La fimmana, la luna, menta e fiuru

by -
0 7564

Donne che lavorano il tabacco

Simu Salentine. Il numero dei proverbi in dialetto che hanno come oggetto la donna è davvero impressionante tanto da suscitare una riflessione immediata. Perché tanta attenzione quasi puntigliosa su ogni aspetto che riguarda l’universo femminile, non riscontrabile per quello maschile? Potrebbe essere anche questo un tentativo di dominare e ingabbiare un elemento che sfugge ad ogni classificazione? Qualunque sia la risposta, la saggezza popolare ci offre un ventaglio variegato e colorito di massime che ci fanno rileggere periodi storici e tradizioni e riflettere sul percorso accidentato che le donne hanno fatto. Per cominciare vediamo i termini di paragone

La fimmana è comu…

La canna: “cu llu risu te futte e ccu llu chiantu te nganna”; la castagna: “de fore bbedda e dde intra macagna/ liscia de fore, e de intra mafagna”; la fame: “ttocca lla ccuntenti quannu ole idda”; la luna: “tene li quarti soi”; la menta: “cchiui la friculi e cchiui ndora”; la scarpa: “quannu te va’ comuda, s’à fatta vecchia”; lu fiuru: “nu ss’apre, se nu llu nnacqui”; lu trobbicu: “cchiù bbie e cchiù li tene site”.

La fimmana bedda

La bellezza viene ritenuta una dote prettamente femminile, una garanzia per trovare marito, anche se a volte non basta perché è necessario aggiungere altre qualità come la pulizia e la bontà. La bellezza femminile obbedisce ad alcuni canoni “Fimmana bbedda de natura, larga de piettu e stritta de cintura” ma anche “Fimmana bbedda, de piettu na rancatedda”, alla faccia delle quinte siliconate. Se una è bella davvero non ha nemmeno bisogno di trucchi, anzi “Fimmana bbedda de natura, cchiù ttrascurata va’, cchiu bedda pare”. E poi matrimonio assicurato: “Fimmana bedda, a casa nu rresta”; mai puaredda; nasce cu lla dota” E ancora “Fimmana bbedda e ppulita, senza dota se mmarita”. Ma attenzione perché: “Fimmana bbedda e ssenza ggiudizziu, è ccomu margherita a lle munnizze” e poi anche “Fimmana bbedda , superbiusa e ppacciaredda”

E le donne che non sono belle ma solo buone? Sono laboriose e valgono oro, si possono consolare.“Fimmana bona, nu stave mai tosta” e “Fimmana bbona, vale na curona”. Per le brutte non c’è scampo “Fimmana bbrutta, pe cquantu ngarbata, senza la dota nu sse troa spusata”.

Le donne e il matrimonio

L’obiettivo delle donne, sempre secondo i detti popolari, è trovare un uomo e sposarsi perché “Fimmana nu maritata, fimmana male guardata”.  Il desiderio di accasarsi viene espresso da alcuni segnali: “La fimmana ca canta ole maritu, e ll’ommu ca passeggia è nnamuratu”, “Fimmana ca li spicchiane l’occhi, ole certu cu lla tocchi”, “Fimmana ca suspira ,allu lettu ole tte tira”. Non deve fare nemmeno la difficile perché “Fimmana ca sceje assai, se mmarita o tardu o mai”

Ma poi quando è mmaritata non è che le cose vadano sempre bene: è vero che “fimmana maritata de tutti è rispettata”, ma c’è anche da considerare che “fimmana mmaritata, ciuccia caricata” e che “fimmana mmaritata num po’stare scuciatata”.Insomma vita sempre difficile per le donne perché all’uomo non ne va bene una: “La fimmana ricca è uzziosa, la piccula è vvizziosa, la bedda è vanitosa, la bbrutta è ffastidiosa”.

Fimmene e…

Dalla singola donna all’intera categoria in un crescendo di generalizzazione che, comunque è proprio una caratteristica dei proverbi. Colpisce l’accostamento delle donne agli animali, ma non c’è da meravigliarsi se sono state considerate anche senza anima. Anche i proverbi, quindi, a testimonianza di quanto sia stato difficile passare da fimmine a donne. Per questo leggendoli si sorride, ma  si riflette:“Fimmine, cavaddi, sciochi e sservitori, rruvinane li signori”;“Fimmine, ciucci e nnoci, olene manu tosta”;“Fimmine e caddine, o tutte piettu o tutte anche”;“Fimmine e caddine, se essene se perdene”;“Fimmine e ccalendari, dopo n’annu, se cangianu”; “Fimmine e ciucci, lu bastone li ndirizza”; “Fimmine fiche verdi, se rrimoddane ttantannule”;“Fimmine e mmiluni, unu ogne ccentu su’ bboni”.

Commenta la notizia!