Home Temi Associazionismo
Notizie sull'Associazionismo dai Comuni del Salento della rete di Piazzasalento

Antonio Spano, presidente dell’associazione “La Pastorella”

Muro Leccese – C’era una volta, a Muro Leccese, un gruppo di amici che, per passare una serata in compagnia, decisero di cucinare un intero maiale condividendone ogni singola parte. Secondo la tradizione quella sera nacque la festa de “Lu porcu meu”, sagra che si terrà il 20 e 21 ottobre e sentita dai muresi come una vera e propria festa patronale. Da 35 anni, infatti, ogni terzo weekend di ottobre a Muro Leccese fanno ritorno persone da ogni parte d’Italia e dalla Svizzera, desiderose di partecipare a questa tradizione che rinsalda i legami tra il paese e le loro famiglie.

Numerosi gli stand dove poter assaggiare piatti come il tradizionale bollito, carne alla griglia, porchetta e altre specialità tutte rigorosamente a base di maiale, principe della serata. I festeggiamenti inizieranno domani, sabato 20 ottobre, alle 19 con l’apertura degli stand e la musica popolare del Trio Salento e, in seconda serata, la pizzica degli Alla Bua, musicisti di Casarano che continueranno a suonare domenica con la fiera per le vie del paese a partire dalle 8. Nello stesso giorno, alle 17 ci sarà la storica “Cuccagna de lu porcu meu”, dove i giovani si sfideranno ad arrampicarsi sul palo ben coperto di grasso per raggiungere i premi messi in palio. Dalle 19 si riaccendono le numerose griglie, pronte a soddisfare la fame dei partecipanti, e la musica dei “Li cumpari”, Cesare dell’Anna e “Opa cupa”.

Organizzatrice della festa è l’associazione La Pastorella i cui numerosi membri ogni anno, sotto la guida del presidente Antonio Spano, s’impegnano per rinnovare la festa e contribuire per la solidarietà. L’anno scorso, infatti, la festa ospitò stand del Comune di Visso, città marchigiana colpita dal sisma, e dopo la festa Antonio Spano e una delegazione di Muro Leccese ha portato a Visso l’assegno del ricavato della serata. Quest’anno la solidarietà si ripete. Nell’area mercatale, dove si terrà la fiera, si potranno trovare anche stand con prodotti gluten free.

Negli stessi giorni saranno presenti in paese giornalisti e blogger di testate nazionali molto note impegnati in un “press tour“ di arte e cultura nei piccoli borghi. Promosso dal Comune di Muro Leccese e finanziato da Puglia Promozione (agenzia della Regione Puglia), i giornalisti potranno vivere in diretta un evento così radicato e raccontare le bellezze della città messapica di Muro Leccese e dei muresi, soprannominati “porci de muru” proprio per il loro legame a questa tradizione che si concluderà con la storica sfilata del maiale, protagonista di questa due giorni.

 

Gallipoli – Riconferma di Angelo Oliva quale responsabile del Tribunale dei diritti del malato di Lecce e nomina delle responsabili delle altre “maglie” della rete: Agata Coppola, referente del Tdm di Gallipoli; Patrizia Comi, Giustizia e Diritti di MaglieMaria Luisa Guido , rete Consumatori di Galatina; Stefania Geusa, referente rete Cnam di Galatina; Prisco Piscitelli, rete Ambiente di Maglie; Mariarosaria Fontò. referente Scuola di Gallipoli; Fiorella Di Marco, segretario amministrativo di Gallipoli. Questi i risultati dell’assemblea territoriale di Cittadinanzattiva della provincia di Lecce, in cui si è parlato di “ricostruzione”, dando ufficialmente notizia cella strada autonoma scelta dai volontari Tdm di Casarano.

“La ri-costituzione dell’Assemblea territoriale di Lecce – si legge nella nota emessa a fine lavori – è stata accolta con grande soddisfazione da tutti i componenti del coordinamento regionale che ha apprezzato gli sforzi che ogni Tdm-Cittadinanzattiva  ha profuso sul territorio di competenza. E’ stato sottolineato come sia indispensabile essere uniti, ciò per dar più forza e valenza alle azioni da intraprendere”.

Il segretario regionale Matteo Valentino ha illustrato le direttive del Coordinamento regionale “in conformità con quelle nazionali”. Valentino ha poi delineato per grandi linee la programmazione di eventi futuri e di nuove iniziative “per dar sempre più visibilità al Movimento, essere più attenti alle necessità dei più deboli e sempre vicino alle problematiche che il nostro territorio vive quotidianamente”.

(Nella foto da sinistra: Fiorella De Marco, Mariarosaria Fontò, Stefania Geusa, Patrizia Comi, Matteo Valentino, Maria Luisa Guido, Agata Coppola e Angelo Oliva)

 

Casarano – “L’Avaro” di Molière, con la Busacca per la regia di Francesco Piccolo, è la commedia messa in scena giovedì 18 ottobre al teatro Manzoni di Casarano. La serata è proposta dalla locale delegazione della Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt) in occasione dell’Ottobre rosa, la campagna di prevenzione per la salute del seno. Sipario alle ore 20. Sul palco, con Francesco Piccolo, anche Sasy Piccolo, Stefania Bocco, Salvo Cezza, Claudia Mancino, Chiara Serena Brunetta e Toni Sparascio.

Casarano – Esperienze a confronto sul tema del bullismo grazie all’iniziativa “Stare insieme” ospitato a  Casarano nell’aula magna del liceo Vanini. Istituzioni ed enti dell’Ambito sociale di Casarano hanno incontrato (lunedì 15 ottobre) gli studenti offrendo e ricevendo stimoli sul “vivere tecnologico” che condiziona in maniera totalizzante le nuove generazioni. «Non si tratta di un nuovo progetto ma di uno scambio di esperienze fra quei soggetti che a quei progetti ci lavorano per arricchirli e fare in modo che da essi nascano proposte efficaci per contrastare il fenomeno», affermano i promotori.

