Home Rubriche Ti amo... ditelo in rima. Edizione 2013
"Ti amo... ditelo in rima" edizione 2013: le poesie a concorso

Pubblichiamo le tre poesie vincitrici del concorso “Ti amo…ditelo in rima” edizione 2013

1° posto

E poi…ulia

E poi… ulìa
Ulia ccoju pe’ tte li meju fiuri,
te secutu zzaccu poi l’arcubalenu
tte stampu susu ddi mille culuri
e poi… ccu fermu lu tiempu jeu ulìa
ccu tutte le stedde te lu firmamentu,
bedda mia.

Ulia ccu ulu susu le muntagne
e comu li caggiani su llu mare
e ci la luna te me ole tte scunde
ci poi la nija te spauriscia pe’ mascìa,
jeni, jeni lu core meu ete llu portu,
bedda mia.

E poi… lu focu te lu sole ca nde scarfa,
li trisori te lu fundu te lu mare, e poi…
farmare li tifuni e lu jentu intra lli mani,
ccu sonene ppe tte ‘na ‘ntica litanìa
quistu ulìa pe’ tte,
bedda mia.

Ma lu cèlu cialusu comu amante
te schiaffa nu tronu e tuttu se darlampa.
Chiove, chiove tuzzene alla fanescia
li nziddi…te disciti…spiccia la poisia.
E poi…e poi basta ca nde ulimu bene.
Bon San Valentinu, bedda mia.

di Giorgio Tricarico, di Gallipoli, 63 anni, ex impiegato dell’ufficio elettorale del Comune. Ha pubblicato un testo di poesie dal titolo “Nc’è parmessu” È autore anche di una commedia sempre in vernacolo che sarà rappresentata a breve: “Lu pulimmi”, il lustrascarpe.

 

2° posto

Vorrei

Vorrei fermare nel tempo
i momenti più belli
vissuti con te.
 
Vorrei custodire
nel mio cuore felice
gli attimi eterni,
stupendi,
del nostro amore…
Vorrei fermare nel tempoil volto tuo splendido,
meraviglioso,
mentre lieta la luna
t’irradia d’argento
briciole di stelle.
 
di Stefano Ciurlia, di Taurisano, 73 anni, insegnante elementare in pensione. Le sue poesie sono in alcune antologie

 

 

 

3° posto

Cu tuttu lu core
L’ amore ete comu na canzone
Canti per ore e ore
Te rimane intra la mente
Ma puru intra lu core
Ete comu  n’ ape cu lu mele.
Nu poti campare senza
E  ci ncora nu l’ hai cchiatu,
pacenzia !
L’amore nu se pote ccattare,
ca alla fine, cu lli sordi
ma senza amore, nienti poti fare.
L’amore ete comu la fortuna,
cchiui la cerchi,
cchiui te bbanduna.
Ci nu criti all’amore
assioja spetti
e nu bastane mancu li fazzoletti.
Quistu ete cu te spiegu e te recordu
ca l’amore ete nu forte sentimentu!
Ttocca essi speranzosu e fedele
ca quando nu sta ci pensi, vi ca vene.
Ama taveru ama cu fervore,
Ama cu tuttu lu core!
di Alessia Epifani, di Gallipoli, 17 anni, studentessa della II B del  Liceo “Q. Ennio” -indirizzo Linguistico. Lo scorso anno si classificò al primo posto con la poesia, sempre in vernacolo” San Valentinu”

Ascoltando la sinfonia del vento,
in una giornata triste e tempestosa,
nel mio cuore non posso privarmi e consolarmi
di pensare altro che solo al tuo immenso amore …
Anche se un po’ distanti per amore della patria,
riesci a colmar e riempire
quel vuoto che gira intorno a me
e penso e ripenso che non potrei
mai vivere senza di te …
Oh mio principe cosa mi hai fatto,
cosa mi avrai detto
di così grande a rapire la mia testa con tutta me stessa,
facendomi sentire sempre una principessa,
anche in questo giorno di San Valentino, una gioiosa festa.
Tu sei tutta la mia vita e forse non lo sai e per questo ti amerò all’infinito.

