Portoselvaggio e Palude del Capitano, bus navetta e camping

porto-selvaggioNardò. La Giunta comunale si accinge ad esaminare il piano territoriale del Parco di Portoselvaggio e Palude del Capitano. L’area protetta, interamente nel territorio di Nardò, si estende per poco più di mille ettari e comprende 300 ettari di pineta e circa sette chilometri di costa rocciosa, numerose aree di interesse storico, archeologico e paesaggistico, due immobili (Masserie Torre Nova e Torre dell’Alto) e tre Siti di interesse comunitario (Torri Uluzzo e Inserraglio e Palude del Capitano).

Nel piano sono individuate le aree fruibili, i periodi dell’anno in cui la fruizione è compatibile con le specie selvatiche presenti, il numero di escursionisti ammissibili e le attività praticabili. Si punta a promuovere le attività escursionistiche con la progettazione di percorsi sensoriali (fruibili anche da persone ipovedenti o ipoudenti grazie alla presenza di guide abilitate) e sentieri dotati di pannelli illustrativi e punti di sosta. Il piano prevede tra l’altro la realizzazione di un camping ecosostenibile, disciplinato da uno specifico regolamento. In arrivo anche piste ciclabili, bike station e punti per usufruire del servizio di bike-sharing e car-sharing. Le aree destinate al parcheggio, dotate di servizi igienici, pronto soccorso, info point, e un chiosco per la distribuzione di bevande, saranno un nodo di interscambio e capolinea di un bus navetta.

Commenta la notizia!