I soggetti coinvolti Ad essere coinvolte sono state le scuole con sede dell’Ambito territoriale sociale di Casarano (con il comune capofila anche Collepasso, Parabita, Matino, Ruffano, Supersano e Taurisano). L’incontro è stato promosso dal laboratorio creativo per la comunicazione Gestal house di Parabita con il patrocinio della Asl Lecce e del Garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza della Regione Puglia. Vi hanno preso parte operatori della Polizia postale, dirigenti della Prefettura e della Asl di Lecce, l’assessore comunale Francesca Pirri, la presidente della Rete polo d’Ambito scolastico n. 20 Filomena Giannelli e la consigliera di Parità della Provincia Filomena D’Antini. Numerose le scuole rappresentate, tra le quali gli Istituti Comprensivi Polo 2 di Casarano con quelli di Supersano, Collepasso, Matino, Taurisano (Polo 1),e gli istituti superiori “Giannelli” di Parabita, “Montalcini” e “Meucci” di Casarano, il Servizio civile professionale del Comune di Parabita e l’associazione di Promozione sociale di Matino.

“Gestal house” «A ispirare l’iniziativa è la constatazione che a fronte di un problema sempre più attuale, le istituzioni e le agenzie educative fanno fatica a sostenere un confronto assiduo e a sviluppare azioni in sinergia», afferma il presidente di Gestal House Luciano Provenzano. «Sono i meccanismi complessi del vivere tecnologico che determinano, oggi, una sempre più diffusa tendenza ad atteggiamenti da bulli», conclude Provenzano.

 

Lecce – Si è parlato di prevenzione, ambiente e molto altro durante il 12esimo corso di aggiornamento su “Esposizione ambientale e salute pubblica” tenutosi presso il centro Ecotekne dell’Università del Salento sabato scorso a Lecce13 ottobre, organizzato dalla sezione provinciale della Lilt che ha sede a Casarano ed è presieduta da Marianna Burlando.

Il Centro Ilma “Dobbiamo puntare sulla prevenzione- ha affermato la Burlando – e partendo dal dato che ad oggi il 95% delle risorse è destinato alle cure delle malattie, noi dobbiamo invece cercare di capire quali siano le cause che conducono a queste malattie. Ecco il perché del centro Ilma, che è in fase di costruzione (sulla Provinciale Alezio-Gallipoli, ndr), ma la ricerca indipendente è già iniziata”. Dopo i saluti istituzionali ha poi preso la parola il dott. Carmine Cerullo, oncologo presso l’ospedale Ferrari di Casarano, che ha parlato del progetto Geneo, il primo studio di Oncologia ambientale in Italia rivolto alla aree verdi ideato dalla Lilt in collaborazione con l’Università del Salento, l’Asl e la Provincia di Lecce.

Lo studio ha trattato i sistemi di valutazione delle correlazioni tra Genotossicità dei suoli e le neoplasie in aree in cui la salute ambientale è a rischio. “Nonostante i progressi delle terapie, a noi oncologi i conti non tornano, perché la mortalità per tumori dal 1980 ad oggi continua a crescere qui nel Salento, raggiungendo la media nazionale per incidenza di nuovi casi. Solo per fare un paragone, ad oggi abbiamo 373mila nuovi casi all’anno di malati; quindi, più di 1000 persone al giorno in Italia scoprono di avere un tumore, mentre nel 1980 i casi all’anno di nuovi malati erano 12mila, con una media di 300 malati al giorno. Quindi – ha proseguito l’oncologo – ad oggi ci si ammala di più, nonostante i tassi di guarigione siano al 50% rispetto al 20% del 1980. Bisogna però tenere presente che se le guarigioni sono aumentate, sono aumentati però anche i nuovi malati”.

Da questa esigenza di confrontare il rapporto tra ambiente e salute è nato il progetto Geneo: i recenti risultati dello studio hanno rilevato soprattutto il livello di arsenico, noto cancerogeno, molto elevato in quasi tutti i terreni dei 32 Comuni della provincia di Lecce esaminati, soprattutto tra Maglie e Galatina; per questo, a breve partirà una nuova fase di ricerca in altri 20 Comuni della Provincia di Lecce. Il convegno è stato coordinato da Tiziana Colluto con gli interventi di Tiziana Grassi dell’Università del Salento, di Roberto Fanelli, dell’istituto “Mario Negri” di Milano, e del dottor Giuseppe Serravezza, oncologo e direttore scientifico della Lilt di Lecce.

In chiusura è stato poi assegnato al professor Silvio Garattini, presidente dell’istituto “Mario Negri” di Milano, il sigillo d’argento dell’Università del Salento insieme ad un pubblico riconoscimento da parte del Comune di Lecce.

Il messaggio di Serravezza “Il messaggio che volevamo dare è di una necessità di sviluppare lo studio delle cause ambientali – ha concluso Serravezza – cioè l’unico strumento attraverso cui si può abbattere l’incidenza di quella malattia che è diventata oggi una vera emergenza. Noi continuiamo a sviluppare la ricerca nell’ambito del nascente centro Ilma e siamo fieri anche della collaborazione dell’Istituto Mario Negri di Milano che rappresenta nel mondo l’emblema della ricerca scientifica libera e indipendente. Ecco, noi abbiamo un grande sogno: quello di poter rappresentare presto anche noi una sorta di “Mario Negri Sud”, all’insegna dell’autonomia e dell’indipendenza della ricerca. Ma tutto questo sarà possibile solo se i salentini continueranno a darci una mano e fiducia”.

