Stipendi, «Prima chi ne ha più bisogno»

di -
0 696

Melissano, il Municipio

Melissano. È scontro, a Palazzo di Città, sul ritardo nel pagamento degli stipendi ai dipendenti comunali, che hanno ricevuto quanto dovuto un giorno dopo la data prevista. L’episodio si è già verificato alcune volte in passato, a causa delle gravi difficoltà finanziarie in cui versa l’Ente.

A fine maggio, però, con la notizia di un possibile ritardo è scattata anche la solidarietà fra colleghi. Otto dipendenti, infatti, hanno deciso di attendere qualche giorno in più per il pagamento dello stipendio, in modo da andare incontro ai colleghi che in famiglia hanno un solo reddito oppure che sono impegnati con mutui. Anche il sindaco e gli assessori – e sarebbe stato strano il contrario – hanno scelto di lasciare l’indennità di carica nelle casse della banca per qualche giorno.

L’intera vicenda, comunque, non ha mancato di suscitare aspre polemiche tra la maggioranza e i gruppi di opposizione di “Progetto Melissano” e i “Moderati e Popolari”, quest’ultimo facente capo all’ex vicesindaco Valeria Marra.

I consiglieri di opposizione hanno accusato il sindaco Roberto Falconieri di aver condotto il Comune sull’orlo del collasso, accumulando debiti con le aziende fornitrici di beni e servizi e ritardi nell’approvazione dei bilanci consuntivi e previsionali. Accuse simili anche dai «Moderati e Popolari», che in una nota firmata dal segretario cittadino Gianluca Manco hanno additato l’amministrazione Falconieri come la responsabile di una situazione vicina al dissesto finanziario e incapace di contenere le spese.

Il primo cittadino, in tutta risposta, ha rimandato le critiche ai mittenti, accusando le opposizioni di parlare in malafede, facendo finta di non conoscere i fatti e additando l’amministrazione senza proporre soluzioni ai problemi. In particolare, poi, il sindaco ha invitato chi lo accusa di non saper contenere le spese a dimostrare con i documenti quali sono state le spese “pazze” e quali uscite il Comune poteva evitare.

Pierangelo Tempesta

Commenta la notizia!