I poeti raccontano, i bimbi sognano

by -
0 1246

Antonio Colizzi di Parabita

Simu Salentini. Non sempre il  Natale è stato la fiera della vanità come è diventato negli ultimi decenni né era annunciato con gli addobbi natalizi già intorno ai primi di novembre. C’erano dei tempi  precisi da rispettare  e i segni  conservavano per intero il loro valore. Per i più giovani è preistoria.

Ma forse vale ancora la pena tuffarsi  nella poesia dei poeti salentini non solo perché si colgono atmosfere natalizie scomparse  ma anche perché i loro componimenti costituiscono una documentazione di quello che accadeva nel periodo della festa  più attesa dell’anno.

Il Natale era preparato dalla novena della Madonna Immacolata  (digiuno nella vigilia e suono della pastorale)  e di S.Lucia con il rito del fuoco che in alcuni paesi si moltiplicava in decine di falò (focareddhe).

Nelle case non mancava  quello del focalire, il ceppo nel camino: “Lu focu se vitia ardire/pe lla casa se spandia lu tepore/ssattata nnanti u focalire/ a famija ttaccata te l’amore” e ancora: “A nonna vecchiareddhra/cu lli cchiali rrapazzava/alla napute vagnunceddha/ i culacchi ne cuntava” (“Aria te Natale” di Antonio Colizzi, Parabita) . Il 16 dicembre, inizio della novena, al buio, prima dell’alba, movimento nelle strade: “Sentu a mmienzu  ‘lla via  la ggente/ ssuta te la nuvena te Natale” (“Sta rria Natale”, Salvatore Imperiale, Neviano ).

 Intanto in famiglia la sera ferveva l’attività per la costruzione del presepe con materiale semplice, quello che offriva il convento: “Taule, giornali e coddha te farina,/tutti i vagnoni all’opera impegnati,/prima la crotta te tanta paja china,/strate e castelli cu l’ovatta ‘mbiancati”(“Ddru presepiu “ di  Fernanda Quarta, Racale). O come canta Agostino Cataldi di Gallipoli: “Aggiu fattu nu Brasepiu/ca è cosa te nnamuri/su na banca, mmienzu casa/cu la crita e cu li suri/Aggiu misu li pasturi/Ciucci, vacche e pecureddhe/;nu massaru, nu furnaru/e nu macu de le steddhe”

Infine arrivava la notte della vigilia con l’impazienza dei bambini: “Mamma, nù boju cu’ dormu stanotte/me piace cu sciocu cu manciu e cu’ risciu/me piace cu manciu frittelle e ricotte/percè osci è natu lu fiju de Diu” (anonimo del Novecento). C’era anche un altro motivo per cui non si voleva dormire: si credeva che gli animali parlassero e la curiosità spingeva i bambini a stare svegli: “Piccinnu miu, la notte de Natale,/propriu all’ura ca Cristu sta nascia,/descorrere se sente ogne animale”/Nannama, benettanima, decia/ieu, pe curiosità, l’annu passatu/ intra la stadha mia stiesi mpustatu.(Giuseppe De Dominicis, capitano Black, Cavallino)

In attesa della cena e della messa di mezzanotte, grandi e piccini giocavano a tombola: “Ottantaquattro… sidici… quaranta…/ ognuno warda, ttentu, le cartelle./Ci ppunta,ruzzulandu; e cci se vanta/ci a bbintu fae rrustute o caramelle”. Ma ecco che    “Li piatti su’ già pronti, nc’è de tuttu:/tumacchiu, rapecaule delessate,/pasta alla pizzaiola o cu lu struttu/poi pittule e ffucazza de patate/Nc’è baccalà suffrittu; e marangiane/cu lu tiaulicchiu e cu le ulie salate./Nc’è mieru buenu e nuci. Poi banane,/spuredde, purcedduzzi e ncarteddate. (“ La tombulata”, Pino Leucci, Lecce).

Le pittule erano già state temperate la mattina presto “Intra nu limmu commutu e panzutu/nci minte la farina cu llu sale/la nzura cu llaautu nnacetutu/la mpasta, poi, cu acqua naturale”. (“La pittula” di Antonietta De Masi Calamo, Minervino)

Non mancavano, anche nelle famiglie povere i piatti tradizione “pe ddiuzzione”: “La mamma pe ddiuzzione n’ia ccunzatu/lunghettu, vermiceddi, pesce frittu/cu la muddica, rape, pigni e ppittule”. (“La notte de Natale”, Nicola G De Donno, Maglie).

E ovunque gli odori del Natale, nelle case, nelle strade: “ ndoru te pittule, pigni ca rrustane/te purciadduzzi e dde cartaddate;/già cu lli troni vagnuni sta nzurtane/le carusedde ca s’ane nnutate. (“Natale, na fiata”, Salvatore Imperiale).

Commenta la notizia!