Galatone – È sorto nei giorni scorsi il Movimento giovani imprenditori di Confartigianato Imprese Lecce. «Si tratta di un gruppo che si propone lo studio dei problemi e la progettazione di nuovi scenari economici, tecnici, sindacali assistenziali e sociali attinenti i giovani imprenditori artigiani», fanno sapere i promotori. Il benvenuto del nuovo organismo all’interno della “famiglia” di Confartigianato è arrivato dal presidente provinciale Luigi Derniolo e dal segretario regionale Dario Longo.

Il comitato di presidenza Accanto al presidente Antonio Benvenga (di Galatone) del comitato fanno parte la sua vice Teresa Stifani (Taurisano) e i componenti Libera Francioso (Melissano), Alessia De Matteis (Parabita), Beniamino Indino (Specchia), Elisa Cazzato (Tricase), Emilio Colaci (Alessano), Giuseppe Zippo (Specchia) e Serena Primiceri (Casarano). All’incontro svoltosi nei giorni scorsi a Lecce nella sede di piazzetta Montale ha pure preso parte Domenico Petruzzella, vicepresidente nazionale del Movimento giovani imprenditori di Confartigianato. In particolare, il nuovo gruppo si propone lo studio dei problemi e delle tematiche “anche attraverso la creazione di condizioni ottimali per il passaggio generazionale, la formazione e l’acquisizione di competenze manageriali per la gestione dell’impresa e lo sviluppo del rapporto tra istituzioni scolastiche e mondo del lavoro”.

I dati in provincia In provincia di Lecce, al 30 giugno 2018, le imprese giovanili sono 8.567 (di cui 7.431 attive), pari al 13% del totale: in larga parte (6.314) si tratta di ditte individuali. Le attività più avviate e gestite dagli under 35 sono il commercio al dettaglio, i servizi di ristorazione, i lavori di costruzione specializzati, le coltivazioni agricole e la produzione di prodotti animali.

Gallipoli – Sono tre gli appuntamenti salentini della campagna di sensibilizzazione contro l’arresto cardiaco in programma a Gallipoli, Galatone e Lecce. “Viva!” prevede l’impegno di istruttori e operatori del Servizio di Emergenza-urgenza sanitaria 118 che, insieme ai volontari di molte associazioni, saranno nelle piazze (e non solo) per dare a tutti consigli, informazioni e dimostrazioni pratiche sulle manovre di rianimazione cardiopolmonare e sulle tecniche di disostruzione delle vie aree.

Gli appuntamenti Domenica 14 ottobre l’appuntamento è in piazza Tellini, a Gallipoli, a partire dalle 10. Sabato 20 ottobre sarà la volta dell’Istituto superiore “Medi” di Galatone, dalle 9.30, mentre il giorno dopo, dalle 10, “Viva!” sarà in piazza Sant’Oronzo a Lecce. Duplice lo scopo della campagna di sensibilizzazione: migliorare la conoscenza e la formazione dei cittadini, ma anche far crescere tra gli operatori sanitari la consapevolezza dell’importanza delle manovre di rianimazione cardiopolmonare.

Il direttore Maurizio Scardia «Forti degli ottimi risultati ottenuti negli ultimi 5 anni, anche per il 2018 abbiamo avviato una serie di iniziative volte a realizzare gli obiettivi di “Viva!” attraverso il coinvolgimento delle istituzioni preposte alla cura della salute dei cittadini. Nostro obiettivo – – spiega il direttore del Seus 118 di Lecce Maurizio Scardia – – è la realizzazione di eventi volti a informare le diverse fasce della popolazione italiana circa la rilevanza dell’arresto cardiaco improvviso e dell’ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo e l’importanza di conoscere e saper eseguire le manovre che possono salvare la vita di coloro che ne sono colpiti: manovre semplici, sicure, che chiunque di noi, anche senza una preparazione sanitaria specifica, è in grado di attuare». L’arresto cardiaco rimane il più importante problema sanitario in Europa: ne vengono colpite ogni anno circa 400mila persone, 60mila delle quali solo in Italia.

Gallipoli – Una grande gara di solidarietà è prevista domenica 14 ottobre per il primo Trofeo Fidas: l’appuntamento è dalle 8,15 alle 11,30 presso il Centro trasfusionale, al sesto piano della Torre B dell’ospedale Sacro Cuore.

L’evento è organizzato dalla Fidas sezione di Gallipoli (presieduta da Marilù Bembi, in foto), in collaborazione con i club del Gallipoli, della Juve, dell’Inter e del Milan. “Abbiamo invitato tutti i club sportivi a reclutare quanti più donatori possibile – afferma la Bembi. Il club che porterà più soci o simpatizzanti vincerà, e fra i suoi donatori verrà sorteggiato un abbonamento per seguire le partite della stessa squadra”.

Ma le iniziative Fidas non finiscono qui: “Oltre a organizzare incontri pubblici con medici e professionisti del settore, stiamo cercando di formare un gruppo di giovani da portare il prossimo anno a un meeting firmato Fidas che si terrà a marzo – continua la presidente Bembi – per fare formazione e aiutare a capire cosa c’è realmente dietro una sacca di sangue e a cosa serve. Abbiamo inoltre avviato la collaborazione con gli istituti superiori cittadini: il Vespucci e il liceo Quinto Ennio hanno già dato la disponibilità”. Nelle giornate del 22, 23 e 24 ottobre, infatti, un’autoemoteca proveniente da Lecce arriverà al Vespucci e sosterà presso l’atrio della scuola, a disposizione di chi volesse donare il sangue.

