Home Rubriche Ti amo... ditelo in rima. Edizione 2012
Le poesie del concorso "Ti amo... ditelo in rima", edizione 2012

 

Sia ca è statu ieri ca n’imu spusati
e moi simu tantu ’nvecchiati…
quanti San Valentinu su passati
e nui nu l’imu mai festeggiati!
E puru dice ca ete lu protettore te l’amore
e quindi l’imu ringraziare cu tuttu lu core!
Puru ca n’imu fatti cranni è rrivata puru l’ura
cu ne dicimu ”ti amu” senza paura!
L’amore è veru,l’amore è bellu
puru quannu sinti vecchiarellu!!

 

Ti amo e ti son grato
perchè in te ho trovato
il mio sogno realizzato.
Dapprima fidanzati
e di seguito sposati,
la storia va da sé
che siam diventati tre.
E son proprio fortunato
ad averti incontrato,
perché con te vicino
a me batte il cuoricino.
L’infinito or ci unisce
e tutto ciò non mi stupisce.
Nel tuo sorriso trovo il sole,
nei tuoi gesti vedo l’amore.
Mi cullo nella tua serenita’
e trovo forza nella tua semplicità.
Ho voglia di farti star bene
in questa nostra vita insieme.
E nella gioia e nel dolore
trovo mille parole,
mille aggettivi,mille modi di spiegare
ciò che è così normale…
Ti  amo amore mio

Mbrazzame,
mbrazzame forte.
Le barche sta tornane
alla marina
e la gente
passeggia calma su’ ‘lla via:
cci spettaculu!,
me sembra na macaria.

Stringime,
stringime forte.
Calandu lu sole…
alla luce nde chiute le porte.

Cuarda amò … ddhri to’ carusi,
moi te la chiesa su’ ssuti.
Manu intra ‘lla manu … tutti prasciati,
nu spicciane cchiu te essere fotografati.
Me ricordane nui…
quanti anni su’ già passati!

Tenime,
tenime forte.
Appena è sera la città…
nu presepiu pare già.

Te ssu’ ‘lla culonna la madonna,
comprensiva e preoccupata,
tutti benatice,
n’addhra fiata;
e an cielu la luna sembra ca tice…
bona furtuna!

Stringime
e vasame forte,
ca crai se torna alla fatica
e cu putimu sta macaria ‘ncora ammirare
n’addhra samana ave passare.

Mbrazzame,
mbrazzame forte.

Amo guardare il tuo sorriso,
timido e sensuale, appena accennato,
mentre tra le mani ti tengo il viso
e ti accarezzo il cuore con le mie parole.
Ti sei accorto di me
quando sconfitta,avvilita,
non sognavo più…non ci credevo più.
Ti sei accorto di me
quando ero con le spalle al muro
e mani tese in avanti
pronta a difendermi,
a giustificarmi,
arresa alla mia triste vita.
Avrei voluto girarle intorno
per chiederle tante cose
ma se avessi saputo prima
cosa era nascosto dietro l’angolo
forse il mio destino sarebbe stato un altro.
Tu mi hai creata, amore mio,
quel giorno con felicità,
con la stessa ti seguo ancora e
anche se il mio corpo è lontano,
la mente corre sempre dietro a questo filo.
È un pensiero lancinante
che mi procura bene ed affanni
che provo a lenire con la stessa calma
degli abissi sotto un mare
impetuoso e ribelle.

Amo tutto ciò che mi sorprende,
amo tutto ciò che stravolge le mie convinzioni,
che mi spinge all’imprevisto
ad amarti ogni giorno sempre un po’ di più.
Cerco l’attimo e come per magia,
mi dai tutto senza nulla chiedere.
E’ la felicità che alimenta la voglia di stare con te,
è l’ilarità che mi fa capire che sei tutto ciò che voglio.
Il desiderio sia in te come l’abitudine nell’ipocrisia.
Condividere con te la vita è compensare tutti i miei vuoti,
è qualcosa che spinge a non tradire,
ad essere sincero, ad esserti devoto.
La tua anima mi inebria come musica,
mi fa amare, mi fa emozionare , mi fa appassionare.
Ti sarò riconoscente per la vita
perchè con te ho capito che si può cambiare.
Improvvisamente si scopre di avere un’ anima sensibile
perchè si capisce che è l’amore a fare la felicità.

San Valentino è davvero la nostra festa..
si celebra un sentimento che dà alla testa…
ma per me di giorni così ce ne sono svariati…
ogni volta che un “Ti amo” ci siamo scambiati….
tutto ad un tratto diventa incantato…
tanto da togliermi di colpo il fiato…

Quindi grazie non solo per questa giornata…
ma per tutto il tempo che mi hai amata…
per tutto quello che ancora farai
e x avermi promesso di non lasciarmi mai…
Sai non sono importanti i regali costosi…
a me basta sapere che saremo per sempre sposi…
Ti amo ti riamo e ti amo ancora…

Auguri col cuore … la tua futura signora.

