Home Rubriche Ti amo... ditelo in rima. Edizione 2014

Conclusa la terza edizione del “Ti amo… ditelo in rima”, il concorso di “Piazzasalento” per componimenti in lingua e in vernacolo ispirati alla festa di San Valentino.  Nelle foto la serata di premiazione delle poesie scelte dal pubblico con un clic, svoltasi domenica 23 marzo nello “Spazioarte Armonauti Chinaski” ad Alezio. Gli autori hanno declamato i loro componimenti mentre gli attori del gruppo teatrale gallipolino e del gruppo “Gli amici di D” di Lecce hanno presentato vari brani a tema di autori classici. Secondo il giudizio del pubblico questa la graduatoria: “Amo te” di Daniele De Martinis (Galatone);  “Cu mme te portu” di Giorgio Tricarico (Gallipoli), vincitore dello scorso anno; “Cantu te luntanu” di Daniela Sansò (Alezio).  La redazione ha inoltre segnalato altri tre componimenti ritenuti meritevoli di evidenza: “Quatrettu” di Franco Murrieri (Matino), “San Valentinu” di Luigi Vigna (Parabita) e “Alfabeto d’amore” di Valentina Rizzo (Racale). Hanno impreziosito la serata, condotto in modo brillante e “a tema” da Danny Cortese di Gallipoli, l’intercalare sapiente della tromba del bravo Gianni Alemanno e le esibizioni canore di Viviana Casalino, entrambi di Gallipoli. Una serata magica, insomma, sospesa tra liriche ed emozioni.

concorso-poesiaEcco le poesie vincitrici secondo il giudizio del pubblico: “Amo te” di Daniele De Martinis (Galatone), “Cu mme te portu” di Giorgio Tricarico (Gallipoli), “Cantu te luntanu” di Daniela Sansò (Alezio), rispettivamente primo secondo e terzo classificato. La redazione ne segnala altre tre che ritiene meritevoli di evidenza: “Quatrettu” di Franco Murrieri (Matino), “San Valentinu” di Luigi Vigna (Parabita) e “Alfabeto d’amore” di Valentina Rizzo (Racale). Ora tutti i partecipanti al concorso “Ti amo… ditelo in rima” sono invitati domenica, 23 marzo, alle 20,30 nello “Spazioarte Armonauti” ad Alezio in una serata di serena convivialità artistica. Gli autori saranno chiamati a declamare i loro componimenti; gli attori del gruppo teatrale presenteranno brani a tema di autori classici. Vi aspettiamo.

Giorgio Tricarico

Giorgio Tricarico – secondo classificato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ccu mme te portu
manu cu mmanu
susu le jole, susu li giacinti
e sulle tuberose
caminandu…
ccu mme te portu
addu lu sole rite,
addu la luna rufiana
te ‘ncarizza
e poi comu piccinnieddi
intra la naca
nde ‘nnazzaca lu jentu
malizziusu…
ccu mme te portu
addu la ‘mbidia
se scazzaca contru
parcè te fronte tene
‘na cosa tantu crande,
nui…
ccu mme te portu
addu lu tiempu se ferma
addu jeu ulu, ulu, ulu
comu ula ‘na cumeta
susu a ’na nuveja.
Ah, ci putìa nascire
mille fiate
ccu me racordu sempre
te ddu tiempu.
Sinti comu lu fischiu
te lu jentu,
sinti comu l’acqua
quandu chiove
comu lu focu schiattaddusu
quandu arde.
Si, oju nascu ‘ntorna, mille fiate
ccu tte stau te coste, sempre,
ogne minutu.
Chianu, chianu
t’ággiu canusciuta,
chianu chianu
t’ággiu ulutu bene,
chianu chianu
m’ággiu‘nnamuratu.

Giorgio Tricarico – Gallipoli

I mariti si dice son tutti uguali
ma ci sono quelli assai speciali,
il mio, poi, è una rarità,
una frittura mista, una bontà.
Te lo dico spesso senza alcun pretesto:
di questa vita mia
tu sei l’insegna e la poesia.
Quando poi non ci sei
incubi sono i sogni miei.
Tutte le miei follie sai sopportare ,
senza di te non saprei stare.
Sei tu il tramonto, il temporale,
il sole, che per me fai ritornare.
Il tormento, l’ansia, la fantasia,
tu sei per me l’anima mia.
Se non ci fossi t’inventerei,
per tutto il mondo ti cercherei .
Dopo trent’anni d’amore e di pazienza,
di te non posso fare senza.
E stai sicuro che finché vivrò
per tutta la vita io t’amerò

