Per l’Under 21 l’abito migliore ma non è bastato

by -
0 948

La Curva nord ha accolto la Nazionale Under 21 con un tripudio di bandierine tricolori per gara con l’Irlanda (foto di Pasquale D’Ambra)

Casarano. Come da previsioni, nella duplice visita della nazionale italiana Under 21, lo stadio “Capozza” ha indossato il suo abito migliore, quello della grande festa.

Mostrando un entusiasmo fuori dal comune, anche per questi livelli, i malumori della piazza e i sospetti di contestazione si sono fatti da parte per tutti i 90 minuti durante i quali l’attenzione era tutta per gli Azzurrini. E così nella prima gara contro il Liechtenstein, vinta dai ragazzi di Devis Mangia con un rotondo 7-0, i tifosi giunti nell’impianto casaranese hanno subito accolto l’Italia con una coreografia da brividi: Inno di Mameli cantato a squrcia gola e Tricolore apparso per tutta la storica curva Nord, con uno striscione che recitava: «Le radici profonde non gelano mai».

Decisamente meno fortunata, invece, la seconda gara (quattro giorni dopo) con la Repubblica d’Irlanda. Dopo un inizio esaltante, con lo stadio colorato d’azzurro nella gradinata e una suggestiva moltitudine di bandierine italiane che sventolavano nelle due curve, a Casarano è sceso il buio sulla Nazionale. E non solo perché El Shaarawy e compagni sono usciti sconfitti per 4-2 con un avversario in nove uomini, ma proprio perché alcuni problemi elettrici hanno costretto il direttore di gara a sospendere la partita in due occasioni. L’inconveniente, però, non ha minato l’entusiasmo dei presenti che nel dopo gara hanno aspettato i propri beniamini nella speranza di ricevere un autografo, una maglia o solo un semplice saluto. Il messaggio lanciato dal pubblico è andato oltre l’aspetto sportivo, forse inconsapevolmente. La festa andata in scena a Casarano ha dimostrato che questa terra è viva ed affamata, non solo di calcio. È ancora presto per giudicare se si è stati capaci di sfruttare questa preziosa vetrina, ma occasioni del genere sono destinate a lasciare il segno.

Lucio Protopapa

Commenta la notizia!