Iniziata l’“operazione decoro”

di -
0 633

Rifi uti nel litorale sud in una foto dello scorso anno

Gallipoli. Il primo atto della nuova Giunta del sindaco Errico punta a ripulire da cima a fondo le strade della città e le spiagge. Almeno ci si prova. Ed entra il vigore il Piano estate con il potenziamento del servizio, per almeno due mesi, per la raccolta dei rifiuti, lo spazzamento e la pulizia di strade e spiagge,  e l’incremento della differenziata negli stabilimenti della litoranea sud. In più da agosto ecco l’apertura tanto attesa del primo ecocentro, quello di via Pasolini nella zona Peep 3.

Più uomini, con le assunzioni degli operatori stagionali, più mezzi (compattatori), e orari di raccolta e svuotamento dei cassonetti, potenziati. E anche estensione della raccolta differenziata e della pulizia delle spiagge. Il tutto per garantire più decorso e pulizia alla città.

Il nuovo Piano estate contro l’emergenza rifiuti in terra gallipolina parte con queste credenziali. E nella speranza che possa funzionare in queste ennesima stagione calda.

Il sindaco della città bella, Francesco Errico ha posto la questione della pulizia della città per il periodo estivo tra i primi atti approvati dal proprio esecutivo. Per la precisione la prima delibera approvata dalle nuova Amministrazione ha avuto per oggetto l’approvazione  del “Piano Estate 2012” relativo al potenziamento del servizio di raccolta rifiuti, raccolta differenziata, pulizia stradale e pulizia delle spiagge.

Il progetto è partito il 12 luglio (al fine di consentire alla ditta Seta di implementare le proprie strutture per ottemperare all’aumento del servizio richiesto dall’esecutivo cittadino) ed avrà la durata di due mesi.

Nello stesso atto deliberativo, inoltre, il sindaco Errico, che tra le sue deleghe ha anche quelle alla gestione dei rifiuti ed all’ambiente, ha voluto mettere nero su bianco anche la data di apertura dell’ecocentro di via Pasolini, fissata pertanto all’1 agosto. «Ho ritenuto doveroso farlo – dice il sindaco Errico, per una forma di rispetto nei confronti della cittadinanza, che deve avere una data certa dalla quale poter conferire rifiuti ingombranti e particolari, al fine di dare il proprio contributo civico nella tutela ambientale della nostra città».

In termini di decoro e servizi, seppur al minimo, nelle scorse settimane si era già provveduto a potenziare il servizio dei bagni chimici posti nel parcheggio presso il cimitero, nei pressi dello stadio comunale, sul lungomare Galilei in prossimità dell’ultima piazzetta sita lungo la passeggiata e nel parcheggio del porto.

Ma ci sono ancora brutti nei: un lettore di “Piazzasalento” segnala (ed è vero) che dagli arenili tra la Baia verde e il canale dei Samari sono scomparsi i bidoncini installati per il ponte di fine aprile e primi di maggio.. Finchè ci sono stati, venivano svuotati raramente.

Commenta la notizia!