 

Rosalba Zecca – Taurisano

 

Vo’ me sposi?
Se sape,ca lu dialettu
nu sempre è perfettu,
ma ieu tegniu nu prugettu
ca nu nne affattu mperfettu
è nn’affettu chiusu chiusu ntra ‘nu cassettu
ca propriu osci oiu te trasmettu
Propriu ca nu ssu ommu te passegginu
e tie si ncora na beddha signurina
e nu certu ricurdinu me fice principinu;
sarà ca poi lu testinu spessu è divinu
e lu pustinu tannu era più ca ddivinu
osciu te fazzu nu bellu nchinu
e te ddhummannu chinu chinu
vo me sposi mia beddha signurina?
oi unisci cu mie st’urtimu camminu?
te offru l”anima mia,la manu stracca,
ma ncatinata a tie per l’eternità.
Me voi Anima mia?

Tonia Pisanello – Presicce

Ti abbraccio forte con amore

nel vano tentativo di sfiorare il tuo cuore,

lo sento in un battito lontano

come quel primo giorno in cui baciai la tua mano.

Ho arredato i tuoi silenzi con le mie paure

 le tue lacrime  scioglievano le mie parole dure

mentre i miei passi si facevano più pesanti

vedevo Te camminarmi davanti.

Scalzi i nostri cuori su percorsi accidentati

stanchi gli sguardi su pensieri tormentati.

Ho svestito da tempo il mio orgoglio,

ne farò dono un giorno a mio figlio.

Lamento un graffio al petto dolente

cerco il tuo sguardo dolce e sorridente

mi avvedo solo ora che il tuo cuore sanguinante

è trafitto da spine e graffi, ma è pulsante.

Ora comprendo perché il tuo passo mi precede :

proteggi il mio cuore e la mia poca fede

le spine del tuo cuore dovevan essere le mie,

dopo anni di preoccupazioni, ansie e traversie.

Ora dopo tanto tempo tutto mi è chiaro

con accanto il tuo cuore il futuro sarà meno amaro.

Ti abbraccio ancora una volta con amore

nel vano tentativo di sfiorare il tuo cuore.

Ti Amo

 Antonio Campeggio  – Parabita

 

Tutte le poesie d’amore sono ridicole.
Figuriamoci la poesia di un umile poeta innamorato,
Ridicola!
Ridicolo a trent’anni credere al Natale.
Ridicolo saltellare per strada stringendoti la mano.
Ridicolo oggigiorno scriver mille lettere d’amore.
Ridicolo il mio sorriso fluttuante.
Ridicola l’eterna promessa di amarti per sempre.
Ridicolo non ragionare ma ascoltare il cuore.
Ridicolo fidarsi solo delle tue carezze.
Ridicolo emozionarsi al tuo sol pensiero.
Ridicolo perdersi fra l’odore del tuo cuscino.
Ridicolo apprezzare tante cose della vita solo grazie a te.
Ridicolo progettare il nostro futuro in questa società liquida.
Ogni notte nel mio letto sospiro, felice di essere Ridicolo.

Josè Pascal di Comuncè – Botrugno

 

Ddara sira ulia tte sacciu scusciatàta
mentru quardu ‘n cielu e poi me riti,
ḍr’ immagine te tie me l’ia rrubbata
e t’aggiu vista, sarà ca nun ci criti.

A mmenzu l’infinitu firmamentu
brillavi cchiuj te tutt’e meju stelle.
‘nu seculu è duratu ddru mumentu
‘nu jentu sculiscìa rrizzandu ‘a pelle.

Jentu comu ‘nu suspiru chinu te tristezza,
‘nu strìnculu te chiantu ndusse all’occhi,
‘a luntananza ‘nfame ca l’amori spezza
me lassa sbacantùtu bramandu ci me tocchi.

Core ntossacatu se ‘nfaccia t’intr’u nenzi,
rrivu llu ‘ncarizzu cu lle punte ti panzieri,
all’anima se bbìvara e me trapàna i senzi,
jeu era senza vita ci osci tie nun c’eri.
Luigi Vigna – Parabita

 

Pija la luna e mbracala a ‘nu filu,

(macari quannu è propriu china china)

Poi scucchiete lu meju postu an celu,

e mpennila, ppuntata a ‘na puntina.

 

Poi pija te le stiddrhe ‘na francata,

sparpajele te costi pè cuntornu,

(comu fuciddrhe te ‘na fiaccolata)

cu ddumene la notte quasi a giornu.

