Questa “Platea” non delude mai

by -
0 484

Fabrizio Saccomanno, attore di punta dei cantieri teatrali Koreja, ha portato in scena “Iancu, un paese vuol dire...”.

Tuglie. “Scusi… per piazza Garibaldi?”. E’ una delle domande che di frequente viene posta ai tugliesi nelle serate di Platea d’Estate, la nota rassegna culturale estiva del comune di Tuglie.

Sono tantissimi e ogni anno sempre di più, coloro i quali decidono di assistere agli spettacoli in cartellone,  prendendo letteralmente d’assalto la meravigliosa piazza tugliese, teatro all’aperto ideale perché è capiente e spesso leggermente ventilata. Non per niente “Platea d’Estate” è giunta al suo diciannovesimo anno, promuovendo la cultura e il territorio ed esercitando un forte richiamo  per tutti coloro che amano teatro,  musica e non solo. Fino ad ora, le aspettative dei “fedelissimi” di questa rassegna di teatro, arte e musica non sono state affatto tradite, infatti ogni spettacolo ha riscosso il sold aut in termini di presenze.

Ad inaugurare gli eventi è stata la compagnia teatrale “Calandra”, con la sesta edizione dell’omonimo premio nazionale, svolto in tre serate con ospite d’onore  l’attrice Pamela Villoresi.

Altro successo con lo spettacolo comico “Stasera non Escort”, messo in scena dalle quattro attrici Margherita Antonelli, Alessandra Faiella, Rita Pelusio e Claudia Penoni che hanno commentato con una satira dissacrante lo stato delle donne italiane di oggi.

Il tugliese Fabrizio Saccomanno, attore di spicco dei Cantieri teatrali Koreja, ha ottenuto un grande successo portando in scena lo spettacolo dal titolo “Iancu, un paese vuol dire”,  il racconto di una giornata (una domenica dell’agosto del 1976),  in cui la grande Storia, quella con la S maiuscola, invade la vita e le strade di un paese del Salento: un famoso bandito, fuggito dal carcere di Lecce, è stato riconosciuto mentre si nasconde nelle campagne del paese. Inizia così una tragicomica caccia all’uomo che coinvolge un po’ tutti.

Grande successo anche per l’esibizione dell’orchestra Ico Tito Schipa di Lecce, con il concerto “150 anni all’opera”: un viaggio attraverso le più celebri sinfonie ed arie d’opera che hanno accompagnato la storia del nostro Paese, prima e dopo la sua Unità.

Lunedì, 8 agosto, in  piazza Garibaldi sono risuonate le note di un genere musicale diverso, ma altrettanto avvincente e coinvolgente, quelle del complesso “The Big Band Show”. Il  repertorio ha spaziato dal rock’roll al blues, dallo swing al country, con arrangiamenti molto originali, brani inediti e grandi classici italiani e internazionali. “Un’esperienza magica e memorabile”, così è stata definita dai molti presenti la serata del 9 agosto quando è stato celebrato il mito di Maria Callas, in particolare ne “La Traviata”.

Sono stati ascoltati pezzi indimenticabili dell’opera verdiana, intercalati a musiche contemporanee e a balletti, (curati dal coreografo Fredy Franzutti), in cui lo stile classico si è fuso armonicamente con quello moderno. Tanti ancora gli appuntamenti con Platea d’Estate fino al 30 agosto: come nella tradizione della rassegna, saranno tutti di alto spessore artistico.

Federica Sabato

 

SIMILAR ARTICLES

Commenta la notizia!