Premi su premi se l’olio è d’oro

Nonostante annate difficili come quella appena trascorsa - dice Cosimo Adamo (al centro mentre riceve il premio a Genova) - si può ugualmente raggiungere un traguardo d’eccellenza, secondo un percorso sempre più obbligato»

Alliste. Ennesimo riconoscimento per l’azienda agricola “Adamo” di Alliste che è stata recentemente insignita del prestigioso riconoscimento “Le tre olive”. La premiazione si è svolta a Genova, nel corso della fiera «Slow Fish», una rassegna incentrata sul consumo di pesce in concomitanza con la cerimonia di presentazione della “Guida agli Extravergini” 2011.

A consegnare il premio, riconosciuto all’azienda che consegue il massimo punteggio tra tutte quelle che partecipano alla selezione per la “Guida”, è stato lo storico presidente nazionale di Slow food, Carlo Petrini.
«Siamo molto soddisfatti – commenta Cosimo Adamo, responsabile marketing dell’azienda di famiglia – del risultato ottenuto, soprattutto in una campagna olearia difficile come quella di quest’anno, in cui, a partire dalla metà di novembre, abbiamo avuto nel Salento un massiccio attacco di lebbra dell’olivo, che ha causato un forte innalzamento dell’acidità. Sin dalla nascita della nostra azienda abbiamo fatto una scelta, quella dell’alta qualità sempre e incondizionatamente, e continueremo a portarla avanti, nonostante le difficoltà di natura e di mercato».

Il 2011 era iniziato sotto i migliori auspici per l’azienda Adamo, in virtù della “Menzione di qualità” e delle “Tre gocce d’oro” al Concorso nazionale “L’oro d’Italia”. Non più tardi dello scorso 31 maggio, inoltre, le era stato riconosciuto il premio «Extratop» dalla “Guida agli oli extravergine di oliva di Puglia” edita dal movimento Turismo dell’olio di Vittoria Cisonno.

Ora giunge questo ulteriore riconoscimento, per altro sulla guida più rappresentativa. Quella di Slow Food, infatti, è la più importante ed accreditata guida del settore con oltre 800 aziende partecipanti e quasi 1200 oli selezionati. «Tutto ciò – continua Cosimo Adamo – a testimonianza del fatto che, anche in annate difficili come quella appena trascorsa, quello dell’eccellenza è sempre un traguardo raggiungibile, anzi, a mio parere, un percorso sempre più obbligato».

I motivi di soddisfazione, però, non finiscono qua. L’extravergine dell’azienda Adamo, infatti, è stato scelto per rappresentare la Puglia nel «Master of Food», i famosi corsi di degustazione organizzati in tutta Italia da Slow food.

Alberto Nutricati

Commenta la notizia!