Opificio in via Pirelli ad Alezio, da società agricola a officina. E ritorno

via Pirelli

L’opificio di via Pirelli ad Alezio costruito nel 1949. Vi hanno trovato posto dapprima la “Società agricola industriale salentina”, poi l’“Officina meccanica leccese” sino alla “De Donno condimenti”, l’azienda che lo occupa attualmente

niccolo coppolaALEZIO. Dalla “S.a.i.s.” di Niccolò Coppola alla “De Donno condimenti”, la storia di uno stabilimento lunga oltre 60 anni. Il primo gennaio del 1949, in via Pirelli ad Alezio, venne posta la prima pietra per la costruzione dell’immobile industriale che avrebbe ospitato al suo interno le attività della “Società agricola industriale salentina” di proprietà dell’ingegnere Niccolò Coppola, azienda dedita all’estrazione dell’olio dalla sansa e alla conseguente raffinazione.
Questo caso di “industrializzazione” meridionale, suscitò l’attenzione e la conseguente visita presso lo stabilimento da parte dell’allora ministro del Lavoro, Amintore Fanfani. La “S.a.i.s” chiuse i battenti alla fine degli anni ‘60, ma già nel 1973 Lucio, Giovanni e Carlo Coppola, ridiedero vita allo stabilimento fondando l’“Officina meccanica leccese”, diversificando la produzione da alimentare a metalmeccanica.

La nuova fabbrica diede lavoro ad oltre 30 persone, quasi tutte aletine, ma dopo circa dieci anni si notò come tale diversificazione non stava portando i frutti sperati e l’officina venne chiusa. Non venne meno l’attenzione nei confronti dei dipendenti, i Coppola acquistarono alcune quote dalla concorrenza tugliese dell’“Officina meccanica salentina” e a tutti gli ex dipendenti che accettarono, venne garantito il lavoro a Tuglie. Da allora lo stabilimento di via Pirelli venne dato in locazione a diverse ditte, e restò attivo fino ai primi anni del 2000. Dopo diversi anni di inattività, lo stabilimento è “ritornato” alle sue origini: venduto nel 2009 dai fratelli Coppola, ha ripreso la produzione di beni alimentari con l’azienda “De Donno condimenti” di Luca De Donno.

Commenta la notizia!