Sensibilizzare scuole e famiglie. “Stiamo cercando di recuperare – conclude la Bembi – perché la carenza estiva di sangue si è fatta sentire in tutta Italia e ha colpito anche Gallipoli. Noi, inoltre, abbiamo avuto il problema del trasferimento del centro trasfusionale, e questo è stato un ulteriore disagio per i donatori. Comunque ora ci stiamo risollevando, a settembre abbiamo avuto 42 donazioni con una media di 2 nuovi soci per donazione. Infine, stiamo affiancando i ragazzi in un progetto nazionale rivolto alle scuole elementari e medie, che prevede selezioni provinciali e nazionali, con premi finali agli istituti vincitori. Questo per cercare di coinvolgere tutte le scuole della città e per sensibilizzare i ragazzi e le loro famiglie alla cultura del dono”.

 

Taviano – “Livatino, il giudice ragazzino verso la beatificazione” è il tema della serata di sabato 13 ottobre presso la sede dell’associazione Bachelet a Taviano. Dalle 19.30 sono previsti gli interventi di don Antonio Coluccia, da anni impegno nella lotta alla mafia, di Alfredo Mantovano, giudice di Cassazione e vicepresidente del centro studi Livatino, di maria Francesca mariano, giudice della Corte d’Assise di lecce e del presidente della stessa Corte Roberto Tanisi. Don Antonio Coluccia, prete “sotto scorta” originario di Specchia, è il fondatore dell’Opera Don Giustino che ha sede nella periferia di Roma su di un bene confiscato alla Banda della Magliana. A cura della compagnia Témenos, nel corso della serata (organizzata dalle associazioni Bachelet, La Piazza e Terrebruciate) ci sarà l’anteprima, sotto forma di reading teatrale, dello spettacolo che Maria Francesca Mariano ha dedicato al magistrato Livatino assassinato dalla mafia il 21 settembre 1990 e oggi considerato “Servo di Dio” dalla Chiesa cattolica.

Alessano – Musica e preghiere ad Alessano per ricordare don Tonino Bello. Tanti gli ospiti della serata, sabato 13 ottobre dalle 19.30, radunati nel cimitero comunale, sulla tomba del vescovo scomparso il 20 aprile del 1993. “Musiche di pace ’18” propone il cantautore di Acquarica del Capo Franco Simone, Antonio Amato (dall’Ensemble della Notte della Taranta”, Francesca Profico (di Gagliano del Capo, già apprezzata a The voice of Italy) la canta ed il “Coro di Alessano per don Tonino”, balzato agli onori della cronaca anche per aver cantato in occasione della recente visita di Papa Francesco ad Alessano in occasione del 25° della sua morte. Tra gli ospiti anche il musicista, autore e interprete Alberto Costantini (già consulente musicale per Mediaset) che nel corso della serata eseguirà tre brani, dei quali uno adattato e musicato da un testo di don Tonino. Nel corso della serata, organizzata dall’Amministrazione comunale insieme alla Fondazione Don Tonino Bello di Alessano e dalla Pro Loco, saranno letti e recitati alcuni scritti del vescovo che della pace aveva fatto il proprio emblema, basti pensare che a pochi mesi dalla sua morte, già gravemente malato, capeggiò nel dicembre 1992 la “marcia della pace” di Sarajevo, città all’epoca in stato d’assedio. Le letture son tratte dal suo libro “Con Cristo sulle strade del mondo” (edizioni Paoline).

I saluti La serata si aprità con i saluti del sindaco di Alessano Francesca Torsello, del parroco della chiesa matrice don Gigi Ciardo, di padre Francesco Monticchio della chiesa conventuale francescana di Alessano, del presidente della Fondazione “Don Tonino Bello” Giancarlo Piccinni e del nipote del presule scomparso Stefano Bello.

 

Gallipoli – Santa Maria di Leuca Giunge alla sua 25^ edizione il “Meeting dei due mari”, ovvero il raduno internazionale di auto storiche organizzato dal Salento Club Auto Storiche di Lecce e da Caroli Hotels. Da venerdì 12 a domenica 14 ottobre l’evento vedrà la partecipazione di circa 40 vetture provenienti da ogni parte d’Italia. Il programma prevede per venerdì il ritrovo a Gallipoli presso l’Ecoresort Le Sirenè Caroli Hotels. Sabato è prevista, invece, una suggestiva passeggiata e sfilata di auto storiche su un percorso che attraverserà Maglie, Otranto e Santa Maria di Leuca. Domenica, infine, si ripartirà da Gallipoli fino a Torre Vado, marina di Morciano di Leuca, e ritorno. «Oltre che cinque lustri del Meeting dei Due Mari – sottolinea Franco D’Agostino, presidente del Salento Club Auto Storiche – questa edizione celebra anche i quarant’anni di collaborazione con Caroli Hotels, che ringrazio, nella realizzazione delle varie manifestazione. La prima è stata nel settembre del 1978».

Galatone – Nonni in campo, a Galatone, grazie ai club sportivi. Ha appena spento la settima candelina la “Festa dei nonni” promossa anche quest’anno dall’Inter Club “Dino Cosma” in collaborazione con Milan Club e Juventus Club. Anche in quest’edizione al centro sportivo polivalente “Alberto Colitta” spazio all’ormai tradizionale triangolare tra gli “over”delle tre associazioni: domenica di festa per grandi e piccoli, dunque, per celebrare al meglio la ricorrenza del 2 ottobre che impegna i nipoti di tutta Italia a fare gli auguri ai propri nonni. E se nel mini-torneo arbitrato da Marco Tarantino a trionfare sono stati gli organizzatori nerazzurri, i premi sono arrivati anche per gli esponenti delle altre tifoserie: la palma di “miglior nonno” 2018 è stata consegnata nelle mani di Dino Terragno (Inter), Massimo Malerba (Juve) e Gino Malerba (Milan) direttamente dalle mani dei presidenti dei tre club.

