Paese sconvolto per la morte della giovane Manuela Manco. Venerdì i funerali

MELISSANO. Da Cesena a Melissano, si è abbattuta sconvolgente la tragica notizia della morte di una giovane donna, Manuela Manco, 34enne docente nella scuola media di Gambettola, ormai da anni residente in Romagna. Il decesso è avvenuto nel corso della notte tra domenica 8 e lunedì 9 febbraio: un innalzamento improvviso della febbre con conseguente crisi respiratoria e arresto cardiaco hanno stroncato la vita della donna, che lascia il marito Lorenzo e la piccola figlia di appena tre anni. I medici dell’ospedale “Bufalini”, dove Manuela era ricoverata da circa una settimana a causa di una particolare forma d’influenza rivelatasi tragicamente fatale (l’H1N1), hanno tentato in tutti i modi di salvarla, ma invano. Salva è invece la piccola figlia, che la donna nutriva in grembo da sei mesi. Tramite un taglio cesareo, infatti, i medici sono riusciti a darla alla luce, e, benché nata prematura, le sue condizioni appaiono cautamente buone. La piccola è stata messa immediatamente in un’incubatrice sostitutiva del grembo materno, nel reparto di terapia intensiva neonatale.

Grande la commozione in tutto il paese non appena la notizia si è diffusa. I familiari della giovane – il padre Antonio, la madre Mimina, il fratello Luigi e la sorella Paola – sono partiti nelle primissime ore di lunedì alla volta di Cesena, e, straziati da un dolore inatteso, hanno richiesto chiarimenti sulle cause del decesso. Chiarimenti che potranno venire dall’autopsia disposta dall’ospedale ed effettuata tra martedì e mercoledì.
Dopo un breve rito funebre nel cesenate, il funerale si terrà a Melissano, nel pomeriggio di venerdì, quando la salma sarà esposta nella casa paterna di via Tagliamento, prima della tumulazione nel cimitero comunale.
Funestata da tragici eventi in questo ultimo periodo la città di Melissano. A pochi mesi dalla tragica morte del giovanissimo concittadino, Francesco Brandolino per un incidente stradale, la comunità melissanese ora piange un altro “suo” angelo sottratto all’amore dei suoi cari.

Commenta la notizia!