Tassa, soldi e obiezioni

di -
0 2158

Torre San Giovanni, la principale marina di Ugento

Ugento. Dal 15 giugno è in vigore l’imposta di soggiorno a Ugento e nelle sue marine di Torre San Giovanni, Torre Mozza e Lido Marini.

I turisti che soggiorneranno in queste località fino al 15 settembre dovranno versare una quota giornaliera che andrà da 50 centesimi a 2 euro a persona; sono esenti i minori di 13 anni, gli studenti in viaggio di istruzione, gli autisti di pullman e gli accompagnatori di gruppi organizzati, i proprietari di abitazioni in multiproprietà che utilizzano direttamente gli immobili, i portatori di handicap non autosufficienti.

Secondo i consiglieri di opposizione – Giulio Lisi, Carlo Scarcia, Gianfranco Coppola, Pasquale Molle e Angelo Minenna – a queste esenzioni ne andrebbero aggiunte delle altre: per il personale dipendente delle strutture, per chi alloggia nelle strutture a seguito di provvedimenti adottati per situazioni di emergenza o per calamità, per coloro che assistono i degenti ricoverati in strutture sanitarie del territorio, per gli appartenenti alle forze di polizia che pernottano per esigenze di servizio. A tal proposito è stata chiesta la convocazione di un Consiglio comunale che, come assicura l’assessore al bilancio Daniela Specolizzi, sarà convocato nei tempi previsti.

È sempre l’assessore Specolizzi a rispondere ad alcune perplessità del Caru (Consorzio attività ricettive Ugento), che nei giorni scorsi, in una nota, ha scritto di temere che i turisti del 2012, oltre a non vedere niente di nuovo rispetto al passato, non usufruiranno nemmeno del servizio navetta di collegamento tra le marine.

Il Caru lamenta l’assenza di pulizia delle spiagge, di disinfestazione e derattizzazione e di cartellonistica stradale ordinata. Specolizzi risponde: «Quelle dell’imposta sono somme a destinazioni vincolate, che sarà possibile spendere solo dopo averle incassate. Solo in considerazione delle richieste degli operatori saranno anticipate delle somme per la segnaletica stradale a Torre San Giovanni, Lido Marini e Torre Mozza». L’assessore assicura anche che il Comune sta valutando l’istituzione del servizio navetta e l’attuazione di interventi per arredo urbano, manto stradale nelle zone particolarmente trafficate e pulizia spiagge e il cofinanziamento per uno sportello Bancomat.

Pierangelo Tempesta

Commenta la notizia!