Il presidente Romano «Da sempre l’Inter Club Dino Cosma – commenta Roberto Romano, presidente del sodalizio – rappresenta sul territorio, non solo cittadino, un vero e proprio punto di riferimento nelle diverse attività ricreative, sociali e sportive. Sono molto orgoglioso di aver creato la Festa dei Nonni, puntando subito al coinvolgimento dei tre Club storici del paese, e a tutte le passioni e rivalità che una sfera di cuoio porta dietro non solo sul rettangolo di gioco. L’intelligenza e modernità dei tre sodalizi, attraverso il dialogo e rispetto, fa sì che tale manifestazione anno dopo anno rappresenti un vero e proprio evento».

Lo staff medico di “Arcobaleno su Tanzania” in un precedente intervento 

Gallipoli – Nuovo impegno dell’associazione umanitaria “Arcobaleno su Tanzania” di Gallipoli che nel corso degli anni, con il suo operato, ha permesso a orfani, bambini e persone malate di vivere una vita con dignità e priva di sofferenze dovute a carenze mediche tuttora presenti nel loro Paese.

Per quanto fatto finora ringrazia i numerosi sostenitori dell’associazione il responsabile Giovanni Primiceri, originario di Alezio, annunciando il nuovo impegno che in questi giorni lo sta portando nuovamente in Tanzania. Il sodalizio con sede a Gallipoli aiuterà questa volta la piccola Charity, bambina di 14 mesi affetta da un problema cardiaco (difetto interventricolare più difetto interatriale, in sindrome di down), a raggiungere l’ospedale Giovanni XXIII di Bari per sottoporsi a un intervento di cardiochirurgia.

Le spese dell’intervento saranno sostenute dalla Regione Puglia, che ha collaborato anche nei precedenti casi a sostegno di simili iniziative. Le spese di viaggio, visto, assicurazione e fidejussione, nonché soggiorno e transferimento  Gallipoli-Bari, saranno sostenute dall’associazione “Arcobaleno su Tanzania.
Ancora una volta Giovanni Primiceri si appella al senso di umanità e alla sentita partecipazione dei suoi collaboratori per ridare alla piccola Charity la speranza di una nuova vita.

Gli estremi, per chi volesse contribuire a questa buona causa, sono: Arcobaleno su Tanzania Iban Bancoposta IT-76-E-07601-16000-000088217245; con versamento postale C. C. Postale 88217245; Banca popolare pugliese Iban IT 33 G 05262 79 671 CC0661199865. Causale: sostegno intervento di cardiochirurgia  per la bambina tanzaniana Charity Freedom.

Presicce – Appena terminato, con successo, il 21° memorial “Luigi Tagliaferro”, l’associazione “Prospettive” è già al lavoro per  festeggiare i 25 anni di attività. C’è il concorso artistico-letterario “Prospettive X2.5”: gli interessati (partecipazione gratuita) possono da subito mettersi all’opera. In palio c’è una borsa di studio di 1.000 euro messa a disposizione dell’associazione. L’associazione vorrebbe trarre un libro che raccolga quanto pubblicato nel corso degli anni sul giornale che ha registrato gli accadimenti e i rumors in paese: tante le firme che hanno dato un contributo nelle diverse rubriche, di storia locale o d’attualità. Il concorso lanciato è appunto una sfida all’idea migliore per racchiudere il meglio in una pubblicazione. Ogni partecipante può recarsi in sede, in via Gramsci, e chiedere di visionare i giornali, per studiarli e proporre poi un progetto, anche grafico.

Il bando (è sulla pagina facebook dell’associazione) prevede che tutte le idee progettuali siano valutate da una commissione composta da due componenti del Consiglio direttivo dell’associazione, da un componente del periodico Prospettive e da due componenti esterni, di cui un editore e un giornalista. Ovviamente, come tutti i concorsi che si rispettino “l’operato della giuria è insindacabile”. La cerimonia di premiazione avverrà a dicembre.Il vincitore si impegna poi a “fornire in supporto digitale l’opera progettata e proposta in sede di gara, entro il 30 giugno 2019. La stampa cartacea dell’opera sarà realizzata a cura e spese dell’associazione”.

«In occasione del venticinquesimo anno di attività il direttivo in carica, presieduto dall’architetto Daniele Lia, ha deciso di bandire questo concorso finalizzato a raccogliere in un’unica opera tutti i periodici pubblicati. Un ringraziamento – commenta Tonia Tagliaferro, figlia del fondatore Luigi – va a tutti i soci che in questi anni hanno fatto si che “Prospettive” divenisse una realtà radicata nel territorio, portando avanti iniziative di elevato livello con dedizione e spirito di sacrificio, anche a volte sacrificando gli impegni familiari». Oltre alla stessa Tagliaferro, il Consiglio è composto da Rocco Colella, Claudia Frivoli, Giuseppe Coccoli, Donato Frigelli e Libera Valvano.