Lavinia Aredano, Casarano

Ed eccoti qua.
Basta un semplice “Mamma e Papà”
e si sprigiona già un’immensa felicità.
Sei come acqua di mare
e perciò fermo non sai stare.
Tanti capricci quanti son i tuoi capelli ricci
ma basta poco e ci sai conquistare
come solo tu sai fare.
Con quell’espressione
da furbetto furbetto,
ci illumini con sorrisini da quattro bei dentini.
Ci dai dolcezza con quelle tue guanciotte all’insù
e rapire sai ancor di più
con quegli occhi d’un azzurro cielo blu.
Splendono le giornate da te illuminate.
Si na forza della natura
e ci sfinisci ura dopu ura.
“E fermate picca picca!”
Ma tu ci guardi,ridi
e…continui continui continui.
Dormi dormi piccolino
che se no si fa mattino.
Pian piano t’addormenti
e noi siam contenti.
Riposare or noi possiamo
e tanta pace ritroviamo
nel guardare il tuo visino
che angelico e carino ci riempie il cuoricino.

A nostro figlio Luigi.

Giuseppe e Rosa Minerva, Taviano, residenti a Bolzano

Spesso mi chiedo come abbiano fatto
Delle ali d’angelo a venire di soppiatto
A cambiarmi la vita e sconvolgermi il cuore
E farmi capire cos’è l’amore.
Com’è che il sentimento fra tutti più gradito
Mi abbia fatto toccare il paradiso con un dito;
Com’è che dopo ancora tanti momenti
Io non lo abbia abbandonato ai quattro venti.
Sai, mi fai tuttora quello strano effetto che mi facevi
Ogni volta che mi guardavi e ti perdevi
nei miei occhi così attratti da te
Che ti piaceva contemplare e che
amavi scrutare.
Ho nell’anima un po’ del tuo cuore
Che mi riscalda ogni volta che ho voglia di calore
E mi dà quiete ed armonia
quando sento la coscienza scappar via.
Mi rendo conto che anche se divisi,
Per la vita noi saremo sempre uniti
da un destino che ama correre e danzare,
ma nonostante tutto mi fa capire
quanto sia bello amare.

Giulia Spada, Gallipoli

Febbraiu mese curtu te vintottu,
face festa ogni giovanottu.
Ete nu mese assai speciale,
percè te solitu se festeggia carnevale.
Ma c’è nu giurnu ca se ricorda cu llu core chinu:
u 14,quiddhru te san valentinu.
Ziti,zite,mariti,mujeri se sentune in causa chiamati,
no pe’ processo,ma percè innamorati.
Stu sentimentu forte a ddhru ciuveddhri scampa,
te pija te bruttu,lu core te arde e te bampa.
Nu lu dice nessun proverbiu e nessun dettu,
u veru amore è fattu te rispettu.
Con rispettu,fedeltà ed educazione,
ogni giurnu te amore è riccu d’emozione.
Sti versi l’aggiu a tutti dedicati,
ulimune sempre bene,tutti innamurati

Massimo Scorrano, Casarano

Gli innamorati son colombe bianche;
alzate in volo tra le fresche piante;
son giovani virgulti sbocciati in mezzo a un campo;
son canne al vento che soffia e canta;
gli innamorati stanno in silenzio con i pensieri nel cuore;
nel loro giardino è fiorito l’amore;
amatevi,correte abbracciati,l’aria è serena,questo è il momento;
perché la vita è un soffio di vento.

Ciro Amato De Serpis, Racale

Me nnamuari intra nu mumentu,
nnanzi lu mare ca sbattia lentu,
lu ndoru me rrivava intra lu nasu,
quando te vitti, nu giurnu, pe’ casu

 

D’occhi, se ncuddhara intra li mia,
ddhu verde acqua ca murire me facia,
tie me ritisti, te vicinasti chianu,
rimasi ferma, ma tie standisti la manu.

 

Quanti anni su passati e stamu ancora quai,
nnanzi stu mare ca nu se ssuca mai,
e rughe, li tulori e li capiddhi bianchi,
nui ne cuardamu, ma nu ssimu mai stanchi.

 

Cu la manu nella manu…caminamu
Ne tanimu stritti… e guardamu luntanu.

 

Coltura Campeggio, Alezio

Cci ggheri beddra
quando eri signurina!
Tantu eri beddra
ca me nde nnamurai,
picca tiempu passau, poi te matina
nu guirnu te settembre te spusai.
Lu pregiu tou! Sai quale gghè statu?
Quiddru ca m’hai sempre suppurtatu
pacienzia hai bbutu tanta, e ncora nd’hai
m’hai suppurtatu e nu lhai persa mai.
Ci lu Signore poi nde lassa stare
te portu n’addra fiata su ddr’altare
e festeggiamu cinquant’anni insieme
te ricordi, te amore e puru pene.
Momenti brutti certu, nci su stati
ma niu! Nui l’imu sempre superati.
La mamma sinti te li fiji mei
nu donu ca nde fice lu Signore,
to fiji mutu beddri! Su ddo gemme
ca portu ‘ncastunate su llu core.
Te ulia! T’aggiu spusata e nu me pentu
St’anni se ndane ulati comu ientu
ormai simu rriati alla traversa
e lli giurni pe nnui
se cuntane alla mbersa

