Racale per l’energia sostenibile. Obiettivo: ridurre il “buco”

by -
0 798

comune di racale

RACALE. È stato presentato il 29 ottobre il Piano d’azione per l’energia sostenibile (Paes) di Racale: una serie d’interventi a medio e lungo termine che si muovono nel senso della sostenibilità, del risparmio energetico e dell’incentivo all’utilizzo delle energie rinnovabili. Il Paes nasce dal “Patto dei Sindaci”, il progetto europeo con cui gli enti locali s’impegnano, entro il 2020, a ridurre le emissioni di Co2 del 20% nelle rispettive città, a migliorare del 20% l’efficienza energetica e raggiungere la soglia del 20% di energia prodotta da fonti rinnovabili.

Il Piano (che a breve sarà discusso in Consiglio comunale per l’approvazione definitiva) è stato illustrato al pubblico dal sindaco Donato Metallo e dagli ingegneri progettisti Stefano Pisanello e Gianni Fonseca, coordinati da Renato Del Piano. All’incontro, moderato da Lara Napoli, è intervenuto anche il direttore di Legambiente Puglia, Maurizio Manna. L’obiettivo del Paes è di risparmiare 6.069 tonnellate di Co2 entro il 2020 attraverso una serie d’interventi su edifici comunali, parco macchine dell’Ente e pubblica illuminazione. Altre disposizioni riguarderanno il settore residenziale, il terziario, l’industria, i trasporti e l’agricoltura. Qualcosa è già stato realizzato: la sostituzione di tremila lampade dell’illuminazione pubblica con altre ad alta efficienza energetica, quella delle lampade votive cimiteriali, l’installazione di pannelli fotovoltaici sugli edifici comunali. Molto c’è ancora da fare.

Tra gli interventi di medio e lungo termine (finanziabili sia con capitali pubblici che privati) ci sono, tra gli altri, l’efficientamento energetico degli edifici di proprietà con agevolazioni per i privati che costruiscono rispettando determinati parametri energetici, la sostituzione del parco macchine con auto a metano o elettriche, la realizzazione di percorsi ciclopedonali, la digitalizzazione dei servizi comunali, la piantumazione di un albero per ogni nuova nascita (o adozione), la graduale sostituzione delle vecchie caldaie a gasolio, incentivi alla nascita di serre agricole ecocompatibili, valorizzazione dei prodotti agricoli a km zero, creazione di uno spazio informativo sul sito internet del Comune, iniziative mirate come il Mercatino dei riuso, Ecofeste, Ecomense, Acqua del Sindaco, negozi ecosostenibili, bicibus-piedibus, Giornata locale per l’Energia, istituzione del concorso “Racale a Impatto Zero”. Il cammino è tracciato, ora non serve altro che percorrerlo.

Commenta la notizia!