Taviano –  Week end di festa a Taviano con la fiera della Madonna delle Rine, giunta alla 28^ edizione ed organizzata dalle associazioni Cultura e Salento,  Salentflor e dal Comune di Taviano. Si tratta di una Fiera molto antica che alcuni documenti parrocchiali datano agli inizi del ‘900. L’appuntamento è presso l’antica edicola rustica sulla via per Matino. La sera della vigilia, sabato 6 ottobre, si svolgerà un raduno di tamburellisti, in ricordo di Giorgio Tamborrini di Matino, storico venditore di “cupeta”, da lui stesso prodotta in occasione delle fiere, scomparso l’8 gennaio del 2014. La Fiera del bestiame si inaugura alle 7 di domenica contestualmente alla Fiera mercato dell’antiquariato e alla Passeggiata della solidarietà, sulla distanza di quattro chilometri per le strade di Taviano. I partecipanti e gli organizzatori porteranno beni in natura a lunga conservazione che verranno donati alle persone bisognose di Taviano e paesi limitrofi. La Passeggiata è organizzata dalle associazioni Paideia, Atletica Taviano ’97, Admo, Le ali di Cristina, Taviano Città del Dono e Fidas. Per tutto il giorno per le strade di Taviano la Banda municipale “Città di Taviano” farà sentire le sue note. Alle 17.30 sarà celebrata la Messa dopo la recita del Rosario. Alle ore 19 il concerto bandistico della Banda municipale omaggerà Gioacchino Rossini, a 150 anni dalla sua scomparsa. Si esibiranno il soprano Antonella Alemanno (di Gallipoli)  e il tenore Massimo Liaci con la direzione del  maestro Antonio Mariani. Fuochi d’artificio alle 21 e, a seguire, dalla Notte della Taranta, lo spettacolo di pizzica salentina rock del Complesso Ragna Rock.

Ruffano – Anche Ruffano e Torrepaduli si tingono di rosa. In occasione del mese della prevenzione del tumore al seno, la consigliera comunale con delega alla Sanità Giorgetta Caroppo, insieme alla Giunta comunale e con le consigliere di maggioranza, nelle zone principali di Ruffano e Torrepaduli ha colorato di rosa, con fiocchi, nastri e ciclamini, i pali della luce, gli alberi, le panchine per ricordare a tutte le donne che “la prevenzione è vita”. Ogni anno in Italia 52.300 donne si ammalano di tumore al seno (in media una su otto). Fondamentale è la prevenzione e investire nella ricerca: così da venticinque anni il mese di ottobre si tinge simbolicamente di rosa per  accompagna la battaglia della medicina contro il tumore al seno.

Lido Marini (Ugento – Salve) – Chiusura di stagione in positivo e un nuovo progetto per il rilancio di Lido Marini: questo il bilancio della Pro loco nella località marina suddivisa tra Ugento e Salve. In prospettiva ci sono miglioramenti per la pulizia della spiaggia e nella raccolta della spazzatura ma ancora c’è da lavorare per migliorare i servizi. Questi i principali argomenti affrontati dal presidente Antonio Nuzzo durante l’incontro di fine stagione che ha registrato una buona partecipazione di commercianti e sostenitori con il neo dell’assenza degli amministratori locali.

Il presidente Nuzzo «Nel corso dell’estate abbiamo dovuto cancellare qualche appuntamento, ne abbiamo però garantiti però 71, per un totale di 213 ore di eventi. Ciò che conta però – afferma Nuzzo – è essere riusciti a chiudere la stagione con un bilancio positivo. La presenza dei commercianti in riunione mi ha dato soddisfazione per il lavoro svolto, dopo il lavoro fatto per aprire un dialogo con loro, li ho invitati per l’anno prossimo ad avere una partecipazione attiva». Da qui il progetto di rilancio di Lido Marini. «Serviva una nuova idea progettuale, dal momento che – prosegue il presidente – spesso si confonde il ruolo della Pro loco. Ho quindi chiesto che l’associazione possa fungere da coordinatrice con quanti vogliano organizzare qualcosa puntando  maggiormente sui servizi da dare ai turisti. Così come è esplicitato nello statuto la Pro loco deve offrire più attività informative, che quest’anno non siamo stati capaci di fare per mancanza di personale. Continuerò a dialogare con tutti e continuerò a provarci anche con le Amministrazioni comunali. Alla base c’è l’idea che bisogna avere un progetto integrato di offerta del turismo».

Dopo un incontro con il sindaco di Salve, Francesco Villanova, il presidente Nuzzo ha chiesto in modo formale che le due Amministrazioni forniscano la disponibilità di un rappresentante per Lido Marini, con cui potersi confrontare direttamente. «Domenica non erano presenti ma spero che in futuro potranno partecipare. Noi invieremo tutte le comunicazioni ad entrambe le amministrazioni. L’appello – conclude Nuzzo – è quello di lavorare tutti insieme per un’offerta turistica che sia soddisfacente.  Quest’anno siamo stati in pochissimi a garantire un minimo di servizi e gli eventi. L’anno prossimo non credo che sarà possibile garantire lo stesso numero di appuntamenti».

 

Galatone – Un mese dopo l’operazione che ha visto decine di volontari ripulire il tratto di costa de “La Reggia” (e non solo), raccogliendo dalle falesie e dai fondali marini circa mezza tonnellata di rifiuti, l’esperienza del gruppo coordinato da Emanuele Zuccalà si struttura in un’associazione di promozione sociale che si chiamerà “A-mare pulito”. Il nuovo sodalizio (con sede a Galatone in contrada Coppola) sarà attivo sia con i classici “blitz ambientali”, sia con iniziative sociali, sportive, di beneficenza e di riqualificazione dei luoghi pubblici.

Il presidente «Dopo l’evento, che è stato un successo in termini di partecipazione e risultati, sono stato spinto dagli amici a fondare un’associazione che – racconta Zuccalà – si occuperà di tutela del territorio e si muoverà in tutto il Salento, con le pulizie non solo sul mare ma anche nelle campagne». L’associazione, alla sua fondazione, conta già più di venti attivisti, prevalentemente da Galatone e Nardò, ma provenienti anche dal resto della provincia. «Molto positivo è il fatto che siamo quasi tutti giovani e pronti ad operare anche in altre zone del Salento», continua Zuccalà.

