Torre Lapillo (Porto Cesareo) – Una recinzione abusiva lunga 25 metri, con 13 pali infissi nelle dune, è stata sequestrata quest’oggi dalla Guardia costiera a Torre Lapillo. I militari dell’ufficio locale marittimo hanno accertato come la struttura, costituita da un cannucciato, fosse stata realizzata all’interno della fascia di rispetto dei 30 metri dal confine demaniale marittimo e contigua pure alla fascia demaniale ricadente nell’Area marina protetta, in assenza dell’autorizzazione rilasciata dal capo del Compartimento di Gallipoli. L’area è inoltre coperta da diversi vincoli trattandosi di un Sito di importanza comunitaria (Sic). I vari reati contestati ai responsabili denunciati vanno dal deturpamento di bellezze naturali alla realizzazione di opere in assenza di qualsivoglia titolo autorizzativo.

Pubblicità

Commenta la notizia!