Nardò – Un suo logo di riconoscimento, una piattaforma web, un piano di comunicazione e una strategia unica per realizzare una politica coordinata su temi come la cultura, il turismo, la promozione del territorio. Viaggiano verso questi obiettivi, sui quali hanno tenuto nei giorni scorsi una nuova riunione operativa a Nardò, i 12 Comuni che lavorano per creare il Parco culturale Salento jonico, il primo in Puglia. La prima azione del nuovo soggetto, che ha concluso la prima fase di azioni con un anticipo di circa tre mesi rispetto ai tempo accordati dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, sarà avviare al più presto un confronto con la Regione Puglia per entrare nel merito dei progetti e delle attività previste “al fine di individuare delle convergenze possibili tra la programmazione regionale e quella del Parco stesso”, come si legge in una nota ufficiale diffusa in questi giorni.

A Palazzo Personè si sono ritrovati i rappresentanti delle 12 Amministrazioni comunali, cioè quelle di Nardò, capofila, Alezio, Copertino, Galatina, Galatone, Gallipoli, Leverano, Porto Cesareo, Racale, Salice Salentino, Sannicola e Veglie e dei rappresentanti del Gal Terra d’Arneo. L’attività di progettazione si chiude qui, come previsto del bando dedicato alle Regioni del Sud e finalizzato a sostenere i costi della progettazione territoriale orientata alla valorizzazione culturale, turistica e paesaggistica. Il progetto del Parco culturale dell’arco jonico  salentino, si era classificato al primo posto nella graduatoria predisposta dal Mibact. Ora si dovrà procedere alla prevista costituzione dell’Associazione dei Comuni.

Al progetto sono state chiamate a fornire assistenza tecnica le società Mecenate 90, Cles e Trt Trasporti e territorio, che ha portato finora allo sviluppo della mappa di comunità (http://bit.ly/mappasalentoarcojonico) con i beni culturali materiali e immateriali del territorio, i punti di interesse e i luoghi culturali e paesaggistici da valorizzare, “mappati” con un processo partecipativo che ha visto coinvolte istituzioni e comunità.

Pubblicità

Commenta la notizia!