Racale super renziana, Casarano con Cuperlo

by -
7 1505

PRIMARIE PD – Com’è andata nei centri dell’arco jonico? La tendenza è quella che ha caratterizzato la larga vittoria nazionale di Matteo Renzi; al secondo posto Gianni Cuperlo e al terzo Pippo Civati. Ma non mancano alcune sorprese. Cuperlo vince a Casarano (306 a 297; Civati a 70); a Matino (134 a 74); a Taurisano (354 a 254).

Il paese più renziano è Racale: l’88% dei 705 votanti è per lui ed il sindaco Donato Metallo è eletto all’assemblea nazionale del partito. Per avere un’idea più precisa: 619 per Renzi, 40 per Civati e 39 per Cuperlo. Civati è secondo anche ad Alliste (20, 14 Cuperlo), al seggio Aradeo-Seclì (30 a 19) ed a quello di Tuglie (20 a 13). A Parabita Renzi la spunta per un soffio (171 a 164); a Gallipoli, dove si attendeva una vittoria di Cuperlo (da sempre vicino a D’Alema), ecco il sindaco di Firenze raccogliere 294 voti; l’antagonista si ferma a 122, Civati ne prende 66. Negli altri paesi non c’è stata praticamente partita, nonostante la fresca elezioni si segretari di circolo di segno diverso (cuperliani).

Il numero dei votanti dice altre cose. Se Racale porta alle urne oltre 700 persone, Gallipoli (che ha il doppio degli abitanti di Racale) si ferma a 485, molto di meno anche di Casarano (stessi abitanti) dove si raggiunge quota 674. Buona presenza di elettori anche a Taurisano (630) e Galatone (594). Dove il Pd (e l’area elettorale del centrosinistra) rischia di apparire marginale è ad Alliste (126 votanti), Tuglie (121) e Ugento (con una popolazione quasi del doppio rispetto a quella dei due paesi precedenti) con appena 141 votanti. Nel seggio unico di Aradeo-Seclì (oltre diecimila abitanti in totale) si sfiorano i duecento partecipanti (198).

 

Commenta la notizia!