 

Nu jentu te levante finu finu

Lu rusciu te lu mare quasi carmu,

lu ndoru te la paja e de lu fenu,

lu cantu te ‘nu criddrhu pè cumpagnu.

 

Penza a ci te porta intrha ‘llu core,

(pè ‘n’attimu riscorrete le pene)

Ssuppulu poi ‘nu tisciuti intrha ‘mmare

E an celu scrivi cranne: TE OJIU BENE!

 

Franco Murrieri – Matino

Quant’ulia cu essu ‘nu cardillu,

cusine ulandu su ‘llu muru

scia cu mme mbiru intr’a dd’acqua

addu le chiumarde li scoji nguccene;

quant’ulia essu ‘nu cardillu,

cu spattarisciu l’ali su ‘llu mare

secutandu l’arbe de ‘nu giurnu nou

addu spuntiddene rasci tinti d’amore;

quant’ulia essu ‘nu cardillu,

cu saju e cu stau de coste alla luna

scusciatatu, e de l’arcu de lu celu

spiava e ncarizzava li sonni toi;

quant’ulia essu ‘nu cardillu,

cu mme mbulutu intr’allu jentu,

cusine ulandu comu ‘na cumeta

te nducia pe rracalu lu cchiu beddu fiore.

Ma, poi, parcete ulia essu cardillu,

mare, luna, celu o jentu,

jeu su cuntentu,

parcete Teve sinti la frascidda

ca schiattariscia int’allu core.

 

Vastasi – Gallipoli

 

Lo so, ti sembrerà strano
vedermi qui ad accarezzarti la mano;
da tanto tempo non lo facciamo più,
come il nostro rapporto che, ormai, va su e giù.

Eppure ricordo con molta nostalgia
i primi momenti di amore alla follia:
baci rubati, sguardi birichini,
furtive carezze, complici sorrisini.

La nostra vita era più leggera,
la parola tra di noi semplice e sincera;
ora tutto è tremendamente complicato,
non stabile, quasi accampato.

Vorrei con te riprendere il cammino
e far ri-nascere un rapporto genuino,
perché, se da un fiore nasce un frutto,
io ti amo ancora … nonostante tutto!
Vito Chiffi – Presicce

L’amore è…
nel più buio angolo del tuo cuore
porta luce l’amore.
I tristi giorni veste di primavera
e ti fa sentir felice e fiera.
Con melodie di violini accompagna gli amori
dipingendo orizzonti di accesi colori.
A volte fa soffrire, altre fa sognare
ma quando va via ti fa star male.
Non vedi l’ora che l’amore ritorni
perché è come restare senz’acqua per giorni e giorni.
Ed è tremenda la sete
quando solo con l’amor si vivono giornate liete.

Elena Casarano – Alliste

 

C’è sempre nei pensieri un qualche cosa
che ti distrae anche se t’avvince
è sempre quella amata casa rosa
che dentro la mia mente non si stinge.

In quella casa un dì colsi una rosa,
la deposi per sempre nel mio cuore
il mio pensiero è vivo e non riposa
al sol pensarci provo ognor tremore.

Oggi sono quassù, in cima al colle,
osservo muto, e con il cuore afflitto,
i campi arati e rosse son le zolle
come la casa che vorrei in affitto

per respirar l’affetto che m’ha dato
le sue carezze dolci sulla pelle
che da più anni ormai non m’ha più dato
a cui ripenso come un imbecille.

Ma tra noi due non so chi sia più stolto
in fondo non rinuncio a un vero amore,
e se al mio affetto più non porge ascolto
è lei che ha chiuso i palpiti del cuore.

Ma se è felice di siffatta scelta,
se più non prova in petto sentimento
è lei che la passione ha ormai divelta
io di donarle amore non mi pento.
Salvatore Armando Santoro – Donnas (Ao)

 

Ero ferma nel porto della vita,
ormeggiata tra pensieri e delusioni.

Ma un ciclone ha spazzato via ogni certezza,
ritrovandomi in balia
del vento e delle onde.

Ma la luce del tuo faro
mi ha indicato la direzione dell’amore.

Mi hai ridato lucentezza
ed io come la luna ho illuminato
la tua rotta che ci ha reso indissolubili.

