Home Rubriche Simu Salentini

Simu Salentini

"Simu salentini", la nostra rubrica dedicata alla riscoperta della cultura e delle tradizioni della nostra terra.

di -
0 132

A ognuno la sua poesia, a ognuno la sua ispirazione. Diverse le motivazioni a comporre, ma il prodotto finale si traduce per tutti nella raggiunta realizzazione di sé. Per alcuni si tratta di...

di -
0 222

Il registro su cui annotava tutto Ci sono figure che nella loro comunità hanno lasciato il segno e continuano a vivere nella memoria di tanti. È il caso  della “cummare Gregoria”, la “nunna...

di -
0 117

ALLISTE. I ragazzi del 1899 erano quelli che giovanissimi, affrontarono la devastante esperienza della Grande Guerra. A 17/18 anni erano già in trincea a misurarasi con il coraggio, il dolore, l’eroismo, la morte....

di -
0 263

Il gesuita Eugenio Vetromile e Aldo Magagnino GALLIPOLI. Con oltre 150 anni di ritardo, esce anche in Italia per i tipi dell’Editore Congedo di Galatina, il libro del reverendo gallipolino Eugenio Vetromile “Gli...

di -
0 617

In redazione Nandu Popu e Mirko Grimaldi GALLIPOLI. Tutto iniziò col n. 14 del 28 luglio-3 agosto del 2011 di “Piazzasalento. Scegliemmo come logo di “Simu salentini” i Sud Sound System  che nelle...

di -
0 361

GALLIPOLI. “Siamo salentini”: avremmo potuto intitolare così quell’appuntamento quindicinale con le tradizioni, la storia, la poesia, l’arte del nostro territorio, iniziato a fine luglio del 2011. Invece scegliemmo di usare il dialetto, “Simu...

di -
0 158

Luigi Scorrano, di Tuglie, ex docente, è critico e autore letterario, umanista e saggista Un grande poeta del secolo scorso, Rainer Maria Rilke, ha scritto sulla poesia una riflessione che sembra sconsigliare dallo...

di -
0 298

Sul mare gallipolino Matteo e Nila (in basso) e l'autore del libro Antonello D'Ajello “Come le rose a maggio, una storia vera” si intitola il libro d’esordio di Antonello D’Ajello di Gallipoli, poco...

di -
0 325

Harold Stevens GALLIPOLI. C’è un filo sottile che lega le sorti di Gallipoli durante la seconda guerra mondiale ai messaggi in codice delle trasmissioni di Radio Londra. Questi messaggi speciali erano diretti a...

di -
0 232

Francesco Tempesta con la moglie Graziella Nardò. A tenere vivo il 25 Aprile, a 70 anni dalla caduta del nazifascismo, è la voce di chi l’ha vissuto ormai da civile e nel dicembre...

di -
0 282

GALLIPOLI. Eccoli i magnifici quattro vincitori delle  edizioni del concorso "Ti amo... ditelo in rima". Da sinistra in alto in senso orario Alessia Epifani, di Gallipoli (2012), Giorgio Tricarico, di Gallipoli (2013), Daniele...

di -
0 164

La copertina del "Vocabolario dei dialetti salentini", e nel riquadro il prof. Gerald Rohlfs In principio c’era Gerald Rohlfs e il suo “Vocabolario dei dialetti salentini”, Congedo editore. Era il 1975 e con...

di -
0 213

Gli articoli della Costituzione italiana si possono "sentire" di più se ci parlano in dialetto salentino? Risulta più convincente l'incipit dell'art.3 se alla maestà del dettato in italiano sostituiamo quello salentino: «Tutti li...

di -
0 123

GALLIPOLI. Quando a luglio del 2011, e precisamente con il numero 14, Piazzasalento iniziò il percorso di “Simu salentini”, il punto di partenza era chiaro: partiamo da quello che siamo, salentini, dalle nostre...

di -
0 499

I quaranta giorni della Quaresima costituiscono il periodo più ricco di riti che diventano ancora più intensi nella Settimana Santa. Periodicamente all’interno e fuori della Chiesa si parla del valore delle tradizioni religiose...

di -
0 301

Da sinistra: il menhir "Crocicchie" individuato nel 1885 da Cosimo De Giorgi all'uscita di Taviano. Oggi un monolite che corrisponde alla descrizione fatta dallo studioso si trova all'esterno del villaggio di Castelforte...

di -
0 286

Giovanni De Vittorio avrebbe voluto legare il suo nome e i suoi beni a una istituzione benefica a vantaggio degli ammalati poveri. Per questo alla sua morte, avvenuta nel 1918, aveva donato...

di -
0 522

Nardò. Antonio Bianco, Giovanni Carafa, Arturo Carrozza, Giuseppe Cucci, Mario De Pascalis, Antonio Pagliula: sei i neretini, oggi scomparsi, insigniti dal Presidente della Repubblica della Medaglia d’Onore dopo essere stati internati o deportati...

di -
0 361

Appese ai balconi, sulle terrazze, agli incroci stradali, davanti all'uscio di casa, come questa nella foto ripresa a Tuglie, le "caremme" hanno le medesime caratteristiche: aria severa, una conocchia per filare, un'arancia...

di -
0 825

Nel segno del fuoco è iniziato anche quest’anno il Carnevale con le “focare” e “focaredde” nella festa di S. Antonio Abate che ne segna l’inizio; terminerà il 17 febbraio, martedì grasso che precede...

di -
0 348

L’annu vecchiu preccupatu ca nu bidia rrivare quiddu nou, se ‘nfacciau intra le viscere de lu tiempu cu descia na guardata e bitte stu picciccheddu misu a na ripàta cu la capu chicata ca se disperava -Embè? - nde disse cci su’...

di -
0 457

La regina si mette il vestito nuovo a Capodanno, le signore nobili il giorno dell'Epifania, le donne del popolo a Pasqua e a Natale. Nella lingua "te lu tata" così recita il detto...

di -
0 344

GALATONE. “Lu giurnu di santa Lucia la tia llunghesce quantu lu passu ti la chiaddhrina mia”: usa questo detto dialettale il professore Francesco Danieli per spiegare la tradizione galatea del falò di Santa...

di -
0 622

Ci sono modi di dire che sinteticamente spaziano dal campo semantico che gli è proprio, riuscendo ad esprimere molto di più di quello che indicano. Prendiamo "De la Mmaculata, la prima pittulata". Alla...

di -
0 487

l'autore del libro Remigio Morelli TAVIANO. “Muti passarono quella notte i fanti”, inizia così la seconda strofa della “Leggenda del Piave” di cui tutti conoscono  versi più famosi: “Il Piave mormorò, non passa...

Voce al Direttore

di -
Ci siamo. Il desiderio di visitare questa terra si è concretizzato in persone, accenti, sguardi. Forse con un bel po’ di anticipo – così...