Terremoto Pdl: Giunta fatta e subito rifatta

by -
0 1455

LA NUOVA GIUNTA L’organo esecutivo risulta composto (da sx in basso in senso orario) da Giorgio Caputo, Vittorio Inguscio, Leonardo Bianchi, il sindaco Tiziano Cataldi, Giorgio Toma e Fabrizio Coluccia

Matino. Doveva essere una partenza a razzo: subito la giunta, pronti a mettersi al lavoro mentre in altri paesi ancora facevano i conti.

Invece la velocità per il neosindaco Tiziano Cataldi si è rivelata un boomerang, facendo emergere clamorosamente le mai sopite tensioni interne al Pdl, nella lotta sorda tra il gruppo che fa capo al sentaroe Giorgio Costa, di cui il primo cittadino fa parte, e quello che giuarda all’ornai ex sindaco (peraltro rimasto fuori dal Consiglio per penuria di preferenze) Giorgio Primiceri, attuale presidente del Consiglio provinciale.

Nel giro di 24 ore tre degli assessori nominati tra i più votati – Leonardo Bianchi, Giorgio Toma e Fabrixzio Coluccia – e quattro consiglieri (Francesco Barone, Rocco Romano, Cosimo Romano e Massimo De Marco) hanno contestato apertamente il suo operato, adombrando addirittura la costituzione di un gruppo autonomo. Motivo: le deleghe non erano state concordate con nessuno dei destinatari.

Il segretario provinciale del partito, Antonio Gabellone, ha dovuto fare gli straordinari per questo imprevisto fino a trovare gli equilibri giusti, previa la retromarcia del sindaco. Il qualche si è giustificato così: la Giunta comunale è stata modificata “al fine di consentire una migliore puntualizzazione dei ruoli secondo attitudini e competenze”.
In conclusione Tiziano Cataldi ha conservato per se le deleghe all’Urbanistica, Ediliza privata, Cultura, beni culturali, Biblioteca e centro storico, Sport, Marketing territoriale.

La Giunta “ritoccata” attribuisce la funzione di vicesindaco a Giorgio Toma insieme alle deleghe al Bilancio, tributi, patrimonio e demanio, Cooperative internazionali, Politiche regionali, comunitarie e giovanili.

Fabrizio Coluccia si occuperà di Pubblica istruzione, Semplificazione amministrativa e formazione professionale, mentre Vittorio Inguscio è l’assessore di Servizi alla persona, servizi sociali, politiche della famiglia e per l’educazione, sicurezza sociale e politiche per gli anziani.

Leonardo Bianchi è assessore ai Lavori pubblici, manutenzione immobili e strade, decoro e arredo urbano, manutenzione e servizi tecnici, turismo e tempo libero.

Giorgio Caputo, infine, è assessore allo sviluppo e alle politiche economiche e di attuazione del Pip. Francesco Barone è il nuovo presidente del Consiglio.

Commenta la notizia!