Ora, non c’è tempesta
che ci dividerà
perché insieme
l’orizzonte non fa più paura.
Francesca Cafiero – Acquarica del Capo

Ho visto
il mondo intero
in una manciata di
sabbia
Il cielo nell’interno d’un petalo
d’un fiore
Ho tenuto tra le braccia rinchiuso,
per qualche minuto il mistero
della continuità.
Ho scoperto ove diviene vita l’amore.
Ho guardato il mare dalla cima più alta
del colle, senza riuscire a
vederne la fine.
Ho guardato in fondo all’orizzonte
senza avvistare
confini.
Ho provato la stessa cosa
quando fuggivo e mi accorsi
che eri l’amore.

 

 Giacomo Di Mauro – Racale

Dormi dormi piccola mia,
chiudi gli occhi e lasciati andare,
qui al tuo fianco ci sarò io a vegliare.
Ora respira piano piano,non ti preoccupare,
pensa al nostro
amore e inizia a sognare!
Sì sognare, come quando la prima volta ti ho conosciuta,
fin da subito mi sei piaciuta.
Eravamo solo due ragazzini, piccoli e innocenti,
ma con il cuore pieno di sentimenti!
Con tanta gioia e un po’ di imbarazzo,
ti presi per mano dicendoti : “di te son pazzo!”.
Ora da quel giorno, diciassette anni sono passati,
ma credimi, io vedo sempre due ragazzini innamorati.
Tante ne abbiamo passate, di belle e di brutte,
però non ti nego che per te le rifarei tutte.
Dormi dormi, e se sentirai una piccola carezza, non ti svegliare.
è il nostro piccolo angelo che ci è venuto a trovare…
Sì così, dormi tranquilla e beata,
almeno nei sogni puoi giocare con la nostra piccola amata.
Ora poso il capo, ormai mi lascio andare,
voglio raggiungervi in sogno per potervi abbracciare…
E oggi come allora, ti prendo per mano,
e con un ultimo sforzo, ti dico” ti amo!”.
Alessandro Protopapa – Racale

 

Cercavo l’amore,
lo chiesi a un girasole
e muovendo i petali
mi indicò il sole.
Cercavo l’amore,
lo chiesi a un bambino,
e mi mostrò la sua mamma
e il suo giochino.
Cercavo l’amore
lo chiesi a un anziano,
e si avvicinò a sua moglie
e al suo divano.
Cercavo l’amore
lo cercai per ore,
volevo conoscerlo
gustare il suo sapore.
Ma poi una vocina dal mio cuoricino
mi disse “eccomi, è qui il mio posticino,
non mi cercare per valli e per ore,
ma ricorda sempre: sei tu che puoi dare amore”

Irene Camisa – Gallipoli

 

 

 

 

Daniela Sansò – terza classificata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si banutu te luntanu
e lu destinu ndave pijata la manu.
Cù dra cortesia e cù dru core te signore
hai saputu leggi intra dr’occhi
ca erane stutati e ormai rassegnati.
Ci l’amore nù lu ole,nù po’ capire
quantu sole trase intra lu core.
E poi…te grandi,ancora chiù significatu tene dra parola.
Te lu scuru nde ndimu ssuti
chianu chianu e cu curaggiu
Quanta paura intra dru sguardu!!
E se,picca picca,nu erene pertu dra porta
quantu amore erane persu…
Nu sacciu cci ghè statu
ma dru brividu ca rrivava te certu nu era friddu.
E mò,stamu quai,tutti toi,
cù dre mani sempre strinte
cù dre carezze te piccinni
ca sulu nui putimu capire..amore meu!!
Percè,l’amore veru,nu sse troa
e mancu se nventa.
L’amore veru nasce te dra manu
ca te pija tutti li giurni
ca te cerca e ca te scarfa lu core.
Ringraziu Diu ca aggiu ntisu dru cantu
ca rrivava te luntanu
e sempre,chianu chianu,
nde curamu dru core ca l’addri nderane spazzatu
Percè l’amore nosciu è grande,
è semplice perché Diu ave ulutu cu nde cchiamu.

Daniela Sansò  – Alezio

 

 

Attraverso gli occhi tuoi
profondi,
neri e argentati,
vedo l’immensità dei mari
e i cieli azzurri
e sconfinati.

Vedo la bonta’
dei tuoi pensieri,
la tua serenita’
e la sicurezza,
il tuo limpido coraggio
e l’innata tenerezza.

Tu sei l’apice
dei miei sensi,
il mio ristoro eccelso,
la guida sovrana
di ogni mio verso.

Sei come la candida Aurora
dal seno nudo,
che spande l’armonia
per l’universo.

Gino Montesanto – Taviano

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...