Un bel giardino con vista mare

by -
0 762

Come sarà la zona che circonda la Torre

Racale. Finanziati 715mila euro per la rigenerazione ambientale di Torre Suda. La torre costiera come  elemento di riconoscibilità e riferimento territoriale. In relazione al documento programmatico preliminare per la rigenerazione urbana e territoriale della “Città policentrica jonico-salentina”, il Comune di Racale ha ottenuto l’importante finanziamento per la rigenerazione ambientale di piazza della Vittoria nella marina.

L’intervento individua nella Torre costiera l’elemento di riconoscibilità e riferimento territoriale, mira alla integrale pedonalizzazione dell’area, attraverso lo smantellamento delle strade asfaltate esistenti e alla ridefinizione funzionale e morfologica degli spazi aperti attraverso la realizzazione di una grande piazza sul mare.

L’assessore all’Urbanistica, Francesco Cimino, ritiene che «oggi, Torre Suda, si presenti rispetto al passato come una Marina a prevalente vocazione residenziale e turistica. L’area, in  concessione al Comune di Racale, ricade in zona demaniale  ed  è tipizzata come zona F3 “spazi pubblici attrezzati a parco per il gioco e per lo sport”, sottoposta a vincolo paesaggistico ex legge 1497/1939. L’intervento finanziato assume un significato strategico per il futuro sviluppo di Torre Suda poiché  consentirà la realizzazione di un luogo pubblico rinnovato, capace di restituire nuovi spazi per la socializzazione dei cittadini».

Daniele Errico, paesaggista e capogruppo Atp “lab011” , parla della marina di Torre Suda come «tipico avamposto costiero, rappresenta uno dei tanti aggregati urbani con un modello che si ripete lungo la costa sud occidentale del Salento. In questo paesaggio, il sistema di torri costiere rappresenta un importante valore patrimoniale, spesso unico elemento di riconoscibilità intorno a cui sono cresciute le marine.

Il progetto adotta una strategia tesa a far assumere all’intervento un ruolo “starter” nei confronti di un più ampio piano di riqualificazione del paesaggio costiero locale: l’intervento proposto, infatti, rappresenta il primo stralcio funzionale di un progetto generale teso a riconoscere e ripensare il valore patrimoniale delle invarianti strutturali che connotano l’unicità identitaria dei luoghi al fine di garantire il mantenimento e la riproducibilità nel tempo del paesaggio costiero. Nel progetto stralcio, l’immagine interpretativa proposta è quella di un “giardino mediterraneo costiero” come nuovo modello di spazio relazionale».

Errico chiarisce che l’intervento rievoca in chiave contemporanea il modello della “piazza mediterranea” di un sud assolato dove il sistema vegetazionale svolge un significativo ruolo bioclimatico e relazionale. Prevede l’apertura del cono visuale sulla torre costiera, posta in asse con l’ingresso principale alla “Piazza”, rappresentando l’elemento focale rispetto al quale tutto si rapporta.

«Esso mira a salvaguardare e valorizzare le relazioni visuali tra i grandi orizzonti e i fulcri visivi, distribuendo gli elementi che compongono la sintassi dell’intervento in modo da assicurare il mantenimento di ampie e profonde aperture visuali, con particolare riferimento alla torre costiera e al mare».

Infine, il sindaco Massimo Basurto: «Il finanziamento in oggetto è frutto di un lavoro di squadra tra Ufficio tecnico, amministratori e progettisti, che ha visto la condivisione di un percorso comune, con altri enti all’interno della Città policentrica.

Ciò ha reso necessario lo sviluppo di una nuova governance che chiede ai cittadini una partecipazione attiva e ai piccoli Comuni di lavorare insieme per lo sviluppo integrato del proprio territorio. L’intervento è tanto più importante e significativo se si tiene conto delle difficoltà finanziarie in cui versano i nostri Comuni. Pertanto, la capacità di intercettare i finanziamenti pubblici regionali assume un’importanza strategica per far fronte alle esigenze e aspettative dei cittadini, e alla necessità di ri-pensare insieme le sorti di un territorio che esprime enormi potenzialità»”.

Attilio Palma

Commenta la notizia!