Questione d’amori: chiediamolo ai proverbi salentini

Simu Salentini. L’amore è tutto e il contrario di tutto e, considerata la varietà delle manifestazioni  forse è proprio questo il sentimento che si presta più facilmente di altri alle interpretazioni della cosiddetta saggezza popolare, cioè quella dei  proverbi. Spulciando tra le definizioni e i modi di dire diffusi tra la gente e spesso fissati in raccolte spesso frutto di anni di ricerca come quella realizzata da Nicola De Donno che raccoglie ben 16888 proverbi,  sembra che la caratteristica più comune dell’amore, naturalmente con le inevitabili sfumature, sia la cecità.

Si inizia con “L’amore ceca” e poi “ è ccecu de n’occhiu, nu dde tutti ddoi” ,  “ è ccecu de tutti ddoi l’occhi” “ è ccecu, e cceca cinca nferra”, “è ccecu, è nnu ccanusce errore”, “è ccecu , e vvite de luntanu” , “ è ccecu, ma vite”, “è cecu, ma vite cu llu core”. E andando avanti ci si convince che non solo è cieco, ma vola alto e non si lascia impigliare dalle viscosità terrene, dalle beghe quotidiane: “Amore nu gguarda errore, amore nu gguarda razza: corne o none, se la mbrazza” , “Amore nu gguarda ricchezza”,   “Comu mieru mbriaca, copre ogne ddifettu”.

Se c’è qualcuno ancora che pensa che  l’amore si possa misurare magari con il valore della dote o con il prestigio del potere, bene, si deve ricredere, perché i proverbi sono perentori: l’amore sfugge ad ogni misurazione  “Amore  nu sse mmisura a parmi”, “Nu sse pisa a lli rricali”.

E poi via con una serie di negazioni, quello che l’amore num bole:Nu ssente dulore, nu ssente prediche, num bole cunziji, num bole pinzieri, nun porta rispettu”. E in positivo?  “Ole fatti comu lu ciucciu mazzate”, con un termine di paragone che non è certo esaltante, ma rende praticamente l’idea.

Nel vasto repertorio non manca uno sguardo rivolto agli aspetti quotidiani, quelli realistici, fuori da ogni definizione idillica, l’altra faccia dell’amore che contempla anche la possibilità che il sentimento si esaurisca.  “Amore va e vvene”, perché “Amore de fimmana, sule de marzu, onda de mare, nu te fidare”.

Meglio gli amori vecchi o quelli nuovi?  Il vantaggio è dei vecchi considerati duraturi :“Amore nou va e vvene, amore vecchiu se mmantene” “L’amore vecchiu nnu face ruggine”, anche se si riconosce che poi in fondo ogni calcolo viene meno perché  “Amore dave sinnu, e sinnu lleva”.  Ogni considerazione poi cade davanti all’amara constatazione che “Amore nu bbasta, cu fferve la pignata”

Ed infine a proposito degli amori  che si concludono con un matrimonio “Amore ca se nzura, amore ca nu ddura”, ma non lo stiano a sentire Loretta e Antonio, i protagonisti  della storia che pubblichiamo accanto. Solo questione di rima.

Commenta la notizia!