 

Cara mujere mia,
tuttu quiddu ca te pozzu rricalare osci ete sta poesia.
Ulia cu te ticu quantu sinti beddhra
comu lu primu giurnu, cu dda veste, ca parivi da steddrha.
Quante nd’imu vissute,quante nd’imu ttraversate
tra fore e le cambiali le sciurnate l’imu passate,
ma turnandu te la fatia straccu e struttu
quandu te guardava intra ll’occhi, me riscurdava te lu bruttu.
Tra patate e peparussi te chiantare
nu aggiu mai bbutu tiempu mutu te cuntare,
parduname, e ci è tardu cu tu ticu, sia:
si stata a cosa cchiu beddra te la vita mia!!
Ddru giurnu te la Lizza te mintisti ddra gonna
eri a cchiu bbeddra te li picciotti, parivi na Matonna.
Intra ll’occhi toi celesti me paria te natare,
ma mancu intra lle fotu l’aggiu vistu mai lu mare.
Sotta la guerra partivi e divantai partigianu,
te sunnava tutte le notti cu la vera alla manu.
Comu te prumisi te ddra brutta guerra te te turnai
e cu ddu picca te sordi ca tanine all’altare te purtai.
Aggiu fattu lu furese, lu scupachiazze e lu zzoccatore,
ma m’hai fattu sempre santire cchiu mportante te nu duttore.
Osci te quassù ieu te guardu e forse nu llu sai
quantu pacava cu stia n’addra ora cu bui addrai.
Porta pacienza cu li piccinni e cu li crandi,
puru ci addu paese, certe fiate, te vene cu li mandi.
Prou cu te lu ticu comu te lu mmeriti, in itagliano,
cu te lu scriu bonu, e cu no scerro, speriamo
Moglie mia, amore mio…ti amo!!

Sulamente quatthru scosce te parole
ci su mmute nc’è pperìculu cu sthrùbbane,
sentu ca stu core nu sta sbatte comu nci ole,
sta mmalazza e inthr’u piettu nu rrimane.

Se nde zzumpa e ggirandu vacabbondu
spera tantu a qquarche ccosa llu ripija,
se ddafrìdda rresta fermu nnu secondu,
se manìscia nc’ete u sangu sta nne quaja.

Nn’addhru te listessa pasta s’à truatu,
mme torna rretu nu mbole cu nde sente,
tie si dduce, l’à capitu e s’à ncuddhratu,
sta senza cumandu e nnu sse nde pente

Azza l’occhi an celu, u tua e sse tispiace,
a mmie se nd’ula pe ccummertazzione,
mme lassa sulu nu ssente ca è ccapace,
lu sthruncunìscia u rimorzu ta passione.

suli nu nci stannu, te paru lu capimu,
nu stozzu t’ogne vvanda nde llavamu,
cu lle mani li scarfamu e lli giungimu.
l’ampa zzicca ardire,i cori li ncucchiamu.

A Santu Valentinu
ulia cu nde ticu
cu face nna crazia
a tutti li nnamurati,
cu cuntene te menu
e cu sse amene te cchiui
cusì ete cchiù beddru
lu mundu pe tutti nui!|
Te lu giurnu sou,
se facene prumesse
se facene recali,
ma la cosa cchiù beddra,
ciuveddri l’ave capita,
ca basta sulamente
nna frase sussurrata,
ma cu essa sincera
e titta cullu core:
“Ti amo e ti amerò per sempre
mio solo e grande amore”

 

E’ difficile amarti poco
è facile amarti molto
il sigillo dei baci
il tormento dei sensi
la corsa in macchina per amarti
i baci sotto le stelle
le carezze sotto gli alberi
e camminare stretti
tutt’uno…
E chiamarti amore…
E gli sguardi che racchiudono un discorso
e le mie paure
e la tua sicurezza…
E finisce il nostro viaggio,
e la notte ci separa
e torniamo a vederci
confusi tra gli altri
la mia allegria, la mia sicurezza,
ma solo per poco…
L’azzurro del mare,
il sole splendente
una scusa per rimanere soli
il bacio dell’addio…

 