I progetti Per i ragazzi in programma azioni di tipo preventivo (incontri nelle scuole e negli istituti di formazione, “caratterizzati dalla presentazione di ricerche scientifiche che dimostrino i danni provocati dall’inquinamento terrestre e marino”, con l’obiettivo di sensibilizzare bambini e ragazzi al tema ambientale), ma anche di tipo “repressivo”, con interventi concreti finalizzati al contrasto di ogni forma d’inquinamento che minacci l’ecosistema. Il primo settembre scorso i volontari, in sole quattro ore di attività, sono stati in grado di tirare fuori da circa tre chilometri di costa circa 500 chili di rifiuti di ogni genere.

Sannicola – Entusiasmo alle stelle nel gruppo “Pugliesi in California” fondato negli Usa da Alessandra Chimienti di Sannicola che in questi giorni si sta preparando per partecipare alla 150esima edizione dell'”Italian heritage parade” di San Francisco del 7 ottobre. Il Comune di Sannicola collabora all’iniziativa attraverso l’invio delle bandiere dell’Italia, della Puglia e del Comune. L'”Italian heritage parade” (letteralmente “parata dell’eredità italiana”) è un’allegra sfilata in cui si valorizza la componente italoamericana della società statunitense.

La promotrice «Il mio obiettivo  – spiega la Chimienti – è di far conoscere e promuovere la Puglia e la sua bellissima cultura facendo conoscere e sperimentare le nostre tradizioni, i prodotti tipici e la musica popolare». Serie di attività che sono culminate nella recente “Sagra te lu paese tou” che si è svolta al Golden Gate park di San Francisco con la partecipazione di alcune ditte di Sannicola che hanno presentato al pubblico americano i propri prodotti  (“Antico forno” di Chiesanuova, “pasticceria De Mitri” e “L’arte del pane” di Sannicola). «Una delle cose più belle del progetto di portare la Puglia all’Italian heritage parade è che il gruppo di persone che hanno deciso di partecipare viene non solo dalla Puglia, ma anche da diverse parti d’Italia e del mondo. Molte di queste persone non conoscevano la “pizzica” ma hanno scelto di impararla venendo alle lezioni, agli incontri e studiando a casa. Alcuni di loro sono pugliesi ma stanno imparando a ballarla qui in America! La gente si interessa e vuole imparare perché è attratta da quello che di stupendo la Puglia offre. Molti decidono anche di andarci in vacanza per scoprirne di più» La parata prevede anche dell’intrattenimento musicale. «Anche i musicisti non sono tutti pugliesi. Alcuni di loro stanno imparando la pizzica grazie al gruppo. È una cosa bellissima e di cui sono molto orgogliosa perché è una condivisione dei valori e della tradizioni attiva e pulsante. La Puglia e le sue tradizioni non vengono solo rappresentate, ma anche e soprattutto diffuse, vissute e amate».

Sannicola – Tuglie Successi in serie a Grottaglie per la scuola di ciclismo Tugliese Salentina “Vincenzo Nibali” diretta da Giovanni Saccomanno di Sannicola e presieduta da Rocco De Santis di Tuglie. I ragazzi hanno partecipato al Meeting regionale Giovanissimi specialità Mtb.  Nelle rispettive categorie si sono affermati Ilan Calzolaro di Tuglie, Alessia Russo di Aradeo e Marco Russo. Settimo, invece, Marco Sicuro di Collepasso mentre per le categorie agonistiche “Esordienti” e “Allievi” (13-14 anni) quarto classificato Andrea Sicuro di Collepasso, settimo Davide De Giorgi di Galatone, decimo Marzio Negro di Tuglie. Per la categoria allievi decimo classificato Mattia Tarantino di Sannicola. «Sono molto orgoglioso di tutti i giovani atleti della scuola di ciclismo –commenta Giovanni Saccomanno – delle loro affermazioni sportive che innalzano il nome della Scuola e soprattutto del loro impegno e dell’impegno di tutti, sia di chi vince le gare oggi che di chi le vincerà domani e di chi si allena con impegno e dedizione»

Casarano – “Giornata del microchip gratuito” domenica  30 settembre, dalle 9 alle 12, in piazza Umberto I (villa comunale) a Casarano. Ad organizzarla è l’associazione “Oraa onlus”, che dal 2005 gestisce il canile comunale, in collaborazione con il Servizio veterinario ed il patrocinio del Comune. I promotori ricordano che la microchippatura del proprio cane è obbligatoria a norma di legge con l’iscrizione all’anagrafe canina regionale informatizzata (Acir), istituita con deliberazione della Regione Puglia numero 828 del 23 maggio 2008, prevista per il contenimento ed il controllo della popolazione canina. I proprietari dovranno consegnare la fotocopia di un documento di identità e del codice fiscale. “Non comprare cani, adotta dal canile!” lo slogan scelto per la giornata.

 

Gallipoli – Mentre si avvia a conclusione il calendario “Hello from Gallipoli” con gli appuntamenti che hanno accompagnato la stagione estiva, dal Comune si sta già pensando al cartellone degli eventi natalizi. È infatti di queste ore un avviso pubblico per reperire idee e iniziative da inserire nel calendario natalizio 2018, che coprirà il periodo dal 6 dicembre al 6 gennaio.

Per il secondo anno consecutivo, dunque, l’Amministrazione comunale è aperta a collaborazioni con privati e associazioni per organizzare spettacoli dal vivo, cori gospel, mercatini tipici natalizi, piste di ghiaccio, sfilate a tema, esibizioni di artisti di strada e attività culturali, con particolare riferimento alle iniziative rivolte a bambini e giovani. Principali location degli eventi natalizi saranno piazza Tellini, piazza Aldo Moro e le stradine del centro storico.

