Radon, Casarano nel progetto

by -
0 1201
Il panorama della città visto dalla collina della Campana

Il panorama della città visto dalla collina della Campana

CASARANO. Coinvolge anche Casarano il progetto pilota sul rilevamento del Radon nelle abitazioni civili proposto dall’Arpa Puglia. Nell’ambito del Piano nazionale per la riduzione del rischio di tumore polmonare in Italia, l’Agenzia regionale per l’ambiente ha elaborato un progetto per individuare la concentrazione del pericolosissimo gas negli edifici abitativi. Dopo una prima fase che ha interessato dieci comuni, la mappatura si estende ora ad altri dieco, tra i quali Casarano con Galatina, Poggiardo, Cutrofiano, Tricase, Taviano, Surbo, Copertino, Maglie e Squinzano.

Si tratta di comuni selezionati in base agli ultimi dati disponibili relativi all’incidenza del tumore polmonare nella provincia di Lecce ( rapporto 2013 del registro tumori della Asl Lecce per gli anni 2003-2006). L’Amministrazione comunale di Casarano ha aderito al progetto pilota con una deliberazione di Giunta comunale. Operativamente, si tratterà ora di selezionare (tramite sorteggio) le dieci abitazioni del centro storico e le altre dieci del resto della città dove installare i (piccoli) rilevatori del gas Radon (chiedendo la libera collaborazione dei proprietari).

Un’operazione di bonifica è stata già portata a termine tempo fa in alcuni edifici scolastici della città con il progetto “Libera il radon”, cofinanziato dalla Provincia, in seguito ai rilevamenti condotti già nel 2012. Gli interventi sono avvenuti nelle scuole di gestione comunale (ovvero materne e primarie). All’epoca dei controlli condotti dal dipartimento di Fisica dell’università del Salento, su 420 istituti monitorati in tutta la provincia, ben 37 scuole risultarono contaminate: di queste ben nove a Casarano.

Commenta la notizia!