Giovanni Giulietti, Chiesanuova

Stava su na seggia ssattata
Quandu aggiu vistu passare na coppia mbrazzata.
L’aggiu guardati attentamente,
attirata te comu erene uniti cu lu corpu e cu la mente.
Te intra l’occhi loru na luce nde vitia
Iddhru alla carusa sua, parole duci alla ricchia nde ticia.
Che sentimentu puru ete l’amore,
ete capace cu te inche lu core.
L’amore puru nu piccinnu lu pote santire,
l’amore ppe la mamma, ca drru piccinnu l’ave criscire.
Se bbinchia te gesti t’amore,
cose piccicche ca però tane calore.
Dimostrame l’amore cu nu sorrisu sinceru,
cu nu semplice abbracciu, purchè sia veru.
Comu dhi toi carusi ca vitti fore a casa mia,
ca cu l’amore loru me ficera ricurdare la giovinezza mia.

Federica Nazaro, Gallipoli

Maritu meu, scoltame nu picca
e impizza bona bona la ricchia
su quarantanni ca ne suppurtamu,
ma camminamu sempre mano intra la manu.
l’amore nu tene eta’, quista è na sacra verita’.
Quannu è u giurnu de San Valentinu, si nu babba’,
nu pasticcino, mai ca me catti na rosiceddha
me dici sulu: si tie a rosa chiu’ beddha!
Ah, ma sinti nu filosufu natu,
ca pija in giru puru u creatu.
Sai ci te dicu maritu meu?
Li fiuri e li gioielli ci n’aggiu fare
se tegnu tie perla menzu stu mare.
Mo spicciu e te cuntu naddha cosa:
quannu fra cent’anni sciamu innanzi a Noscio Signore,
tenime stritta stritta cu tuttu lu core
e mentre trasimu intru u regnu de li cieli,
statte de costi a mie,
ca se cascio me ‘mbrazzu a tie.

Fiorella Sansò, Mancaversa, Taviano

Me si trasutu intra la vita e intra lu core
e m’ai tatu subitu tantu calore
Cuntannu cuntannu e chianu chianu
n’imu tittu puru “Te amu”
Giurni felici quiddhi ca m’ai dedicati
erane sempre tutti e doi presciati
Nu sentimentu tantu bellu e tantu forte
parìa ca ulìa sfida tutti, puru la morte
Na scommessa imu fatta cu lu destinu:
cu rimanimu, nonostante tuttu, sempre vicinu
Ma la scommessa l’imu persa e la storia e’ spicciata
te ddhu momentu in poi tutta la vita mia saje offuscata
Me manchi amore meu dolce e luntanu
quantu ulìa te ziccu, sulu na fiata, pè manu
Quantu ulìa te ticu quiddhu ca pè mie si statu:
tuttu lu munnu meu ai scumbussulatu
E mò cci né rimane a menzu tutte ste pene?
Sulu nu stupidu “ Te oju bene”!

Irene Primiceri, Taviano

Mbrazzame, mbrazzame forte,
famme santire i carni mpilare,
sthringime, sthringime a morte
oiu tte sentu e mani scarfare.
Mpoggiate u chiantu susu stu coddhru,
làssali a mmie tutt’i turmenti,
tie, fiata parole ca squaijane u fierru, ca thràsene inthru e làssane u meiju.
Nturnìsciame tuttu, sia ca sì’ mele
e inthru te tie famme santire,
stella tu cielu mpisa inthr’ a neija,
mmòsciame a via te ddhru’ aggiu bbanìre, èssime ‘nnanzi fanni tte visciu, tiempu nu lampu inchiu l’occhi te presciu poi, mbrazzame, mbrazzame forte e tènime am piettu finu alla morte.

Luigi Vigna, Parabita

Venendo da molto lontano
Qualcuno da oltre frontiera
Trovarsi in un bar per caso
O altro luogo nostrano
Guardarsi negli occhi smarriti
Una lunga stretta di mano
Dal viaggio ricordi sbiaditi
Non sai trovar le parole
Non sei poi tanto cambiato!

 

Vuoi legger dell’altro i pensieri
Ricordi? È stato solo ieri!
Avevamo l’ardore nel cuore
Poveri d’anni e ricchi di sogni
Oggi invece che siamo al contrario
Non sappiamo neanche sognare.

 

Rivediamoci… in un bar o altro luogo
Tra una pasta una birra o un caffè
Qualche ora insieme non è poco
All’appello ne mancheranno due o… tre.

