenti Gabriele Mariello, Alessandro Bruno e Roberto Leone, vincitori del primo premio delle “Genius Olympiad Oswego” a New York per aver progettato un nuovo conservante alimentare dalla bava di lumaca; la professoressa  Maria Consiglia Mercuri, docente presso l’istituto  “A. Vespucci” di Gallipoli con le studentesse Desirè Giannelli e Federica Magnolo, vincitrici del primo e secondo posto al premio letterario nazionale Fidapa 2017 “Mercede Mundula” Cagliari; ed infine, la professoressa Luigia Sergi, docente di “Discipline progettuali arti del tessuto” presso l’Istituto “E. Giannelli” di Parabita-Gallipoli con le studentesse Elisa Manigrasso, Daniela Perrone e Lucia De Florio, ospiti d’onore della inaugurazione a Taranto dell’anno scolastico 2017 alla presenza del Presidente della Repubblica e del Ministro della Pubblica Istruzione. Nel corso della cerimonia verranno assegnate delle targhe come premio di riconoscimento agli alunni delle scuole intervenute per i brillanti risultati raggiunti.  Sfileranno gli abiti-scultura dipinti a mano ideati e progettati dalla professoressa Sergi e realizzati dalle studentesse dell’Istituto “E. Giannelli” ed esporrà le sue opere con tema principale il mare e il blu, l’artista Patrizia Chiriacò.

 

Il presidente Pro loco Loris Pizzolante

PRESICCE. Con la Pro loco alla 48esima sagra del fungo a Camigliatello Silano. L’associazione propone anche quest’anno ai soci e ai non soci un’occasione di svago e socializzazione con una gita fuori porta, la meta scelta stavolta è Calabria e Basilicata. Sarà un divertimento cercare funghi e raccogliere le castagne, ma non solo: durante il viaggio in pullman di tre giorni, dal 27 al 28 ottobre, sono previste anche le visite guidate a Matera, capitale della Cultura 2019, e Cosenza. La quota di partecipazione è di 175 euro, 180 per i non soci. Per la stanza singola c’è un supplemento di 15 euro a notte. Per avere maggiori informazioni e per le prenotazioni si contattino i numeri: 0833/721275; oppure 340/6506421; 349/1295811 (Anna); 328/5316122 (Consiglia)

Associazione “Mai più randagio”

NARDÒ. Pure i cani online, su www.nardog.it. Non è un social network per quattrozampe ma un portale nato per ospitare l’elenco dei randagi accalappiati a Nardò e attualmente ospiti nei canili di Casarano, Corigliano d’Otranto e Castrì. Il sito sarà presentato ufficialmente sabato 14 ottobre alle 18 al Chiostro dei Carmelitani alla presenza del Sindaco Giuseppe Mellone, del consigliere delegato al randagismo Gianluca Fedele, del Comandante della Polizia Locale Cosimo Tarantino e del responsabile del servizio veterinario della Asl di Nardò Salvatore D’Argento. Ideatrice dell’iniziativa è “Mai più randagio”, associazione neretina presieduta da Simona Zuccaro che con circa 35 aderenti, quasi tutte donne, si occuperà dei costanti aggiornamenti del sito. Obiettivo congiunto di Comune e associazione è di spingere verso le adozioni attraverso uno strumento online semplice e pratico evitando il più possibile il ricorso al canile, soluzione costosa per le casse pubbliche e sofferta per i cani. Altra iniziativa “cinofila” per scongiurare i canili è stata presa lo scorso 30 marzo. Con apposita ordinanza il sindaco Giuseppe Mellone ha consentito la reintroduzione, nei luoghi in cui sono stati accalappiati, di cani sani e sterilizzati con determinate caratteristiche. Le prime reimmissioni in strada si sono avute nei giorni scorsi. Intanto Nardog.it è già in rete con i dati dei cani che possono essere adottati: sesso, taglia, numero microchip e foto.

CASARANO – Si terrà sabato 7 ottobre la cerimonia per il passaggio delle consegne alla guida della Fidapa di Casarano. Maria Nuccio, appena nominata nuovo segretario del distretto Sud-Est della Fidapa per il biennio 2017-2019, passa la mano ad Anna Maria Tunno per il biennio 2017/2019. Con la nuova presidente, nel 2009 tra le fondatrici della sezione Fidapa di Casarano (oggi a quota 78 socie), il nuovo comitato risulta composto da Antonella Pappadà (vice presidente), Laura Petrachi (segretaria), Pina Stefanelli (tesoriera) e Maria Nuccio (past presidente). Consigliere di Sezione sono Sonia De Nuzzo, Margherita Villani, Aurora Spedicato, Marta Sindaco, Marilena Giannuzzi, Maria Romilda Antonaci, Silvia Fasano, Gabriella Marra, rappresentante Young Ilaria Aventaggiato e revisori dei conti: Maria Rillo, Miriam Caputo e Marta Fraraccio. La cerimonia del Passaggio delle consegne avverrà alle ore 19 presso Villa Pineta. La sezione Fidapa di Casarano appartiene al Distretto Sud-Est (che comprende Puglia, Molise, Abruzzo e Basilicata) ed oltre a Maria Nuccio, eletta a settembre segretaria distrettuale per il biennio 2017/2019, conta anche su Ida Giannelli eletta “Coordinatrice delle garanti”, organo di controllo di Fidapa Bpw – Italy.

