Opere abusive da demolire: l’ordine è del Tar

litoranea torre sabea costruzioni abusiveGALLIPOLI. Un muro di recinzione alto due metri su un pavimento in battuto di cemento e una copertura di tettoia metallica: tutto giù per ordine dei giudici del Tribunale amministrativo regionale di Lecce che hanno così ritenuto del tutto legittima la precedente ingiunzione di demolizione emessa dal Comune gallipolino. La sentenza, in questo primo grado di giudizio, riguarda il magazzino di prodotti ittici “Paradiso del mare”, situato all’imbocco della litoranea nord in direzione Torre Sabea e Rivabella. A poco sono valse le eccezioni sulle procedure seguite avanzate dall’avvocato della ditta (assenza del parere di una commissione consiliare, mancata notifica dell’avvio di procedimento eccetera). In caso di mancata demolizione le opere passeranno nel patrimonio del Comune.

Commenta la notizia!