Puntiamo su qualcosa di attrattivo sia per i cittadini che per i turisti, con uno spazio importante riservato ai più piccoli – afferma Antonella Russo (in foto), assessore a Turismo e Spettacolo. – L’obiettivo è incrementare le presenze in città anche durante il periodo natalizio. Ora mi aspetto la risposta da parte dei commercianti e delle associazioni cittadine, per capire insieme cosa fare. Credo che soltanto con la collaborazione di tutti si possano ottenere grandi risultati e far crescere Gallipoli”.

Le domande dovranno pervenire entro venerdì 12 ottobre, indirizzate al Comune (Servizio Politiche Culturali e Turismo) e consegnate al protocollo dell’Ente (presso la palazzina municipale di via Pavia) o inviate tramite pec all’indirizzo turismo.comunegallipoli@pec.rupar.puglia.it. Per informazioni si può contattare la referente Adele De Marini, al numero 0833.275538 o via mail a turismo@comune.gallipoli.le.it. Il Comune concorderà con i privati i servizi da mettere a disposizione, mentre i proponenti dovranno indicare le esigenze tecniche e logistiche utili alla realizzazione dell’evento, dimostrando di avere i certificati previsti dalle normative vigenti in materia di sicurezza per impianti e attrezzature.

Aido Casarano

Casarano – Si rinnova in oltre 1.400 piazze d’Italia “Un Anthurium per l’informazione”, la campagna di sensibilizzazione sulla donazione e il trapianto di organi promossa dall’Aido. La 17^ giornata nazionale di informazione e autofinanziamento si svolge con l’adesione della Presidenza della Repubblica. I volontari saranno presenti, sabato 29 e domenica 30 settembre, anche il alcuni centri della provincia di Lecce per incontrare i cittadini, offrendo una piantina di Anthurium andreanum (simbolo della giornata), e dare loro informazioni sull’importanza della donazione, “come valore sociale e come opportunità per salvare la vita a chi non ha altre possibilità di sopravvivenza”. Le offerte ricevute saranno finalizzate a ulteriori campagne informative e alla ricerca sui trapianti.

Le piazze coinvolte A Casarano i volontari dell’Aido saranno in piazza San Domenico (nella foto), sabato dalle 17,30 alle 20.30 ed il giorno dopo dalle 10 alle 13. Altri centri coinvolti quelli di Taurisano in piazza Castello, a Collepasso in piazza dante, ad Andrano in piazza Madonna delle Grazie, a Corigliano d’Otranto in piazza Vittoria, a Melendugno in piazza Sant’Antonio e a Lecce in piazza Sant’Oronzo .

Nardò – La danza al servizio della solidarietà: domenica 30 settembre, a partire dalle ore 19, piazza Cesare Battisti ospiterà diverse scuole di danza neretine che si esibiranno a turno con lo scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza. Più precisamente, gli incassi dell’iniziativa saranno donati all’Avocad (presieduta da Giovanni De Razza), associazione di volontariato al servizio delle persone con disabilità e delle loro famiglie operante a Nardò. La serata, presentata da Antonio Settanni, sarà arricchita dalle selezioni musicali del dj Francesco Chetta.

Le scuole di danza che si esibiranno sono Fawi Professional Dance di Fabiana e William Dell’Angelo Custode, Body’s Expression Dance Academy di Maria Grazia Rizzello e Giovanni Gentile, Step Up di Gianni Guagnano e Giusy Rossano, Danza Più di Enza Lupo e Angelo Zaplonik, L’École de Danse di Ninfa Fersini e il Team di Gianfranco Galeone e Biagina Calignano. Al termine, tutte le scuole partecipanti si esibiranno assieme in un unico spettacolo. Durante la serata saranno sorteggiati premi offerti dagli sponsor: il biglietto per partecipare all’estrazione ha un costo di 2 euro e si può acquistare presso le scuole di danza aderenti all’iniziativa. Il ricavato, come detto, sarà devoluto all’Avocad.

L’evento è organizzato con la collaborazione del consigliere Antonio Tondo e del presidente della consulta dello Sport Tony De Paola.

Alezio – Ritornano anche quest’anno gli itinerari di lettura proposti da Interferenze in occasione della XIV edizione della “Festa dei lettori”. La rassegna che dal 27 al 30 settembre impegnerà 65 città italiane nella promozione della lettura farà tappa anche ad Alezio venerdì 28, con un evento realizzato in collaborazione con il Presidio del Libro di Sannicola. Dalle pagine di un libro la mente va oltre i consueti orizzonti – tematica degli “SconfinaMenti” dello scorsa edizione – ma non solo: il lettore può scomporre la storia e analizzare gli avvenimenti con maggiore coscienza critica, attraverso connessioni ipertestuali e “crossmediali” con la realtà che lo circonda, gli “AttraversaMenti” che caratterizzano la nuova edizione della rassegna.

Venerdì 28 alle 18,30 Interferenze (in foto il presidente Riccardo Botto) ospiterà da El Barrio Verde Urmila Chakraborty, docente indiana della facoltà di mediazione linguistica e culturale dell’Università di Milano e il suo “Asinelli, persone perbene”, un libro sui temi della diversità, dei pregiudizi e degli stereotipi che condizionano i rapporti sociali, sia nel mondo adulto che giovanile. Il volume è illustrato dagli studenti della scuola primaria di Onore-Songavazzo. Dialogherà con l’autrice Maddalena Castegnaro, responsabile del Presidio del Libro di Sannicola. Al termine della serata è prevista la cena presso il ristorante Aia Noa di Alezio. Info: 368 573 315.

Voce al Direttore

by -
Attività produttive, turismo e ambiente in Puglia tra libera iniziativa economica e percorsi di sviluppo sostenibile: questo il tema scelto dall'Ordine dei commercialisti e...