La statua della Madonna Annunziata torna in corteo a Tuglie

di -
0 750

La processione per la Madonna Annunziata “incontra” le auto

Tuglie. Malgrado un increscioso contrattempo, per fortuna senza conseguenze, con alcune auto che hanno fatto irruzione sulla processione, in quel momento in via Plebiscito, per la mancata chiusura al traffico della strada, ha fatto ritorno a Tuglie la statua della Madonna Annunziata, patrona del paese.

In restauro dallo scorso giugno (con l’intervento della Provincia), la statua è stata accolta dall’intera comunità tugliese con il vescovo della diocesi di Nardò-Gallipoli Domenico Caliandro che al termine della fiaccolata ha impartito la benedizione. Dopo gli interventi istituzionali e tecnici del direttore del Museo provinciale di Lecce Antonio Cassiano e della restauratrice Lidiana Miotto, la cerimonia si è conclusa con il concerto di canti mariani eseguiti dal Coro della “Vivaldi” di Lecce, diretto dal maestro Luigi De Luca.

«Il restauro ci consegna una statua, in stile e struttura, coeva all’epoca in cui fu modellata. Da raffronti di documenti e da  notizie biografiche del donatore si ipotizza la sua realizzazione tra il 1753 e il 1760», ha affermato lo studioso locale Enzo Pagliara.

Emozione anche nelle parole del parroco, don Emanuele Pasanisi. «Il restauro dell’opera rappresenta per la parrocchia un momento importante, in quanto la statua – afferma il parroco – è un punto di riferimento visivo al quale la comunità è legata affettivamente e devozionalmente. Dal punto di vista artistico la statua, riportata alla sua originaria bellezza, rende più ricca la bellezza di tutta la chiesa parrocchiale».

L’arrivo della statua ha anticipato i  festeggiamenti patronali che inizieranno sabato 24 marzo con la corsa podistica e la processione. Il giorno successivo si svolgerà, inoltre, la tradizionale fiera con il raduno d’auto d’epoca, i concerti bandistici, gli sbandieratori, i fuochi pirotecnici, la benedizione dei campi e l’annullo filatelico per i cinquant’anni del mosaico all’interno della matrice. La festa si concluderà il lunedì con il mercato della “Nunziateddhra” e lo spettacolo di Giovanni Cacioppo e dell’Orchestra del Mediterraneo.                                        

GP

Commenta la notizia!