Da Otranto a Porto Badisco, dall’alba al tramonto, per ammirare la natura e aiutare i piccoli al di là dell’Adriatico

Otranto – Una  “Camminata del mare, dai faraglioni di Sant’Andrea a Porto Badisco” è quanto propone l’associazione Salento Faber, con il patrocinio del Comune di Otranto,  per il 25 aprile. Dall’alba al tramonto per 33 chilometri, naturalmente a tappe con brevi soste.  L’appuntamento è alle 5.55  sulla spiaggetta di Sant’Andrea per chi vuole godersi lo spettacolo del sole che sorge dietro le montagne dell’Albania. Colazione al Babilonia e poi, alle 6.45, in cammino per la prima tappa, nove chilometri fino a Santo Stefano (l’arrivo previsto alle 9.30/10) e sosta presso la spiaggetta del villaggio Le Cale d’Otranto. Il secondo tratto va da Santo Stefano a località Porto Craulo: sono otto chilometri che si percorrono senza difficoltà con arrivo previsto intorno alle 12/12.30 e sosta presso il lido Fuori Rotta. La terza tappa ha come obiettivo il punto più orientale d’Italia, la Punta Palascia dove si arriverà intorno alle 16/17 dopo un percorso di difficoltà media di nove chilometri. Nella sosta è prevista la visita guidata al Faro a cura del Centro di educazione ambientale “Terre di Enea”. L’ultima tappa, dopo altri sette chilometri di cammino, è Porto Badisco con arrivo intorno alle 18/19 e la sosta presso  L’Approdo di Enea.

C’è la possibilità di percorrere tutte le tappe o alcune: per chi si stanca o per altri motivi vuole tornare alla propria macchina, ad ogni tappa ci sarà un pullman che lo porterà indietro. La quota di partecipazione  è di 10 euro per l’intero percorso, 5 per la singola tappa; il ricavato sarà devoluto al progetto di solidarietà “Nota il Mondo” che l’associazione Salento Faber (presidente Elisa Mele)  porta avanti da tre anni a favore dei bambini che vivono situazioni di disagio. Sono stati già effettuati numerosi interventi a favore dei bambini albanesi e del Kosovo. Per info e prenotazioni: Roberto tel. 335/5301322.

Commenta la notizia!