Pronti i bandi del Gac per 22 interventi, non solo nella pesca

by -
1 788

incontro gac sindaco errico e nisi di galatone

GALLIPOLI. Cercansi 22 imprenditori titolari di licenza di pesca interessati ad investire in infrastrutture e attrezzature per la produzione, la trasformazione o la commercializzazione, incluse quelle per il trattamento degli scarti (misura 4.a.3.); per rafforzare la competitività delle zone di pesca (4.a.4.); per la promozione del pesca turismo (4.c.1.) e dell’ittiturismo (4.c.2.) e per la creazione di percorsi turistici e culturali e lo sviluppo di servizi integrati territoriali (4.e.1.). I bandi sono stati presentati una decina di giorni fa presso l’ex convento di San Domenico, presenti i Sindaci del Gac (Gruppo di azione costiera) comprendente i Comuni di Gallipoli, Galatone, Nardò e Porto Cesareo. La scadenza dei termini per avanzare richiesta di finanziamento è fissata per l’11 novembre.

All’incontro pubblico di “animazione del territorio” erano presenti i sindaci Francesco Errico (Gallipoli) e Livio Nisi (Galatone), il presidente del Gac, Angelo Petruzzella (foto grande) il direttore Francesco Crisogianni (fotina), e inoltre pescatori, ambientalisti, operatori economici. I dirigenti del Gac hanno sottolineato che i bandi vengono fuori da proposte avanzate unitariamente dai pescatori e dal recepimento di buone pratiche già realizzate altrove. Il finanziamento è del 70% dell’intervento complessivo (e 30% del partner privato), tranne che per la “realizzazione di un sistema di gestione informatizzata degli sbarchi che agevoli la tracciabilità dei prodotti della pesca e favorisca azioni di vendita diretta, immediata ed efficace”, anche tramite utilizzo di sms per mettere in contatto pescatore e consumatore.

Commenta la notizia!