Per gli studenti del “Medi” un giorno di vacanza in più, ma forzata…

GALATONE. Giornata di scuola saltata per gli alunni della sede centrale dell’IISS “Enrico Medi”, che comprende istituto tecnico industriale e liceo scientifico. Studenti e docenti, infatti, stamattina giungendo a scuola hanno trovato la sede di via Scorrano allagata, a causa della rottura di un tubo all’interno del solaio, nel laboratorio di fisica.

Gli alunni sono così stati costretti a rimanere fuori dall’istituto, per ragioni di sicurezza, dopo che la struttura è stata dichiarata (solo per oggi) inagibile. Domani infatti si tornerà alla normale vita scolastica, come afferma la vicepreside, la professoressa Caterina Aprile: “Il problema per domani sarà risolto, stamattina erano già al lavoro i tecnici della Provincia. Oggi, purtroppo, saremmo stati senza acqua nè luce, dunque non potevamo far entrare gli studenti. Venivamo da tre giorni di chiusura, quindi non è stato possibile accorgersi del danno”.

L’acqua, stando alla situazione descritta dalla vicepreside, avrebbe raggiunto solo gli uffici (segreteria e presidenza) della struttura, forse compromettendone il solaio, ma non è arrivata alle aule. “Spero che per domani sarà davvero tutto risolto” è stato l’unico commento della rappresentante d’istituto Arianna Idra.

“Ciò che si è verificato oggi – l’Unione degli studenti Nardò protesta – è una reale interruzione del nostro diritto allo studio. Gli unici che possono avere voce in capitolo siamo noi studenti, che viviamo questa situazione di estremo disagio, il 15 novembre sarà la giornata nella quale potremmo gridare a gran voce quello che vogliamo. Noi scenderemo in piazza per gridare “NO” alle scuole che cadono a pezzi, “NO” alla mancanza di fondi alle scuola pubblica in favore di quella privata, “NO” ai continui tagli adoperati negli ultimi anni e per chiedere un’istruzione che sia davvero di qualità ed aperta a tutti”.

Commenta la notizia!