“Parabitalife”, la tv super locale

di -
0 4450

NUOVI MEDIA Da sinistra Giorgio e Fabio Prete, gli ideatori nella primavera del 2009 dei una delle prime web tv della provincia e della regione

Parabita. Secondo una ricerca realizzata da AltraTv sul boom delle web tv italiane, la Puglia, con le sue 63 emittenti, è al terzo posto in Italia, dopo Lazio e Lombardia.

Di queste tv “alternative” il Salento ne conta otto, e tra quelle di Galatina, Lecce e Ugento spicca anche Parabitalife.com, che dal 23 maggio 2009 è il cliccatissimo punto di incontro di una Parabita virtuale che attraverso il web raggiunge il mondo. Una vera e propria piazza, in tutto e per tutto parallela a quelle reali dove un tempo ci si riuniva dopo il lavoro per chiacchierare. Una piattaforma con informazioni, curiosità, foto, video, cronaca ed una sezione con le dirette live e in differita per vedere, e rivedere, tutti gli eventi della vita cittadina anche dall’altra parte del pianeta.

Merito dei due responsabili del sito, Fabio Prete e Giorgio Prete, instancabili e appassionati cronisti della vita parabitana. «Parabitalife nacque per dare una voce e uno spazio a tutta una serie di manifestazioni, associazioni e realtà che meritavano di poter far conoscere il proprio operato  racconta Fabio Prete – studiavo ancora informatica a Trento quando, ritornando a casa per Natale, vedevo in città tante iniziative interessanti ma poco coordinate tra loro».

Così nacque il progetto di un contenitore sul web che fosse un punto di riferimento. Il lancio del progetto, durante la festa patronale del 2009, con l’esperimento della diretta sul web, fu un grande successo seguito da migliaia di persone. Da allora il portale ha fatto registrare visite da 92 paesi sparsi in tutto il mondo, oltre 350mila visitatori e quasi un milione e mezzo di visualizzazioni.

Gratificazioni e ringraziamenti giungono anche dall’estero, soprattutto da Svizzera, Germania e Spagna, da emigranti e parabitani di seconda o terza generazione, a conferma che il web non connette solo computer ma persone, famiglie e vite.

Daniela Palma

Commenta la notizia!