Nu me stizzu se me faci l’occhiu rizzu

Simu Salentini. “Rosa fresca aulentissima…”, inizia così il “contrasto” più famoso della poesia dialettale salentina (dialogo in rima vivace, botta e risposta tra l’innamorato che corteggia e la donna apparentemente ritrosa che cede davanti alla richiesta di matrimonio) attribuito a Cielo o Ciullo  d’Alcamo, o dal camo (flauto), o come è emerso ultimamente “dal Capo”, chiaramente quello di Leuca.

Chiunque sia  questo poeta giullare e qualunque sia il paese del Sud da cui proviene (la lingua usata non ammette ipotesi che vanno al di là del dialetto siculo-calabro-pugliese-salentino, così come c’è certezza del periodo storico che è quello di Federico II), un genere di poesia d’amore, popolare come l’argomento che tratta, inizia proprio con l’abusatissimo paragone  (in seguito) tra la donna amata e la regina dei fiori.

Successivamente saranno cantate tante donne, Beatrice, Laura, Angelica, donne angelo e donne tentatrici, nella letteratura alta e in quella popolare. Non per niente l’amore in tutte le sue sfumature  appare nella maggior parte delle produzioni poetiche.

E nella poesia dialettale salentina? Come viene cantato l’amore in dialetto?

C’è una prima annotazione da fare: l’amore è strettamente legato ai luoghi. C’è una specie di pudore dei sentimenti sicché l’amore c’è, ma è collegato ai luoghi cari del paese, al lavoro e alla casa della donna, al ricordo di eventi (feste paesane) che hanno facilitato gli incontri. Sono tanti gli esempi in cui la ragazza amata appare intenta a tessere, a cucire, sulla soglia di casa (era difficile valicare il limatare), dietro le finestre.

Se jeu tenissi l’ale pe bbulare/su la fenesscia toa sempre me stìa/e ‘na canzune duce t’ia cantare/malencòneca comu l’arma mia./Me nd’enìa te la sira ulandu ulandu/e stia cu tie fenca alla matina/ intru ‘llu suennu me sentii cantandu/e facìa cu te ddìsceti, Rusina” (Giuesppe De Dominicis, Capitano Black). Oppure l’amore è  legato alla nostalgia del paese e della casa come in “Spettame”  di Erminio Caputo: “Aggiu turnare, aggiu turnare a casa/m’aggiu straccatu de zzingarisciare/cu stendu manu e bau ccugghiendu jentu/ Aspettame sull’urtimu scalune/cu te pozzu uardare a controluce/e po’ cu bieni mmeru a mie liggera/comun a nuula candida de mmace”.

L’amore, come da copione, anche nelle poesie in dialetto salentino fa piangere e disperare ma sfogliando qua e là le raccolte dei poeti non mancano componimenti di insolita leggerezza come nella “Dichiarazione d’amore” di William Fiorentino “Ni scrissi: ‘Rosa t’amo follemente/pur se d’altri sei l’amore ardente/e sapendo che non ti potrò avere/disperato mi sono messo a bere’/.E pensare ca ieu era astemiu/E mm’è tuccato stu bellu premiu/,ma mbriacandume aggiu ppuratu/ ca me piace la Rosa e… lu Rosatu”.

Ricchissima la  tradizione orale in cui l’amore viene raccontato al limite del bozzetto. Tramandati di bocca in bocca sono stati raccolti numerosi testi, privi del nome dell’autore e collocabili nei vari paesi dalle particolarità del dialetto. Vi domina il tono leggero, la battuta che rende accettabile anche l’amore contrastato, i paragoni con gli oggetti di uso quotidiano, con i frutti più dolci. ma anche con quelli più duri, come le mandorle e addirittura le “pastiddhe”.

Nella poesia d’amore popolare basta comunque poco all’innamorato per essere felice. Certo i baci sono desiderati, rubati, fuori dalla curiosità della gente, ma può bastare anche “l’occhiu rizzu” per toccare il cielo: “Ieu nnu tegnu gelusia/,Ntonia, cara beddha mia/de ci è riccu, ci è cuntentu/de ci mancia ogne mumentu/de ci balla, canta, sona/de ci mancia robba bona/ma de tie cilusu assai/. Se me dai ddoi beddhi vasi/se me faci musi e nasi/se me vasi su cuntentu/e se nnu me tai turmentu/stau cuntentu e nnu me stizzu/se me faci l’occhiu rizzu” . (testo raccolto nella zona adriatica).

Come dire, basta davvero poco per essere felici.

Commenta la notizia!