Home Rubriche Simu Salentini

Simu Salentini

"Simu salentini", la nostra rubrica dedicata alla riscoperta della cultura e delle tradizioni della nostra terra.

di -
0 23

I quaranta giorni della Quaresima costituiscono il periodo più ricco di riti che diventano ancora più intensi nella Settimana Santa. Periodicamente all’interno e fuori della Chiesa si parla del valore delle tradizioni religiose...

di -
0 137

Da sinistra: il menhir "Crocicchie" individuato nel 1885 da Cosimo De Giorgi all'uscita di Taviano. Oggi un monolite che corrisponde alla descrizione fatta dallo studioso si trova all'esterno del villaggio di Castelforte...

di -
0 164

Giovanni De Vittorio avrebbe voluto legare il suo nome e i suoi beni a una istituzione benefica a vantaggio degli ammalati poveri. Per questo alla sua morte, avvenuta nel 1918, aveva donato...

di -
0 229

Nardò. Antonio Bianco, Giovanni Carafa, Arturo Carrozza, Giuseppe Cucci, Mario De Pascalis, Antonio Pagliula: sei i neretini, oggi scomparsi, insigniti dal Presidente della Repubblica della Medaglia d’Onore dopo essere stati internati o deportati...

di -
0 273

Appese ai balconi, sulle terrazze, agli incroci stradali, davanti all'uscio di casa, come questa nella foto ripresa a Tuglie, le "caremme" hanno le medesime caratteristiche: aria severa, una conocchia per filare, un'arancia...

di -
0 627

Nel segno del fuoco è iniziato anche quest’anno il Carnevale con le “focare” e “focaredde” nella festa di S. Antonio Abate che ne segna l’inizio; terminerà il 17 febbraio, martedì grasso che precede...

di -
0 297

L’annu vecchiu preccupatu ca nu bidia rrivare quiddu nou, se ‘nfacciau intra le viscere de lu tiempu cu descia na guardata e bitte stu picciccheddu misu a na ripàta cu la capu chicata ca se disperava -Embè? - nde disse cci su’...

di -
0 401

La regina si mette il vestito nuovo a Capodanno, le signore nobili il giorno dell'Epifania, le donne del popolo a Pasqua e a Natale. Nella lingua "te lu tata" così recita il detto...

di -
0 289

GALATONE. “Lu giurnu di santa Lucia la tia llunghesce quantu lu passu ti la chiaddhrina mia”: usa questo detto dialettale il professore Francesco Danieli per spiegare la tradizione galatea del falò di Santa...

di -
0 502

Ci sono modi di dire che sinteticamente spaziano dal campo semantico che gli è proprio, riuscendo ad esprimere molto di più di quello che indicano. Prendiamo "De la Mmaculata, la prima pittulata". Alla...

di -
0 285

l'autore del libro Remigio Morelli TAVIANO. “Muti passarono quella notte i fanti”, inizia così la seconda strofa della “Leggenda del Piave” di cui tutti conoscono  versi più famosi: “Il Piave mormorò, non passa...

di -
0 456

È proprio nei periodi di crisi che diventa più forte la voglia di affermare la propria identità, di ricordare il punto di partenza, le tappe del percorso fatto, lo stato presente ed infine...

di -
0 152

Bisogna leggerlo due volte e forse non basta ancora, l'ultimo libro di Antonio Errico, "La pittora dei demoni". La prima volta si resta affascinati da quella capacità di manipolare le parole, di caricarle...

di -
0 778

Si possono fare tutti gli scongiuri possibili al passaggio di un carro funebre, una cosa è certa "La morte, ci prima e cci dopu, tutti n'errìa". Semplice  questione di tempo, nient'altro. Tutti uguali,...

di -
0 254

Uno scorcio di via Sanseverino A Nardò si santificano le strade. Sarà, forse, per una toponomastica distribuita senza adeguata informazione, ma tra i neritini, da anni, regna ormai una profonda confusione nell’intitolazione delle...

di -
0 301

Una classe delle scuole elementari di Alezio negli anni cinquantaCi siamo, si ricomincia. Per migliaia di ragazzi e centinaia di docenti si apre un nuovo anno scolastico. Si ricomincia in giorni...

di -
0 190

Sofia Schito C'era una volta a Felline. Storie di uomini di brigranti e di amore - di Sofia Schito Era un’anima senza Dio. A undici anni era andato a lavorare il giorno dopo la...

di -
0 593

Cè anche il nocino di S. Giovanni. Nella notte in cui può succedere di tutto, si devono raccogliere 24 noci, si tagliano a spicchi e si mettono in un vaso di vetro in...

di -
0 454

TUGLIE. “Storia e patrimonio industriale a Tuglie: le fabbriche di olio, vino e spirito tra età moderna e contemporanea”. È questo il titolo del volume presentato nei giorni scorsi a Tuglie, promosso dall’Amministrazione...

di -
0 467

Dieci anni dalla fondazione di un’associazione sono una tappa importante, da festeggiare “come Dio comanda”, direbbero i nostri nonni. Tanto più, poi, se  si tratta di un’associazione particolare, di salentini che hanno lasciato...

di -
0 605

Per 15 anni, sino al 2011 si è tenuto a Sannicola “Lu Masciu”, festa di maggio e un inno alla primavera con lo scambio dei bouquet floreali tra le giovani coppie in abito...

di -
0 244

Il furto notturno di 130 milioni in sigarette, penetrando dal corridoio della sala ennagonale; quei venti metri col batticuore, per paura delle rapine,  per portare gli incassi piuttosto consistenti e in contanti al...

di -
0 834

Foto storiche Carusa.it Pasquetta o “pascone” l’importante è trascorrere una mezza giornata all’aperto con uova sode, frittata e cozze crude che vengono aperte all’istante.  Fino alla fine degli anni Sessanta, meta preferita dai...

di -
0 550

L'ou cannarutu L’uovo è stato in ogni tempo, ed è il protagonista della Pasqua. Non penso alle moderne uova di cioccolato con la sorpresina nella pancia. Impensabile nel 1950. Mi riferisco invece alle...

di -
0 605

Tempo di Quaresima, tempo di antiche e spettacolari tradizioni, che, riprese dal passato, ritornano in tutti i paesi del Basso Salento. Il Giovedì santo si visitano nelle  chiese gli altari della Reposizione (i...

Voce al Direttore

di -
In un asilo di Trieste i piccoli si scambiano i vestiti. E anche i ruoli: i cavalieri sono bimbe e le streghe bimbi. Si...