«Insieme al Comitato e alle socie tutte opereremo per dare continuità al fine di proseguire l’eccellente lavoro svolto dalla Past presidente Maria Nuccio, di orientare verso precisi obiettivi, di condividere uguali principi, di valorizzare le diverse capacità di ogni socia, di garantire rispetto, amicizia, unione ed una corretta ed efficace comunicazione. Questi sono stati e continueranno ad essere alcuni dei valori fondanti e vincenti del nostro gruppo associativo». Il programma del biennio è incentrato sul nuovo “tema nazionale Fidapa “La creatività femminile, la cultura dell’innovazione, motori di diverso sviluppo socio-economico”.

Nardò – Un movimento continuo nel tessuto sociale. L’attività dell’Archeoclub Terra d’Arneo non conosce mezze stagioni: dopo “Puliamo insieme” con la sensibilizzazione alla salvaguardia del territorio e la pulizia di aree particolarmente trascurate, l’associazione neretina della presidente Antonietta Martignano programma i prossimi appuntamenti. Parte oggi e si protrarrà per un mese la raccolta di materiale scolastico: negli atri delle scuole elementari verrà apposto un “raccoglitore solidale”, chiunque potrà offrire libri, quaderni, penne e tanto altro che in seguito l’assessore all’Istruzione smisterà alle fasce più bisognose. Le classi terze, quarte e quinte, inoltre, svolgeranno dei laboratori di archeologia. E a proposito di laboratori: l’Archeoclub è pronto ad attivarne un altro, con la collaborazione dell’Arma dei carabinieri, delle scuole e di una palestra di arti marziali sul tema del bullismo, particolarmente attuale fra i giovani. Inoltre in via di definizione per novembre una giornata letteraria in una cantina con letture di brani inerenti al vino; evento che in qualche modo si ricollega alle disposizioni regionali, secondo le quali tutte le sedi locali Archeoclub svolgeranno attività volte alla rievocazione dei mestieri, della coltivazione dei campi e delle tradizioni culinarie di un tempo. Infine, la sinergia con Avocad con spettacoli teatrali per ragazzi disabili. «Rispetto alla fase di costituzione – afferma in conclusione la presidente Martignano – anche noi abbiamo vissuto un ricambio generazionale, tante valide figure si sono inserite nel nostro progetto e mi auguro che altre ancora, in futuro, sposeranno la nostra causa».

ALEZIO. Dopo gli appuntamenti di Gallipoli e Sannicola, fa tappa anche ad Alezio “Il vento ha scritto la mia storia”, il libro di Benyamin Somay, rifugiato curdo. La presentazione del volume, organizzata da Interferenze, si terrà presso la sede dell’associazione in via Matteotti 51, mercoledì 4 ottobre alle ore 19. Dialogherà con l’autore Fernando D’Aprile, direttore di Piazzasalento. L’incontro vedrà la partecipazione di don Salvatore Leopizzi, parrocchia S. Antonio da Paola di Gallipoli, e dell’attore Salvatore Negro, il quale leggerà alcuni brani tratti dal volume, edito da La Meridiana. La storia di Somay (nella foto scattata nella redazione di Piazzasalento) parte da un piccolo villaggio del Kurdistan iraniano, dove il protagonista è nato nel 1987. Cresciuto in una famiglia di pastori, ha lavorato fin da ragazzo come fornaio. All’età di 22 anni, dopo l’arresto di un amico, ha dovuto lasciare il suo paese per mettersi in salvo in Europa. Nel 2013, dopo numerose peregrinazioni, è approdato a Gallipoli dove ha trovato accoglienza e amicizia.

Salva

Salva

ARADEO – Due giorni, sabato 30 e domenica primo ottobre, per festeggiare i primi 30 ad Aradeo della Confraternita di Misericordia, la terza in Puglia per anzianità. Ricco di iniziative il programma preparato dall’associazione. Si inizia sabato alle ore 20 con la conferenza al Teatro comunale “Modugno” (coordina Michele Bovino) sul tema “Trent’anni al servizio della comunità”, con gli intermezzi musicali affidati al coro “Voci in…canto”. In apertura i saluti del governatore della Misericordia di Aradeo Giuliano Giaracuni, del correttore don Giuseppe De Simone e del sindaco Luigi Arcuti. Alle 20,45 gli interventi del governatore regionale della Misericordia di Puglia Gianfranco Gilardi e di suor Maria Ratta sul tema “Il mondo del volontariato”. A seguire l’intervento di Vito Marchese, uno dei fondatori nel 1987 dell’associazione, ed il riconoscimento dei volontari che operano nel gruppo da più di 25. Alle 21,40 lo spettacolo teatrale “I bambini che venivano dal mare”, a cura della Libera compagnia teatrale. All’interno della manifestazione la mostra fotografica “Noi per voi”. La mattina di domenica 1 ottobre accoglienza presso la sede della Misericordia in piazzetta Pio XII e coffee break. Poi, dopo la messa, un corteo accompagnato dalla Banda di Aradeo raggiungerà piazza San Nicola per la consegna e la benedizione di un defibrillatore donato dall’associazione alla cittadinanza. Alle 13 pranzo sociale presso la Masseria Fulcignano a Galatone. La Misericordia di Aradeo è impegnata in numerose attività a carattere solidale: trasporto e assistenza sanitaria con autombulanza, raccolta di derrate alimentari, farmaci e materiale didattico in favore dei meno abbienti, trasporto di persone diversamente abili, fornitura di ausili sanitari, servizio di antincendio boschivo e protezione civile, servizio civile nazionale per i giovani dai 18 ai 28 anni e, in collaborazione con il Tribunale di Lecce, lavori di pubblica utilità in sostituzione di pene detentive.

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...