 

Intonaci-Alessandrelli-Malorgio-Casole-Scorrano-Zingarelli_-Morciano- Cuppone-Ravenna-
Carrozza-Genova-Maggio-Pellegrini-Rollo-…………………………………………..,…………….

Antonio Manco, Matino

‘Cu nna vardata e ‘nnu surrisu
Persi lu senzu e ‘lla palora
Pe miraculu ‘mme tinni tisu
‘cu dicu c’è beddhra sta fijola
Capiddhri lisci e occhi rizzi
E ‘nna curta miniconna
È fatta ‘cu ‘lla n’carizzi
Sta ninni beddhra fatta tonna
La fermai a ‘nnanti ‘mmie
Tissi: “ Si fatta ‘pe amare,
‘lu core meu batte ‘pe ttie
E a ttie te l’aggiu dunare”
Me vardau e disse: sine
‘me fermai cu piju fiatu
‘me n’tisi lu focu intra ‘lle vine
‘ca te iddhra me vitti amatu
‘mme lu tisse ‘cu passione
Poi pinsai, cci aggiu ‘ffare
Era persa la raggione
E scemme insieme ‘pe ballare
Stritti, stritti ‘nne ‘ccuchiamme
Prumesse e baci ‘cu furore
‘nna serata cuttenti passamme
‘nne giurammo eternu amore
Mo spessu spessu ‘nne vitimu
Quantu prima ‘nne spusamu
Ringraziamu San Valentinu
‘ca ‘pe sempre ‘nne amamu

Giuseppe Scorrano, Taurisano

Te vitti a prima fiata
addh’angulu ta via
acquassapune, nò truccata
e mena mena ca chiuvia

 

Te vitti, me vardasti
cuddh’occhi ’llegri e chiari
lu core me bbinchiasti
te culuri e luminari

 

Ma c’è successu? Tissi
addh’occhi toi zziccatu
e senza mmè ddunassi
tuttu u restu s’ia stutatu

 

Lu tiempu se fermau
e ziccau tuttu an’girare
ma ci me castimau
cchiui nenzi putia fare

 

Rimasi ntostulatu
e chiove ca chiuvia
nomm’aggiu chiù ripresu
te quiddha malatia

 

E ancora moi, mujiere,
te trou sempre addhu vardu:
’ntra lu jentu, ’ntrallu mare
’ntr’ogni cosa ddhu me perdu

 

Te trou ’ntras’occhi chiari
te ste fijie ca me testi
Tie sì comu pizzicori
te state intr’alle vesti

 

Si comu l’aria ca respiru
e mancu me n’accorgu
Comu tie nuddh’addhu fiuru
’ntr’allu core s’ha fattu largu

 

E ci nne face ca me punci
cu ste spine te tantu n’tantu
sì la rosa mia e no’ canci
ta vita mia lu cantu

 

Antonio SANTORO, Taurisano

Se mi chiedo cos’è l’amore,
immagino due sguardi che si incontrano,
due labbra che si scontrano,
due corpi frementi,
due cuori ardenti.

 

Se mi chiedo cos’è l’amore,
immagino di voler assaporare la tua bellezza
senza timori o timidezza.

 

Se mi chiedo cos’è l’amore,
immagino di poter provare grande stupore
che regalerà ai miei giorni
felicità e sapore.

 

Se mi chiedo cos’è l’amore,
immagino di domandarmi se queste sensazioni
siano normali,
e io mi risponderei:
“L’amore ha sempre gli stessi effetti collaterali!”

Desirèe Monaco, Gallipoli

L’ amore ete comu na canzone
Canti per ore e ore
Te rimane intra la mente
Ma puru intra lu core
Ete comu n’ ape cu lu mele.
Nu poti campare senza
E ci ncora nu l’ hai cchiatu,
pacenzia !
L’amore nu se pote ccattare,
ca alla fine, cu lli sordi
ma senza amore, nienti poti fare.
L’amore ete comu la fortuna,
cchiui la cerchi,
cchiui te bbanduna.
Ci nu criti all’amore
assioja spetti
e nu bastane mancu li fazzoletti.
Quistu ete cu te spiegu e te recordu
ca l’amore ete nu forte sentimentu!
Ttocca essi speranzosu e fedele
ca quando nu sta ci pensi, vi ca vene.
Ama taveru ama cu fervore,
AMA CU TUTTU LU CORE!

Alessia Epifani, Gallipoli

Voce al Direttore

by -
Da luglio il vostro giornale andrà più in là, per diventare una “piazza” grande - in prospettiva - quanto il Sud Salento. Abbandoniamo perciò...