Vane dicendu ca San Valentinu
è la festa te ogni cretinu
e basta guardi nu picca la televisione
cu te accorgi ca ane propriu ragione!
Viti vagnune ca olane solu lu danaru
e masculi ca nde guardane solu lu ’panaru’…
su diventati te moda ormai li tradimenti
ca nu te meravigli chiui qundu li sienti…
quandu se sposane nu pensane ca alli vestiti e lu mangiare,
e dopu mancu n’annu se vane a divorsiare!
Ma ieu oiu sacciu addru abbimu rivare?
Intra stu mundu tuttu sa de cangiare!
Addru su sciuti li valori te na fiata,
osci ca nu se sopportane mancu pe na sciurnata?!
Mo vagnuni nu be scoraggiati
ca qualcheddunu cullu core prima o poi lu chiati,
l’amore ncè…quista è la verita’
e nu ncè limite d’età!
Ieu intra stu mundu cusì maledittu
l’amore meu me lu tengu strittu,
e ui ca sta laggiti sai ci abbiti fare?!
stu San Valentinu cu tuttu lu core l’abbiti festeggiare!

 

De sti tiempi, puru li cori sane ddhafridduti
e save persu lu sensu te l’amore.
Tutti pè nu giurnu all’annu, suntu nnamurati
ma la sciurnata dopu, sane già rescurdati.
Quandu sinti veramente nnamuratu
lu core tou nu stae mai reggiattatu e
pe trecentusessantacinque giurni l’annu stae sempre travajatu…
L’amore ete na cosa speciale
ca te face mpaccire
te sienti tuttu stralunatu quandu
iddhu, pe manu la prima fiata, tave pijatu.
Quiddhu ca provi nu se pote dicire,
ete na cosa ca sulu cinca ete nnamuratu
pote capire.
L’amore ete na cosa speciale…
ma sulu pe cinca sape amare.

 

Ogni giorno si amano sempre più,
che sanno prendersi e comprendersi.
Beati quelli che,
non si amano solo nella festa che canta l’amore
ma che sanno piacersi a tutte le ore.
Beati quelli che,
sanno essere come magneti:
si attraggono
e scatenano tutto l’amore che c’è!
Beati quelli che,
provano amore perchè faranno nascere solo amore
litigando si, per riappacificarsi poi.
Beati quelli che,
custodiscono il segreto della passione
poichè non ci sono nè tempi nè regole: arriva inaspettatamente.
Beati chi, come me, ama incondizionatamente e perdutamente,
chi come me, si sente protetta, capita, sostenuta, ascoltata.
E allora lo abbraccio, così,
senza chiedergli nulla,
per paura,
che non sia vero, ma credere che esista sul serio chi mi ama!

 

Non credevo nell’eterno amore,
fino a quando
non mi hai illuminato il cuore!
Da ragazza la mia mano tremava,
ma il tuo forte abbraccio
mi tranquillizzava.
In qualche momento
mi son sentita affranta,
ma la forza del tuo amore
scolpiva anche il tempo in lontananza.
Il mio viso giovane non è più,
ma tu…
mi guardi ancora come in gioventù.
Scopro una ruga che segna i nostri visi
ma subito scompare tra i nostri sorrisi
La vita scandisce un tempo inesistente,
solo perchè il nostro cuore non mente.
Qualche capello bianco e nulla più,
solo un ”Ti amo”,
come quello che tremava in gioventù!

Le stelle
splendono nel cielo,
mentre un angelo
apre le sue ali
e mi tende la mano…
Ti amo,
perchè sai dare un senso alla mia vita,
perchè mi consoli,
quando vivo la tempesta che è dentro di me.
Sei l’immagine
che spegne
il silenzio e la solitudine che ho dentro,
Sei un soffio d’infinito
che mi culla in un mondo imperfetto,
Sei la voce
che suscita speranza e pace nel mio cuore.
La mia vita si abbandona
al fruscio delle tue ali,
il rumore dei pensieri si placa,
i miei occhi lentamente si chiudono
e il sogno d’amore
si assopisce per sempre.

 

Tie… Cenerentola eri:
cù la mantera ’nnanti,
e mani ca nunn’iene
canusciutu cuanti.
Ieu…Re senza curuna.
La porta te tuzzai.
– Ci òi- te tissi
-te portu su la luna,
ca tegnu ’nu casteddrhu propriu addrhai,
chinu te marmi e de culonne t’oru.-
(Ma sulamente cù la fantasia)
E’ tutta quista la ricchezza mia!
Tie… mancu la mantera te llevasti!
-Me basta!-Rispunnisti.
Me testi ’a manu e me secutasti.
Te tannu…stamu ’ncora ’qquai:
tie…sempre Cenerentola,
cù la mantera ’nnanti,
e mani ca nunn’ ànnu mai
purtatu cuanti.
E ieu sù ’ncora Re senza curuna.
Ma tutti ’ddoi patrhuni
te ’nu casteddrhu…
ammenzu ’mmenzu ’a luna!

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...