Home Rubriche Simu Salentini

Simu Salentini

"Simu salentini", la nostra rubrica dedicata alla riscoperta della cultura e delle tradizioni della nostra terra.

di -
0 20

Harold Stevens GALLIPOLI. C’è un filo sottile che lega le sorti di Gallipoli durante la seconda guerra mondiale ai messaggi in codice delle trasmissioni di Radio Londra. Questi messaggi speciali erano diretti a...

di -
0 25

Francesco Tempesta con la moglie Graziella Nardò. A tenere vivo il 25 Aprile, a 70 anni dalla caduta del nazifascismo, è la voce di chi l’ha vissuto ormai da civile e nel dicembre...

di -
0 142

GALLIPOLI. Eccoli i magnifici quattro vincitori delle  edizioni del concorso "Ti amo... ditelo in rima". Da sinistra in alto in senso orario Alessia Epifani, di Gallipoli (2012), Giorgio Tricarico, di Gallipoli (2013), Daniele...

di -
0 42

La copertina del "Vocabolario dei dialetti salentini", e nel riquadro il prof. Gerald Rohlfs In principio c’era Gerald Rohlfs e il suo “Vocabolario dei dialetti salentini”, Congedo editore. Era il 1975 e con...

di -
0 126

Gli articoli della Costituzione italiana si possono "sentire" di più se ci parlano in dialetto salentino? Risulta più convincente l'incipit dell'art.3 se alla maestà del dettato in italiano sostituiamo quello salentino: «Tutti li...

di -
0 55

GALLIPOLI. Quando a luglio del 2011, e precisamente con il numero 14, Piazzasalento iniziò il percorso di “Simu salentini”, il punto di partenza era chiaro: partiamo da quello che siamo, salentini, dalle nostre...

di -
0 379

I quaranta giorni della Quaresima costituiscono il periodo più ricco di riti che diventano ancora più intensi nella Settimana Santa. Periodicamente all’interno e fuori della Chiesa si parla del valore delle tradizioni religiose...

di -
0 175

Da sinistra: il menhir "Crocicchie" individuato nel 1885 da Cosimo De Giorgi all'uscita di Taviano. Oggi un monolite che corrisponde alla descrizione fatta dallo studioso si trova all'esterno del villaggio di Castelforte...

di -
0 195

Giovanni De Vittorio avrebbe voluto legare il suo nome e i suoi beni a una istituzione benefica a vantaggio degli ammalati poveri. Per questo alla sua morte, avvenuta nel 1918, aveva donato...

di -
0 276

Nardò. Antonio Bianco, Giovanni Carafa, Arturo Carrozza, Giuseppe Cucci, Mario De Pascalis, Antonio Pagliula: sei i neretini, oggi scomparsi, insigniti dal Presidente della Repubblica della Medaglia d’Onore dopo essere stati internati o deportati...

di -
0 299

Appese ai balconi, sulle terrazze, agli incroci stradali, davanti all'uscio di casa, come questa nella foto ripresa a Tuglie, le "caremme" hanno le medesime caratteristiche: aria severa, una conocchia per filare, un'arancia...

di -
0 667

Nel segno del fuoco è iniziato anche quest’anno il Carnevale con le “focare” e “focaredde” nella festa di S. Antonio Abate che ne segna l’inizio; terminerà il 17 febbraio, martedì grasso che precede...

di -
0 306

L’annu vecchiu preccupatu ca nu bidia rrivare quiddu nou, se ‘nfacciau intra le viscere de lu tiempu cu descia na guardata e bitte stu picciccheddu misu a na ripàta cu la capu chicata ca se disperava -Embè? - nde disse cci su’...

di -
0 409

La regina si mette il vestito nuovo a Capodanno, le signore nobili il giorno dell'Epifania, le donne del popolo a Pasqua e a Natale. Nella lingua "te lu tata" così recita il detto...

di -
0 297

GALATONE. “Lu giurnu di santa Lucia la tia llunghesce quantu lu passu ti la chiaddhrina mia”: usa questo detto dialettale il professore Francesco Danieli per spiegare la tradizione galatea del falò di Santa...

di -
0 523

Ci sono modi di dire che sinteticamente spaziano dal campo semantico che gli è proprio, riuscendo ad esprimere molto di più di quello che indicano. Prendiamo "De la Mmaculata, la prima pittulata". Alla...

di -
0 331

l'autore del libro Remigio Morelli TAVIANO. “Muti passarono quella notte i fanti”, inizia così la seconda strofa della “Leggenda del Piave” di cui tutti conoscono  versi più famosi: “Il Piave mormorò, non passa...

di -
0 494

È proprio nei periodi di crisi che diventa più forte la voglia di affermare la propria identità, di ricordare il punto di partenza, le tappe del percorso fatto, lo stato presente ed infine...

di -
0 163

Bisogna leggerlo due volte e forse non basta ancora, l'ultimo libro di Antonio Errico, "La pittora dei demoni". La prima volta si resta affascinati da quella capacità di manipolare le parole, di caricarle...

di -
0 793

Si possono fare tutti gli scongiuri possibili al passaggio di un carro funebre, una cosa è certa "La morte, ci prima e cci dopu, tutti n'errìa". Semplice  questione di tempo, nient'altro. Tutti uguali,...

di -
0 260

Uno scorcio di via Sanseverino A Nardò si santificano le strade. Sarà, forse, per una toponomastica distribuita senza adeguata informazione, ma tra i neritini, da anni, regna ormai una profonda confusione nell’intitolazione delle...

di -
0 344

Una classe delle scuole elementari di Alezio negli anni cinquantaCi siamo, si ricomincia. Per migliaia di ragazzi e centinaia di docenti si apre un nuovo anno scolastico. Si ricomincia in giorni...

di -
0 212

Sofia Schito C'era una volta a Felline. Storie di uomini di brigranti e di amore - di Sofia Schito Era un’anima senza Dio. A undici anni era andato a lavorare il giorno dopo la...

di -
0 612

Cè anche il nocino di S. Giovanni. Nella notte in cui può succedere di tutto, si devono raccogliere 24 noci, si tagliano a spicchi e si mettono in un vaso di vetro in...

di -
0 468

TUGLIE. “Storia e patrimonio industriale a Tuglie: le fabbriche di olio, vino e spirito tra età moderna e contemporanea”. È questo il titolo del volume presentato nei giorni scorsi a Tuglie, promosso dall’Amministrazione...

Voce al Direttore

di -
Dai gusci spinosi, inservibili perché svuotati, ricavare una malta da riciclo per intonaci, rigorosamente biologica, con un perfetto equilibrio tra resistenza, rigidità e costo;...