Pasqua resiste alla pioggia

di -
0 715

Con i "ponti" di primavera entra nel vivo la stagione turistica. Foto di Emiliano Picciolo

Gallipoli. Il maltempo frena il pienone del week end di Pasqua, ma qualcosa già si muove. La prima chiamata per gli albori della stagione turistica sulle sponde gallipoline ha risentito delle bizze climatiche, ma ha tenuto botta. Con una flessione rispetto allo scorso anno, inevitabile, ma dovuta essenzialmente alle pessime condizioni del tempo che hanno scoraggiato soprattutto i vacanzieri di prossimità e gli amanti del last minute. Gite fuori porta e scampagnate di massa in spiaggia rimandante, ma solo di qualche giorno.

Mentre per le strutture ricettive, comunque sia, è andata benino. Chi aveva prenotato in largo anticipo infatti, non ha lesinato di raggiungere ugualmente la Città bella per il ponte pasquale. Lo confermano i “movimenti” in entrata in alberghi e bed&breakfast della città, che pur non al completo hanno fatto registrare fino al 70 per cento di presenze. In diverse strutture, dagli alberghi più centrali della catena Caroli Hotels (Le Sirenè, Bellavista e Joly Park), all’Hotel Spinola, Palazzo del corso, 33Baroni, o anche lungo la costa dall’hotel Vittoria del lido San Giovanni al Costa Brada, l’attività di fidelizzazione del turista ha portato a garantire ancora una volta la presenza dei clienti affezionati e anche degli stranieri (svizzeri, tedeschi e francesi in particolare) che hanno sfruttato la gamma dei servizi interni alle strutture di accoglienza e la vicinanza al fulcro dei riti religiosi delle Settimana Santa che fanno sempre più da traino.

Destagionalizzazione che ha sorriso anche ai b&b e ai campeggi. Dalla direzione della Masseria sulla statale 101 si conferma il trand: «Il brutto tempo ha frenato l’invasione di massa, ma le presenze e il movimento in città c’è stato. Con un calo rispetto allo scorso anno, ma lieve e legato soprattutto a pioggia e vento. Ora se il sole ci accompagna c’è da sfruttare un lungo ponte a cavallo tra il 25 aprile e il 1° maggio». Rovinata in parte dal maltempo anche la pasquetta “guidata” nel parco naturale, mentre musica e divertimento a palla non è mancato nei lidi Samsara e Zeus che comunque hanno accolto centinaia di giovani ben coperti ma ugualmente e calorosamente scatenati.

Commenta la notizia!