Ricca cu mangia picca

Direttamente dal latino “mulier”, la mujere salentina è al centro di una vastissima e variegata gamma di detti popolari e luoghi comuni. Sempre con la dovuta precisazione che non si tratta di enunciazioni di verità assolute ma di un valido indicatore per cogliere le coordinate di un’epoca ormai passata quando i ritmi di vita più lenti permettevano di fissare, in una sintetica locuzione, comportamenti e valutazioni di “senso comune”. Il fatto poi che quello che si afferma in un proverbio trova la negazione in un altro non diminuisce la supposta “veridicità” anzi è la dimostrazione che la vita, come gli uomini, è varia e composita, da accettare in tutti i suoi aspetti, anche contraddittori.

Come deve essere allora una mujere? Accertato il fatto che “Bbona o fiacca, bedda o bbrutta, la mujere te la teni tutta”, è preferibile la ricchezza o la bellezza?  Meglio tutte e due le qualità. Anzi l’ideale è che una buona moglie ne abbia quattro, come recita un proverbio conosciuto in tutto il Salento: “Bedda, ricca, cu ffatica mutu e cu mangia picca”. Per il resto, se è vero che “A sta vita travajata, ci tene mujere bedda campa de ntrata” e che è “Meju na mujere bedda ca na mujere ricca”, è anche vero che la dote è una componente molto importante: “Mujere ricca, se nu nn’ai mutu, nn’ai picca”; “Meju na bbona dota, ca na bedda mujere”; e ancora “La dota è lu rispettu te la mujere”. Ma anche con una ricca dote non è che tutto sia rose e fiori: “Mujere ricca, su tuttu se zzicca”, e il marito corre il rischio di essere succube “Ci pija grande dota, la mujiere lu ota e lu sbota”.

Potere dei soldi, più o meno rimasto intatto nel tempo.  Il marito, però, restava sempre il capo della famiglia (“Guai a quella casa dove gallina canta e gallo tace”) e aveva dalla sua la possibilità di intervenire con le maniere forti per correggere alcuni comportamenti della moglie, poteva cioè usare le mani: “Mujere paccia, sànala cu la mazza” e “Mujeri, cani e ppurpi, senza vattuti nu suntu mai bboni”; e ancora “Mujere rispustiera, na abbona sonajera”; “A fiacca mujere, fave jentate e mazza a ppiacere”.

Da evitare alcuni tipi di donne ritenuti deleteri, come la “linguta”, la “nasitisa” ed infine la “pizziccusa”: Meju na mujere spinnata, ca na pizziccusa”; “Meju stare a lu desertu, ca cu na mujere linguta”; “Mujere nasitisa, te va’ stritta la camisa”.Per contrasto, invece:  “Mujere muta, matrimoniu perfettu”; “La bbona mujere nu vite e nnu sente”; “Fimmana esperta, bbona mujere”.

Infine, è bene che gli uomini facciano attenzione perché “Fortuna è na bbona mujere, ma chiù furtuna  cu rrumani zitu”. E se poi va a finire che la moglie ti tradisce? Scatta la vendetta: “Ci me rrubba la mujere, le la lassu pe’ dispettu”.

Commenta la notizia!